Podestà di Trento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

In questa voce sono elencati i podestà di Trento dal 1810 al 1945. Se il soggetto governava a diverso titolo questo viene indicato. Giovanni Ciani fu il primo podestà ad essere eletto, nel 1866.[1] Tra il 1918 e il 1923 la denominazione è stata quella di sindaco.

Elenco[modifica | modifica wikitesto]

Luigi Brugnara
  1. Conte Girolamo Graziadei (1810), nominato da Eugenio di Beauharnais, viceré d'Italia
  2. Tomaso Rungg (1812), nominato da Napoleone Bonaparte
  3. Conte Benedetto Giovanelli (1816), nominato dal governo del Tirolo fra tre nomi presentati dal consiglio comunale di Trento
  4. Giuseppe de Panizza di Taio, giudice a Borgo (1847)
  5. Conte Filippo Sizzo (1850)
  6. Conte Antonio Arz (1853)
  7. Giuseppe Dalla Rosa (1854)
  8. Conte Gaetano Manci (1857)
  9. Alessio de Alttmayer (1860)
  10. Alberto Rungg (1862)
  11. Barone Giovanni Ciani (1866 e 1870)
  12. Paolo Oss Mazzurana (1872)
  13. Conte Ferdinando Consolati (1873)
  14. Girolamo Bellesini (1876)
  15. Barone Giovanni Ciani (1880)
  16. Paolo Oss Mazzurana (1884, 1888 e 1892)
  17. Antonio Tambosi (1895 e 1899)
  18. Silvio Dorigoni (18 gennaio 1900 - 13 marzo 1900)
  19. Luigi Brugnara (2 aprile 1900 - 18 novembre 1903)
  20. Giuseppe Silli (1904 e 1908)
  21. Conte Massimiliano Manci, eletto ma non confermato dal governo che invece nomina amministratore ufficioso Gabriele Corradini (1911)
  22. Antonio Tambosi (16 ottobre 1911 - 19 luglio 1913)
  23. Vittorio Zippel (22 settembre 1913 - 20 maggio 1915)
  24. Adolfo de Bertolini, amministratore ufficioso (1915)
  25. Giuseppe Jordan, amministratore ufficioso (dal 30 gennaio 1918)
  26. Filippo Faes, amministratore provvisorio (5 - 20 novembre 1918)
  27. Vittorio Zippel, sindaco (dal 21 novembre 1918, dopo l'annessione all'Italia)
  28. Giovanni Peterlongo, sindaco (1922 - 10 agosto 1923)[2]
  29. Giovanni Peterlongo, commissario prefettizio (dal 1923)[2]
  30. Prospero Gianferrari (23 dicembre 1926 - 1928)[3]
  31. Giuseppe Botti, commissario prefettizio (1928)[3]
  32. Silvio Ghidoli, commissario prefettizio (1929)[3]
  33. Mario Scotoni (gennaio 1930 - dicembre 1938)[3]
  34. Bruno Mendini (1939 - 25 luglio 1943)[3]
  35. Gilberto Mazzanti, commissario prefettizio (dall'11 agosto 1943)[3]
  36. Bruno Mendini, commissario prefettizio (dal 27 settembre 1943)[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Umberto Corsini, Paolo Oss Mazzurana e il partito economico in Maria Garbari (a cura di), Atti del convegno storico su "Trento nell'età di Paolo Oss Mazzurana", Società di studi trentini di scienze storiche, Trento, 1985, p. 24.
  2. ^ a b Fabrizio Rasera, "Dal regime provvisorio al regime fascista (1919-1937)" in Storia del Trentino - Vol. VI. L'età contemporanea. Il Novecento, a cura di Andrea Leonardi e Paolo Pombeni, Il Mulino, 2006, pp. 89 - 93.
  3. ^ a b c d e f g Elena Tonezzer, Vuoto di memoria : la riscoperta del quartiere del SAS di Trento, Trento, Fondazione museo storico del Trentino, 2012, pp. 31-35, ISBN 978-88-7197-146-9.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sergio Benvenuti (a cura di), Storia del Trentino – Personaggi della storia trentina, Ed. Panorama, Trento, 1998, 1ª ed. ISBN 88-87118-41-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Elezioni comunali dal 1945 al 1999[collegamento interrotto], (contiene anche la lista di podestà e sindaci di Trento dal 1810, alle pagg. 28-29) Comune di Trento. URL consultato il 06-12-2007.