Ducato di Carinzia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ducato di Carinzia
Ducato di Carinzia – Bandiera Ducato di Carinzia - Stemma
Ducato di Carinzia - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Herzogtum Kärnten
Lingue ufficiali tedesco
Lingue parlate tedesco, sloveno, italiano
Capitale Klagenfurt
Dipendente da Stato del Sacro Romano Impero (sino al 1806)
Territorio costituente l'Impero Austriaco
Territorio della Cisleithania nell'Impero austro-ungarico
Politica
Forma di governo Ducato
Nascita 976 con Enrico III, duca di Baviera
Causa Creazione del ducato
Fine 1918 con Carlo I d'Austria
Causa Crollo dell'Impero austro-ungarico
Territorio e popolazione
Massima estensione 10.327 km² nel 1910
Popolazione 396.200 nel 1910
Evoluzione storica
Preceduto da Marca di Carinzia
Succeduto da Repubblica dell'Austria tedesca
Ora parte di Austria Austria
Italia Italia
Slovenia Slovenia

Il Ducato di Carinzia (Tedesco: Herzogtum Kärnten; Sloveno: Koroška) era un ducato posto tra la parte meridionale dell'Austria e quella settentrionale della Slovenia. Fece parte del Sacro Romano Impero dal 976 sino alla sua caduta nel 1806 e dell'Impero Austro-ungarico sino al 1918. Con i trattati di pace del primo dopoguerra la maggior parte del territorio carinziano fu assegnato alla Prima repubblica austriaca, tranne due frange di lingua slovena, che passarono al Regno dei Serbi, Croati e Sloveni, e la Val Canale, che fu annessa all'Italia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Carantania e dinastie medievali[modifica | modifica wikitesto]

Nel VII secolo era territorio del Principato della Carantania. Successivamente, dal 788 all'843 entrò a far parte dei domini di Carlo Magno per poi passare a regione del regno franco di Ludovico II il Germanico, figlio di Carlo Magno. Dall'889 al 976 fu un distretto di frontiera conosciuto con il nome di Marca di Carinzia.

██ Il Ducato di Carinzia intorno all'anno 1000, comprendente anche la Marca di Verona

Nel 976 l'imperatore Ottone II decretò che il Ducato di Carinzia fosse amministrato da un duca diverso da quello che reggeva il Ducato di Baviera (per un paio di anni lo stesso duca aveva governato sia sulla Carinzia che sulla Baviera). Nel 995 Adalberto I di Eppenstein divenne margravio mentre nel 1012 fu nominato duca di Carinzia. Nel 1035 gli fu revocato il titolo di duca. La famiglia Eppenstein governò sul ducato di Carinzia sino al 1122, anno della morte di Enrico II di Carinzia. Dopo il 1122 il territorio del ducato fu diviso tra Ottocaro II di Stiria e tra Enrico III Spanheim. Ultimo membro della famiglia Spanheim a governare sul ducato di Carinzia, Ulrico III, alla morte scelse come erede Ottocaro II di Boemia, figlio del re di Boemia Venceslao I. Nonostante il tentativo di Filippo di Spanheim di tornare in possesso del feudo di famiglia appoggiato dall'imperatore Rodolfo I, non riuscì a sopraffare Ottocaro.

Il dominio degli Asburgo[modifica | modifica wikitesto]

Rodolfo, dopo aver combattuto e sconfitto Ottocaro, affidò il ducato di Corinzia a Mainardo II di Tirolo-Gorizia. Nel 1335, dopo la morte del figlio di Mainardo, Enrico di Carinzia e Tirolo, ultimo membro maschio di questa dinastia, l'imperatore Ludovico il Bavaro affidò la regione, come feudo imperiale ad un membro della Casa d'Asburgo che governò sulla Carinzia sino al 1918. Come le altre regioni dell'Impero, la Carinzia rimase per lunghi anni semi-dipendente. Gli Asburgo si divisero la regione tra di loro nel 1379 con il Trattato di Neuberg e nel 1564. In quell'anno il ducato divenne parte dell'Austria Interiore e fu amministrata assieme al ducato di Stiria e a quello di Carniola.

Maria Teresa d'Asburgo e suo figlio Giuseppe II resero la Carinzia dapprima parte integrante dei domini del Sacro Romano Impero e poi dell'Impero austriaco. Secondo il Trattato di Schönbrunn del 1809, l'Alta Carinzia coi territori attorno a Villach andarono a costituire parte dell'effimero stato napoleonico delle Province Illiriche per poi tornare nelle mani degli Asburgo che riportarono però Carinzia come parte del Regno d'Illiria sino alla dissoluzione di quest'ultimo nel 1849.

Nel 1867 il ducato divenne parte delle terre della Cisleithania, la parte occidentale dell'Impero austro-ungarico.

La Prima guerra mondiale ed il plebiscito carinziano[modifica | modifica wikitesto]

Durante la Prima guerra mondiale, la Carinzia fu teatro di numerosi scontri e la popolazione locale risentì tantissimo della Grande Guerra (le stime delle perdite indicano 37 caduti ogni 1000 abitanti, il valore più alto delle aree germanofone dell'Austria).[1]

Dopo la fine della guerra e la dissoluzione dell'Impero austro-ungarico, nel 1919 il Trattato di Saint Germain venne a stabilire che la parte compresa tra Tarvisio e Pontafel sarebbe passata al Regno d'Italia e che le aree di lingua slovena delle valli del Meža e della Drava presso Unterdrauburg, sarebbero passate al Regno di Serbia. I serbi comunque, non soddisfatti dei territori ottenuti, occuparono anche la parte settentrionale del ducato a nord del monte Karawanken, luogo ove si trovava anche la capitale locale Klagenfurt. Le potenze alleate organizzarono dunque un referendum a due stadi di cui il primo, il Plebiscito Carinziano, si tenne il 10 ottobre 1920 per determinare il destino della Carinzia. La popolazione locale votò per rimanere con l'Austria alla quale era legata linguisticamente, storicamente e culturalmente.

La Pietra del Principe (Knežji kamen)
Trono ducale (Vojvodski prestol)

La parte austriaca della Carinzia andò quindi a formare l'attuale stato federale omonimo dell'Austria, mentre la parte assegnata all'Italia andò ad ampliare la regione del Friuli-Venezia Giulia. La parte sud-orientale passò invece alla Yugoslavia (Carinzia slovena) ed oggi è parte della Slovenia.

Duchi di Carinzia[modifica | modifica wikitesto]

Varie dinastie[modifica | modifica wikitesto]

Luitpoldingi

Salii

Luitpolding House

Liudolfingi

Salii

  • Ottone I (1002-1004), nuovamente
  • Corrado I (1004-1011)

Eppenstein

Salii

Guelfi

Ezzoni

Zähringen

Eppenstein

Spanheim[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrico V (1122-1123)
  • Engelberto (1123-1134)
  • Ulrico I (1134-1144)
  • Enrico V (1144-1161)
  • Ermanno II (1161-1181)
  • Ulrico II (1181-1201)
  • Bernardo (reggente dal 1199, duca 1202-1256)
  • Ulrico III (1256-1269)

Varie dinastie[modifica | modifica wikitesto]

Přemyslidi

  • Ottocaro (1269-1276), anche Re di Boemia 1253-1278

Asburgo

  • Rodolfo I (1276-1286), anche Re di Germania 1273-1291

Gorizia-Tirolo[modifica | modifica wikitesto]

Asburgo[modifica | modifica wikitesto]

Linea Leopoldiniana degli Asburgo[modifica | modifica wikitesto]

Territorio riunificato ai domini asburgici 1458[modifica | modifica wikitesto]

  • Massimiliano I (1493-1519), anche Imperatore del Sacro Romano Impero 1508-1519
  • Carlo I (1519-1521), anche Imperatore del Sacro Romano Impero 1519-1556
  • Ferdinando I (1521-1564), anche Imperatore del Sacro Romano Impero 1558-1564

Linea dei Duchi dell'Austria Interna degli Asburgo[modifica | modifica wikitesto]

Da questo momento in poi tutti gli imperatori della casa d'Asburgo portarono automaticamente anche il titolo di duchi di Carinzia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rothenburg, G. The Army of Francis Joseph. West Lafayette: Purdue University Press, 1976. p 218.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]