Trodena nel parco naturale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Trodena nel Parco Naturale)
Trodena nel parco naturale
comune
(IT) Trodena nel parco naturale
(DE) Truden im Naturpark
Trodena nel parco naturale – Stemma Trodena nel parco naturale – Bandiera
Trodena nel parco naturale – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
ProvinciaStemma Südtirol.svg Bolzano
Amministrazione
SindacoMichael Epp (SVP) dal 10-5-2015 (1º mandato)
Territorio
Coordinate46°19′N 11°21′E / 46.316667°N 11.35°E46.316667; 11.35 (Trodena nel parco naturale)Coordinate: 46°19′N 11°21′E / 46.316667°N 11.35°E46.316667; 11.35 (Trodena nel parco naturale)
Altitudine1 127 m s.l.m.
Superficie20,56 km²
Abitanti1 026[1] (31-12-2015)
Densità49,9 ab./km²
FrazioniFontanefredde (Kaltenbrunn), Molini di Trodena (Mühlen), San Lugano
Comuni confinantiAldino, Anterivo, Capriana (TN), Carano (TN), Montagna
Altre informazioni
Cod. postale39040
Prefisso0471
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT021102
Cod. catastaleL444
TargaBZ
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona F, 4 172 GG[2]
Nome abitantitrodenesi /
(DE) Trud(e)ner
Patronosan Blasio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Trodena nel parco naturale
Trodena nel parco naturale
Trodena nel parco naturale – Mappa
Il territorio comunale
Sito istituzionale

Trodena nel parco naturale (Truden im Naturpark in tedesco) è un comune italiano di 1 026 abitanti della provincia autonoma di Bolzano in Trentino-Alto Adige.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il paese montano si estende in una conca nella parte superiore di Val dei Molini (Mühlental), ed è circondato dal cocuzzolo del Cucul (Hochwand, 1563 m) e dalla cima Kalmegg (Kalmegg). Sul suo territorio passa l'omonimo torrente.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo è attestato come Trodene nel 1111 e come Truden nel 1286. Sembra derivi dal tipo "trodo", cioè "sentiero" ("trozo" sta appunto per sentiero nel dialetto fiemmazzo, con analogie con il ladino "troi"): per Trodena sarebbero infatti passate le più antiche vie di collegamento tra Val di Fiemme e Bassa Atesina.[3][4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini del paese sono documentabili al 1112, quando i signori di Enn di Montagna insediarono popolazioni di lingua tedesca.

Intorno al 1600, la popolazione della valle veniva chiamata teitsch, ovvero tedesca, dal cronista Marx Sittich von Wolkenstein.[5] Il paese è raggiungibile da una nuova strada che si stacca da quella principale della val di Fiemme presso Fontanefredde (Kaltenbrunn), o dalla meno agevole via che si diparte da Montagna toccando Gleno e Casignano (Gschnon).

Trodena è parte integrante della Magnifica Comunità di Fiemme, pur non essendo geograficamente compresa in questa vallata.

Negli anni venti è stato unito a Trodena l'ex-comune San Lugano, di lingua italiana, già frazione del comune di Carano. Dal 1917 al 1963 il comune di Trodena era fornito di ben due stazioni ferroviarie: Fontanefredde (Kaltenbrunn) e San Lugano, sulla linea ferroviaria Ora-Predazzo.

Trodena gode di un buon livello di turismo, specialmente estivo, a cui può offrire la chiesa parrocchiale di origini romaniche del XV secolo, con un'antica statua della pietà. Nel paese si trova un antico tiglio di 600 anni e il nuovo Centro Visite del parco naturale Monte Corno.

Fino al 4 marzo 2008 la sua denominazione era Trodena/Truden, in seguito si è aggiunta la dizione "nel parco naturale".[6]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma è fasciato d'argento e di rosso, raffigura il pastorale e l'arpione del martirio d'oro in decusse; due rami verdi di palma sui due lati, e una mitra posta sul tutto. Lo stemma, che rappresenta le insegne di San Biagio, patrono del comune, è stato concesso nel 1930.[7]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il Centro visite[modifica | modifica wikitesto]

« Rendere visibile ciò che è nascosto »

(Motto del Parco naturale Monte Corno)

Il centro è stato inaugurato il 10 giugno 2000, e solitamente è aperto da marzo a novembre. L'elemento chiave del centro è un vecchio mulino del 1948, nello specifico un mulino elevatore, alto tre piani a funzionamento elettrico, che lo rende unico in Alto Adige.

Dietro all'edificio si trova un giardino di piante officinali, e uno stagno con rane, gerridi e libellule.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica wikitesto]

La sua popolazione è in maggioranza di madrelingua tedesca:

 % Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat Censimento della popolazione 2011 - Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - giugno 2012
73,94% madrelingua tedesca
25,42% madrelingua italiana
0,64% madrelingua ladina

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[8]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2005 2010 Edmund Lanziner SVP Sindaco
2010 2015 Edmund Lanziner SVP Sindaco
2015 in carica Michael Epp SVP Sindaco

Persone[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2015.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA.VV., Nomi d'Italia. Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2004.
  4. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. 1, Bolzano, Athesia, 1995, p. 478s. ISBN 88-7014-634-0
  5. ^ Marx Sittich von Wolkenstein, Landesbeschreibung von Südtirol, verfasst um 1600, Innsbruck, Wagner, 1936, p. 296.
  6. ^ http://www.regione.taa.it/bu/2008/BO100801.pdf Bollettino ufficiale della regione Trentino-Alto Adige del 4 marzo 2008
  7. ^ (EN) Heraldry of the World: Truden
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Franz Huter, Archivberichte aus Altrei und Truden, in Festschrift zu Ehren Oswald Redlichs, Innsbruck, Wagner, 1928, pp. 121–168.
  • (DE) Raimund von Klebelsberg, Altrei-Truden. Beiträge zur Heimatkunde der zwei Südtiroler Gemeinden am Fleimser Höhenrande, Innsbruck: Wagner, 1958.
  • (DE) Helmut Rizzoli, Die meinhardinische Kleinmünzenpolitik im Lichte der Streufunde von St. Blasius in Truden, in «Tiroler Heimat», 59, 1995, pp. 55–65.
  • (DE) Michael Pernter, Truden, Lana: Tappeiner, 2005. ISBN 88-7073-373-4

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN245399812 · GND: (DE4495008-1
Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige