Gli allegri eroi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Allegri eroi)
Jump to navigation Jump to search
Gli allegri eroi
Poster - Bonnie Scotland 02.jpg
un poster originale del film
Titolo originaleBonnie Scotland
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneUSA
Anno1935
Durata81 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,85:1
Generecomico, sentimentale
RegiaJames W. Horne
SoggettoStan Laurel e Oliver Hardy
SceneggiaturaFrank Butler

Jefferson Moffit

Stan Laurel (non accreditato) Albert Austin (non accreditato) James W. Horne (non accreditato)

Charley Rogers (non accreditato)
ProduttoreHal Roach
Casa di produzioneHal Roach Studios
FotografiaArt Lloyd e Walter Lundin
MontaggioBert Jordan
Effetti specialiRoy Seawright (non accreditato)
ScenografiaCarroll Clark, Van Nest Polglase
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
1° doppiaggio (1936):

2° doppiaggio (1957):

3° doppiaggio (1985):

Gli allegri eroi (Bonnie Scotland), anche noto come Gli allegri scozzesi o semplicemente Allegri scozzesi, è un film del 1935 diretto da James W. Horne, con Stanlio e Ollio.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Stanlio e Ollio evadono dal carcere dove sono reclusi e vanno in Scozia, da dove è giunta notizia che Stanlio è tra gli eredi designati dal nonno Angus McLaurel, un imprenditore scozzese appena morto. I due amici sono convinti di stare per diventare ricchi, ma l'eredità di circa 200 000 sterline e le proprietà spettano in realtà alla sorellastra di Stanlio, Lorna, la quale dovrà recarsi nell'India britannica dal colonnello Gregor McGregor, comandante delle truppe coloniali, nominato suo tutore del patrimonio finché essa non compirà 21 anni.

Stanlio e Ollio, giunti da Miggs, scoprono che la loro parte di eredità consiste in una tabacchiera e una cornamusa. Non sapendo dove andare, decidono di restare per un po' a sbafo nell'hotel. Più tardi i due discutono di fuggire nel lontano ovest per sfuggire alla cattura pendente su di loro negli Stati Uniti.

Rimasti senza un soldo e dovendo saldare il conto all'albergo, vengono cacciati via. Entrano quindi per errore nell'ufficio di reclutamento dell'esercito britannico; ignari firmano il modulo di arruolamento e si ritrovano arruolati. Vengono destinati ad andare in India, nel medesimo reparto del colonnello McGregor, sicché il fidanzato di Lorna, Alan Douglas, decide di arruolarsi e partire con loro per raggiungere la sua fidanzata.

Frattanto si scopre che Lorna, grazie alle abili mosse di lady Ormsby, si è ormai quasi scordata di Alan, legandosi sentimentalmente al colonnello McGregor. Alan, ignaro di tutto, fa per andare a trovarla, ma la vede mano nella mano col colonnello; furioso, fa per scagliarsi contro di loro, ma viene bloccato e tratto agli arresti. Dalla prigione egli consegna a Stanlio ed Ollio un biglietto confidenziale per Lorna, che però i due, goffamente, consegnano nelle mani del colonnello McGregor, il quale, perplesso, chiede spiegazioni alla sorella, che prontamente tenta di glissare, temendo che il suo piano possa andare in fumo, ma invano: Gregor è un uomo buono, vuole rimanere solo tutore di Lorna, così decide di rivelare tutto alla ragazza, liberando Alan.

Il giorno dopo però le trame di lady Ormsby vengono svelate anche a Lorna: la sorella del colonnello aveva intercettato tutte le lettere di e per la ragazza. La giovane a quel punto vuole incontrare Alan, allora Ormsby si commuove, forse consegnandosi alla polizia, e cessa di essere invidiosa verso il prossimo, dicendo che Alan è partito con tutto il reparto alla volta di forte Landon, minacciato da Khan Mir Jutra. Partono con lui anche Stanlio e Ollio; in particolare il primo, che a più riprese saltella durante la marcia, fa perdere il passo a tutte le truppe, financo al sergente Finlayson, che ormai cova un livore incontenibile verso i due.

Il giorno seguente un indiano viene catturato mentre sta minando il portone del forte e condotto in catene dal colonnello McGregor, che apprende così dell'astuto piano di Mir Jutra per sconfiggere le truppe scozzesi. Il generale delle truppe scozzesi decide dunque di organizzare uno stratagemma, mandando alcuni soldati semplici vestiti da ufficiali a pranzo con Mir Jutra, mentre i veri comandanti, tra cui McGregor, sarebbero rimasti al loro posto per prendere in trappola il nemico. I prescelti per la missione pericolosa sono il sergente Finlayson, Alan, Stanlio e Ollio.

Al mattino dell'indomani i quattro partono per la reggia di Mir Jutra, le cui truppe, credendo di aver vinto con Gregor lontano, si preparano a far scoppiare la mina a forte Landon, dove nel frattempo è giunta anche Lorna, ormai determinata a ricongiungersi con Alan, che però scopre essere partito anche lui per il "pranzo a corte". Le truppe di Mir Jutra partono poco dopo l'esplosione all'attacco del forte, ma una volta penetrate nel cortile vengono circondate e sbaragliate rapidamente dai soldati scozzesi al comando di McGregor, che li arresta tutti quanti. Lorna non vuole più aspettare e corre con le truppe del colonnello alla reggia per salvare Alan e gli altri.

Nel frattempo, i quattro soldati falsamente ufficiali stanno pranzando con Mir Jutra, che non conosce i loro volti. La pacchia però dura poco: ad un certo punto i servitori portano via tutto il cibo ed immobilizzano i quattro soldati, credendo che Ollio sia McGregor. Ai due amici di sempre, vista la loro stupidità, vengono consegnate delle pistole per suicidarsi: per primo tocca all'ingenuo Stanlio, che però sbaglia mira e sopravvive, mentre un messaggero dice a Mir Jutra che McGregor era al forte, ha catturato le loro truppe e che Ollio non è il vero colonnello. A quel punto Ollio, capendo che la missione è riuscita e presa in mano la situazione vera delle pistole, diventa intelligente e punta la sua arma sulla folla dei cortigiani indiani, ma lascia accidentalmente partire un colpo, che abbatte il lampadario della sala sugli uomini e scatena un putiferio: Stanlio e Ollio, inseguiti da una folla di indiani furiosi, escono dalla finestra e scappano attraverso il giardino; nella foga finiscono però in una zona in cui sono collocate delle arnie, col risultato di far fuoriuscire da esse una miriade di api furiose. I due ne approfittano: scagliando gli alveari sulla folla riescono a sbaragliare il nemico, anche se le api si rivoltano pure contro di loro e li attaccano. Lorna si ricongiunge con l'amato Alan, decisa a sposarlo, mentre Finlayson atterra i cortigiani e Mir Jutra viene ucciso per legittima difesa. Stanlio ed Ollio fuggono dal palazzo, inseguiti da uno sciame di api, e piombano in mezzo alle truppe scozzesi che venivano in loro soccorso, seminando il caos.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuito dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM), uscì nelle sale cinematografiche USA il 23 agosto 1935.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Violet nell'edizione originale

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema