Donald Glover

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Donald Glover
Donald Glover TIFF 2015.jpg
Donald Glover al Toronto International Film Festival nel 2015
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereHip hop
Contemporary R&B
Funk
Soul
Rock psichedelico
Periodo di attività musicale2002 – in attività
EtichettaRCA
Album pubblicati18
Studio4
Raccolte14
Sito ufficiale

Donald McKinley Glover, noto anche con lo pseudonimo di Childish Gambino (Edwards Air Force Base, 25 settembre 1983[1]), è un attore, cantante, rapper, comico, sceneggiatore, produttore musicale, regista e disc jockey statunitense.

Artista poliedrico[2][3][4], Glover è noto principalmente per le sue apparizioni in serie televisive quali Community, in cui interpreta lo stravagante Troy Barnes, e Atlanta, nella quale impersona lo sconclusionato Earnest Marks, nonché per il suo impegno nell'ambito musicale, dove è conosciuto con il nome d'arte di Childish Gambino, sotto il quale pseudonimo ha pubblicato quattro album in studio: Camp (2011), Because the Internet (2013), "Awaken, My Love!" (2016) e 3.15.20 (2020).

Ha raggiunto la propria consacrazione artistica come attore grazie alla serie Atlanta, da lui stesso creata, la quale gli ha fruttato, tra i vari premi, la vittoria di due Golden Globe, rispettivamente alla migliore serie commedia ed al miglior attore in una serie commedia, nonché di due Emmy Award, l'uno al miglior attore in una serie commedia, l'altro alla miglior regia in una serie commedia. A livello musicale, ha raggiunto l'apice della notorietà attraverso il brano This Is America, che, tra i quattro Grammy Award conquistati, è divenuta la prima canzone rap nella storia di tale premio[5] ad ottenere la vittoria nella categoria di canzone dell'anno.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nella base militare aerea Edwards in California, all'età di quattro anni Glover si trasferisce con la propria famiglia nella città di Stone Mountain, Georgia.[6] Assieme ai fratelli Stephen, con cui poi collaborerà da adulto ai propri progetti artistici, e Brianne, viene cresciuto come testimone di Geova, ricevendo un'educazione particolarmente ligia.[7][8][9]

Dopo aver frequentato la DeKalb School of the Arts, Glover si trasferisce all'università di New York, dove si laurea nel 2006 come drammaturgo.[10][11] Negli anni del college, l'attore fonda il collettivo comico Derrick Comedy, ed intraprende la carriera di disc jockey, facendosi conoscere come MC D.[12][13] Opterà infine per lo pseudonimo Childish Gambino, suggeritogli da un generatore virtuale di nomi d'arte ispirati al Wu-Tang Clan.[14]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dagli esordi a Community e Camp[modifica | modifica wikitesto]

Da sempre affascinato dal mondo dello spettacolo[10], e con già parecchia esperienza amatoriale pregressa come attore comico[12], Glover attira a sé l'attenzione dei produttori David Miner e Tina Fey, all'epoca impegnati con il network NBC, nel 2006, durante il suo ultimo anno di college, attraverso uno spec script da lui realizzato sui Simpson: i due produttori decidono così di ingaggiarlo come sceneggiatore per la serie televisiva 30 Rock.[15][16] Tra il 2007 ed il 2010, tale incarico frutterà a Glover ben cinque candidature agli Writers Guild Award, con tre vittorie complessive.[17] Parallelamente, Gambino esordisce nel panorama musicale con il mixtape Sick Boi, pubblicato nel 2008 dopo diversi progetti scartati[18], ed in quello cinematografico, recitando nel film Mystery Team.

Dopo alcuni cameo televisivi, nel 2009 Glover ottiene la parte di Troy Barnes nella commedia televisiva Community, per la quale reciterà fino al 2013, optando poi per un abbandono legato ad una personale volontà di ricercare nuovi percorsi artistici.[19] Sarà tuttavia proprio la sua presenza nella serie a fargli raggiungere una certa rilevanza nel mondo dello spettacolo: oltre ad un Comedy Award vinto nel 2012 per la sua interpretazione in Community[20], Glover finisce infatti al centro di una petizione online volta a dargli la possibilità di essere provinato per il ruolo dell'Uomo Ragno in vista delle audizioni per il cast di The Amazing Spider-Man, con il sostegno dello stesso Stan Lee.[21] Proprio sul set di Community Glover fa la conoscenza del compositore Ludwig Göransson, con cui collabora per la realizzazione dell'extended play EP.[22] Dopo essere entrato in Glassnote Records[23], Childish Gambino pubblica il suo primo album in studio, Camp, la cui uscita viene preceduta dai singoli Bonfire e Heartbeat: il disco esordisce all'undicesima posizione della Billboard 200, e viene accolto positivamente dalla critica.[24][25]

Because the Internet, il successo con Atlanta e "Awaken, My Love!"[modifica | modifica wikitesto]

Con l'abbandono a Community nel 2013, Glover si accorda con il network FX per la futura realizzazione di una serie televisiva a sfondo musicale, intitolata Atlanta, nella quale lo stesso Glover sarà sceneggiatore, produttore e personaggio comprimario.[26] Nello stesso periodo, Childish Gambino collabora con diversi artisti, tra tutti il regista Hiro Murai e il cantante Chance the Rapper, per la promozione del suo secondo album in studio, Because the Internet, anticipato infatti da un cortometraggio (Clapping for the Wrong Reasons) nonché dal singolo 3005. L'album debutta alla settima posizione della Billboard 200.[27] Nel 2014, Because the Internet diventa il primo album di Childish Gambino insignito del disco d'oro RIAA, sebbene la sua prima certificazione ufficiale, ottenuta in quello stesso anno, sia il disco d'oro per Heartbeat.[28] Il nuovo progetto di Glover viene ancora una volta ben recepito dalla critica musicale, al punto che lo stesso disco ottiene una candidatura come miglior album rap ai Grammy Awards 2015; in aggiunta, 3005 viene candidato nella categoria delle migliori performance rap.[29] Nel 2014, quindi, Glover pubblica il suo secondo EP, Kauai, con l'intento di devolvere il ricavato alla tutela dell'isola di Kauai.[30]

Dopo alcuni coinvolgimenti nel mondo del cinema, tra cui un ruolo secondario in Sopravvissuto - The Martian e la realizzazione della colonna sonora di Creed - Nato per combattere, nel settembre 2016 viene finalmente messa in onda la prima stagione di Atlanta, comprensiva di dieci episodi incentrati sul racconto della criminalità e del fermento musicale della città di Atlanta: la serie viene elogiata sia dagli spettatori sia dalla critica professionale[31][32], al punto da ricevere numerosi, prestigiosi premi, tra cui due Golden Globe, due Emmy Award, un Critics' Choice Award e due Writers Guild Award. Nello stesso periodo, Glover comincia a collaborare alla realizzazione di una serie animata su Deadpool, poi abbandonata ed infine cancellata.[33] Nell'autunno 2016 Childish Gambino pubblica quindi i singoli Me and Your Mama e Redbone, caratterizzati da sonorità soul e psichedeliche, in contrasto con i precedenti lavori, orientati maggiormente sull'hip hop: nel dicembre 2016 è la volta dell'album "Awaken, My Love!", ben presto insignito del disco di platino dalla RIAA, come anche accade a Redbone.[34] Il successo commerciale del terzo album di Childish Gambino vale nuovamente diverse candidature ai Grammy Awards (tra cui quella ad album dell'anno), con la vittoria nella categoria miglior interpretazione R&B per Redbone. Nel 2017, al termine di un concerto, Glover annuncia tuttavia di volersi ritirare dalla scena musicale con la pubblicazione del suo quarto album in studio.[35]

Nel 2017, Glover ritorna sul grande schermo interpretando il ruolo di Aaron Davis in Spider-Man: Homecoming. Di rilievo è, inoltre, l'inserimento di Glover nell'annuale Time 100.[2]

This Is America e 3.15.20[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 maggio 2018, dopo essere entrato nell'etichetta RCA Records[36], Childish Gambino pubblica il singolo This Is America, presentato in anteprima al Saturday Night Live.[37] Per la prima volta nella carriera di Glover, la canzone esordisce al primo posto nella Billboard Hot 100[38]. Pur con delle sonorità evidentemente trap, il brano fa scalpore soprattutto a causa del video ufficiale, girato nuovamente da Murai, in cui vengono inscenati omicidi, stragi ed atti di violenza: il pubblico non tarda ad accorgersi dei numerosi riferimenti culturali e politici, a sfondo polemico, di Gambino, che porta in causa il razzismo verso gli afroamericani, l'uso/abuso delle armi da fuoco, nonché l'assuefazione dei civili dai mass media.[39][40] Ciononostante, l'efferatezza del video gioca in positivo per l'artista, che ai Grammy Awards del 2019 conquista quattro vittorie su cinque candidature, tra cui quella al miglior videoclip e alla canzone dell'anno, divenendo peraltro il primo artista rap a trionfare in quest'ultima categoria.[5]

Sempre nel corso del 2018, Glover ritorna sugli schermi televisivi per la seconda stagione di Atlanta, nella quale tuttavia non recita con costanza a causa del suo coinvolgimento nelle riprese di Solo: A Star Wars Story, in cui Glover recita nei panni di Lando Calrissian[41]: nonostante la pessima accoglienza della pellicola da parte della critica, l'interpretazione di Glover viene fortemente apprezzata dal pubblico.[42][43] Contestualmente, Gambino pubblica l'EP Summer Pack, comprensivo di alcuni brani scartati dal suo nuovo progetto in studio.[44] Nel 2019, Glover mantiene vivo il suo coinvolgimento nel mondo del cinema, a conferma della possibilità di un suo futuro ritiro: oltre alla partecipazione al film Guava Island di Murai, con un ruolo comprimario assieme a Rihanna[45], l'attore prende parte al doppiaggio de Il re leone, curando peraltro la realizzazione della colonna sonora dello stesso lungometraggio.[46][47]

Il 22 marzo 2020 Childish Gambino pubblica il suo quarto album in studio, 3.15.20, dal carattere fortemente sperimentale.[48]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Glover ha sempre mantenuto un profilo basso per quanto riguarda la sua intimità e famiglia.[49] Nel 2016, Gambino è diventato padre di Legend[50], mentre nel 2018 è stata la volta di Drake, avuto dalla compagna Michelle.[51]

In ambito socio-politico, in vista delle elezioni presidenziali del 2020 il rapper ha fornito il suo aperto sostegno al candidato alle primarie democratiche Andrew Yang, del quale è diventato successivamente consulente creativo.[52][53]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Webserie e webfilm[modifica | modifica wikitesto]

  • Derrick Comedy (2006-2010)
  • I Am Tiger Woods, regia di James Weaver (2009) – cortometraggio
  • Community: Abed's Master Key (2012)
  • Donald Glover Presents (2019)

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

  • Derrick Comedy – webserie (2006-2010)
  • 30 Rock – serie tv, 23 episodi (2008-2009)
  • Mystery Team, regia di Dan Eckman (2009)
  • Clapping for the Wrong Reasons, regia di Hiro Murai (2013)
  • Atlanta – serie tv (2016), 6 episodi
  • Guava Island, regia di Hiro Murai (2019)
  • Donald Glover Presents – webserie (2019)

Regista[modifica | modifica wikitesto]

  • Chicken and Futility (2014)
  • Atlanta – serie tv (2016-in corso), 4 episodi
  • Donald Glover Presents – webserie (2019)

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

  • Derrick Comedy – webserie (2006-2010)
  • Mystery Team, regia di Dan Eckman (2009)
  • Clapping for the Wrong Reasons, regia di Hiro Murai (2013)
  • Atlanta – serie tv (2016)
  • Guava Island, regia di Hiro Murai (2019)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Mixtape[modifica | modifica wikitesto]

  • 2005 – The Younger I Get
  • 2005 – Illin-Noise: Sufjan Stevens Remix Album
  • 2005 – Apple Sauce: Fiona Apple Remix Album
  • 2006 – Utterances of the Heart
  • 2006 – A Charlie Brown X-mas EP
  • 2007 – Love Letter in an Unbreakable Bottle
  • 2007 – New Year's Eve Extravaganza Mix
  • 2008 – Sick Boi
  • 2009 – Fuck Yaselves!
  • 2009 – Poindexter
  • 2010 – I Am Just a Rapper
  • 2010 – I Am Just a Rapper 2
  • 2010 – Culdesac
  • 2012 – Royalty
  • 2014 – STN MTN

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Donald Glover è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Pete Lewis, Childish Gambino: Growing Gains, su BluesandSoul.com, n. 1074. URL consultato il 16 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2012).
  2. ^ a b (EN) Donald Glover: The World’s 100 Most Influential People, su Time. URL consultato il 26 maggio 2020.
  3. ^ (EN) "This isn't a concert, it's an experience". Childish Gambino sees his D.C. performance as a form of church, su The Washington Post.
  4. ^ ‘3.15.20’ di Childish Gambino è caotico e assurdo come questo 2020, su Rolling Stone Italia, 26 marzo 2020. URL consultato il 26 maggio 2020.
  5. ^ a b Lisa Respers France CNN, Childish Gambino makes Grammy history, su CNN. URL consultato il 26 maggio 2020.
  6. ^ Donald Glover, un caleidoscopio di identità, su ilmanifesto.it. URL consultato il 26 maggio 2020.
  7. ^ Donald Glover Is More Talented Than You | The Village Voice, su www.villagevoice.com. URL consultato il 26 maggio 2020.
  8. ^ (EN) Marlow Stern, Donald Glover on Spider-Man, Stripping in ‘Magic Mike XXL,’ and A Possible ‘Community’ Return, in The Daily Beast, 20 febbraio 2015. URL consultato il 26 maggio 2020.
  9. ^ (EN) Rolling Stone, Comedy's New Wave, su Rolling Stone, 7 settembre 2011. URL consultato il 26 maggio 2020.
  10. ^ a b Donald Glover Is More Talented Than You - Page 2 | Village Voice, su web.archive.org, 6 ottobre 2014. URL consultato il 26 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  11. ^ (EN) Did these celebs go to your college?, su www.cbsnews.com. URL consultato il 26 maggio 2020.
  12. ^ a b (EN) Some took offense at Donald Glover’s early work. He has evolved, but the Internet never forgets., su Washington Post. URL consultato il 26 maggio 2020.
  13. ^ Donald Glover: "Atlanta è il mio inno alla diversità. Quella vera", su Wired, 11 aprile 2018. URL consultato il 26 maggio 2020.
  14. ^ Callie Ahlgrim, Post Malone explained how he came up with his rap name — and you may be surprised at how easy it was, su Insider. URL consultato il 26 maggio 2020.
  15. ^ John Lynch, How Donald Glover went from unknown comedy writer to a triple-threat Hollywood star playing Lando in the new 'Star Wars', su Business Insider. URL consultato il 26 maggio 2020.
  16. ^ (EN) Tom Huddleston Jr, How ‘Solo’ star Donald Glover (aka Childish Gambino) went from YouTube comic to ‘Star Wars’, su CNBC, 25 maggio 2018. URL consultato il 26 maggio 2020.
  17. ^ a b c d e f Donald Glover, su IMDb. URL consultato il 26 maggio 2020.
  18. ^ (EN) But I'm Not a Rapper: Everything You Need to Know About Childish Gambino's First Three Mixtapes, su Complex. URL consultato il 26 maggio 2020.
  19. ^ (EN) Donald Glover explains why he left 'Community' in letter to fans, su Hypable, 16 ottobre 2013. URL consultato il 26 maggio 2020.
  20. ^ Comedy Awards 2012: Winners Include Louis C.K., 'Bridesmaids' and Don Rickles [PHOTOS], su International Business Times, 30 aprile 2012. URL consultato il 26 maggio 2020.
  21. ^ (EN) Smilin' Stan Lee weighs in on Donald Glover for Spider-Man, su io9. URL consultato il 26 maggio 2020.
  22. ^ (EN) Archive-Steven-Roberts, Donald Glover Releases Untitled EP, su MTV News. URL consultato il 26 maggio 2020.
  23. ^ (EN) Steve Baltin, Steve Baltin, Donald Glover's Hip-Hop Act Childish Gambino Signs to Glassnote, su Rolling Stone, 6 settembre 2011. URL consultato il 26 maggio 2020.
  24. ^ Hip Hop Album Sales: The Week Ending 11/20/2011, su web.archive.org, 23 gennaio 2015. URL consultato il 26 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2015).
  25. ^ (EN) Camp by Childish Gambino. URL consultato il 26 maggio 2020.
  26. ^ (EN) Nellie Andreeva, Nellie Andreeva, Donald Glover To Create And Star In Music-Themed FX Comedy Series Project, su Deadline, 6 agosto 2013. URL consultato il 26 maggio 2020.
  27. ^ Childish Gambino Chart History, su Billboard. URL consultato il 26 maggio 2020.
  28. ^ (EN) Gold & Platinum, su RIAA. URL consultato il 26 maggio 2020.
