Solo: A Star Wars Story

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Solo: A Star Wars Story
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2018
Durata135 min
Rapporto2,39:1
Generefantascienza, azione, avventura
RegiaRon Howard
Soggettopersonaggi creati da George Lucas
SceneggiaturaJon Kasdan, Lawrence Kasdan
ProduttoreKathleen Kennedy, Allison Shearmur, Simon Emanuel
Produttore esecutivoLawrence Kasdan, Jason D. McGatlin, Phil Lord e Christopher Miller
Casa di produzioneLucasfilm, Allison Shearmur Productions, Imagine Entertainment
Distribuzione in italianoWalt Disney Studios Motion Pictures
FotografiaBradford Young
MontaggioPietro Scalia
Effetti specialiRob Bredow
MusicheJohn Powell
ScenografiaNeil Lamont
CostumiDave Crossman, Glyn Dillon
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Solo-a-star-wars-story-tall-A (cropped).png
Logo ufficiale del film

Solo: A Star Wars Story, noto anche come Solo, è un film del 2018 diretto da Ron Howard.

Scritto da Jon Kasdan e Lawrence Kasdan, è il secondo film della serie Star Wars Anthology, una serie di film a sé stanti ambientati nell'universo di Guerre stellari, dopo Rogue One: A Star Wars Story. Ambientata dieci anni prima degli eventi di Una nuova speranza[1] e dopo Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith,[2] la pellicola racconta le vicende del personaggio di Han Solo dall'età di diciannove anni fino ai ventidue.[1]

Il film ha ottenuto una candidatura agli Oscar 2019 per i migliori effetti speciali.[3]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I Sindacati del Crimine spadroneggiano nella galassia con l'appoggio dell'Impero Galattico. Il giovane Han sopravvive per le strade del pianeta Corellia, commettendo furti di vario genere per poter comprare per sé e la sua amata Qi'ra la libertà dalla Signora del Crimine Lady Proxima.

I due vengono scoperti da Lady Proxima a rubare del coassio (materiale prezioso ed esplosivo), e per questo fuggono cercando di lasciare Corellia. Tuttavia Qi'ra viene catturata dai criminali, mentre Han per fuggire è costretto ad arruolarsi nell'accademia di volo imperiale, promettendo di tornare a salvare Qi'ra. L'ufficiale addetto al reclutamento, in assenza di un cognome, lo arruola col nome di Han Solo. Tre anni più tardi, Han è al fronte sul pianeta Mimban nella fanteria imperiale, perché cacciato dall'accademia di volo. Durante una battaglia scopre che uno dei comandanti, Tobias Beckett, in realtà è un ladro di attrezzature, insieme al suo equipaggio, Val e Rio Durant. Volendo partire con loro, li ricatta minacciando di rivelare la verità, ma l'uomo se ne libera denunciandolo come disertore e per questo viene messo in cella con un prigioniero Wookiee di nome Chewbecca. Dopo un'iniziale lotta, conoscendo i rudimenti della sua lingua, Han si allea con il Wookiee; i due fuggono e rintracciano Beckett poco prima che fugga con la sua nave.

Beckett, Val e Durant hanno un piano per impossessarsi di coassio raffinato. Tutto va bene, fino a quando non interviene Enfys Nest, un nemico di Beckett. Durant viene ucciso e Val si sacrifica per aiutare Beckett, ma alla fine il coassio viene distrutto da Han, che durante una manovra molto difficile decide di non rischiare la vita e lascia andare il carico. Beckett spiega a Han che senza quel carico, l'Alba Cremisi lo avrebbe ucciso, e Han decide di aiutarlo. Si recano alla base dove Han incontra nuovamente Qi'ra, la quale gli racconta di essere stata salvata da Dryden Vos, membro dell'Alba Cremisi. Quest'ultimo minaccia i due di ucciderli se non troveranno un altro modo di recuperare del coassio: Han propone di rubarne un ingente carico in stato grezzo dalle miniere di Kessel, per poi farlo raffinare. Dryden Vos accetta e manda Qi'ra per controllare il loro operato.

Avendo bisogno di una nave molto veloce, la squadra si rivolge all'ex contrabbandiere Lando Calrissian che, dopo aver ingannato Han a una partita a sabacc, in cui il ragazzo voleva vincere la sua nave, decide di aiutarli, con la sua fedele droide L3-37, mettendo a disposizione il Millennium Falcon. L'equipaggio atterra su Kessel con difficoltà, dal momento che esiste solo un varco disponibile poiché il pianeta è circondato da un'impenetrabile nebulosa. Giunti su Kessel scatenano una rivolta che libera gli schiavi e intanto rubano la merce, ma L3-37 viene colpita a morte e Lando ne conserva solo la testa, contenente il "cervello". Han pilota il Falcon poiché Lando è ferito; tracciati da uno Star Destroyer imperiale che taglia loro l'unica via di fuga, decidono di attraversare la nebulosa. Ritrovatisi in prossimità di un pozzo gravitazionale e ostacolati da una colossale piovra spaziale, installano la memoria di L3-37 sul Falcon come navigatore e usano una goccia di coassio per spingere la nave lontano dal pozzo e scattare a velocità luce.

Giunti sul pianeta Savareen per raffinare il coassio, il gruppo viene catturato dai predoni di Enfys Nest, la quale si rivela in realtà essere a capo di una cellula della nascente Alleanza Ribelle a cui serve il coassio per combattere l'Impero e i Sindacati. Han si schiera con Enfys Nest, Lando fugge con il Falcon e Beckett se ne va, non volendo subire la vendetta dell'Alba Cremisi. Dryden Vos raggiunge Savareen e Han escogita un piano per ingannarlo, ma viene tradito da Beckett. Han tuttavia l'aveva previsto e con Qi'ra e i ribelli tende una trappola ai due. Qi'ra uccide Vos in duello e manda Han a salvare Chewbecca, preso in ostaggio da Beckett, che nel caos era fuggito col carburante. Rimasta sola, Qi'ra contatta il leader dell'Alba Cremisi e incolpa Beckett della morte di Vos e del furto del coassio. Il leader si rivela essere Darth Maul (sopravvissuto al combattimento con Obi-Wan Kenobi), il quale le intima di raggiungerlo subito su Dathomir. Nel frattempo Han raggiunge Beckett, che gli dice che Qi'ra lo ha tradito e ha preso il posto di Vos. Han non gli crede e lo uccide, ma si ricrede quando vede Qi'ra fuggire con la nave di Vos. Han cede quasi tutto il carico di coassio all'Alleanza Ribelle, pur rifiutando la proposta di entrare a farne parte.

Più tardi Han rintraccia e sfida nuovamente Lando a una partita a sabacc, riuscendo a evitare che Lando trucchi ancora la partita, diventando così il legittimo proprietario del Millennium Falcon, con cui riparte con Chewbecca per Tatooine, pianeta su cui Beckett aveva detto esserci un boss interessato ad arruolare abili contrabbandieri.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Donald Glover, interprete di Lando Calrissian
  • Han Solo, interpretato da Alden Ehrenreich: un contrabbandiere.[4] Ehrenreich in merito alle origini del cinismo di Han ha dichiarato: "Penso che la cosa principale che sia diversa è che l'Han che incontriamo in questo film è più un idealista. Ha determinati sogni che segue e osserviamo come lo influenza quando quei sogni incontrano nuove realtà, realtà che sono più difficili e impegnative di quanto si aspettasse".[5] Harrison Ford, che ha interpretato il personaggio nei film precedenti, ha incontrato Ehrenreich per dargli consigli e suggerimenti per il ruolo.[6] Fin da subito sia Lord che Miller avevano le idee chiare sul fatto che Han non dovesse essere una macchietta che imitasse Harrison Ford, ma una figura che evocasse lo spirito che ricordiamo con qualcosa di nuovo e fresco. Per questo i registi hanno discusso con Chris Pine ispirandosi alla sua interpretazione della versione giovane del capitano Kirk, precedentemente interpretato da William Shatner.[7]
  • Tobias Beckett, interpretato da Woody Harrelson:[8] criminale e mentore di Han Solo,[9] sarà lui a farlo entrare nella squadra per un grosso colpo.[10] Il personaggio di Becket è basato su Long John Silver de L'isola del tesoro di Robert Louis Stevenson.[11] Per la parte inizialmente era stato preso in considerazione Christian Bale.[12]
  • Qi'ra, interpretata da Emilia Clarke:[13][14] donna misteriosa, indipendente e dal forte carisma, è entrata nella vita di Han Solo quando erano bambini.[10] Clarke ha ritenuto brillante il fatto che tutti i caratteri dei personaggi che Han incontra nel suo viaggio, quello di Qi'ra in modo particolare, finiscano per influenzarlo, facendolo diventare la canaglia che conosciamo. L'obiettivo è che l'ombra di Qi'ra sia presente in Han quando lo incontriamo per la prima volta.[15]
  • Lando Calrissian, interpretato da Donald Glover: un giovane in ascesa tra la malavita della galassia.[16] Billy Dee Williams, che ha interpretato il personaggio dei film precedenti, ha incontrato Glover per dargli suggerimenti nel calarsi nella parte di Lando.[17]
  • Val Beckett, interpretata da Thandie Newton:[18][19] membro della banda di Beckett.[10]
  • L3-37, interpretata da Phoebe Waller-Bridge:[18][19] un droide assemblatosi da solo a partire da vari componenti e da altre fonti robotiche; è il navigatore e co-pilota di Lando Calrissian e ha una personalità eccentrica, sensibile al tema dei diritti dei droidi.[10]
  • Chewbecca, interpretato da Joonas Suotamo: uno wookiee compagno d'avventure di Han Solo.[19]
  • Dryden Vos, interpretato da Paul Bettany: un signore del crimine.[20] Michael Kenneth Williams era stato originariamente scelto, ma è stato rimosso dal film finale dopo non essere stato in grado di tornare sul set durante le riprese aggiuntive del film al cambio regia. Bettany è stato scelto al suo posto, con il personaggio che è stato rielaborato da un alieno in motion capture, descritto da Williams come mezzo leone di montagna e mezzo umano, a una forma di vita aliena quasi umana sfregiata.[21]

Ian Kenny, Warwick Davis e Clint Howard fanno parte del cast[22][23][24][25][26] rispettivamente nei ruoli di Rebolt, Weazel e Ralakili,[27] mentre Jon Favreau doppia Rio Durant, un alieno[28] "molto fico e importante", secondo il regista Howard.[29] L'attore Anthony Daniels, noto per aver interpretato C-3PO, appare in un cameo nei panni di Tak,[27] un wookiee amico di Chewbecca.[30] Lo sceneggiatore Jon Kasdan partecipa nel ruolo di Tag Greenley,[27] mentre Ray Park riprende il ruolo di Darth Maul,[31] a cui però presta la voce Sam Witwer, che lo aveva doppiato in The Clone Wars. Inizialmente per Maul era stato richiamato il doppiatore originale Peter Serafinowicz de La minaccia fantasma ma, dopo aver registrato i dialoghi, è stato rimpiazzato con Witwer per una questione di continuità col personaggio.[32] Erin Kellyman interpreta Enfys Nest, capo dei predoni, rivale di Tobias Beckett.[33][34] Anche Mark Hamill partecipa in un cameo sotto lo pseudonimo di William M. Patrick.[35]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Phil Lord e Christopher Miller, i registi originali del film

Un primo tentativo di far apparire un Han Solo bambino è avvenuto nel 2002 durante la pre-produzione di Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith, che mostra alcune bozze di un giovane che partecipa alla battaglia su Kashyyyk.[36] Successivamente una serie TV live-action sviluppata ma mai realizzata da George Lucas, intitolata Star Wars: Underworld, avrebbe dovuto introdurre il primo incontro tra Han Solo e Chewbecca e la vincita del Millennium Falcon in una partita a sabacc con Lando Calrissian.[37] Inoltre nel 2012 Lucas iniziò a sviluppare un film sul giovane Solo commissionando lo sceneggiatore Lawrence Kasdan. Tuttavia lo stesso anno Lucas vendette la compagnia alla Disney, mentre Kasdan fu chiamato per scrivere la sceneggiatura di Star Wars: Il risveglio della Forza, lasciando allora suo figlio Jonathan Kasdan a scrivere la sceneggiatura del film prima del suo ritorno. Il film sarebbe dovuto uscire dopo Il risveglio della Forza, ma il temporaneo allontanamento di Kasdan portò a sviluppare per primo lo spin-off Rogue One.[38][39][40] Come rivelato dagli stessi Kasdan, ciò che convinse veramente a produrre la pellicola è stato un progetto di presentazione di cinque minuti di tempo mostrato dagli sceneggiatori a Bob Iger e Alan Horn in cui veniva illustrato come Han ottiene il suo cognome.[41]

Nel febbraio 2013, Bob Iger, CEO della Walt Disney Company annuncia la produzione di due spin-off della saga di Guerre stellari, scritti rispettivamente da Lawrence Kasdan e Simon Kinberg.[42] Il CFO della Disney Jay Rasulo descrive questi film come storie di origini. Kathleen Kennedy, presidente della Lucasfilm, afferma che questi film non sarebbero stati collegati con la trilogia sequel, spiegando:

«George [Lucas] è stato molto chiaro sul come questo funzioni. Il canone che ha creato è la saga di Star Wars. Episodio VII si trova all'interno di quel canone. I film spin-off esistono in questo vasto universo che ha creato. Non c'è alcun tentativo di portare i personaggi (degli spin-off) negli episodi della saga. Di conseguenza, da un punto di vista creativo, c'è una strada che George ha tracciato molto chiaramente.[43]»

Nel luglio 2015 la Lucasfilm annuncia che il secondo spin-off sarebbe stato incentrato su "come il giovane Han Solo diventa il contrabbandiere, ladro e il furfante che Luke Skywalker e Obi-Wan Kenobi incontrano nella cantina di Mos Eisley" e fissa la data di uscita al 25 maggio 2018.[44] Phil Lord e Christopher Miller vengono scelti per la regia, mentre Lawrence Kasdan e Jon Kasdan come sceneggiatori del film.[44]

Così come avvenuto in Rogue One, proprio per rimarcare la differenza di stile, il film non presenta i classici crawl di apertura e i wipe, le tendine orizzontali che separano una scena dall'altra, entrambi elementi tipici degli episodi della saga.

Lawrence e Jon Kasdan hanno svelato che le loro fonti d'ispirazione per la scrittura del film sono stati il romanzo L'isola del tesoro e le pellicole Heat - La sfida, Gli spietati, Il grande Lebowski e diversi film dei fratelli Coen come base per la relazione del giovane Han con il mentore Tobias Beckett, passando dall'essere idealista a essere un cinico.[45]

Il budget del film è stato di 275 milioni di dollari.[46][47]

Alden Ehrenreich è stato scelto nel ruolo del protagonista di Han Solo tra più di 3000 attori

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2015 The Hollywood Reporter riporta che la Disney e la Lucasfilm erano alla ricerca dell'interprete di Han Solo, con oltre duemila attori interessati alla parte.[48] Nel gennaio 2016 Variety riporta che la produzione aveva ristretto la rosa dei candidati a una decina di nomi, tra cui Miles Teller, Ansel Elgort, Dave Franco, Jack Reynor, Scott Eastwood, Logan Lerman, Emory Cohen, Blake Jenner e Anthony Ingruber, famoso oltre che per le imitazioni di vari personaggi di Harrison Ford, anche per l'interpretazione della versione giovanile dello stesso Ford nel film Adaline - L'eterna giovinezza. Proprio per questo, come riferito da Jon Kasdan, a Ingruber era stata riservata un'attenzione speciale perché amato dai fan.[49][50] Nel marzo 2016 i tre candidati finali erano Alden Ehrenreich, Reynor e Taron Egerton,[51] e nel maggio seguente Deadline.com riporta Ehrenreich come favorito per il ruolo.[52] Il 17 luglio 2016 Ehrenreich viene confermato ufficialmente nel ruolo del protagonista partecipando alla Star Wars Celebration Europe III due mesi dopo.[4] Miles Miller ha descritto il processo di casting come "una delle sfide più difficili mai affrontate", affermando di aver incontrato oltre tremila attori candidati per la parte.[53] Il 24 luglio New York Daily News riporta che Ehrenreich ha firmato un contratto per tre film.[54]

Nell'agosto 2016 viene riportato che la Lucasfilm era alla ricerca di un attore per interpretare un giovane Lando Calrissian,[55] e che Donald Glover era il favorito per il ruolo.[56] Nell'ottobre seguente viene riportato che Tessa Thompson, Naomi Scott, Zoë Kravitz, Emilia Clarke, Kiersey Clemons, Jessica Henwick e Adria Arjona erano in lizza per il ruolo della protagonista femminile del film,[13][57][58] e Glover viene confermato nel ruolo di Lando Calrissian.[59] Il mese seguente la Clarke viene confermata come protagonista femminile. Nel gennaio 2017 Woody Harrelson entra nel cast nel ruolo del mentore di Han Solo.[8] Nel febbraio 2017 viene riportato che Phoebe Waller-Bridge era in trattative per un ruolo non specificato.[60] Nello stesso mese entra in trattative per partecipare al film anche Thandie Newton.[18] Nel febbraio seguente vengono confermati gli ingressi nel cast di Waller-Bridge e Newton, oltre al ritorno di Joonas Suotamo nei panni di Chewbecca.[19] Nel marzo 2017 entrano nel cast Michael K. Williams e Ian Kenny in ruoli non specificati.[22][23] Michael K. Williams sarebbe dovuto apparire nel film, ma la sua parte è stata tagliata a causa di impegni lavorativi che gli impedirono di partecipare alle riprese aggiuntive del film.[61]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Ron Howard ha assunto la regia a metà della produzione, rigirando parte del film

La lavorazione del film inizia il 30 gennaio 2017 ai Pinewood Studios di Londra,[62][63] con il titolo di lavorazione Star Wars: Red Cup.[62] Bradford Young è il direttore della fotografia.[64] Il 21 febbraio 2017 Disney e Lucasfilm annunciano ufficialmente l'inizio delle riprese e pubblicano la prima foto del cast principale riunito sul set.[65] Nel maggio 2017 le riprese si spostano in Italia: tra le location il lago d'Antorno, il monte Piana, le tre Cime di Lavaredo, il paese di Misurina e le Dolomiti di Fassa in Trentino.[66][67] Nello stesso mese le riprese si spostano a Fuerteventura, nelle isole Canarie,[68] e la Lucasfilm sostituisce il montatore scelto inizialmente, Chris Dickens, con Pietro Scalia.[69] Inoltre viene riportato che la Lucasfilm aveva assunto un acting coach per Ehrenreich, poiché non erano soddisfatti della sua performance.[69] Per le riprese all'interno del Millennium Falcon, per evitare di far lievitare di molto il budget, è stato utilizzato lo stesso set di quello de Il risveglio della Forza con le dovute modifiche per rinnovare gli interni dell'astronave.[70]

Il 20 giugno 2017 viene annunciato che Lord e Miller avevano lasciato la produzione del film per "divergenze creative" con la Lucasfilm, la quale annuncia che un nuovo regista sarebbe stato scelto nell'immediato futuro.[71] Variety e The Hollywood Reporter riportano che il duo era stato licenziato dopo mesi di attrito con la produzione, in particolare con Kennedy e Lawrence Kasdan, che non approvavano il loro metodo di lavorazione e il loro approccio al personaggio di Han Solo.[71][72] Secondo quanto riportato da The Hollywood Reporter, Lord e Miller avrebbero permesso agli attori di improvvisare molto sul set, allontanandosi dalla storia scritta dai Kasdan. Per andare incontro a Lawrence Kasdan, che voleva che i dialoghi della sceneggiatura fossero rispettati "parola per parola", Lord e Miller giravano numerosi take seguendo la sceneggiatura, per poi girare nuovamente la stessa scena in modo più libero.[73][74] La Lucasfilm sarebbe stata inoltre insoddisfatta dai pochi angoli di ripresa utilizzati dai registi, diminuendo così le opzioni disponibili in sala di montaggio.[73] Per andare incontro ai registi, la Lucasfilm propose loro di essere affiancati dallo stesso Kasdan in qualità di "regista ombra", in modo simile a quanto fatto da Tony Gilroy in Rogue One: A Star Wars Story, ma Lord e Miller rifiutarono, portando così alla rottura del rapporto lavorativo.[73] La decisione di licenziare Lord e Miller viene prese durante una breve pausa nella lavorazione presa per visionare il materiale girato.[71]

Phil Lord e Chris Miller hanno commentato la separazione da Lucasfilm:

«Girare quel film è stata un'esperienza meravigliosa. Per quanto riguarda l'abbandono del progetto, bisogna dire che noi ci eravamo accostati al film con tutte le migliori intenzioni ma evidentemente il nostro approccio era troppo differente da quello voluto da loro e il gap era davvero incolmabile. A volte capita che le persone si lascino ed è triste. Abbiamo imparato molto dai nostri collaboratori, siamo molto orgogliosi del lavoro che abbiamo fatto e auguriamo il meglio a tutti.»

(Lord e Miller[75])

Nei giorni successivi al licenziamento di Lord e Miller viene riportato che Ron Howard e Joe Johnston figuravano tra i registi presi in considerazione dalla Lucasfilm come sostituti.[72] Il 22 giugno 2017 viene annunciato che Howard avrebbe sostituito Lord e Miller alla regia del film per le restanti tre settimane di riprese e per cinque settimane di riprese aggiuntive per rigirare parte del film.[76] Nell'agosto 2017 Williams rivela che la sua parte era stata tagliata dal film a causa dei suoi impegni sul set del film The Red Sea Diving Resort e della serie televisiva Hap and Leonard, che gli impedirono di partecipare alle riprese aggiuntive. Williams spiega che le riprese aggiuntive avrebbero dovuto "correggere alcuni problemi con il mio personaggio in modo da accontentare la nuova direzione voluta dai produttori e da Howard" e che sarebbe stato disponibile sul set solo dopo novembre 2017, ma poiché i produttori non potevano permettersi di aspettare così a lungo, rischiando di dover rinviare l'uscita del film, decisero di eliminare del tutto il personaggio.[61] Nel settembre 2017 Howard annuncia la presenza nel cast di Paul Bettany.[26]

George Lucas, creatore della saga, fece visita al suo amico Ron Howard nel set dispensando qualche consiglio al regista.[77] I precedenti registi Phil Lord e Christopher Miller hanno dichiarato quali idee sono rimaste parte integrante della pellicola, anche dopo la loro uscita dal progetto: la scena iniziale, il droide L3-37, l'incontro inusuale tra Han e Chewbe, Lady Proxima e la creazione di Fort Ypso.[78] Durante le riprese sono stati utilizzati dei grandi schermi LED come componenti del set sia per ricreare l'iperspazio da fuori della cabina di pilotaggio, sia nella sequenza della rapina al treno. Un anno più tardi questa tecnologia, ideata ai tempi della realizzazione di Rogue One e denominata StageCraft o The Volume, è stata ampiamente usata per la prima volta con dei LED a 360° sull'intero set della serie TV The Mandalorian.[79] Il 17 ottobre 2017 Howard annuncia la fine delle riprese e il titolo ufficiale del film,[80] mentre la post-produzione è terminata il 22 aprile 2018.[81]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Solo: A Star Wars Story (Original Motion Picture Soundtrack)
colonna sonora
ArtistaJohn Powell
Pubblicazione2018
Durata1:17:11
GenereColonna sonora
EtichettaWalt Disney Records
Colonne sonore dei film
di Guerre stellari - cronologia
John Powell - cronologia

Nel luglio 2017 viene annunciato che John Powell avrebbe composto le musiche del film,[82] mentre il 30 dicembre dello stesso anno viene annunciato che John Williams avrebbe composto il tema principale del film.[83]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Il disco della colonna sonora è in vendita dal 25 maggio 2018 e contiene 20 tracce:[84]

  1. The Adventures of Han (composta e diretta da John Williams)
  2. Meet Han
  3. Corellia Chase
  4. Spaceport
  5. Flying With Chewie
  6. Train Heist
  7. Marauders Arrive
  8. Chicken in the Pot
  9. Is This Seat Taken?
  10. L3 & Millennium Falcon
  11. Lando’s Closet
  12. Mine Mission
  13. Break Out
  14. The Good Guy
  15. Reminiscence Therapy
  16. Into the Maw
  17. Savareen Stand-off
  18. Good Thing You Were Listening
  19. Testing Allegiance
  20. Dice & Roll

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo teaser trailer del film è stato diffuso il 4 febbraio 2018 durante il 52º Super Bowl.[85] Un secondo trailer è stato diffuso il 9 aprile durante una puntata di American Idol.[86]

Il cast alla presentazione del film al Festival di Cannes

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato il 10 maggio 2018 a Los Angeles,[87] e proiettato fuori concorso al Festival di Cannes 2018 il 15 maggio.[88]

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi dal 25 maggio 2018 e in Italia dal 23 maggio, anche in 3D e in formato IMAX.[44]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

La direzione del doppiaggio e i dialoghi italiani sono stati curati da Carlo Cosolo, per conto della Dubbing Brothers Int. Italia.[89]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Solo: A Star Wars Story ha incassato 213767512 $ in Nord America e 179157295 $ nel resto del mondo, per un totale di 392924807 $, a fronte di un budget di produzione di $275 milioni.[46][47]

Globalmente il film ha esordito con 147,5 milioni di dollari nei primi cinque giorni di programmazione.[90]

Nord America[modifica | modifica wikitesto]

Alle anteprime del giovedì sera in Nord America il film ha incassato 14,1 milioni di dollari, battendo il record per le migliori anteprime nel weekend del Memorial Day, detenuto in precedenza da Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo ($13,2 milioni).[91] Nel primo giorno di programmazione ha incassato $35,4 milioni in 4.381 sale cinematografiche.[92][93] Nel week-end d'esordio ottiene il primo posto al botteghino incassando $84,4 milioni.[90][94][95] Nel secondo week-end ha incassato $29,4 milioni, con un calo del 65,2% rispetto al precedente week-end, ma restando comunque al primo posto.[96][97] Nel terzo week-end scende al secondo posto incassando $15,7 milioni.[98][99]

Internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel primo week-end di programmazione il film ha incassato, nel resto del mondo, 63,1 milioni di dollari.[90] Al 27 maggio 2018 i mercati maggiori erano Cina ($9,9 milioni), Regno Unito ($8,1 milioni), Australia ($5 milioni), Germania ($4,3 milioni) e Francia ($4 milioni).[100]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes il film ottiene il 69% delle recensioni professionali positive, con un voto medio di 6,4 su 10 basato su 483 critiche,[101] mentre su Metacritic ha un punteggio di 62 su 100 basato su 54 recensioni.[102]

Peter Travers di Rolling Stone ha elogiato il cast, in modo particolare Ehrenreich, ma ha criticato la mancanza di creatività specificando che il film non arriva mai a raggiungere un certo livello di pathos necessario per la saga.[103] Bernard Boo di PopMatters ha commentato: "Se quello che volete da un film di Star Wars è una tipica e genuina avventura, siete nel posto giusto. Alcune sequenze d'azione lasciano davvero a bocca aperta e vi terranno incollati alle poltrone".[104]

Particolare elogio è stato rivolto alla performance di Glover nei panni di Lando Calrissian. USA Today ha affermato che il Calrissian di Glover "ha eclissato e surclassato" il personaggio di Solo.[105] Il New York Post ha scritto che "Ehrenreich ha raggiunto un obiettivo impossibile: farci dimenticare per un attimo Harrison Ford, sicuramente l'icona di eroe d'azione più famoso del cinema moderno".[106] Il New York Times ha scritto: "Il film non va mai preso troppo sul serio, ma è comunque irriverente, anarchico e spericolato".[107]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre 2018 è uscito il romanzo della pellicola scritto da Mur Lafferty, Solo: A Star Wars Story: Expanded Edition, pubblicato da Del Rey Books. Esso include scene aggiuntive allo sviluppo del film come Qi'ra che viene riportata da Lady Proxima ed Enfys Nest che consegna il coassio a Saw Gerrera accompagnato da una piccola Jyn Erso.[111]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Andrew Dyce, Star Wars Timeline: When Is SOLO Set & How Old Is Han?, su screenrant.com, 24 settembre 2018. URL consultato il 15 settembre 2019.
  2. ^ Mirko D'Alessio, Solo: a Star Wars Story, ecco quando sarà ambientato il film, su badtaste.it, 27 febbraio 2018. URL consultato il 27 febbraio 2018.
  3. ^ a b Pierre Hombrebueno, Oscar 2019: trionfo a sorpresa per Green Book! Ecco tutti i vincitori, su Best Movie, 25 febbraio 2019. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  4. ^ a b (EN) Alden Ehrenreich Is Han Solo, su StarWars.com, 17 luglio 2016. URL consultato il 1º febbraio 2017.
  5. ^ (EN) 'Solo: A Star Wars Story': New Images Reveal Droids, Cleavage, and the Millennium Falcon, su collider.com, 7 febbraio 2018. URL consultato il 4 agosto 2022.
  6. ^ (EN) Harrison Ford was a covert adviser to Solo: A Star Wars Story, su Entertainment Weekly. URL consultato il 27 dicembre 2021.
  7. ^ Solo: A Star Wars Story, Chris Miller sulla scelta di Alden Ehrenreich per il ruolo del giovane Han, su badtaste.it, 28 aprile 2018. URL consultato il 12 luglio 2022.
  8. ^ a b (EN) Woody Harrelson Signs On For Young Han Solo Film, su StarWars.com, 11 gennaio 2017. URL consultato il 31 gennaio 2017.
  9. ^ Andrea Bedeschi, Star Wars: Han Solo, Woody Harrelson rivela il nome del suo personaggio, su badtaste.it, 23 marzo 2017. URL consultato il 23 marzo 2017.
  10. ^ a b c d Emanuele Biotti, Solo: A Star Wars Story, alcuni dettagli sui personaggi principali del film con Alden Ehrenreich, su badtaste.it, 24 aprile 2018. URL consultato il 24 aprile 2018.
  11. ^ (EN) Rogue's Gallery: A lineup of three outlaws from Solo: A Star Wars Story, su ew.com, 9 febbraio 2018. URL consultato il 4 agosto 2022.
  12. ^ Christian Bale doveva essere in Han Solo, lo spin-off di Star Wars, su nospoiler, 10 marzo 2020. URL consultato il 19 giugno 2022.
  13. ^ a b (EN) Emilia Clarke Joins The Han Solo Stand-Alone Film, su starwars.com, 18 novembre 2016. URL consultato il 31 gennaio 2017.
  14. ^ (EN) Julie Miller, Michael K. Williams Has a Story You Need to Read to Believe, su Vanity Fair, 22 agosto 2017. URL consultato il 23 agosto 2017.
  15. ^ (EN) Emilia Clarke Says Her 'Femme Fatale' Character in Solo: A Star Wars Story 'Has A Core of Steel', su epicstream, 8 febbraio 2018. URL consultato il 3 agosto 2022.
  16. ^ (EN) Donald Glover Cast As Young Lando Calrissian In Upcoming Han Solo Star Wars Stand-Alone Film, su StarWars.com, 21 ottobre 2016. URL consultato il 31 gennaio 2017.
  17. ^ (EN) Anthony Breznican, Donald Glover on charming the hell out of Solo: A Star Wars Story, su Entertainment Weekly, 8 febbraio 2018. URL consultato il 27 dicembre 2021.
  18. ^ a b c (EN) Justin Kroll, Thandie Newton In Talks for Han Solo Movie (EXCLUSIVE), su Variety, 10 febbraio 2017. URL consultato l'11 febbraio 2017.
  19. ^ a b c d (EN) Han Solo - Smuggler. Scoundrel. Hero. A New Star Wars Story Begins, su StarWars.com, 21 febbraio 2017. URL consultato il 21 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2017).
  20. ^ (EN) UPDATE: The Han Solo Spin-Off Adds Paul Bettany to Replace Michael K. Williams, su slashfilm.com, 1º settembre 2017. URL consultato il 5 aprile 2018.
  21. ^ Solo: A Star Wars Story – I concept art svelano il Dryden Vos di Michael K. Williams, su blog.screenweek.it, 31 maggio 2018. URL consultato il 4 agosto 2022.
  22. ^ a b (EN) Justin Kroll, Han Solo Spinoff Eyes Michael K. Williams in Key Role (EXCLUSIVE), su Variety, 3 marzo 2017. URL consultato il 3 marzo 2017.
  23. ^ a b (EN) Justin Kroll, ‘Sing Street’ Star Ian Kenny Joins Han Solo Movie (EXCLUSIVE), su Variety, 24 marzo 2017. URL consultato il 25 marzo 2017.
  24. ^ (EN) Ryan Parker, 'Star Wars': Warwick Davis Joins Han Solo Film, su The Hollywood Reporter, 26 luglio 2017. URL consultato il 27 luglio 2017.
  25. ^ Emanuele Biotti, Han Solo: nel film ci sarà anche Clint Howard, fratello di Ron, su badtaste.it, 3 agosto 2017. URL consultato il 3 agosto 2017.
  26. ^ a b (EN) Derek Lawrence, Han Solo movie adds Avengers actor Paul Bettany, su Entertainment Weekly, 1º settembre 2017. URL consultato il 2 settembre 2017.
  27. ^ a b c Antonio Genna, Solo: A Star Wars Story, su antoniogenna.net, Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 23 maggio 2018.
  28. ^ Matteo Tosini, Solo: a Star Wars Story, rivelato il nome dell’alieno doppiato da Jon Favreau, su badtaste.it, 8 marzo 2018. URL consultato il 23 maggio 2018.
  29. ^ Andrea Bedeschi, Solo: a Star Wars Story, Ron Howard conferma il cammeo del collega Jon Favreau, su badtaste.it, 15 febbraio 2018. URL consultato il 15 febbraio 2018.
  30. ^ Matteo Tosini, Solo: a Star Wars Story, lo sceneggiatore Jonathan Kasdan conferma il cammeo di un noto attore, su badtaste.it, 14 maggio 2018. URL consultato il 14 maggio 2018.
  31. ^ (EN) Neil Harrington, Solo: A Star Wars Story cameo will blow your mind, su dorksideoftheforce.com, 17 maggio 2018. URL consultato il 24 maggio 2018.
  32. ^ Solo: A Star Wars Story, Darth Maul era diverso nella versione originale del film, su badtaste.it, 22 aprile 2020. URL consultato il 30 giugno 2022.
  33. ^ (EN) Solo: A Star Wars Story: Who is Erin Kellyman? Who does she play in Star Wars?, su express.co.uk.
  34. ^ Solo: A Star Wars Story, ecco chi interpreta Enfys Nest [SPOILER], su cinefilos.it.
  35. ^ Andrea Bedeschi, Star Wars: Mark Hamill rivela lo pseudonimo usato per i cammei in Rogue One e Solo, su badtaste.it, 23 giugno 2020. URL consultato il 23 giugno 2020.
  36. ^ Han Solo: Previsto Un Cameo In Star Wars Episodio III. L'immagine E Le Origini Stravolte, su starwarsnews.it, 21 maggio 2018. URL consultato il 17 gennaio 2020.
  37. ^ (EN) Germain Lussier, Star Wars Underworld Would Have Explained Han Solo Backstory, su /Film, 10 giugno 2014. URL consultato il 17 gennaio 2020.
  38. ^ Matteo Regoli, Solo: A Star Wars Story: quella scena ha convinto la Disney a realizzare il film, su everyeye.it, 29 maggio 2018. URL consultato il 5 novembre 2021.
  39. ^ (EN) Louise McCreesh, George Lucas was already developing a Han Solo movie before Disney bought Lucasfilm, su Digital Spy, 13 febbraio 2018. URL consultato il 17 gennaio 2020.
  40. ^ (EN) Miguel Fernandez, John Knoll Looks Back at 'Rogue One,' From Pitching the Movie to Kathleen Kennedy to the Various VFX Tools They Invented for It, su starwarsnewsnet.com, 24 dicembre 2021. URL consultato il 26 dicembre 2021.
  41. ^ Solo: A Star Wars Story: Quella scena ha convinto la Disney a realizzare il film, su everyeye.it, 29 maggio 2018. URL consultato il 12 luglio 2022.
  42. ^ (EN) David Lieberman, Disney To Release ‘Star Wars’ Spinoffs Based On Individual Characters, su Deadline.com, 5 febbraio 2013. URL consultato il 6 marzo 2015.
  43. ^ (EN) Star Wars: Rogue One will depict raid to steal original Death Star plans, su Entertainment Weekly, 19 aprile 2015. URL consultato il 16 novembre 2015.
  44. ^ a b c (EN) Christopher Miller and Phil Lord to helm Han Solo Anthology FIlm, su StarWars.com, 7 luglio 2015. URL consultato l'8 luglio 2015.
  45. ^ Solo: A Star wars Story - Gli sceneggiatori del film influenzati da Il grande Lebowski, su everyeye.it, 21 maggio 2018. URL consultato il 12 luglio 2022.
  46. ^ a b (EN) Christian Sylt, Disney Recoups A Quarter Of $4 Billion Star Wars Purchase Price, su Forbes, 4 giugno 2018. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  47. ^ a b (EN) Solo: A Star Wars Story, su Box Office Mojo, Amazon.com. URL consultato il 27 febbraio 2022. Modifica su Wikidata
  48. ^ (EN) Rebecca Ford e Borys Kit, 'Star Wars' Hunts for Han Solo: Disney Sees 2,500 Actors to Fill One Vest, in The Hollywood Reporter, 2 dicembre 2015. URL consultato il 1º febbraio 2017.
  49. ^ (EN) Justin Kroll, ‘Star Wars’ Han Solo Spinoff: Actor Shortlist Revealed (EXCLUSIVE), in Variety, 11 gennaio 2016. URL consultato il 1º febbraio 2017.
  50. ^ Solo: A Star Wars Story, Jon Kasdan conferma: Anthony Ingruber ha fatto il casting per Han, su everyeye.it, 3 giugno 2018. URL consultato il 12 luglio 2022.
  51. ^ (EN) Borys Kit, Disney's Young Han Solo Search Narrows to Final Shortlist of Actors After Screen-Tests (Exclusive), in The Hollywood Reporter, 15 marzo 2016. URL consultato il 1º febbraio 2017.
  52. ^ (EN) Anita Busch, ‘Star Wars’ Han Solo Film: Alden Ehrenreich Lands The Lead In Spinoff, su Deadline.com, 5 maggio 2016. URL consultato il 31 gennaio 2017.
  53. ^ (EN) Ian Freer, ‘Star Wars: Episode VIII’ New Details Revealed, Alden Ehrenreich Officially Introduced as Young Han Solo, su Variety, 17 luglio 2016. URL consultato il 1º febbraio 2017.
  54. ^ (EN) James Desborough, EXCLUSIVE: Disney planning trilogy with Han Solo prequel and its star Alden Ehrenreich, in New York Daily News, 24 luglio 2016. URL consultato il 1º febbraio 2017.
  55. ^ (EN) Umberto Gonzales, ‘Han Solo’ Film Is Casting Young Lando Calrissian (Exclusive), in TheWrap, 11 agosto 2016. URL consultato il 1º febbraio 2017.
  56. ^ (EN) Devin Faraci, Donald Glover Is The First Choice For Young Lando Calrissian, su Birth.Movies.Death., 11 agosto 2016. URL consultato il 1º febbraio 2017.
  57. ^ (EN) Justin Kroll, Han Solo Film: Tessa Thompson and Zoe Kravitz Among Those Testing for Female Lead (EXCLUSIVE), su Variety, 5 ottobre 2016. URL consultato il 1º febbraio 2017.
  58. ^ (EN) Justin Kroll, Emilia Clarke Joins ‘Star Wars’ Han Solo Spinoff, su Variety, 18 novembre 2016. URL consultato il 1º febbraio 2017.
  59. ^ (EN) Donald Glover Cast as Young Lando Calrissian in Upcoming Han Solo Star Wars Stand-Alone Film, su StarWars.com, 21 ottobre 2016. URL consultato il 1º febbraio 2017.
  60. ^ (EN) Justin Kroll, Star Wars: ‘Fleabag’ Star Eyed for Key Role in ‘Han Solo’ Spinoff (EXCLUSIVE), su Variety, 8 febbraio 2017. URL consultato il 9 febbraio 2017.
  61. ^ a b (EN) Antonia Blyth, Michael Kenneth Williams’ Role Cut From ‘Star Wars’ Han Solo Movie Amid Reshoots, su Deadline.com, 22 agosto 2017. URL consultato il 23 agosto 2017.
  62. ^ a b Mirko D'Alessio, Han Solo: A Star Wars Story, al via le riprese del secondo spin-off di Guerre Stellari, su BadTaste.it, 30 gennaio 2017. URL consultato il 31 gennaio 2017.
  63. ^ (EN) Kate Erbland, Star Wars Celebration: Han Solo Standalone Directors Phil Lord And Chris Miller Offer An Update (And A Brand New Star), su Indiewire.com, 17 luglio 2016. URL consultato il 31 gennaio 2017.
  64. ^ (EN) Jacob Hall, 'Han Solo’ Cinematographer Bradford Young Teases a “Brave” and “Different” ‘Star Wars’ Film, su /Film, 2 novembre 2016. URL consultato il 1º febbraio 2017.
  65. ^ Mirko D'Alessio, Han Solo: il cast riunito nella prima foto dal nuovo spin-off di Star Wars, su badtaste.it, 21 febbraio 2017. URL consultato il 21 febbraio 2017.
  66. ^ Mirko D'Alessio, Han Solo: le riprese dello spin-off di Star Wars anche in Italia!, su badtaste.it, 13 aprile 2017. URL consultato il 13 aprile 2017.
  67. ^ Guerre Stellari combattute sulle Dolomiti trentine, su ladige.it, 24 maggio 2018. URL consultato il 21 giugno 2018.
  68. ^ Andrea Francesco Berni, Han Solo: a Star Wars Story, confermate le riprese a Fuerteventura, su badtaste.it, 5 marzo 2017. URL consultato il 5 marzo 2017.
  69. ^ a b Letizia Lara Lombardi, Han Solo: la Lucasfilm insoddisfatta dalla performance di Alden Ehrenreich?, su bestmovie.it, Best Movie, 27 giugno 2017. URL consultato il 27 giugno 2017.
  70. ^ Mirko D'Alessio, Solo: A Star Wars Story, la produzione ha usato il Millennium Falcon del Risveglio della Forza per non aumentare il budget, su badtaste.it, 18 settembre 2018. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  71. ^ a b c (EN) Brent Lang, ‘Star Wars’ Han Solo Spinoff: Lord & Miller Fired After Clashing With Kathleen Kennedy (EXCLUSIVE), su Variety, 20 giugno 2017. URL consultato il 21 giugno 2017.
  72. ^ a b (EN) Boris Kyt, 'Star Wars': Why the Han Solo Film Directors Were Fired, su The Hollywood Reporter, 20 giugno 2017. URL consultato il 21 giugno 2017.
  73. ^ a b c (EN) Kim Masters, 'Star Wars' Firing Reveals a Disturbance in the Franchise, su The Hollywood Reporter, 26 giugno 2017. URL consultato il 28 giugno 2017.
  74. ^ (EN) Anthony Breznican, How the Han Solo film broke apart — with Ron Howard picking up the pieces, su Entertainment Weekly, 26 giugno 2017. URL consultato il 28 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2017).
  75. ^ Phil Lord e Chris Miller tornano a parlare dell'esperienza sul set di Solo, su everyeye.it, 20 novembre 2017. URL consultato il 12 luglio 2022.
  76. ^ (EN) Brent Lang, Ron Howard to Take Over as Director of ‘Star Wars’ Han Solo Spinoff, su Variety, 22 giugno 2017. URL consultato il 22 giugno 2017.
  77. ^ Solo: A Star Wars Story, Il consiglio di George Lucas per una particolare scena, su everyeye.it, 23 maggio 2018. URL consultato il 30 giugno 2022.
  78. ^ (EN) Solo: A Star Wars Story’s Co-Writer Reveals How Chris Miller And Phil Lord Contributed To The Movie, su cinemablend.com, 14 settembre 2018. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  79. ^ (EN) How Video-Game Engines Help Create Visual Effects on Movie Sets in Real Time, su Nasdaq, 15 maggio 2019. URL consultato il 29 luglio 2022.
  80. ^ (EN) Anthony Breznican, The Han Solo movie has a title — Solo, su Entertainment Weekly, 17 ottobre 2017. URL consultato il 17 ottobre 2017.
  81. ^ Andrea Bedeschi, Solo: A Star Wars Story, Ron Howard annuncia la fine della post-produzione, su badtaste.it, 23 aprile 2018. URL consultato il 23 aprile 2018.
  82. ^ (EN) John Powell to Score Untitled Han Solo Movie, su StarWars.com, 26 luglio 2017. URL consultato il 27 luglio 2017.
  83. ^ Andrea Francesco Berni, Solo: a Star Wars Story, John Williams comporrà il tema di Han Solo!, su badtaste.it, 30 dicembre 2017. URL consultato il 30 dicembre 2017.
  84. ^ Andrea Francesco Berni, Solo: a Star Wars Story, la spoilerosa tracklist della colonna sonora, tre poster e un nuovo spot, su badtaste.it, 9 maggio 2018. URL consultato il 9 maggio 2018.
  85. ^ Simona Carradori, Super Bowl 2018: ecco tutti i trailer confermati e quelli più probabili che vedremo durante l’evento, su bestmovie.it, Best Movie, 4 febbraio 2018. URL consultato il 4 febbraio 2018.
  86. ^ Andrea Francesco Berni, Solo: a Star Wars Story, un assaggio del nuovo trailer in uscita stanotte!, su badtaste.it, 8 aprile 2018. URL consultato il 9 aprile 2018.
  87. ^ (EN) Pamela McClintock, 'Solo: A Star Wars Story' Tracking for Record $160M-Plus Memorial Day Bow, su hollywoodreporter.com, The Hollywood Reporter, 3 maggio 2018. URL consultato il 10 maggio 2018.
  88. ^ Andrea Bedeschi, Solo: a Star Wars Story, la prima proiezione si terrà a Cannes!, su badtaste.it, 6 aprile 2018. URL consultato il 6 aprile 2018.
  89. ^ Solo: A Star Wars Story, su Antoniogenna.net. URL consultato il 5 maggio 2021.
  90. ^ a b c Andrea Francesco Berni, Box-Office USA: Solo – a Star Wars Story vince il weekend e raccoglie 148 milioni in tutto il mondo, su badtaste.it, 28 maggio 2018. URL consultato il 28 maggio 2018.
  91. ^ Andrea Francesco Berni, Box-Office USA: Solo – a Star Wars Story, anteprime da record giovedì, su badtaste.it, 25 maggio 2018. URL consultato il 25 maggio 2018.
  92. ^ Andrea Francesco Berni, Box-Office USA: Solo – a Star Wars Story apre con 35.6 milioni di dollari venerdì, su badtaste.it, 26 maggio 2018. URL consultato il 26 maggio 2018.
  93. ^ (EN) Solo: A Star Wars Story - Daily Box Office Results, su Box Office Mojo. URL consultato il 29 maggio 2018.
  94. ^ Andrea Francesco Berni, Box-Office USA: Solo – a Star Wars Story vince il weekend lungo del Memorial Day ma delude le aspettative, su badtaste.it, 29 maggio 2018. URL consultato il 29 maggio 2018.
  95. ^ (EN) Weekend Box Office (May 25-27, 2018), su Box Office Mojo. URL consultato il 29 maggio 2018.
  96. ^ Andrea Francesco Berni, Box-Office USA: Solo – a Star Wars Story vince il weekend ma cala sensibilmente, su badtaste.it, 4 giugno 2018. URL consultato il 4 giugno 2018.
  97. ^ (EN) Weekend Box Office (June 1-3, 2018), su Box Office Mojo. URL consultato il 4 giugno 2018.
  98. ^ Andrea Francesco Berni, Box-Office USA: Ocean’s 8 vince il weekend con 41.5 milioni di dollari, su badtaste.it, 11 giugno 2018. URL consultato l'11 giugno 2018.
  99. ^ (EN) Weekend Box Office (June 8-10, 2018), su Box Office Mojo. URL consultato l'11 giugno 2018.
  100. ^ (EN) Solo: A Star Wars Story - International Box Office Results, su Box Office Mojo. URL consultato il 3 giugno 2018.
  101. ^ (EN) Solo: A Star Wars Story, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 15 marzo 2022. Modifica su Wikidata
  102. ^ (EN) Solo: A Star Wars Story, su Metacritic, Red Ventures. URL consultato il 15 marzo 2022. Modifica su Wikidata
  103. ^ (EN) ‘Solo’ Review: Origin Story of ‘Star Wars’ No. 1 Rogue Plays It Way Too Safe, su Rolling Stone, 15 maggio 2018. URL consultato il 20 gennaio 2020.
  104. ^ (EN) "Against All Odds, 'Solo: A Star Wars Story' Soars", su PopMatters, 15 maggio 2018. URL consultato il 20 gennaio 2020.
  105. ^ (EN) How Donald Glover and Lando Calrissian hijacked 'Solo: A Star Wars Story' from Han Solo, su usatoday.com, 21 maggio 2018. URL consultato il 3 agosto 2022.
  106. ^ (EN) "'Solo: A Star Wars Story' is a long, boring space slog", su New York Post, 16 maggio 2018. URL consultato il 20 gennaio 2020.
  107. ^ (EN) "Review: 'Solo: A Star Wars Story' Answers Questions You May Not Have Asked", su The New York Times, 15 maggio 2018. URL consultato il 20 gennaio 2020.
  108. ^ Pierre Hombrebueno, People's Choice Awards 2018: i Marvel Studios guidano le nomination, su Best Movie, 6 settembre 2018. URL consultato il 6 settembre 2018.
  109. ^ (EN) Annie Howard, Kids' Choice Awards: 'Avengers: Infinity War' Tops Nominees; DJ Khaled to Host, su The Hollywood Reporter, 26 febbraio 2019. URL consultato il 3 marzo 2019.
  110. ^ (EN) The 45th annual Saturn Awards (PDF), su deadline.com. URL consultato il 17 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2019).
  111. ^ Il particolare che collega Solo a Rogue One, su l'insolenzadir2d2.it, 6 settembre 2018. URL consultato il 12 luglio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]