Allegri imbroglioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Allegri imbroglioni
Gli allegri imbroglioni.jpeg
Laurel & Hardy in una scena del film
Titolo originaleJitterbugs
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1943
Durata73 min
68 min ca. (versione italiana)
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,37.1
Generecommedia, musicale
RegiaMalcolm St. Clair
SoggettoMalcolm St. Clair (non accreditato)
SceneggiaturaW. Scott Darling
ProduttoreSol M. Wurtzel
Produttore esecutivoWilliam Goetz (non accreditato)
Casa di produzione20th Century Fox
FotografiaLucien Andriot
MontaggioNorman Colbert
Effetti specialiFred Sersen
MusicheCharles Newman e Lew Pollack (canzoni), Eric Newman, Geneva Sawyer (balli)
CostumiN'Was McKenzie
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Allegri imbroglioni (Jitterbugs) è un film del 1943 con Stanlio e Ollio, diretto da Malcolm St. Clair. È noto anche col titolo Gli allegri imbroglioni.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Stanlio e Ollio sono due musicisti che rimangono bloccati nel deserto con la propria auto perché hanno finito la benzina; considerando che l'unica pompa di benzina nelle vicinanze è fuori servizio, i due chiedono aiuto e dopo essere stati inizialmente ignorati, vengono soccorsi da Chester Wright, un uomo che sostiene di aver inventato una pillola gassogena che trasforma l'acqua in benzina.I due decidono di mettersi in affari con Chester organizzando un evento musicale in città in cui venderanno le pillole ma alla fine, un cittadino che aveva sperimentato la pillola versandola nel serbatoio della sua auto, scopre l'inganno ma vengono salvati da Chester che, spacciandosi per un agente di polizia, permette ai due di tagliare la corda.

Nel frattempo Chester conosce Susan Cowan, una donna incontrata alla festa alla quale presume che sua madre nel concludere un affare immobiliare, sia stata raggirata e derubata per una cifra di 10.000 dollari da una banda di delinquenti che egli riconosce da una fotografia stampata su un giornale. Accertatasi direttamente dall'avvocato di famiglia che si è trattata di una truffa, Susan, pur di recuperare il denaro, si unisce a Chester e a Stanlio e Ollio scoprendo che la somma è in possesso a Henry Corcoran, uno dei componenti della banda che viene rintracciato in un hotel dove i due si fingono rispettivamente il colonnello Panta Leo Bixy e il suo assistente facendo credere di depositare nella cassaforte dell'hotel la somma di 20.000 per attirarlo in trappola. Quando Ollio entra nella sua stanza fingendosi un ufficiale di polizia per arrestarlo, reo di aver truffato la madre di Susan, egli dopo aver confessato e restituito i contanti, si scopre essere in possesso solamente della metà del bottino in quanto l'altra metà è in possesso al socio Malcolm Bennet. Susan decide quindi di farsi assumere sotto copertura come ballerina e cantante a bordo di una nave gestita proprio da Bennet per recuperare i restanti 5.000 dollari.

Affinché possano attuare l'ultima parte del piano, Stanlio si traveste da moglie del colonnello fingendosi allo stesso tempo una facoltosa zia di Boston di Susan intenzionata a fare affari con Bennet convincendolo ad investire 10.000 dollari con lo scopo di attirare e far venire allo scoperto il resto della banda. Insieme a Chester organizzano un piano per recuperare il denaro proprio come la banda fece con la madre di Susan ovvero utilizzando il trucco delle buste mettendo dentro dei ritagli di giornale in una e nell'altra i 10.000 dollari con la speranza che lo scambio venga effettuato nel modo corretto; i due riescono a reggere il gioco per un po' ma poi vengono scoperti e minacciati di rivelare dove fosse il denaro autentico intuendo sia in custodia a Chester, il quale sembra essersela svignata coi contanti facendo pensare ai propri compari che egli abbia fatto il doppio gioco per tutto questo tempo.

Stanlio e Ollio vengono condotti e sorvegliati nella sala macchine della nave dove Ollio è costretto a spalare carbone nella caldaia perché la guardia crede che Stanlio sia effettivamente una donna. Tuttavia, quando Stanlio dà alla guardia una pillola gassogena credendo fosse utile per curarsi dall'acidità di stomaco, i due riescono a fuggire quando il sorvegliante comincia a galleggiare per aria ma nel tentativo di tornare a terra, attiva accidentalmente la leva di accelerazione della nave permettendo ai due di fuggire dal locale caldaie e salvare Susan dalle grinfie di Tony Queen, altro socio di Bennet, sempre grazie alla pillola. Nel frattempo giungono sulla nave Chester e la polizia portuale che arresta la banda e rivela a Susan, di non aver mai tradito lei e gli amici e chiarisce che aveva fatto perdere le proprie tracce solo per poter trasferire immediatamente i 10.000 dollari alla madre di Susan, mostrandole una ricevuta come prova effettiva ricevendo le sue scuse. Alla fine Stanlio e Ollio vengono inseguiti dal resto della banda e costretti a tuffarsi in acqua per non essere catturati.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Il doppiaggio è stato effettuato da Mauro Zambuto e Alberto Sordi. Sono state omesse tuttavia alcune scene: una breve sequenza di dialogo iniziale di Stanlio e Ollio con Chester sulla strada del deserto, e una finale, in cui Stanlio, vestito da donna, improvvisa alcune gag.

Nella versione che la Mediaset trasmette in TV il film è tagliato, mentre nella distribuzione in DVD, le scene tagliate sono sottotitolate.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema