Sovrani di Toscana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Storia della Toscana.

In questa pagina sono elencati i nomi dei Signori di Firenze e di Toscana (chiamata anche Tuscia in età altomedievale).

Capi mitici delle origini[modifica | modifica sorgente]

Capi [2] della Lega Etrusca, V a.C. - II secolo a.C. (circa)[modifica | modifica sorgente]

  • Crespe, zilath mexl rasnas, secondo l'iscrizione del sarcofago della Tomba dei Camna a Tarquinia, III secolo a.C.[3][4]

Governatori romani dell'Etruria, II secolo a.C. circa - 476 d.C.[modifica | modifica sorgente]

Duchi goti di Tuscia, 476-550 c.[modifica | modifica sorgente]

Duchi longobardi di Tuscia, 576-797[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ducato di Tuscia.

Marchesi di Tuscia, 797-1001[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Marca di Tuscia.
Stemma di Ugo di Toscana sull'altare della Badia fiorentina

Casato dei Bonifaci (797-931)[modifica | modifica sorgente]

I Bonifaci[6] originariamente erano conti di Lucca, estesero il loro comando ai territori confinati.

Casata di Arles (931-1001)[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di parenti, spesso illegittimi di Ugo di Arles, re d'Italia, che diede ad essi l'incarico dopo aver rimosso i discendenti del casato precedente.

Margravi di Toscana, 1002-1197[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Margraviato di Toscana.

I primi margravi[modifica | modifica sorgente]

Casata di Canossa (1027-1115)[modifica | modifica sorgente]

Discendenti dei conti di Canossa.

Vicari imperiali[modifica | modifica sorgente]

Margravi imperiali[modifica | modifica sorgente]

Marchesi effimeri[modifica | modifica sorgente]

Signori di Firenze, 1434-1532[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia di Firenze, Repubblica di Firenze, Medici e Repubblica di Pisa.

Casata de' Medici (1434-1737)[modifica | modifica sorgente]

Stemma della Repubblica di Firenze

Duchi di Firenze 1532-1569[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ducato di Firenze e Repubblica di Siena.

Granduchi di Toscana 1569-1801[modifica | modifica sorgente]

Bandiera del Granducato di Toscana con lo Stemma dei Medici
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Granducato di Toscana.

Casata degli Asburgo-Lorena (1737-1801)[modifica | modifica sorgente]

Bandiera del Granducato di Toscana con lo stemma degli Asburgo-Lorena
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Granducato di Toscana, Asburgo-Lorena (Toscana) e Asburgo-Lorena.

Re dell'Etruria 1801-1807[modifica | modifica sorgente]

Bandiera del Regno di Etruria, con scudo di Francia e dei Medici accollato alla croce di Santo Stefano
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Regno di Etruria.

Casata dei Borbone-Parma, 1801-1807[modifica | modifica sorgente]

Casata dei Bonaparte (1807)[modifica | modifica sorgente]

Annessione della Toscana alla Francia (1807-1814)[modifica | modifica sorgente]

Granduchi di Toscana 1814-1860[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Repubblica di Lucca, Ducato di Lucca e Principato di Lucca e Piombino.

Casata degli Asburgo-Lorena (1814-60)[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Luigi Pareti, Studi minori di storia antica, vol. I, Preistoria e storia antica, Roma, 1958, p. 286
  2. ^ Zilath/Purthi/Sacerdos/Praetor/Dux
  3. ^ Koen Wylin, Il verbo etrusco: ricerca morfosintattica delle forme usate in funzione verbale, Bolzano: L'ERMA di BRETSCHNEIDER, 2000, ISBN 88-8265-084-7, 9788882650841, pp. 173 e segg.
  4. ^ La carica di "capo della lega etrusca", avente funzione simbolico-religiosa, sarà acquisita dagli imperatori romani. Cfr. Luigi Pareti, Studi minori di storia antica, vol. I, Preistoria e storia antica, Roma, 1958
  5. ^ Emanuele Repetti, Dizionario geografico, fisico, storico della Toscana contenente la descrizione di tutti i luoghi del granducato, Ducato di Lucca, Garfagnana e Lunigiana, Firenze, 1833, vol. 1, p. LV
  6. ^ H. Keller, La Marca di Tuscia fino all'anno Mille, pp. 127-128.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • H. Keller, La Marca di Tuscia fino all'anno Mille, in Atti del V congresso internazionale di studi sull'Alto Medioevo, Spoleto 1973

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]