Prva Liga 1984-1985

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prva Liga 1984-1985
Prva Savezna Liga 1984-1985
Competizione Prva Liga
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 56ª
Date dal 19 agosto 1984
al 30 giugno 1985
Luogo Jugoslavia Jugoslavia
Partecipanti 18
Formula Girone all'italiana A/R
Risultati
Vincitore Sarajevo
(2º titolo)
Retrocessioni Iskra Bugojno
Radnički Niš
Statistiche
Miglior marcatore Jugoslavia Zlatko Vujović (25)
Gare 304
Gol segnati 796
Pubblico 8 533
(28 per gara)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1983-1984 1985-1986 Right arrow.svg

La stagione 1984-1985 è stata la cinquantaseiesima edizione della Prva Liga, massimo livello del campionato jugoslavo.

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il campionato[modifica | modifica wikitesto]

[1]

L'inizio del torneo registrò subito delle partenze lente da parte delle protagoniste delle edizioni precedenti: in particolare, la Dinamo Zagabria si ritrovò all'ultimo posto dopo solitario dopo tre gare, mentre i campioni uscenti della Stella Rossa stazionarono nelle posizioni medio-basse della classifica occupando l'ultimo posto in solitaria alla dodicesima giornata. Ad approfittare di questa situazione fu un gruppo di squadre, da cui emersero lo Željezničar (divenuta la prima squadra a prendere il comando solitario della classifica) e il Partizan, che per tutto il mese di ottobre si alternarono in vetta. Con l'inizio del mese successivo uscirono dal guscio l'Hajduk Split e il Sarajevo, sinora rimaste a ridosso delle prime. Quest'ultima squadra, in particolare, diede avvio ad una fuga a cui il solo Hajduk sembrò poter tener testa; dopo aver concluso il girone di andata in vetta a +2 dai rivali, il Sarajevo riuscì a confermarsi in vetta nonostante un calo di rendimento patito dopo la pausa invernale. Dopo aver pareggiato per 0-0 lo scontro diretto esterno in programma il 14 aprile, il Sarajevo continuò a confermarsi in vetta malgrado dei distacchi risicati, mettendo infine le mani sul suo secondo titolo nazionale all'ultima giornata, sconfiggendo in casa la Stella Rossa.

Assieme all'Hajduk, ottennero la qualificazione in coppa UEFA il Partizan, agevolato da un finale balbettante da parte dello Željezničar, e dal Vardar, ripescato grazie alla vittoria in coppa nazionale da parte della Stella Rossa avvenuta in maggio. La lotta per non retrocedere si decise con una giornata di anticipo e vide il declassamento in seconda divisione da parte del Radnički Niš e dell'Iskra Bugojno, entrambe calate alla distanza dopo dei buoni avvii che le avevano portate a ridosso delle prime posizioni.

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Profili[modifica | modifica wikitesto]

Club partecipanti Città Stadio Stagione 1983-84
Budućnost dettagli Titograd Stadion Pod Goricom 14° in Prva Liga
Dinamo Vinkovci dettagli Vinkovci Stadion Mladosti 11° in Prva Liga
Dinamo Zagabria dettagli Zagabria Stadion Maksimir 12° in Prva Liga
Hajduk Spalato dettagli Split Stadion Poljud 5° in Prva Liga
Iskra Bugojno dettagli Bugojno Stadion Jaklić 1° in Druga Liga Zapak (promosso)
Osijek dettagli Osijek Stadion Gradski vrt 6° in Prva Liga
Partizan dettagli Belgrado Stadion JNA 2° in Prva Liga
Prishtina dettagli Priština Boro and Ramiz 8° in Prva Liga
Radnički Niš dettagli Niš Stadion Čair 7° in Prva Liga
Rijeka dettagli Fiume Stadion Kantrida 4° in Prva Liga
Sarajevo dettagli Sarajevo Stadion Koševo 9° in Prva Liga
Sloboda Tuzla dettagli Tuzla Stadion Tušan 16° in Prva Liga
Stella Rossa dettagli Belgrado Stadion Crvena Zvezda Campione della RSF Jugoslava
Sutjeska Nikšić dettagli Nikšić Gradski Stadion 1° in Druga Liga Istok (promosso)
Vardar dettagli Skopje Gradski stadion Skopje 15° in Prva Liga
Velež Mostar dettagli Mostar Stadion Bijeli Brijeg 13° in Prva Liga
Vojvodina dettagli Novi Sad Stadion Vojvodine 10° in Prva Liga
Željezničar dettagli Sarajevo Stadion Grbavica 3° in Prva Liga

Squadra campione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Fudbalski Klub Sarajevo 1984-1985.

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Allenatore Squadra Allenatore
Budućnost non conosciuta Sconosciuto Rijeka Jugoslavia Josip Skoblar
Dinamo Vinkovci Jugoslavia Ivo Šušak Sarajevo Jugoslavia Boško Antić
Dinamo Zagabria Jugoslavia Tomislav Ivić
Jugoslavia Zdenko Kobeščak
Sloboda Tuzla Jugoslavia Faruk Pašić
Hajduk Spalato Jugoslavia Stanko Poklepović Stella Rossa Jugoslavia Gojko Zec
Iskra Bugojno non conosciuta Sconosciuto Sutjeska Nikšić Jugoslavia Milovan Đorić
Osijek Jugoslavia Milan Đuričić Vardar Jugoslavia Andon Dončevski
Partizan Jugoslavia Nenad Bjeković Velež Mostar Jugoslavia Dušan Bajević
Prishtina Jugoslavia Fuad Muzurović Vojvodina Jugoslavia Jovan Kovrlija
Jugoslavia Vukašin Višnjevac
Jugoslavia Tomislav Kaloperović
Radnički Niš Jugoslavia Dušan Nenković Željezničar Jugoslavia Ivica Osim

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Sarajevo 48 34 19 10 5 51 30 +21
2. Hajduk Spalato 44 34 16 12 6 65 42 +23
3. Partizan 39 34 14 11 9 46 34 +12
4. Stella Rossa 38 34 16 6 12 63 38 +25
5. Vardar 37 34 16 5 13 67 58 +9
6. Dinamo Zagabria 36 34 14 8 12 47 38 +9
7. Željezničar 34 34 11 12 11 53 46 +7
8. Rijeka 34 34 12 10 12 49 48 +1
9. Sutjeska Nikšić 33 34 11 11 12 41 42 -1
10. Prishtina 32 34 13 6 15 44 49 -5
11. Velež Mostar 32 34 10 12 12 39 44 -5
12. Osijek 31 34 12 7 15 37 46 -9
13. Sloboda Tuzla 31 34 10 11 13 28 38 -10
14. Dinamo Vinkovci 30 34 11 8 15 40 51 -11
15. Budućnost 30 34 11 8 15 31 49 -18
16. Vojvodina 29 34 9 11 14 36 47 -11
1downarrow red.svg 17. Iskra Bugojno 27 34 8 11 15 32 50 -18
1downarrow red.svg 18. Radnički Niš 27 34 8 11 15 27 46 -19

Legenda:

         Campione della RSF Jugoslava e qualificata in Coppa dei Campioni 1985-1986
         Vincitrice della Kup Maršala Tita e qualificata in Coppa delle Coppe 1985-1986
         Qualificate in Coppa UEFA 1985-1986
         Retrocesse in Druga Liga 1985-1986

Note:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica in divenire[modifica | modifica wikitesto]

[1] 10ª 11ª 12ª 13ª 14ª 15ª 16ª 17ª 18ª 19ª 20ª 21ª 22ª 23ª 24ª 25ª 26ª 27ª 28ª 29ª 30ª 31ª 32ª 33ª 34ª
 
Budućnost 0 2 2 2 4 6 8 9 10 11 11 13 13 15 15 17 17 17 18 18 20 20 20 22 22 21 21 23 23 23 24 26 28 30
Dinamo Vinkovci 1 1 1 2 2 4 4 6 7 7 9 9 9 9 10 10 12 14 14 16 17 18 18 20 20 22 24 24 26 27 29 29 30 30
Dinamo Zagabria 0 0 0 1 2 2 3 5 5 7 7 9 11 13 14 16 17 19 20 22 22 24 25 25 27 27 27 29 29 30 32 32 34 36
Hajduk Spalato 2 3 5 6 6 8 8 10 10 12 14 16 17 19 20 22 23 24 24 26 27 29 30 31 32 34 36 37 39 41 41 43 44 44
Iskra Bugojno 2 3 4 4 6 6 7 7 9 10 12 12 14 14 14 14 15 15 17 17 18 19 21 21 21 21 21 21 22 23 24 24 25 27
Osijek 1 1 3 4 6 7 7 7 9 11 11 13 13 15 15 17 17 19 19 20 22 22 24 24 26 26 27 27 27 28 28 30 30 31
Partizan 2 3 4 6 8 9 9 11 13 14 14 16 16 17 18 20 20 22 22 23 23 25 25 26 26 28 29 32 32 33 34 36 37 39
Priština 1 1 3 4 4 4 6 8 8 8 8 10 10 11 12 14 14 16 16 16 17 17 19 19 19 21 21 23 24 26 26 28 30 32
Radnički Niš 2 4 5 5 6 6 8 9 11 11 12 12 12 14 14 15 15 17 17 17 18 18 19 20 22 22 24 24 24 25 26 26 26 27
Rijeka 0 2 2 4 4 6 8 9 10 10 11 11 12 13 15 15 17 19 19 21 22 23 23 24 26 26 28 30 32 32 33 33 33 34
Sarajevo 2 2 4 5 6 8 10 10 11 13 15 17 19 21 23 25 25 25 27 27 29 30 31 32 34 35 37 38 40 42 43 45 46 48
Sloboda Tuzla 1 3 4 5 5 7 7 9 9 11 11 12 13 13 14 14 16 18 18 20 20 21 21 23 23 24 24 26 27 29 29 29 30 31
Stella Rossa 0 1 1 2 4 4 6 6 8 8 8 8 10 11 13 14 16 18 18 20 22 23 25 25 27 27 29 30 32 34 36 36 36 38
Sutjeska Nikšić 0 1 2 4 4 4 4 4 6 7 9 9 11 11 12 12 14 16 16 18 19 20 22 23 25 26 28 28 28 29 30 30 32 33
Vardar 0 2 4 4 6 6 8 8 10 10 12 12 14 14 16 16 18 20 21 21 22 23 25 25 27 29 29 29 31 31 33 35 36 37
Velež Mostar 2 3 5 6 8 8 9 9 9 10 12 12 14 14 14 16 16 16 18 18 19 20 21 23 24 24 26 26 28 29 30 30 31 32
Vojvodina 0 1 2 2 4 4 5 5 7 8 9 9 11 13 13 14 15 16 17 17 19 19 19 21 21 23 23 25 26 26 27 29 29 29
Željezničar 2 4 4 6 7 9 10 12 12 13 14 16 17 17 18 18 20 22 22 23 24 25 26 28 28 30 30 30 30 30 31 33 34 34

Primati stagionali[modifica | modifica wikitesto]

Record

  • Maggior numero di vittorie: Sarajevo (19)
  • Minor numero di sconfitte: Sarajevo (5)
  • Miglior attacco: Vardar (67)
  • Miglior difesa: Sarajevo (30)
  • Miglior differenza reti: Stella Rossa (+25)
  • Maggior numero di pareggi: Hajduk Spalato, Željezničar e Velež Mostar (12)
  • Minor numero di vittorie: Radnički Niš e Iskra Bugojno (8)
  • Maggior numero di sconfitte: 6 squadre (15)
  • Peggiore attacco: Radnički Niš (27)
  • Peggiore difesa: Vardar (58)
  • Peggior differenza reti: Radnički Niš (-19)
  • Miglior sequenza di partite utili: 24 (Sarajevo, dalla 21ª alla 34ª gara)

Capoliste solitarie[1]

  • 8ª giornata: Željezničar
  • dalla 13ª alla 14ª giornata: Partizan
  • dalla 15ª alla 34ª giornata: Sarajevo

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Gol Giocatore Squadra
25 Jugoslavia Zlatko Vujović Hajduk Spalato
20 Jugoslavia Darko Pančev Vardar
19 Jugoslavia Husref Musemić Sarajevo
18 Jugoslavia Sulejman Halilović Stella Rossa
15 Jugoslavia Zoran Batrović Prishtina
12 Jugoslavia Ivan Gudelj Hajduk Spalato
12 Jugoslavia Dragan Mance Partizan
11 Jugoslavia Zvonko Varga Partizan
11 Jugoslavia Zoran Samardžija Željezničar

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio