Trattato di Schönbrunn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trattato di Schönbrunn
Parte della guerra della quinta coalizione
assetto dell'Europa dopo il trattato di Schönbrunn e fino al 1812
assetto dell'Europa dopo il trattato di Schönbrunn e fino al 1812

Firma 14 ottobre 1809
Luogo Castello di Schönbrunn, Vienna
Premessa Sconfitta austriaca nella battaglia di Wagram
Parti contraenti
Rappresentanti
voci di trattati presenti su Wikipedia

Il Trattato di Schönbrunn, a volte richiamato come Trattato di Vienna, fu un trattato di pace concluso il 14 ottobre 1809 fra Napoleone I e Francesco II.

Venne firmato il 14 ottobre 1809 al castello di Schönbrunn, presso Vienna, dai delegati degli imperi francese ed austriaco, a conclusione della guerra della quinta coalizione.

L'Austria era stata sconfitta a Wagram e Napoleone impose dure condizioni: Vienna dovette riconoscere Giuseppe Bonaparte, fratello di Napoleone, quale legittimo sovrano di Spagna, cedette il Granducato di Salisburgo alla Baviera che diede il territorio dell'attuale Trentino al Regno d'Italia, parte della Polonia al Granducato di Varsavia, Trieste, la Dalmazia e la Croazia a sud del fiume Sava alla Francia (che le costituì nelle neonate Province Illiriche).

L'Austria dovette, inoltre, pagare una grande indennità di guerra ed accettare di ridurre l'esercito a 150.000 soldati.