Thomaz Bellucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Thomaz Bellucci
Bellucci EBN17 (2) (35844921286).jpg
Bellucci nel 2017
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 188 cm
Peso 82 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 199-211 (48,54%)
Titoli vinti 4
Miglior ranking 21º (26 luglio 2010)
Ranking attuale 76º (28 agosto 2017)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (2010, 2011, 2012, 2014, 2016)
Francia Roland Garros 4T (2010)
Regno Unito Wimbledon 3T (2010)
Stati Uniti US Open 3T (2015)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici QF (2016)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 57-79 (41,91%)
Titoli vinti 1
Miglior ranking 70º (15 luglio 2013)
Ranking attuale 213º (28 agosto 2017)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open QF (2013)
Francia Roland Garros 1T (2015, 2016, 2017)
Regno Unito Wimbledon 2T (2015)
Stati Uniti US Open 3T (2016)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 2T (2016)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 28 agosto 2017

Thomaz Cocchiarali Bellucci (Tietê, 30 dicembre 1987) è un tennista brasiliano di origini italiane, ha raggiunto il 21º posto del ranking mondiale ATP.

Giocatore mancino, è diventato professionista nel 2005; è allenato da Larri Passos.

Bellucci ha sfruttato alcune vittorie consecutive a livello Challenger per entrare nei primi 100 giocatori al mondo nel 2008, all'età di 20 anni. Nel 2009 ha raggiunto la sua prima finale ATP a Costa do Sauipe e ha ottenuto la sua prima vittoria nel mese di luglio a Gstaad. Nel 2010 è arrivato il suo secondo successo sul tour a Santiago del Cile.

Riguardo allo stile di gioco, Thomaz usa un ottimo diritto carico di effetto topspin per poter controllare i punti da fondo campo. Non mette a segno molti ace, ma comunque imprime grandi effetti alla palla nel servizio, che costringono i suoi avversari a rispondere parecchio fuori dal campo di gioco, così che Bellucci possa assumere il controllo del gioco al servizio. Il suo rovescio a due mani è molto più solido del diritto ed è anche un colpo più piatto, che gli permette così di anticipare i colpi e di mettere a segno un buon numero di vincenti. La sua superficie preferita è la terra rossa, ma il suo gioco si adatta molto bene anche a superfici veloci.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

2004[modifica | modifica wikitesto]

Il 2004 è l'anno dell'esordio di Thomaz Bellucci a livello professionistico. Nel suo primo torneo vince al primo turno contro Jonathan Gonzalia. Perde poi quattro primi turni prima di ottenere un altro successo a fine anno a Brasilia su Sergio Bruni.

2005[modifica | modifica wikitesto]

In questa annata Bellucci gioca solo tornei Futures senza ottenere grandi risultati. Conquista solo la semifinale nel torneo di Teheran-2 e i quarti la settimana successiva nel torneo Romania F17. Per il resto ottiene solo primi o secondi turni, due dei quali li perde da Leandro Migani.

2006[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 Thomaz gioca prevalentemente tornei Futures. Passa un turno però solo ad aprile a Roma, mentre il primo quarto di finale lo ottiene solo a giugno a Sorocaba. Riesce però a sbloccarsi e porta a casa tre secondi turni e un quarto di finale prima della finale persa nel Brazil F10 contro Ricardo Hocevar. Prima della fine della stagione ottiene ancora due quarti di finale, e chiude con un'altra finale, al Brazil F18, persa anche questa contro Juan-Pablo Villar.

2007[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007 Bellucci gioca quasi totalmente nel circuito Futures e Challenger. Inizia l'anno dai Futures italiani collezionando due secondi turni. Gioca poi anche il Challenger di Chiasso passando anche un turno. Torna a giocare tornei Futures passando sempre almeno un turno nei tornei a cui prenderà parte fino alla vittoria nel Brazil F5 in finale su Leonardo Kirche. Gioca poi tre Futures argentini ottenendo due secondi turni e una semifinale fino a raggiungere le finali nei tornei Challenger di Bogota e Cuenca, perse entrambe. Riesce ad ottenere un'altra semifinale nel torneo Challenger di Campo Do Jordao per prendere poi parte alle qualificazioni degli US Open: perde al primo turno da Jesse Witten. Thomaz è poi impegnato in Coppa Davis contro l'Austria. Torna per il finale dell'anno a giocare dei tornei Challenger ottenendo un primo turno, due secondi turni, due quarti di finale e una semifinale a Buenos Aires.

2008[modifica | modifica wikitesto]

L'annata 2008 per Thomaz parte a Vina del Mar, dove raggiunge il turno decisivo delle qualificazioni senza riuscire a qualificarsi. Riesce invece a qualificarsi a Buenos Aires passando anche un turno del Main Draw: perde da Juan Ignacio Chela. Gioca poi dei Challenger, vincendo a Santiago a febbraio e a Florianopolis e Tunisi ad aprile. Nel frattempo Bellucci gioca anche la Coppa Davis contro la Colombia. A maggio ottiene un'altra vittoria nel circuito Challenger a Rabat e riesce a qualificarsi per gli Open di Francia perdendo poi da Rafael Nadal. A giugno arriva alle semifinali di Prostejov, battendo anche Tomáš Berdych, e passa un turno a Wimbledon. A luglio ottiene solo tre primi turni a Indianapolis, Toronto e Cincinnati. La sua striscia negativa continua fino agli US Open dove passa un turno. Aveva perso nel frattempo anche al primo turno delle Olimpiadi da Dominik Hrbatý. Dopo gli US Open gioca la Coppa Davis dove perde entrambi i singolari contro i giocatori croati Mario Ančić e Ivo Karlović. Seguono altri tre primi turni, uno contro Simone Bolelli a Bangkok, fino alla semifinale ottenuta nel torneo Challenger di Buenos Aires, persa contro Martín Vassallo Argüello.

2009[modifica | modifica wikitesto]

Al Challenger di São Paulo 2009.

La stagione si apre per Thomaz con i quarti di finale ad Auckland, seguiti però dal primo turno agli Australian Open contro Lu Yen-Hsun. A febbraio Bellucci raggiunge la sua prima finale ATP a Costa do Sauipe perdendo da Tommy Robredo per 3-6, 6-3, 4-6. Al torneo di Acapulco raggiunge il secondo turno, sconfitto da Gaël Monfils. In marzo Thomaz raggiunge il secondo turno a Indian Wells passando dalle qualificazioni e perdendo da Fernando Verdasco. Anche al successivo torneo di Miami passa le qualificazioni ma perde al primo turno da Fabrice Santoro. Ad aprile Bellucci colleziona solo quattro primi turni, anche se a Roma riuscirà a superare le qualificazioni. Nel mese di maggio gioca la Coppa Davis contro la Colombia ottenendo due vittorie per il Brasile, ma non passerà nessun turno fino alla fine del mese. Nell'estate torna quindi a giocare nei tornei Challenger passando un turno a Prostejov e vincendo il torneo di Rimini, ma perderà anche altri quattro primi turni, uno dei quali dall'italiano Marco Crugnola a Torino. Nel finale di luglio ottiene però a sorpresa la sua prima vittoria in un torneo ATP a Gstaad: partendo dalle qualificazioni vince il torneo battendo tra gli altri Stanislas Wawrinka e Igor' Andreev prima di ottenere il successo finale su Andreas Beck per 6-4, 7-6(2). Partecipa un mese dopo agli US Open e partendo anche qui dalle qualificazioni raggiunge il secondo turno dove perde da Gilles Simon. A settembre è ancora impegnato in Coppa Davis contro l'Ecuador; vince un match e ne perde uno. Ottiene poi due secondi turni a Bangkok e a Shanghai, qui passando dalle qualificazioni. Chiude l'anno con la semifinale a Stoccolma e con la vittoria al Challenger di São Paulo battendo in finale Nicolás Lapentti.

2010[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 Thomaz inizia la stagione con i quarti di finale raggiunti a Brisbane, dove perde da Tomáš Berdych al tie-break del terzo set. Segue il secondo turno a Auckland e il secondo turno agli Australian Open, dove perde in tre set da Andy Roddick. Vince poi il torneo di Santiago del Cile battendo in finale Juan Mónaco per 6-2, 0-6, 6-4. Aveva battuto in precedenza in semifinale Fernando González, testa di serie numero 1. Si ferma invece ai quarti nel torneo di casa, il Brasil Open, e al secondo turno ad Acapulco. Nei due tornei 1000 sul cemento statunitense di Indian Wells e Miami raggiunge rispettivamente gli ottavi e i quarti di finale. Sulla terra rossa di Barcellona si ferma ai quarti di finale sconfitto da David Ferrer mentre nel torneo di Roma conquista il terzo turno. Gioca poi la Coppa Davis contro l'Uruguay vincendo entrambi i singolari a cui partecipa senza perdere un set. Si ferma al secondo turno nei tornei di Madrid e Nizza prima della buona prova del Roland Garros dove arriva agli ottavi di finale sconfitto solo da Rafael Nadal. Bellucci gioca poi Wimbledon, dove giunge al terzo turno sconfitto da Robin Söderling. A luglio ottiene poi sulla terra europea un quarto di finale ad Amburgo (sconfitto da Andreas Seppi) e un primo turno a Gstaad, dove difendeva il titolo. Bellucci poi gioca nei tornei sul cemento statunitense, dove però colleziona due soli secondi turni, a Cincinnati e agli US Open, e due primi turni a Toronto e a New Haven. Giocherà poi la Coppa Davis contro l'India, collezionando una vittoria e una sconfitta per ritiro, prima di spostarsi in Asia dove giungerà al secondo turno a Shanghai sconfitto in due set da David Ferrer. Gioca poi Stoccolma (primo turno), e il Challenger di São Paulo (finale sconfitto da Daniel), prima di chiudere l'anno con il secondo turno, sconfitto duramente da Nikolaj Davydenko (3-6, 0-6), a Parigi-Bercy.

2011[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 2011 di Bellucci inizia ad Auckland dove raggiunge i quarti di finale sconfitto da Santiago Giraldo. Perde poi in quattro set contro Jan Hernych al secondo turno degli Australian Open in quattro set, non giocando al meglio nel complesso nel torneo. Si riprende invece sulla terra sudamericana, dove conquista i quarti di finale a Santiago, sconfitto da Fabio Fognini, e a Costa do Sauipe, usufruendo di un bye al primo turno. Buona ancora la prestazione ad Acapulco, dove raggiunge le semifinali battendo tra gli altri Fernando Verdasco prima di perdere in due set (6-7, 4-6) dallo spagnolo Nicolás Almagro. Colleziona poi però una sola vittoria nei due 1000 sul cemento statunitense, ad Indian Wells contro Benjamin Becker, a fronte di una brutta sconfitta con James Blake (6-2, 4-6, 6-7) e una più comprensibile con Tomáš Berdych (3-6, 2-6). Sulla terra europea arrivano inizialmente altre due sconfitte consecutive, senza neanche conquistare un set, a Montecarlo e a Barcellona, prima dei quarti di finale all'Estoril (sconfitto da Pablo Cuevas) e del grande risultato a Madrid. Qui Bellucci, dopo aver battuto Pablo Andújar e Florian Mayer (per ritiro al terzo set), supera in due agevoli set (6-4, 6-2) il numero 4 del seeding Andy Murray, e conferma lo straordinario momento sconfiggendo anche Tomáš Berdych per 7-6(3), 6-3; viene infine fermato nelle semifinali da Novak Đoković, giocando però per più di un'ora alla pari del serbo, come dimostra il punteggio, 4-6, 6-4, 6-1, in 2 ore e 10 minuti. Paga poi la stanchezza e il cambio di altitudine perdendo da Paolo Lorenzi a Roma per 6-7, 3-6. Gioca poi a Parigi, superando al primo turno Andrej Golubev in quattro set e al secondo l'italiano Andreas Seppi in tre facili set (6-1, 6-2, 6-4). Esce di scena al terzo turno perdendo da Richard Gasquet 2-6, 3-6, 6-3, 3-6. Dopo i primi due set in cui Bellucci non riesce ad entrare in partita, nel terzo ha una buona reazione e dopo aver conquistato questa frazione sembra poter avere la meglio anche al quarto set, ma qui il francese, spinto dall'entusiasmo del pubblico di casa, riesce a spuntare sull'avversario. Gioca poi il suo primo torneo stagionale sull'erba al Queen's Club, superando al primo turno non senza difficoltà il bulgaro Grigor Dimitrov, salvando anche delle palle match. Dopo aver battuto al secondo turno anche il turco Marsel İlhan, sempre in tre set, è stato costretto ad arrendersi contro Marin Čilić. Invece nel torneo di Wimbledon non supera nemmeno il primo turno, perdendo da Rainer Schüttler per 6-7, 4-6, 2-6, in una partita in cui non è sembrato trovarsi molto a suo agio con la superficie.
Bellucci si sposta poi in Sud America per giocare la Coppa Davis contro l'Uruguay: qui il brasiliano ottiene una vittoria in singolare contro Martin Cuevas e una in doppio in coppia con Bruno Soares.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (4)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP World Tour 500 (0)
ATP World Tour 250 (4)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 2 agosto 2009 Svizzera Allianz Suisse Open Gstaad, Gstaad Terra battuta Germania Andreas Beck 6-4, 7-62
2. 7 febbraio 2010 Cile Movistar Open, Santiago Terra battuta Argentina Juan Mónaco 6-2, 0-6, 6-4
3. 22 luglio 2012 Svizzera Crédit Agricole Suisse Open Gstaad, Gstaad (2) Terra battuta Serbia Janko Tipsarević 66-7, 6-4, 6-2
4. 23 maggio 2015 Svizzera Geneva Open 2015, Ginevra Terra battuta Portogallo João Sousa 7-64, 6-4

