Carlo I d'Austria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Carlo I d'Austria-Ungheria)
Carlo I
Carlo I
Carlo I d'Austria-Ungheria.
Imperatore d'Austria-Ungheria
Stemma
In carica 21 novembre 1916 - 3 aprile 1919
Predecessore Francesco Giuseppe
Nome completo Karl Franz Josef Ludwig Hubert Georg Maria von Habsburg-Lothringen
Altri titoli Arciduca d'Austria
Re d'Ungheria
Re di Boemia, Duca di Salisburgo,Re di Croazia, Slavonia e Dalmazia
Nascita Persenbeug-Gottsdorf, 17 agosto 1887
Morte Funchal, 1º aprile 1922 (34 anni)
Casa reale Asburgo-Lorena
Padre Ottone Francesco d'Asburgo-Lorena
Madre Maria Giuseppina di Sassonia
Consorte Zita di Borbone-Parma
Figli Ottone, Adelaide, Roberto, Felice, Carlo Ludovico, Rodolfo, Carlotta, Elisabetta
Religione Cattolica
Beato Carlo I d'Asburgo
JCKV Karel I.JPG
Venerato da Chiesa cattolica
Beatificazione 3 ottobre 2004 da papa Giovanni Paolo II
Ricorrenza 21 ottobre

Carlo I d'Austria (in tedesco Karl Franz Josef Ludwig Hubert Georg Maria von Habsburg-Lothringen; Persenbeug, 17 agosto 1887Funchal, 1º aprile 1922) fu ultimo imperatore d'Austria, re d'Ungheria e Boemia, e monarca della Casa d'Asburgo-Lorena.

Regnò come imperatore Carlo I d'Austria, re Carlo IV d'Ungheria e re Carlo III di Boemia. Fu beatificato da papa Giovanni Paolo II il 3 ottobre 2004[1] e la ricorrenza viene celebrata il 21 ottobre.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio primogenito dell'arciduca Ottone d'Austria (1865-1906) e della principessa Maria Giuseppina di Sassonia (1867-1944), quando nacque era il quinto in linea di successione dopo Rodolfo, suo nonno, suo zio e suo padre. Nel 1911 sposò la principessa italiana Zita di Borbone-Parma, figlia dell'ultimo duca di Parma, Roberto, con la quale ebbe otto figli.

Divenne erede presuntivo al trono in seguito all'assassinio dello zio Francesco Ferdinando il 28 giugno 1914; fu incoronato imperatore alla morte del prozio Francesco Giuseppe nel 1916. In seguito alla sconfitta dell'Austria-Ungheria nella prima guerra mondiale andò in esilio con la famiglia nell'isola portoghese di Madera dove morì di polmonite all'età di appena 35 anni.

Negli ultimi giorni di vita chiamò a sé il figlio primogenito Ottone perché volle che costui vedesse "come muore un imperatore". Il 3 ottobre 2004 è stato beatificato da Papa Giovanni Paolo II. Della sua vita si ricorda il grande impegno affinché la guerra terminasse. Cattolico, prese a cuore le parole dell'allora Papa Benedetto XV che ripeté più volte che si trattava di una "inutile strage". Appena salito al trono, nel suo discorso iniziale, dichiarò che il suo obiettivo era la pace dei popoli.

Le trattative di pace svolte in segreto da Sisto, fratello della moglie Zita, nella primavera del 1917, portarono ad un sostanziale accordo con Francia e Gran Bretagna, ma l'Italia si oppose ad un ritorno alla situazione prebellica. Inoltre c'era anche il problema dell'alleata Germania che voleva una "pace vittoriosa". Si ricorda inoltre l'opposizione del sovrano all'utilizzo delle nuove e devastanti armi e per questo andò incontro alla diffidenza dell'alleato germanico e agli ambienti pangermanici che cercarono di sminuirne la personalità.

Durante il suo regno fu notevolmente ridotto lo sfarzo della corte asburgica, tanto che si faceva servire il pane nero e non quello bianco che veniva destinato ai feriti ed ammalati del fronte. Le sue aperture autonomistiche nei confronti dei popoli dell'impero furono bloccate dalla componente ungherese che non voleva concedere spazio alle minoranze (serbi e rumeni). Per questo non fu mai appoggiato e visto con dispetto sia dalla parte pangermanica dell'Austria che dalla componente ungherese, che erano legate al vecchio sistema di impero.

Durante la cerimonia di beatificazione papa Giovanni Paolo II disse che Carlo doveva essere «[...] un esempio per noi tutti, soprattutto per quelli che oggi hanno in Europa la responsabilità politica!».[2] Inoltre si ricorda l'enorme fede cattolica che l'imperatore praticava tanto da voler presenziare al Te Deum del capodanno 1918-19. Alla domanda del perché voleva ringraziare il Signore nell'anno della sconfitta e nell'anno in cui perse tutto, Carlo rispose che «...l'importante è che i popoli abbiano ritrovato la pace...» e per questo bisognava ringraziare Dio[3].

Morte[modifica | modifica sorgente]

Template:Asburgo-Lorena (1806-1919)

Il 1º aprile 1922 il cappellano gli amministrò l'Unzione degli Infermi, che ricevette in preghiera. Poi lui e i presenti intonarono l'inno del Te Deum. Spirò poco dopo, alle ore 12 e ventitré minuti, a 35 anni d'età. Ai funerali presenziarono circa 30 000 persone.

Figli[modifica | modifica sorgente]

Dal matrimonio con Zita nacquero:

Nome Nascita Morte Note
Principe Ereditario Otto 20 novembre 1912 4 luglio 2011 sposa nel 1951 la principessa Regina di Sassonia-Meiningen (1925-2010), ha avuto 7 figli.
Arciduchessa Adelaide 3 gennaio 1914 2 ottobre 1971 nubile e senza figli.
Arciduca Roberto 8 febbraio 1915 7 febbraio 1996 sposa nel 1953 la principessa Margherita di Savoia-Aosta (n.1930), ha avuto 5 figli.
Arciduca Felice 31 maggio 1916 6 settembre 2011 sposa nel 1952 la principessa Anna Eugenia d'Arenberg (1925-1997), ha avuto 7 figli.
Arciduca Carlo Ludovico 10 marzo 1918 11 dicembre 2007 sposa nel 1950 la principessa Yolanda di Ligne (n.1923), ha avuto 4 figli.
Arciduca Rodolfo 5 settembre 1919 15 maggio 2010 sposa nel 1953 la contessa Xenia Tschernichev-Besobrazova (1929-1968) e nel 1971 la principessa Anna Gabriele von Wrede (n.1940), ha avuto 5 figli.
Arciduchessa Carlotta 1 maggio 1921 23 luglio 1989 sposa nel 1956 Giorgio, duca del Meclemburgo (1899-1963), non ha avuto figli.
Arciduchessa Elisabetta 31 maggio 1922 7 gennaio 1993 sposa nel 1949 il principe Enrico del Liechtenstein (1916-1991), ha avuto 5 figli.

I titoli di Carlo I[modifica | modifica sorgente]

Per grazia di Dio, Imperatore d'Austria, Apostolico re d'Ungheria, il quarto con il suo nome, Re di Boemia, Dalmazia, Croazia, Slavonia, Galizia, Lodomeria e Illiria; Re del Lombardo Veneto; Re di Gerusalemme ecc., Arciduca d'Austria; Granduca di Toscana e di Cracovia, Duca di Lorena e di Salisburgo, di Stiria, di Carinzia, di Carniola di Bucovina; Grande Principe di Transilvania; Margravio di Moravia; Duca dell'Alta e Bassa Slesia, di Modena, Parma, Piacenza e Guastalla, di Auschwitz e Zator, di Teschen, del Friuli, di Ragusa e Zara; Conte di Habsburg e del Tirolo, di Kyburg, Gorizia e Gradisca; Principe di Trento e Bressanone; Marchese della Bassa e Alta Lusazia e Istria; Conte di Hohenems, Feldkirch, Bregenz, Sonnenberg, ecc.; Signore di Trieste, di Cattaro e della Marca de Vendi.

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Carlo I d'Asburgo-Lorena Padre:
Ottone Francesco d'Asburgo-Lorena
Nonno paterno:
Carlo Ludovico d'Asburgo-Lorena
Bisnonno paterno:
Francesco Carlo d'Asburgo-Lorena
Trisnonno paterno:
Francesco II d'Asburgo-Lorena
Trisnonna paterna:
Maria Teresa di Borbone-Napoli
Bisnonna paterna:
Sofia di Baviera
Trisnonno paterno:
Massimiliano I di Baviera
Trisnonna paterna:
Carolina di Baden
Nonna paterna:
Maria Annunziata di Borbone-Due Sicilie
Bisnonno paterno:
Ferdinando II di Borbone
Trisnonno paterno:
Francesco I delle Due Sicilie
Trisnonna paterna:
Maria Isabella di Borbone-Spagna
Bisnonna paterna:
Maria Teresa d'Asburgo-Lorena
Trisnonno paterno:
Carlo d'Austria-Teschen
Trisnonna paterna:
Enrichetta di Nassau-Weilburg
Madre:
Maria Giuseppina di Sassonia
Nonno materno:
Giorgio di Sassonia
Bisnonno materno:
Giovanni di Sassonia
Trisnonno materno:
Massimiliano di Sassonia
Trisnonna materna:
Carolina di Borbone-Parma
Bisnonna materna:
Amalia Augusta di Baviera
Trisnonno materno:
Massimiliano I di Baviera
Trisnonna materna:
Carolina di Baden
Nonna materna:
Maria Anna Ferdinanda di Braganza
Bisnonno materno:
Ferdinando II del Portogallo
Trisnonno materno:
Ferdinando di Sassonia-Coburgo-Kohary
Trisnonna materna:
Maria Antonia di Koháry
Bisnonna materna:
Maria II del Portogallo
Trisnonno materno:
Pietro I del Brasile
Trisnonna materna:
Maria Leopoldina d'Asburgo-Lorena

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Trattamenti di
Carlo I d'Austria
Stemma
Imperatore dell'Impero Austro-Ungarico
Trattamento di cortesia Sua Maestà Imperiale
Trattamento colloquiale Vostra Maestà Imperiale
Trattamento informale Signore
I trattamenti d'onore

Onorificenze austriache[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine del Toson d'oro (ramo austriaco) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Toson d'oro (ramo austriaco)
Gran Maestro dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria
Gran Maestro dell'Ordine Militare di Maria Teresa - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Militare di Maria Teresa
Gran Maestro dell'Ordine della Corona Ferrea - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Corona Ferrea
Gran Maestro dell'Ordine Imperiale di Leopoldo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Imperiale di Leopoldo
Gran Maestro dell'Ordine Imperiale di Francesco Giuseppe - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Imperiale di Francesco Giuseppe
Medaglia d'oro al merito militare (Signum Laudis) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al merito militare (Signum Laudis)
Croce militare per il 60º anno di regno di Francesco Giuseppe d'Austria - nastrino per uniforme ordinaria Croce militare per il 60º anno di regno di Francesco Giuseppe d'Austria
Gran Maestro dell'Ordine di Elisabetta - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Elisabetta

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di Massimiliano Giuseppe - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di Massimiliano Giuseppe
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di Sant'Enrico - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di Sant'Enrico
Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite
Croce di Ferro - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro
Balì gran croce d'onore e devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta - nastrino per uniforme ordinaria Balì gran croce d'onore e devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda sul sito Santi e Beati
  2. ^ Omelia di Giovanni Paolo II per la beatificazione di Carlo d'Austria
  3. ^ Biografia di Carlo I; Roberto Coaloa, Carlo d’Asburgo l’ ultimo imperatore, Il Canneto editore,2012

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Roberto Coaloa, Carlo d'Asburgo, l'ultimo imperatore, Il Canneto Editore, Genova 2012.
  • Mario Carotenuto, Carlo I d'Austria e la pace sabotata, edizioni Fede & Cultura, Verona 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Imperatore d'Austria Successore Wappen Österreich-Ungarn 1916 (Klein).png
Francesco Giuseppe I 1916-1919 Monarchia abolita
Predecessore Re d'Ungheria Successore Wappen Österreich-Ungarn 1916 (Klein).png
Francesco Giuseppe I 1916-1918 Monarchia abolita
Predecessore Re di Boemia Successore Blason Boheme.svg
Francesco Giuseppe I 1916-1918 Monarchia abolita
Predecessore Re di Croazia, Slavonia e Dalmazia Successore Coat of arms of Croatia (1868-1918) with crown.svg
Francesco Giuseppe I 1916-1918 Monarchia abolita
Predecessore Arciduca d'Austria Successore Armoiries Autriche.png
Francesco Giuseppe I 1916-1919 Titolo soppresso ufficialmente
Predecessore Duca di Salisburgo Successore Flag of Salzburg (state).svg
Francesco Giuseppe I 1916-1919 Monarchia abolita
Predecessore Arciduca titolare d'Austria Successore Armoiries Autriche.png
Titolo inesistente 1919-1922 Otto d'Asburgo
Predecessore Pretendente al trono imperiale d'Austria Successore Wappen Österreich-Ungarn 1916 (Klein).png
Titolo inesistente 1919-1922 Otto d'Asburgo
Predecessore Pretendente al trono d'Ungheria Successore Wappen Österreich-Ungarn 1916 (Klein).png
Titolo inesistente 1918-1922 Otto d'Asburgo
Predecessore Pretendente al trono di Boemia Successore Blason Boheme.svg
Titolo inesistente 1918-1922 Otto d'Asburgo
Predecessore Pretendente al trono di Croazia, Slavonia e Dalmazia Successore Coat of arms of Croatia (1868-1918) with crown.svg
Titolo inesistente 1918-1922 Otto d'Asburgo
Predecessore Pretendente al trono del Regno Lombardo-Veneto Successore StemmaLombardoveneto.jpg
Francesco Giuseppe I 1916-1922 Otto d'Asburgo
Predecessore Erede al trono d'Austria Successore Wappen Kaisertum Österreich 1815 (Klein).png
Francesco Ferdinando d'Austria-Este Principe ereditario
1914-1916
Otto d'Asburgo-Lorena
Predecessore Arciduca d'Austria-Este Successore Armoiries Autriche-Este 1814.svg
Francesco Ferdinando d'Asburgo-Este 1914-1917 Roberto d'Asburgo-Este
Predecessore Pretendente al Ducato di Modena e Reggio Successore Bandiera del ducato di Modena e Reggio.gif
Francesco Ferdinando d'Asburgo-Este 1914-1917 Roberto d'Asburgo-Este

Controllo di autorità VIAF: 76310427 LCCN: n50046481