  29. ^ Grammys 2015: See the Full List of Nominees, su Billboard, 5 dicembre 2014. URL consultato il 26 maggio 2020.
  30. ^ Childish Gambino pubblica il mixtape “STN MTN/Kauai” in freedownload, su RapBurger, 6 ottobre 2014. URL consultato il 26 maggio 2020.
  31. ^ Atlanta. URL consultato il 26 maggio 2020.
  32. ^ (EN) Liz Calvario, Liz Calvario, ‘Atlanta’ Trailer: Donald Glover Aspires To Achieve Greatness In New FX Dramedy, su IndieWire, 12 agosto 2016. URL consultato il 26 maggio 2020.
  33. ^ (EN) FX, Donald Glover Exit Marvel's Animated 'Deadpool' Series, su The Hollywood Reporter. URL consultato il 26 maggio 2020.
  34. ^ (EN) Matthew Strauss, Donald Glover Details New Childish Gambino Album “Awaken, My Love!”, su Pitchfork. URL consultato il 26 maggio 2020.
  35. ^ (EN) Donald Glover reveals that next Childish Gambino project will be his final album | NME, su NME.com, 4 giugno 2017. URL consultato il 26 maggio 2020.
  36. ^ (EN) Shirley Halperin, Jem Aswad, Childish Gambino Signs With RCA, New Music on the Way, su Variety, 22 gennaio 2018. URL consultato il 26 maggio 2020.
  37. ^ Childish Gambino Performs Brand-New Song ‘Saturday’ on ‘SNL’, su variety.com.
  38. ^ Childish Gambino's 'This Is America' Is No. 1 On The Billboard Hot 100, su Billboard, 14 maggio 2018. URL consultato il 26 maggio 2020.
  39. ^ (EN) ‘This Is America’: Breaking down Childish Gambino’s powerful new music video, su Washington Post. URL consultato il 26 maggio 2020.
  40. ^ (EN) Martha Tesema, Donald Glover tackles gun violence in powerful video for 'This Is America,' his new single, su Mashable. URL consultato il 26 maggio 2020.
  41. ^ (EN) Donald Glover Cast as Young Lando Calrissian in Upcoming Ian Solo Star Wars Stand-Alone Film, su StarWars.com. URL consultato il 26 maggio 2020.
  42. ^ (EN) Solo Is an Uneven Star Wars Film. But It's Filled With Terrific Performances, su Time. URL consultato il 26 maggio 2020.
  43. ^ (EN) Bryan Alexander, How Donald Glover and Lando Calrissian hijacked 'Solo: A Star Wars Story' from Ian Solo, su USA TODAY. URL consultato il 26 maggio 2020.
  44. ^ (EN) Jem Aswad, Jem Aswad, Childish Gambino Drops Two New Summer-Themed Songs (Listen), su Variety, 11 luglio 2018. URL consultato il 26 maggio 2020.
  45. ^ (EN) Jem Aswad, Jem Aswad, Donald Glover Premieres Trailer for Film With Rihanna, ‘Guava Island’ (Watch), su Variety, 26 novembre 2018. URL consultato il 26 maggio 2020.
  46. ^ (EN) Matthew Strauss, Listen to Beyoncé’s Song “Spirit” From New Lion King Album, su Pitchfork. URL consultato il 26 maggio 2020.
  47. ^ (EN) 'Lion King' Remake Casts Donald Glover as Simba, James Earl Jones as Mufasa, su The Hollywood Reporter. URL consultato il 26 maggio 2020.
  48. ^ (EN) Donald Glover Presents "3.15.20", su RCA Records. URL consultato il 26 maggio 2020.
  49. ^ (EN) Tad Friend, Donald Glover Can’t Save You, su The New Yorker. URL consultato il 26 maggio 2020.
  50. ^ (EN) Donald Glover Hints at Final Childish Gambino Album During Governor’s Ball Set, su Complex. URL consultato il 26 maggio 2020.
  51. ^ (EN) It's a Boy - Again! Donald Glover Welcomes Second Son with Girlfriend Michelle, su PEOPLE.com. URL consultato il 26 maggio 2020.
  52. ^ Donald Glover Endorses Democratic Candidate Andrew Yang, su Billboard, 18 dicembre 2019. URL consultato il 26 maggio 2020.
  53. ^ (EN) Martin Johnson, Donald Glover joining Yang's campaign as creative consultant, su TheHill, 19 dicembre 2019. URL consultato il 26 maggio 2020.
  54. ^ (EN) Donald Glover, Hollywood Foreign Press Association. URL consultato il 20 dicembre 2018.
  55. ^ (EN) Childish Gambino, National Academy of Recording Arts and Sciences. URL consultato l'11 marzo 2019.
  56. ^ (EN) Donald Glover - AWARDS & NOMINATIONS, in Emmys - Television Academy. URL consultato il 20 febbraio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN187363498 · ISNI (EN0000 0003 5641 5232 · Europeana agent/base/6847 · LCCN (ENno2011164117 · GND (DE1080200975 · BNF (FRcb169906242 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2011164117