Finali perse (4)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP World Tour 500 (0)
ATP World Tour 250 (4)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 14 febbraio 2009 Brasile Brasil Open, Costa do Sauípe Terra rossa Spagna Tommy Robredo 3-6, 6-3, 4–6
2. 21 ottobre 2012 Russia Kremlin Cup, Mosca Cemento (i) Italia Andreas Seppi 6-3, 63-7, 3-6
3. 7 febbraio 2016 Ecuador Equador Open, Quito Terra rossa Rep. Dominicana Víctor Estrella Burgos 6-4, 65-7, 2-6
4. 16 aprile 2017 Stati Uniti U.S. Men's Clay Court Championships, Houston Terra rossa Stati Uniti Steve Johnson 4-6, 6-4, 65-7

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (1)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP World Tour 500 (0)
ATP World Tour 250 (1)
Numero Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 14 luglio 2013 Germania Mercedes Cup, Stoccarda Terra battuta Argentina Facundo Bagnis Polonia Tomasz Bednarek
Polonia Mateusz Kowalczyk
2-6, 6-4, [11-9]

Finali perse (1)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP World Tour 500 (0)
ATP World Tour 250 (1)
Numero Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 6 febbraio 2016 Ecuador Quito Open, Quito Terra rossa Brasile Marcelo Demoliner Spagna Pablo Carreño BustaArgentina Guillermo Durán 5-7, 4-6

Tornei minori[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (7)[modifica | modifica wikitesto]
Legenda
Challenger (6)
Futures (1)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 21 maggio 2007 Brasile Torneo Internacional de Petrosul, Sorocaba Terra battuta Brasile Leonardo Kirche 6-4 7-5
2. 25 febbraio 2008 Cile Challenger Providencia, Santiago del Cile Terra battuta Argentina Eduardo Schwank 6-4 7-63
3. 14 aprile 2008 Brasile Aberto de Tênis de Santa Catarina, Florianópolis Terra battuta Brasile Franco Ferreiro 4-6 6-4 6-2
4. 28 aprile 2008 Tunisia Tunis Open, Tunisi Terra battuta Serbia Dušan Vemić 6-2 6-4
5. 5 maggio 2008 Marocco Morocco Tennis Tour, Rabat Terra battuta Argentina Martín Vassallo Argüello 6-2 6-2
6. 13 luglio 2009 Italia Riviera di Rimini Challenger, Rimini Terra battuta Argentina Juan Pablo Brzezicki 3-6 6-3 6-1
7. 1º novembre 2009 Brasile Copa Petrobras São Paulo, São Paulo Terra battuta Ecuador Nicolás Lapentti 6-4 6-4
Finali perse (4)[modifica | modifica wikitesto]
Legenda
Challenger (1)
Futures (2)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 4 settembre 2006 Brasile Set Point Classic, Fortaleza Terra Rossa Brasile Ricardo Hocevar 1-6 4-6
2. 6 novembre 2006 Brasile Guarulhos Tennis Club, Guarulhos Terra Rossa Argentina Juan-Pablo Villar 2-6 4-6
3. 9 luglio 2007 Colombia Seguros Bolivar Open Bogotá, Bogota Terra Rossa Ecuador Carlos Salamanca 6-4 3-6 2-6
4. 16 luglio 2007 Ecuador Cuenca Challenger, Cuenca Terra Rossa Argentina Leonardo Mayer 3-6 2-6

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (4)[modifica | modifica wikitesto]
Legenda
Challenger (2)
Futures (2)
Numero Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 8 novembre 2004 Brasile Santos Terra battuta Brasile Thiago Alves Uruguay Pablo Cuevas
Argentina Agustin Tarantino
6-3 3-6 6-4
2. 21 agosto 2006 Brasile Florianopolis Terra battuta Brasile Daniel Silva Brasile Carlos Cirne Lima
Brasile Renato Silveira
6-4 6-1
3. 15 ottobre 2007 Colombia Copa Petrobras Colombia, Bogota Terra battuta Brasile Bruno Soares Spagna Santiago Ventura
Spagna Marcel Granollers
6-4 4-6 [11-9]
4. 28 aprile 2008 Tunisia Tunis Open, Tunisi Terra battuta Brasile Bruno Soares Svizzera Jean-Claude Scherrer
Francia Nicolas Tourte
6-3 6-4
Finali perse (8)[modifica | modifica wikitesto]
Legenda
Challenger (3)
Futures (5)
Numero Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 15 novembre 2004 Brasile Brasilia Terra battuta Brasile Thiago Alves Brasile Marcelo Melo
Brasile Antonio Prieto
3-6 6-3 3-6
2. 31 ottobre 2005 Cile Santiago del Cile Terra battuta Polonia Urban Filip Argentina Emiliano Redondi
Argentina Patricio Rudi
61-7 3-6
3. 22 maggio 2006 Brasile Florianopolis Terra battuta Brasile Rogério Dutra da Silva Brasile Franco Ferreiro
Uruguay Martín Vilarrubi
4-6 4-6
4. 12 giugno 2006 Brasile Sorocaba Terra battuta Ecuador Carlos Avellan Brasile Franco Ferreiro
Brasile Rogério Dutra da Silva
63-7 4-6
5. 21 maggio 2007 Brasile Sorocaba Terra battuta Brasile Caio Burjaili Brasile Andre Miele
Brasile João Souza
6-2 2-6 2-6
6. 3 marzo 2008 Colombia Bancolombia Open, Bogota Terra battuta Brasile Bruno Soares Paraguay Ramón Delgado
Argentina Brian Dabul
65-7 4-6
7. 14 aprile 2008 Brasile Aberto de Tênis de Santa Catarina, Florianopolis Terra battuta Brasile Bruno Soares Cile Adrián García
Argentina Leonardo Mayer
2-6 0-6
8. 20 ottobre 2008 Argentina Copa Petrobras Argentina, Buenos Aires Terra battuta Spagna Rubén Ramírez Hidalgo Argentina Máximo González
Argentina Sebastián Prieto
5-7 3-6

Risultati in progressione[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 31 maggio 2017

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile
Torneo 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 V-S
Tornei Grande Slam
Australia Australian Open, Melbourne A A 1T 2T 2T 2T 1T 2T 1T 2T 1T 5-9
Francia Open di Francia, Parigi A 1T 1T 4T 3T 1T A 2T 2T 1T 2T 8-9
Regno Unito Wimbledon, Londra A 2T A 3T 1T 1T A LQ 1T 2T 1T 4-7
Stati Uniti US Open, New York LQ 2T 2T 2T 1T 1T 1T 2T 3T 1T 1T 6-10
Titoli 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 N/A
Vittorie-Sconfitte 0-0 2-3 2-4 7-4 3-4 1-4 0-2 3-3 3-4 2-4 1-4 23-35
Ranking di fine anno 202 85 36 31 37 33 125 65 37 61 76 N/A

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Tennis Portale Tennis: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di tennis