Salvo Sottile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando un altro Salvo Sottile, vedi Salvo Sottile (portavoce).
Salvo Sottile

Salvo Sottile (Palermo, 31 gennaio 1973) è un giornalista, scrittore e conduttore televisivo italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Palermo nel 1973. Ha lavorato a Mediaset ed è stato vicedirettore di Videonews. Figlio di Giuseppe Sottile, ex capocronista del Giornale di Sicilia, ha cominciato a lavorare nel 1989, collaborando col quotidiano catanese La Sicilia e con l'emittente regionale Telecolor Video 3. In seguito inizia a collaborare con Canale 5 a cui Telecolor forniva immagini e servizi chiusi. All'inizio Sottile approdò in Fininvest con la mansione di "informatore" dalla Sicilia. Nel frattempo collabora col settimanale Epoca, col quotidiano romano Il Tempo e col settimanale Panorama.

Nel 1992 Mentana lo assume al TG5 come corrispondente da Palermo. Sue le storiche dirette sui grandi processi di mafia e sulle stragi in cui morirono i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e nel 2001 Mentana lo chiama alla redazione centrale. È stato inviato negli Stati Uniti e corrispondente di guerra durante il conflitto in Afghanistan.

Nel 2003, dopo undici anni, Salvo Sottile lascia Mediaset per approdare a Sky Italia ed essere il volto del primo telegiornale all news italiano Sky TG 24. A chiamarlo è Emilio Carelli, ex vicedirettore del Tg5. Oltre alla conduzione del telegiornale Carelli affida a Sottile due programmi, un contenitore mattutino (in onda dalle 6 alle 10) chiamato Doppio Espresso e un settimanale di approfondimento denominato La Scatola Nera.

Nel 2005 il ritorno a Mediaset: Carlo Rossella, subentrato come direttore ad Enrico Mentana, lo richiama per condurre il Tg5 Mattina e in seguito il Tg5 della notte con la rassegna stampa. Dopo un anno, nel 2006 Sottile viene nel frattempo nominato vicecaporedattore della cronaca, e passa a condurre l'edizione delle 13. Ha lavorato per Terra, il settimanale curato da Toni Capuozzo e per il Tg5 ha realizzato speciali e condotto edizioni straordinarie. Il 15 maggio 2007 Salvo Sottile pubblica il suo primo romanzo, Maqeda, edito da Baldini Castoldi Dalai, di cui è stata realizzata un anno dopo anche l'edizione economica. Nel luglio del 2007, dopo l'addio di Rossella e l'arrivo del nuovo direttore Clemente Mimun, Sottile viene nominato caporedattore responsabile della cronaca del Tg5.

Il 25 febbraio 2009 esce il suo secondo romanzo Più scuro di mezzanotte, edito da Sperling & Kupfer. Nello stesso anno Mimun decide che il Tg5 delle 13 deve essere condotto esclusivamente dalle donne e rimuove Sottile e altri tre conduttori maschi dalla conduzione del telegiornale. Nel dicembre del 2009 Salvo Sottile ha deciso di lasciare il Tg5 per approdare a Videonews.Il 7 marzo 2010 Salvo Sottile debutta alla conduzione in prima serata su Retequattro con Quarto grado, prodotto dalla testata giornalistica Videonews, un programma sui casi irrisolti e sui fatti di cronaca. Dal 5 luglio al 7 agosto 2012 ha condotto Quinta Colonna su Canale 5, programma di approfondimento su attualità, cronaca e politica in diretta dallo studio 20 di Cologno Monzese[1].

Il 2 luglio 2013, il giornalista lascia Mediaset per alcuni contrasti.[2] L'8 luglio 2013 passa a LA7 e dal 17 di settembre conduce in prima serata il programma di cronaca Linea gialla, programma terminato, dopo 19 puntate, il 27 febbraio 2014.[3] [4]

È sposato con Sarah Varetto, l'attuale direttore di Sky TG 24, e hanno due figli, nati nel 2004 e nel 2010.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Toto Riina. Storie segrete, odii e amori del dittatore di Cosa Nostra, con Enzo Catania, Milano
  • Maqeda, Milano, [Baldini Castoldi Dalai], 2007
  • Più scuro di mezzanotte, Milano, [Sperling & Kupfer], 2009

Premi[modifica | modifica sorgente]

  • 2006 "Premio Ischia internazionale di giornalismo"
  • 2008 "Premio letterario Massarosa" per il romanzo Maqeda
  • 2009 Premio "Paolo Borsellino"

Conduzione Tv[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Aldo Grasso, L'esperimento pop di Salvo Sottile in Corriere della Sera, 7 luglio 2012. URL consultato il 16 luglio 2013.
  2. ^ Redazione Online, Salvo Sottile annuncia: «Lascio Mediaset» Pronta risposta dell'azienda: «Arriva Nuzzi» in Corriere della Sera, 2 luglio 2013. URL consultato il 16 luglio 2013.
  3. ^ Comunicato stampa (PDF), Cairo Communication, 8 luglio 2013. URL consultato il 16 luglio 2013.
  4. ^ Comunicato stampa, TVBlog, 27 febbraio 2014.

http://www.corriere.it/spettacoli/14_marzo_01/la7-ascolti-il-caso-sottile-dc9d7e40-a113-11e3-b365-272f64db5437.shtml

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]