Gianluigi Nuzzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gianluigi Nuzzi nel marzo 2013

Gianluigi Nuzzi (Milano, 3 giugno 1969) è un giornalista e saggista italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ha iniziato a scrivere a 14 anni per la rivista Topolino[1]. È divenuto giornalista professionista il 29 luglio 1996[2]. Ha collaborato per diversi quotidiani e riviste italiane tra cui Espansione, CorrierEconomia, L'Europeo, Gente Money, il Corriere della Sera[1]. Ha lavorato a lungo a Il Giornale e a Panorama. Dal 1994 segue le più rilevanti inchieste giudiziarie italiane. È inviato del quotidiano Libero.

È autore del libro inchiesta Vaticano Spa, best seller nel 2009[3], tradotto in quattordici lingue[4][5].

Nel 2010 realizza un altro libro inchiesta, con Claudio Antonelli, dal titolo Metastasi.

Dal settembre 2010 è tra gli autori della trasmissione televisiva L'infedele, condotta da Gad Lerner[6].

Dal 29 novembre 2011 conduce su LA7 il programma Gli intoccabili[7] mentre dal dicembre 2012 conduce Le inchieste di Gianluigi Nuzzi sempre sullo stesso canale.

Il 26 maggio 2012, poco tempo dopo lo scoppio dello scandalo noto con il nome di Vatileaks, è uscito il libro-inchiesta Sua Santità. Le carte segrete di Benedetto XVI, per le edizioni Chiarelettere[8]. Questo libro viene tradotto ed edito nel marzo 2013 anche in lingua inglese esclusivamente in formato ebook con il titolo Ratzinger was afraid (trad. Ratzinger aveva paura) - collana AdagioEbook (Casaleggio Associati editore)

Il 2 luglio 2013 Mediaset gli affida il ruolo di conduttore della trasmissione Quarto grado in onda su Rete 4 e la carica di vicedirettore della testata Videonews[9] dopo le dimissioni improvvise e inaspettate di Salvo Sottile.[10]

Dal 6 giugno 2014 conduce inoltre il nuovo approfondimento Segreti e delitti, in onda in prima serata su Canale 5 per sette venerdì.

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 91152082 LCCN: no2009108058