Aurora (Disney)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aurora
Bella addormentata.png
Aurora dorme dall'incantesimo
UniversoDisney
Lingua orig.Inglese
AutoreCharles Perrault (creatore del personaggio di base)
StudioThe Walt Disney Studios
1ª app.1959
1ª app. inLa bella addormentata nel bosco
Voci orig.
Voci italiane
SpecieUmana
SessoFemmina

Aurora (o Principessa Aurora) è la protagonista del film Disney del 1959 La bella addormentata nel bosco, ispirato all'omonima fiaba. Chiamata anche Rosaspina o Rosa dalle tre buone fate madrine, Flora, Fauna e Serenella, è l'unica figlia di Re Stefano e della Regina Leah.

Aurora fa ufficialmente parte del franchise Principesse Disney,[1] ed è l'unica di esse a non avere un confronto diretto con il suo antagonista nonché una tra le poche ad avere entrambi i genitori in vita nel corso del film.

Creazione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio di Aurora è basato sulla protagonista della celebre fiaba tradizionale europea La bella addormentata (in particolare, vengono riprese le versioni di Charles Perrault e dei fratelli Grimm), ed è l'ultima principessa Disney ad essere stata creata quando Walt Disney era ancora in vita.[2]

Aurora fu animata da Marc Davis[3], che conosceva bene l'anatomia umana, e che aveva animato in precedenza altre famose eroine Disney, tra cui Biancaneve, Cenerentola e Alice.[4][5]

Nella versione in lingua originale Aurora è doppiata da Mary Costa (sia nella parte cantanta che in quella parlata), che aveva 22 anni quando sostenne il provino.[6] I registi passarono anni in cerca della voce perfetta per la principessa, e Walt Disney stesso fu intenzionato ad abbandonare il progetto, se non avesse trovato una doppiatrice adeguata.[7]

Nonostante sia la protagonista, Aurora appare solo 18 minuti nel film.[8]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La Principessa Aurora è la primogenita e unica figlia di Re Stefano e della Regina Leah. Essi le diedero il nome di Aurora perché dal giorno della sua nascita la loro vita era rischiarata dal sole. Per la felicità il re invitò ogni persona di alto o basso rango per assistere al battesimo della piccina.

Le sue madrine sono le tre buone fate Flora, Fauna e Serenella. Dalle prime due ricevette il dono della bellezza e del canto. Purtroppo la strega cattiva Malefica, rancorosa e in collera per non essere stata invitata, lanciò una maledizione sulla neonata secondo la quale Aurora nel giorno del suo sedicesimo compleanno si sarebbe punta con il fuso di un arcolaio e di conseguenza morta. Grazie all'intervento della terza fata Serenella alla maledizione venne aggiunta una clausola: la fanciulla non sarebbe morta ma sarebbe caduta in un sonno profondo simile alla morte, dal quale si sarebbe risvegliata solo ricevendo in dono il bacio del vero amore.

Le fate, preoccupate per il futuro della principessa, messo a repentaglio da Malefica, presero la bambina e la portarono in una casetta abbandonata nel bosco, dove l'avrebbero cresciuta e allevata sino al giorno che segue il sedicesimo compleanno di Aurora.

Nel giorno del suo compleanno Aurora incontrò un ragazzo nel bosco e se innamorò perdutamente. una volta ritornata a casa ella scoprì di essere una principessa, che le donne che l'avevano cresciuta erano tre fate (infatti le tre fatine trascorsero tutti i 16 anni senza utilizzare alcun tipo di magia e vivendo solo grazie alle loro forze) e che il suo destino era quello di sposarsi con un principe: disperata per lo shock, Aurora fece ritorno al suo castello accompagnata dalle fate. Rimasta sola, venne ipnotizzata da Malefica e portata in cima ad una torre dove si compì la maledizione: Malefica, tramutata in un arcolaio, punse Aurora addormentando lei e l'intero regno.

La principessa venne risvegliata dal bacio del misterioso ragazzo incontrato nel bosco, il quale era anche il suo promesso sposo, ovvero il principe Filippo. Il risveglio della principessa e la sconfitta di Malefica decretarono il lieto fine della storia.

Disney Princess: Le magiche fiabe - Insegui i tuoi sogni[modifica | modifica wikitesto]

La nuova avventura con protagonista la Principessa Aurora è la prima al di fuori del classico del 1959 La Bella Addormentata nel Bosco, ed è ambientata dopo gli eventi del film originale.[9]

Il Re Stefano, la Regina Leah, il Re Uberto e il Principe Filippo lasciano il regno per due giorni per una Conferenza Reale, affidando il governo ad Aurora in loro assenza. Le tre fate buone le offrono il loro aiuto ma lei rifiuta, credendo di poter fare da sola. Serenella insiste per dare ad Aurora la sua bacchetta, nel caso avesse bisogno di aiuto, e la ammonisce di essere molto specifica nel fare richieste alla bacchetta. I compiti della principessa includono organizzare banchetti, ricevere i sudditi, e organizzare servitori che badino alle cucine e ai giardini. Aurora crede di poter svolgere ogni incarico senza ricorrere alla magia, ma prima di coricarsi alla sera, non resiste alla tentazione di giocare un po' con la bacchetta e fa comparire per sé un sontuoso abito giallo. Il giorno successivo, dopo aver a lungo ricevuto i paesani, Aurora si arrende e usa la magia per aiutare un contadino che chiedeva galline e maiali, ma la sua inesperienza causa bizzarri effetti, tra cui galline enormi, maiali verdi, la trasformazione del contadino in un papero e una mandria di mucche. Dopo aver capito che usare la bacchetta è un errore, usa la testa e si sforza di trovare idee che le permettano di risolvere i problemi da sola.

Aspetto Fisico[modifica | modifica wikitesto]

Aurora è una bellissima principessa dai lunghi, morbidi e mossi capelli dorati, labbra rosse e delicate, occhi grandi e azzurri come due zaffiri, lineamenti morbidi, viso delicato e pulito e corpo snello, slanciato e perfettamente in salute. Il suo aspetto rispecchia a pieno la bellezza di una fanciulla.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito ufficiale delle Principesse Disney, su disney.go.com.
  2. ^ Hilary White, 40 Disney Princess Secrets You Never Knew Growing Up, su PopSugar, 19 gennaio 2016. URL consultato il 27 gennaio 2016.
  3. ^ Andreas Deja, The Nine Old Men: Lessons, Techniques, and Inspiration from Disney's Great Animators, United States, CRC Press, 2015, pp. 359, ISBN 978-1-135-01586-2.
  4. ^ Charles Solomon, Marc Davis; Early Disney Animator, Art Teacher, su Los Angeles Times, Los Angeles Times, 14 gennaio 2000. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  5. ^ Jeff Labrecque, How Disney's legendary animator helped Maleficent steal 'Sleeping Beauty', su Entertainment Weekly, Entertainment Weekly Inc, 1º ottobre 2014. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  6. ^ Jérémie Noyer, Once Upon A Dream: Mary Costa as Sleeping Beauty‘s Princess Aurora, su Animated Views, Animated Views, 7 ottobre 2008. URL consultato il 21 gennaio 2016.
  7. ^ John Clark, Giving a voice to 'Beauty' / Mary Costa remembers working with Walt Disney, su SFGate, Hearst Communications, 28 settembre 2003. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  8. ^ 90 Facts You Didn't Know About Disney, su Empire, 14 ottobre 2013. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  9. ^ Renata Joy, Disney Princess Enchanted Tales: Follow Your Dreams DVD Review, su dvdizzy.com, 3 settembre 2007. URL consultato il 1º gennaio 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Disney Portale Disney: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Disney