Evaristo de Macedo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Evaristo
Dati biografici
Nome Evaristo de Macedo Filho
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 175[1] cm
Peso 75[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 1967 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1950-1952 Madureira Madureira  ? (?)
1953-1957 Flamengo Flamengo 191 (103)
1957-1962 Barcellona Barcellona 114 (78)
1962-1965 Real Madrid Real Madrid 17 (15)
1965-1967 Flamengo Flamengo 13 (0)
Nazionale
1952
1955-1957
Brasile Brasile Olimpica
Brasile Brasile
1 (0)
13 (8)
Carriera da allenatore
1970-1971 Bahia Bahia
1972 Santa Cruz Santa Cruz
1973 Bahia Bahia
1975 Santa Cruz Santa Cruz
1977-1980 Santa Cruz Santa Cruz
1985 America-RJ America-RJ
1984-1985 Brasile Brasile
1985-1986 Iraq Iraq
1988-1989 Bahia Bahia
1990 Gremio Grêmio
1991-1992 Cruzeiro Cruzeiro
1992 Qatar Qatar
1993-1995 Flamengo Flamengo
1995 Bahia Bahia
1996 Atletico-PR Atlético-PR
1997 Gremio Grêmio
1997 Vitoria Vitória
1998 Bahia Bahia
1998 Flamengo Flamengo
1999 Corinthians Corinthians
2000-2001 Bahia Bahia
2002 Vasco da Gama Vasco da Gama
2002-2003 Flamengo Flamengo
2003 Bahia Bahia
2003-2004 Vitoria Vitória
2005-2006 Atletico-PR Atlético-PR
2007 Santa Cruz Santa Cruz
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Evaristo de Macedo Filho (Rio de Janeiro, 22 giugno 1933) è un allenatore di calcio ed ex calciatore brasiliano.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Si distinse per le sue grandi capacità realizzative, per il coraggio e per la velocità[2]. Molto forte fisicamente[2], era abile con entrambi i piedi e di testa[2].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la sua carriera nel 1950 nel Madureira, nel 1953 passò al Flamengo dove restò per cinque stagioni[3]. Nel 1957 il segretario tecnico del Barcellona Josep Samitier lo portò in Catalogna[2], ritenendo di aver scoperto un giocatore straordinario.[2] Evaristo giocò 226 partite con i blaugrana segnando 178 gol[2].

In cinque stagioni, facendo coppia in attacco con Eulogio Martínez[2], vinse due campionati, una Coppa di Spagna, due Coppe delle Fiere ed una Pequeña Copa del Mundo.

La sua media gol con i catalani fu di 0,8 gol a partita[2], per questo è considerato uno dei migliori calciatori stranieri della storia del Barcellona[2]. Il 23 novembre 1960 segnò il gol che eliminò il Real Madrid dalla Coppa dei Campioni per la prima volta nella sua storia[2].

Nel 1962 passò proprio al Real Madrid, diventando il quarto giocatore brasiliano a vestire la maglia della squadra della capitale spagnola[3]. Evaristo però arrivò a Madrid quando ormai aveva raggiunto la fase di declino della sua carriera[3] e non poté giocare al massimo delle sue potenzialità[3]. Giocò 17 partite in campionato e due in Coppa dei Campioni e in totale segnò sei reti[3].

Nelle sue tre stagioni a Madrid vinse per tre volte la Liga: nel 1962-1963, nel 1963-1964 e nel 1964-1965.

Nel 1965 tornò al Flamengo, dove giocò fino al ritiro avvenuto nel 1967.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1952 partecipò alle Olimpiadi di Helsinki, in Finlandia. In questa competizione il Brasile, eliminando i Paesi Bassi ed il Lussemburgo, raggiunse i quarti di finale, dove fu eliminato dalla Germania Ovest.

Partecipò anche al Campeonato Sudamericano de Football 1957, arrivando al secondo posto. Il 23 marzo 1957, a Lima, segnò 5 gol nella partita vinta per 9-0 contro la Colombia, stabilendo il record della Nazionale brasiliana di gol segnanti in una sola partita da un solo giocatore[3].

In totale con la Nazionale brasiliana giocò 14 partite e segnò 8 gol.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1970 iniziò ad allenare, la sua prima squadra fu il Bahia con cui vinse subito il Campionato Baiano. Successivamente allenò diverse squadre brasiliane, vincendo il campionato nel 1988 con il Bahia, la Coppa del Brasile 1997 alla guida del Grêmio e due Supercoppe Sudamericane consecutive con il Cruzeiro, nel 1991 e nel 1992.

Nel 1997 guidò la Nazionale brasiliana Under-20 ai Mondiali e arrivò al terzo posto.

Dal 1984 al 1985 allenò la Nazionale maggiore del Brasile. Allenò anche la Nazionale irachena, con cui partecipò ai mondiali del 1986, e la Nazionale qatariota.

L'ultima squadra che allenò fu il Santa Cruz Futebol Clube, nel 2007.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Flamengo: 1953, 1954, 1955, 1965
Barcellona: 1958-1959, 1959-1960
Real Madrid: 1962-1963, 1963-1964, 1964-1965
Barcellona: 1958-1959

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Barcellona: 1957
Barcellona: 1955-1958, 1958-1960

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Bahia: 1970, 1971, 1973, 1988, 1991, 1998, 2001
Vìtoria: 1997, 2003, 2004
Cruzeiro: 1992
Flamengo: 1995
Vìtoria: 1997, 2003
Bahia: 2001
Bahia: 1988
Gremio: 1997

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Cruzeiro: 1991, 1992

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) World Cup Champions Squads 1930-2006, RSSSF. URL consultato il 2-4-2010.
  2. ^ a b c d e f g h i j (ES) Jugadores de leyenda - Evaristo de Macedo Fcbarcelona.com
  3. ^ a b c d e f (ES) Jugadores de leyenda - Evaristo de Macedo Filho Realmadrid.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Evaristo de Macedo in National-football-teams.com, National Football Teams.
  • (ENESCA) Evaristo de Macedo in BDFutbol.com - Base de Datos Histórica del Fútbol Español.