Salmo 23

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Salmi.

Gesù buon pastore. Mausoleo di Galla Placidia, Ravenna.

Il Salmo 23 (numerazione greca: salmo 22) è uno dei salmi più conosciuti e una delle pagine più lette dell'Antico Testamento. In esso, l'autore (Davide) descrive Dio come il suo pastore; presso i cristiani il salmo è anche noto come il salmo "del buon Pastore".

Tema e testo[modifica | modifica sorgente]

Dio viene descritto nel ruolo di protettore e fornitore di alimento. Il salmo è normalmente recitato e cantato sia dagli ebrei sia dai cristiani; per i cristiani, il termine Signore è riferito talvolta a Gesù stesso, che nel Vangelo secondo Giovanni si è dichiarato il "Buon Pastore"[1].

(HE)
« מִזְמ֥וֹר לְדָוִ֑ד יְהוָ֥ה רֹ֜עִ֗י לֹ֣א אֶחְסָֽר׃

בִּנְא֣וֹת דֶּ֭שֶׁא יַרְבִּיצֵ֑נִי עַל־מֵ֖י מְנֻח֣וֹת יְנַהֲלֵֽנִי׃
נַפְשִׁ֥י יְשׁוֹבֵ֑ב יַֽנְחֵ֥נִי בְמַעְגְּלֵי־צֶ֗֜דֶק לְמַ֣עַן שְׁמֽוֹ׃
גַּ֤ם כִּֽי־אֵלֵ֙ךְ בְּגֵ֪יא צַלְמָ֡וֶת לֹא־אִ֨ירָ֤א רָ֗ע כִּי־אַתָּ֥ה עִמָּדִ֑י שִׁבְטְךָ֥ וּ֜מִשְׁעַנְתֶּ֗ךָ הֵ֣מָּה יְנַֽחֲמֻֽנִי׃
תַּעֲרֹ֬ךְ לְפָנַ֙י׀ שֻׁלְחָ֗ן נֶ֥גֶד צֹרְרָ֑י דִּשַּׁ֖נְתָּ בַשֶּׁ֥מֶן רֹ֜אשִׁ֗י כּוֹסִ֥י רְוָיָֽה׃
אַ֤ךְ׀ ט֤וֹב וָחֶ֣סֶד יִ֭רְדְּפוּנִי כָּל־יְמֵ֣י חַיָּ֑י וְשַׁבְתִּ֥י בְּבֵית־יְ֜הוָ֗ה לְאֹ֣רֶךְ יָמִֽים׃ »

(IT)
« Salmo. Di Davide.
Il Signore è il mio pastore: non manco di nulla; su pascoli erbosi mi fa riposare, ad acque tranquille mi conduce.
Mi rinfranca, mi guida per il giusto cammino, per amore del suo nome.
Se dovessi camminare in una valle oscura, non temerei alcun male, perché tu sei con me. Il tuo bastone e il tuo vincastro mi danno sicurezza.
Davanti a me tu prepari una mensa sotto gli occhi dei miei nemici; cospargi di olio il mio capo. Il mio calice trabocca.
Felicità e grazia mi saranno compagne tutti i giorni della mia vita, e abiterò nella casa del Signore per lunghissimi anni. »
(Salmi 23,1-6)

Il salmo nella musica[modifica | modifica sorgente]

Le parole di questo salmo sono state sovente messe in musica, in particolare da scrittori di inni.

Musica classica[modifica | modifica sorgente]

Versioni musicali del salmo sono state scritte da numerosi compositori classici, tra i quali Johann Sebastian Bach (Coro di apertura della Cantata No.112 Der Herr ist mein getreuer Hirt BWV 112) e Franz Schubert.

Musica contemporanea[modifica | modifica sorgente]

La fortuna musicale del salmo è continuata nella musica contemporanea grazie alla rielaborazioni proposte da artisti come Duke Ellington e alle incisioni, anche provocatorie, realizzati da gruppi come i Pink Floyd (Sheep, nell'album Animals ) e da cantanti come Alpha Blondy (introduzione, nei concerti, alla canzone Jerusalem).

Anche la versione originale, in ebraico, è stata spesso riportata in forma musicale[2].

Riferimenti bibliografici[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Gv 10,14
  2. ^ In Italia ha avuto ad esempio fortuna una canzone tratta dal film Jona che visse nella balena, intitolata Gam Gam, il cui testo è il quarto versetto del salmo.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]