Megadeth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Megadeth
I Megadeth al Sonisphere 2010. Da sinistra verso destra: David Ellefson, Dave Mustaine, Chris Broderick e Shawn Drover.
I Megadeth al Sonisphere 2010. Da sinistra verso destra: David Ellefson, Dave Mustaine, Chris Broderick e Shawn Drover.
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Thrash metal[1][2]
Speed metal[1][2]
Heavy metal[1][2]
Periodo di attività 19832002
2004in attività
Etichetta Combat Records (1984−1986)
Capitol Records
(1986−2000)
Sanctuary Records (2001−2006)
Roadrunner Records (2006−2012)
Tradecraft
(2013−presente)
Album pubblicati 26
Studio 14
Live 6
Raccolte 6
Sito web

I Megadeth sono un gruppo thrash metal statunitense formatosi a Los Angeles nel 1983. Sono considerati tra i più influenti e significativi sviluppatori del thrash metal, insieme a Metallica, Slayer ed Anthrax.[3][4]

Il gruppo è stato fondato da Dave Mustaine, chitarrista solista dei Metallica dal 1981 al 1983, anno in cui fu cacciato dal gruppo a causa del suo carattere litigioso e per l'abuso di droghe. Egli è l'unico componente rimasto della formazione originaria insieme a David Ellefson, se si esclude l'assenza di quest'ultimo dal 2004 al 2009. Nel corso della loro storia i Megadeth cambiarono più volte stile musicale, passando dal thrash metal degli esordi ad un heavy metal melodico e poi, per un breve periodo, ad un hard rock dai contenuti industrial rock, ma negli ultimi anni hanno riportato nel proprio sound le vecchie sonorità thrash.

Nel 1990 il gruppo pubblicò quello che per molti viene considerato il migliore album della loro carriera, ovvero Rust in Peace, il quale divenne in poco tempo disco di platino raggiungendo anche la posizione numero 23 nella classifica Billboard 200.[5] Il successivo album, Countdown to Extinction, pubblicato nel 1992, bissò il successo commerciale ottenuto da Rust in Peace raggiungendo la seconda posizione sempre nella classifica Billboard 200, il miglior risultato mai ottenuto dai Megadeth.[6] Il loro album del 2009, Endgame, debuttò alla nona posizione nella classifica Billboard 200,[7] mentre l'album del 2013, Super Collider, debuttò alla sesta posizione della stessa classifica.[8]

Durante la sua carriera quasi trentennale il gruppo ha venduto oltre 38 milioni di dischi in tutto il mondo,[8] con cinque album consecutivi vincitori del disco di platino o multiplatino nei soli Stati Uniti;[8] inoltre, i Megadeth sono stati nominati undici volte ai Grammy Award,[8] precisamente nella categoria "Best Metal Performance".

Il loro ultimo album è stato Super Collider, pubblicato il 4 giugno 2013[9] per la Tradecraft, etichetta discografica creata da Mustaine.[10]

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi (1983-1984)[modifica | modifica wikitesto]

Dave Mustaine

Dave Mustaine, dopo essere stato cacciato dai Metallica a causa di litigi personali con James Hetfield e per la sua tendenza ad abusare di alcol e droghe,[11] decise di cercare musicisti per formare un nuovo gruppo. Il nuovo progetto venne battezzato con il nome Megadeth, nome che ha un'origine tra il macabro e lo humour nero, sebbene il suo ideatore intendesse riferirsi soprattutto alla potenza sonora sprigionata dalla band[senza fonte]: un "megadeath", infatti, corrisponde al potenziale distruttivo di una testata nucleare capace di provocare la morte di almeno un milione di persone. Il nome venne preso da un articolo di giornale sulle conseguenze di un'esplosione atomica che Mustaine lesse su un pullman mentre tornava a Los Angeles, dopo l'allontanamento dai Metallica.[senza fonte] Il musicista avrebbe dichiarato in seguito, parlando di questo avvenimento:

« Dopo essere stato licenziato dai Metallica, tutto ciò che ricordo è che volevo sangue. Il loro. Volevo essere più veloce e più pesante di loro »
(Dave Mustaine[12])

Poco dopo iniziarono i reclutamenti con il bassista Matt Kisselsten e il batterista Dijon Carruthers ma, in poco tempo lo stesso Kisselsten viene sostituito da David Ellefson, che portò anche un suo amico a completare le chitarre, Greg Handevidt. Dopo le prime apparizioni nei club di San Francisco, Handevidt e Carruthers lasciarono il gruppo; alcune indiscrezioni affermarono che Greg, il primo batterista del gruppo, venne invece licenziato a causa della sua calvizie.[13]

Dopo l'ingresso nella formazione del batterista Lee Rausch, Mustaine ed Ellefson non riuscirono a trovare né un chitarrista disoccupato, né un cantante; per questo motivo scelgono di contattare Kerry King, già militante degli Slayer e, nell'impossibilità di risolvere il problema della voce, Dave decise di diventare anche il cantante del gruppo. Anche questa formazione durò pochissimo, in quanto Rausch entrò nei Dark Angel mentre King litigò con Mustaine per incompatibilità personale,[14] abbandonando così il progetto per dedicarsi solamente agli Slayer.

Il primo album (1984-1985)[modifica | modifica wikitesto]

Dave Mustaine, leader dei Megadeth

Nel 1984, subentrarono Gar Samuelson[15] alla batteria e Chris Poland alla chitarra, entrambi provenienti da un gruppo jazz/fusion chiamato "The New Yorkers": questa sarà la prima formazione ufficiale dei Megadeth. L'anno successivo, i Megadeth pubblicarono il primo album, Killing Is My Business... And Business Is Good! attraverso la Combat Records. Il disco presenta tratti elaborati ricchi di elementi thrash, speed metal e punk, ma mostra le sue carenze a livello di produzione. La band infatti spese in droga metà degli 8.000 dollari concessi dalla etichetta per produrre l'album[12] e Mustaine sarà costretto a licenziare il produttore per mancanza di denaro e scegliere la strada dell'autoproduzione.[16]

Nell'album è presente la canzone Mechanix, composta da Mustaine durante la sua militanza nei Metallica ed originariamente intitolata The Mechanics (i Metallica rielaborarono anch'essi il brano, intitolandolo The Four Horsemen ed inserito nell'album Kill 'Em All. Tra le canzoni presenti all'interno del disco spicca anche una cover in versione speed metal del noto brano di Nancy Sinatra These Boots Are Made for Walking, che viene giudicata "vile ed offensiva" dal compositore Lee Hazlewood[12] e, dopo una causa legale, al leader dei Megadeth viene impedito di inserire il brano nella ristampa del 1995 e viene costretto a pagare delle royalties all'autore (tuttavia nel 2002 il problema fu aggirato inserendo dei "beep" all'interno della traccia).[12]

Nell'estate 1985, il gruppo intraprense il tour promozionale del disco in Canada e Stati Uniti d'America, facendo da spalla agli Exciter.

L'ascesa (1986-1988)[modifica | modifica wikitesto]

Chris Poland al termine del tour decise di abbandonare il gruppo per poi ritornarvi già nell'ottobre dello stesso anno; durante la sua assenza, il turnista Mike Albert prese temporaneamente il suo posto.[15] Al suo ritorno, la formazione compose del materiale per il secondo disco, completandolo per marzo 1986, senza tuttavia restare soddisfatta del risultato finale, a causa di pochi mezzi economici forniti dalla casa discografica. Per questo motivo, i Megadeth decisero di lasciare la Combat vista anche l'occasione di firmare per la major Capitol Records.

La nuova casa discografica comprò i diritti anche dell'album a cui i Megadeth stavano lavorando, ingaggiando Paul Lani per effettuare un nuovo missaggio del disco, ed è così che nel novembre 1986, dopo oltre un anno dall'inizio delle registrazioni, arriva sul mercato Peace Sells... But Who's Buying?, considerato uno dei più influenti lavori di stampo thrash metal.[17] L'album ottenne un notevole successo, venendo certificato disco di platino dalla RIAA.[1] La copertina del disco venne affidata ad Ed Repka, che fece esordire la mascotte della band, Vic Rattlehead. Nonostante le tematiche dell'album riguardano perlopiù l'horror, alcuni brani come Peace Sells mostrano anche tematiche politiche. Proprio quest'ultimo brano ottenne subito buoni consensi, entrando prima nella rotazione musicale di MTV e successivamente tra le migliori 40 canzoni metal dell'emittente VH1.

Nel mese di febbraio 1987, i Megadeth intrapresero una tournée, facendo da spalla ad Alice Cooper per il suo Constrictor tour. A questo seguì prima un breve tour di spalla ai Mercyful Fate negli Stati Uniti e un altro nella veste di attrazione principale a fianco di Overkill e Necros.[15] Tuttavia, l'abuso di droghe e la scarsa attenzione sul lavoro da parte di Chris Poland e Gar Samuelson spinse Mustaine a licenziarli dopo l'ultimo show del tour. I due furono immediatamente sostituti dal batterista Chuck Behler, tecnico di Samuelson, e dal chitarrista Jay Reynolds, sostituito ben presto dal suo maestro di chitarra Jeff Young, con il quale nel giro di sole sei settimane venne composto il nuovo album. Mustaine inoltre dichiarò in un'intervista che Poland, per poter acquistare droghe, vendette parte della sua strumentazione.[18] Il brano Liar è una dedica diretta dal cantante verso il chitarrista.

Con questa nuova formazione, nel 1988 venne pubblicato il terzo album in studio So Far, So Good... So What!, che contiene grandi successi del gruppo come la cover dei Sex Pistols Anarchy in the U.K. (ribattezzata Anarchy in the USA) e il brano In My Darkest Hour, dedicato alla memoria di Cliff Burton,[19][20] all'epoca bassista dei Metallica, morto in un incidente stradale in Svezia durante il tour promozionale dell'album Master of Puppets.[21][22] Il testo, infatti, parla di una persona in punto di morte che resta sola, abbandonata dagli affetti femminili, una condizione che non di rado si ritrova nelle canzoni dei Megadeth.

La produzione del disco si rivelerà molto tumultuosa a causa della tossicodipendenza del frontman[23] e per via del licenziamento di Paul Lani a causa di un missaggio non gradito per la batteria, sostituito da Michael Wagener, che si impegnò a farne uno nuovo.[23] Nel giugno 1988, i Megadeth apparirono nel film documentario The Decline of Western Civilization Part II: The Metal Years di Penelope Spheeris, che documenta la scena glam metal di Los Angeles. In seguito Mustaine dichiarò in un'intervista del 1991 che in quell'occasione la band fu accomunata a "un mucchio di band di merda".[senza fonte]

La droga (1988-1990)[modifica | modifica wikitesto]

I Megadeth iniziarono il tour promozionale per So Far, So Good... So What!, prima come supporto ai Dio, in seguito agli Iron Maiden e, nell'agosto 1988, il complesso apparve al Monsters of Rock al Donington Park, a fianco di band come Kiss, Guns N' Roses e David Lee Roth, di fronte a centomila persone. In seguito a questa apparizione la band entrò a far parte del cast del Monster of Rock European Tour, per poi venire subito esclusa dopo la prima data.

L'allontanamento di Jeff Young e Chuck Behler, proprio come avvenuto in precedenza con Chris Poland e Gar Samuelson, provocò la cancellazione del tour in Australia, mentre Mustaine dichiarò che dai piccoli diverbi iniziali con i due, si era passati a una vera e propria guerra.[24] Nel luglio 1989 venne ingaggiato Nick Menza, inizialmente tecnico della batteria di Behler e, non riuscendo a trovare un chitarrista, la band incise una cover di Alice Cooper, No More Mr. Nice Guy, che venne inserita nella colonna sonora del film Shocker, di Wes Craven.

Proprio in questo periodo, la tossicodipendenza di Mustaine raggiunse il culmine: nell'estate 1989, durante le audizioni per trovare il chitarrista solista mancante, il frontman fu arrestato per guida in stato di ebbrezza e possesso di sostanze stupefacenti, bloccando l'attività del gruppo proprio quando era in procinto di entrare in studio.[15] Mustaine decise quindi di prendere parte a un programma di disintossicazione.[15][25]

Risolti i problemi della sua voce solista, il complesso tornò alla ricerca di un membro alle sei corde: dopo aver "corteggiato" nomi noti in ambito metal come Dimebag Darrell (Pantera), Erik Meyer (Dark Angel) e Jeff Waters (Annihilator), nel febbraio 1990 la scelta cadde su Marty Friedman, ex-chitarrista dei Cacophony con un album solista alle spalle intitolato Dragon's Kiss.

Il successo (1990-1994)[modifica | modifica wikitesto]

I Megadeth al Gods of Metal 2007

Nel marzo 1990 i Megadeth entrarono in studio con il nuovo produttore Mike Clink e diedero alla luce l'album Rust in Peace, pubblicato il 24 settembre 1990 ed ottenendo un ottimo successo commerciale sia negli Stati Uniti che nel resto del mondo. Il sound dell'album appare decisamente più tecnico, con ritmiche ancora più complesse rispetto ai predecessori e l'ultima fatica in ordine di tempo del quartetto californiano viene più volte indicata come un punto di riferimento nella musica metal.[26]

Dal loro nuovo album vennero estratti due singoli, Holy Wars... The Punishment Due ed Hangar 18, e per entrambe venne realizzato un videoclip. Rust in Peace vendette un milione di copie negli Stati Uniti e ricevette alcune nomination ai Grammy Award del 1991 e del 1992.[27] Nello stesso anno il gruppo partecipò al tour mondiale Clash of the Titans assieme a Slayer, Testament, Suicidal Tendencies, Judas Priest e Alice in Chains, che si rivelerà un grande successo per il pubblico, registrando più volte il "tutto esaurito"; poco dopo venne pubblicato il primo home video, Rusted Pieces.

Nel gennaio 1992, il gruppo rientrò in studio con il nuovo produttore Max Norman, che gli chiese di virare verso canzoni più brevi e commerciali;[28] per la prima volta, tutti i membri parteciparono alla realizzazione dell'album, al punto che sarà lo stesso Nick Menza a proporre il titolo dell'album.[29] Il 14 luglio 1992 i Megadeth pubblicarono Countdown to Extinction, il quale esordì alle posizioni alte della classifica Billboard 200 ed ottenendo rapidamente un doppio disco di platino negli Stati Uniti, oltre ad alcune nomination ai Grammy.[27] Nel novembre 1992 uscì il secondo video della band, Exposure of a Dream, contenente i video estratti dall'ultimo album.

La band iniziò un tour in supporto al nuovo disco a fianco di Pantera, Suicidal Tendencies e Stone Temple Pilots come band d'apertura. Questi concerti tuttavia segnarono il ritorno alla dipendenza da stupefacenti per Dave Mustaine, il quale si vide costretto a interrompere il tour per riabilitarsi; una volta ripresosi, i Megadeth proseguirono il loro tour, suonando in una data con i Metallica: in questa occasione il leader dei Megadeth dichiarò che i dissapori tra le due band erano ormai risolti.[30] Il quartetto californiano, inoltre, iniziò un secondo tour come supporto degli Aerosmith ma, a causa di alcuni dissapori legati alle condizioni contrattuali imposte da questi ultimi, i Megadeth vennero rimossi dall'evento dopo solo sette date.[31]

L'evoluzione (1994-1999)[modifica | modifica wikitesto]

Dave Ellefson

All'inizio del 1994 il gruppo ingaggiò il produttore Max Norman e costruì uno studio di registrazione privato, poi soprannominato Fat Planet in Hangar 18, in cui lavorare alla creazione e all'arrangiamento del nuovo album. Le immagini provenienti da questa operazione vennero conservate e, successivamente, utilizzate per la realizzazione di un nuovo video, intitolato Evolver: The Making of Youthanasia.

Dopo otto mesi trascorsi in studio, il 1º novembre 1994 uscì Youthanasia; il nuovo disco debuttò subito nelle parti alte della classifica Billboard, ottenendo rapidamente il disco di platino negli Stati Uniti e quello d'oro in Canada. L'album, a causa delle pressioni da parte del nuovo produttore, risultò essere ancora più commerciale rispetto al predecessore,[32] conservando da un lato un nucleo metal, ma dall'altro dando maggior risalto alle linee vocali e alla melodia.[32]

I Megadeth abbandonarono il look thrash che lo aveva caratterizzato fino a questo momento, in favore di uno più curato[33] e, per promuovere il nuovo lavoro, intrapresero un tour di undici mesi con il supporto di Corrosion of Conformity, Flotsam and Jetsam, Korn e Fear Factory. Culmine di questa fase è la partecipazione in qualità di attrazione principale al Monsters of Rock in Brasile e l'ottenimento di una sesta nomination ai Grammy Award.

Nel marzo 1995, Youthanasia venne ripubblicato in Europa, accompagnato da una raccolta di cover e b-sides, Hidden Treasures. Dopo quest'ultimo tour di supporto, Mustaine accantonò temporaneamente i Megadeth dedicandosi al side-project MD.45 e poco dopo riprese le redini dei Megadeth scegliendo la ESP per la fornitura degli strumenti e ingaggiando un nuovo manager, Bud Prager, già noto per la sua passata collaborazione con i Foreigner. Sarà proprio a quest'ultimo che, come il suo predecessore Max Normann, verrà imputata la svolta ancora più evidente della band verso il rock commerciale, convincendola a lavorare con il produttore Dann Huff, ex membro dei Giant.

Nel settembre 1996 i Megadeth iniziarono a lavorare al nuovo album, che doveva inizialmente chiamarsi Needles and Pins. La fase di scrittura delle canzoni venne supervisionata da Prager, che suggerisce anche testi e titoli per i nuovi brani[senza fonte]. In merito a queste scelte, Mustaine avrebbe in seguito dichiarato di ritenere il neoacquisito produttore l'uomo in grado di fargli creare l'album "numero uno" che tanto cercava. A causa di problemi legati alla copertina del disco, però, la band sarà costretta a cambiare il titolo e la copertina dell'album, che tuttora risulta l'unico in cui non appare la mascotte Vic Rattlehead.

Il 17 giugno 1997 uscì Cryptic Writings che debuttò alla decima posizione della Billboard 200, guadagnandosi per la sesta volta consecutiva per un album dei Megadeth il disco d'oro. Trust fu il primo singolo estratto dal disco nonché il primo a raggiungere la migliore posizione nella Hot Mainstream Rock Tracks, strappando ancora una volta una nomination ai Grammy come Best Metal Performance. In seguito, l'album produsse altre canzoni in grado di popolare la Top 20 nella Hot Mainstream Rock Tracks, come Almost Honest (alla posizione 8), Use the Man (alla posizione 15) e A Secret Place (alla posizione 19). A un anno dalle ultime apparizioni sul palco, i Megadeth iniziarono nel 1997 un tour con i Misfits e, successivamente, a fianco di Life of Agony e Coal Chamber negli Stati Uniti. Nel luglio 1998, la band prese parte all'Ozzfest ma, a metà del tour, il batterista Nick Menza scopri di avere un tumore al ginocchio che lo costrinse ad abbandonare il progetto per curarsi. Venne chiamato a sostituirlo il musicista Jimmy DeGrasso, prima solo temporaneamente, poi entrando in pianta stabile nella formazione quando Mustaine dichiarò che Menza aveva mentito sul suo tumore.[34]

La crisi e lo scioglimento (1999-2002)[modifica | modifica wikitesto]

I Megadeth live alla Brixton Academy

Nelle interviste successive alla fine della tournée, Mustaine cominciò a parlare di una vera e propria rivoluzione nel sound del gruppo e di un disco che non avrebbe avuto precedenti. Le sue parole presero corpo nel 1999 con l'uscita di Risk, considerato il più grande passo falso della formazione.

Il suono della band era radicalmente cambiato, il metal venne completamente abbandonato in favore di un rock melodico e fortemente contaminato dall'industrial rock come ad esempio nel singolo Crush'Em.[35] Il disco venne stroncato dalla critica e dai fan e per la prima volta Mustaine venne "punito" per aver cercato a tutti i costi la formula vincente.[35] L'album divenne un totale insuccesso commerciale, vendendo 500.000 copie negli Stati Uniti (il risultato di vendite più basso dai tempi di Peace Sells... But Who's Buying?. Comunque, alcuni critici musicali hanno sostenuto che il disco presenta alcuni brani di modesto valore come Prince of Darkness, Breadline e Seven.[senza fonte]

Questo portò la Capitol ad abbandonare il gruppo, facendogli "completare" gli obblighi contrattuali, l'anno dopo, con la pubblicazione di una raccolta, Capitol Punishment: The Megadeth Years, dal titolo decisamente ironico vista la situazione. Mustaine darà la colpa dell'insuccesso ai produttori e a Marty Friedman che partecipò alla composizione di quasi tutti i pezzi di Risk. Quest'ultimo venne allontanato dai Megadeth dopo vari screzi con il leader[15] e il suo posto venne preso da Al Pitrelli, chitarrista famoso per aver suonato con gruppi quali come Asia, Alice Cooper, Widowmaker e Savatage.

Nel 2001 venne dato alle stampe The World Needs a Hero dalla Sanctuary Records, un album dove Mustaine abbandonò i recenti esperimenti musicali, visti i pessimi risultati commerciali. L'album venne accolto modestamente e le vendite diedero ragione alla scelta del gruppo di tornare al metal. Dalla tournée successiva venne anche realizzato il primo album dal vivo del gruppo, intitolato Rude Awakening. Le vendite cominciarono quindi a risalire ma improvvisamente, il 4 aprile 2002, arrivò la notizia dello scioglimento della band a causa di un problema al polso di Dave Mustaine.[36] In realtà c'è chi sostiene che lo scioglimento fosse stato causato dal mancato pagamento di debiti, derivanti da diritti d'autore, da parte di Mustaine stesso nei confronti del bassista Dave Ellefson, per cui successivamente verrà intentata anche una causa.[37]

La rinascita (2004-2007)[modifica | modifica wikitesto]

Megadeth a Bucarest nel 2005

Dopo un periodo di terapia per risolvere il suo problema,[38] Mustaine annunciò il suo ritorno e ricostituì il gruppo, arruolando in modalità provvisoria Chris Poland (il chitarrista degli esordi del gruppo e divenuto nel frattempo maestro di musica), il bassista Jimmie Lee Sloas e il session-man Vinnie Colaiuta, turnista di fama mondiale per la prima volta nella sua carriera alle prese con il metal. Con questa nuova formazione, il gruppo pubblicò nel 2004 il decimo album The System Has Failed.[39]

Visto il discreto successo dell'album, sia in termini di vendite che di gradimento, Mustaine decise di imbarcarsi in un tour con una nuova formazione, dando vita al Gigantour, evento musicale che nelle sue idee avrebbe dovuto costituire una valida alternativa all'Ozzfest. A questo evento parteciperanno gruppi quali Dream Theater e Nevermore. Inoltre, per sua volontà, vennero ristampati tutti i dischi registrati in studio della band, in collaborazione con l'ex etichetta Capitol.

Conclusosi il tour, Mustaine decise di assumere nuovi membri a pianta stabile: James LoMenzo al basso e i fratelli Glen e Shawn Drover (Eidolon), rispettivamente alla chitarra e alla batteria.

Il ritorno al thrash (2007-2010)[modifica | modifica wikitesto]

Chris Broderick con i Megadeth al MetalMania del 2008

Il 6 marzo 2007 venne pubblicato un DVD intitolato That One Night: Live in Buenos Aires nel quale partecipò al basso il turnista James MacDonough, ex Iced Earth. Il concerto venne filmato all'Obras Stadium di Buenos Aires durante il Blackmail the Universe Tour.

Il 15 maggio 2007 è stato pubblicato un nuovo album intitolato United Abominations, descritto da Dave Mustaine con queste parole: "Adoro quest'album, è così duro che lo si potrebbe usare per tagliare il vetro!". Il disco continua il tema politico trattato nell'album precedente, alternando capitoli trascinanti e duri ad altri meno riusciti, risultando un album piacevole ma non fondamentale per la storia dei Megadeth. All'interno del disco inoltre è presente un rifacimento di A Tout Le Monde realizzato con la cantante dei Lacuna Coil Cristina Scabbia ed intitolato A Tout Le Monde (Set Me Free).

In seguito all'abbandono di Glen Drover, il 14 gennaio 2008 Mustaine annunciò l'entrata nel gruppo del chitarrista Chris Broderick. Poco più tardi fu pubblicato il quarto greatest hits dei Megadeth, intitolato The Anthology, un cofanetto costituito da 2CD contenenti i migliori successi del gruppo.[40]

Nel 2009 il gruppo intraprese un lungo tour europeo partecipando al Priest Feast con Judas Priest e Testament.[41] Il 18 giugno 2009, Mustaine annunciò il titolo del dodicesimo album in studio, Endgame, pubblicato il 15 settembre dello stesso anno per la Roadrunner Records.[42]

La band prese parte anche al tour di Canadian Carnage, dove furono l'attrazione principale insieme agli Slayer, accompagnati dai Machine Head e Suicide Silence. In questo tour decisero anche di suonare per la prima volta una delle canzoni del nuovo album, ovvero Head Crusher.[43]

L'album, molto legato al thrash metal anni ottanta,[42] ebbe un buon successo commerciale, diventando anche disco d'oro. Il brano Head Crusher venne nominato per i Grammy Award del 2009 come Best Metal Performance.[44] Il gruppo confermò successivamente la propria partecipazione Big Four Tour con Metallica, Slayer ed Anthrax, reintegrando tra le proprie fila lo storico bassista David Ellefson. Il concerto tenutosi a Sofia (Bulgaria) fu immortalato nel DVD The Big 4: Live from Sofia, Bulgaria.

i Megadeth a Haapsalu nel 2010

Per il ventennale dell'album Rust in Peace il gruppo decise di intraprendere un tour celebrativo eseguendo l'intero album con l'aggiunta di altri brani tratti dal loro repertorio. Il concerto tenutosi al Palladium di New York, in cui la band ha registrato il tutto esaurito, è stato scelto per essere pubblicato in DVD, con il titolo Rust in Peace: Live. Successivamente fu pubblicato anche un nuovo singolo, intitolato Sudden Death e creato appositamente per il videogioco Guitar Hero: Warriors of Rock; la copertina del singolo raffigura la nuova immagine di Vic Rattlehead.

Il presente (2010-oggi)[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 novembre 2010 Dave Mustaine annuncia ufficialmente nel Megadeth Cyber Army Chat Room che i Megadeth cominceranno presto a registrare il tredicesimo album nel Vic's Garage (lo studio privato dei Megadeth) con già 5 canzoni quasi pronte. In chat online con i membri del fan club ufficiale del gruppo Mustaine spiega che l'album seguirà lo stile di Endgame ed in un'intervista Mustaine aggiungerà che le canzoni saranno veloci e "molto molto pesanti"; le canzoni saranno 12 come concordato nel contratto. Come produttore fu ingaggiato Johnny K.

Il 3 giugno 2011 viene annunciato che una nuova canzone, Never Dead verrà inclusa nel trailer di un nuovo videogioco, NeverDead. In occasione della data italiana al Big 4 Tour, i Megadeth eseguirono l'allora inedito Public Enemy No. 1.[45]

L'8 luglio Dave Mustaine annunciò al pubblico il nome del loro tredicesimo album, intitolato Thirteen e pubblicato il 1º novembre.[46] Il 5 febbraio 2012 la famosa rivista statunitense Guitar World conferisce ai membri dei Megadeth alcuni importanti riconoscimenti: Dave Mustaine e Chris Broderick miglior chitarristi del 2011; TH1RT3EN eletto album metal dell'anno e Dave Mustaine classificato come terzo miglior musicista del 2011.

Il 4 giugno 2013 venne pubblicato il quattordicesimo album Super Collider, anticipato dall'omonimo singolo il 22 aprile.[10]

Tematiche[modifica | modifica wikitesto]

I Megadeth al MetalMania del 2008

I Megadeth sono forse la thrash metal band più celebre per i testi di protesta contro la società. I temi più frequenti nei brani del gruppo sono appunto la violenza, la guerra, la malattia e, più recentemente, esperienze personali, in genere di Dave Mustaine.[39] Tematiche di guerra si possono ritrovare in molti brani, come Hangar 18, Return to Hangar, Take No Prisoners, Dawn Patrol, Architecture of Aggression e Set the World a Fire incentrata sugli immediati effetti di una guerra atomica, mentre sulle conseguenze della guerra sono le canzoni Dawn Patrol e Ashes In Your Mouth. Lo stesso nome "Megadeth" è una storpiatura di "megadeath", termine coniato da Herman Kahn, divenuto popolare grazie al suo libro del 1960, On Thermonuclear War, per indicare un milione di morti.

La politica è uno dei temi frequenti nelle canzoni della band[32][39], come per esempio i giudizi sarcastici su Tipper Gore, la PMRC e la censura musicale in Hook In Mouth.[23] Il cinismo nei confronti della politica ha i massimi vertici nei brani Peace Sells, The World Needs a Hero e Blackmail the Universe.[39] Riguardo alle malattie invece, l'album Youthanasia è già un lavoro quasi interamente dedicato a queste, pur se unito ad esperienze personali, quali la droga: si pensi ad A Tout le Monde, le ultime parole di un malato terminale ai suoi cari ed alla stessa Youthanasia, già esplicita di per sé. Inoltre Mustaine si fa paladino dell'ambientalismo nei pezzi Countdown to Extinction e Dawn Patrol, mentre ammonisce i dittatori in Warhorse e Symphony of Destruction.

Tutti questi testi cupi, destabilizzanti e a volte di difficile interpretazione, uniti a quelli riguardanti droga e dipendenza che pure non sono rari (Use the Man, Burnt Ice, Addicted to Chaos) hanno causato alla band problemi e difficoltà, soprattutto circa la censura dei videoclip.

Dave Mustaine con i Megadeth al Priest feast

Nel 1988, il video di In My Darkest Hour, fu censurato da MTV perché l'emittente ritenne il suo contenuto istigante al suicidio. Stessa situazione si creò per il video di A Tout Le Monde, in quanto venne frainteso il testo, che parla di un uomo che dice ai suoi cari le ultime parole. Tuttavia di recente, alcune canzoni si sono spostate su temi religiosi, ad esempio Truth Be Told, che parla della storia di Caino e Abele, e Shadow of Deth, nella quale ci sono parole tratte dal salmo 23 della Bibbia di Re Giacomo.

Mascotte[modifica | modifica wikitesto]

Vic Rattlehead, che si può tradurre in italiano come "Vic Testa sonaglio", è la mascotte ufficiale della band che fu ideata dallo stesso Dave Mustaine. Facendo riferimento allo slang americano, "Rattlehead" è una parola mista che avvicina il verbo "To Rattle" (scuotere) alla parola "Head" (testa), e che dunque indica, con notevole forza metaforica, l'atto del cosiddetto headbanging, praticato durante i concerti Metal. Vic raffigura, fin dall'origine, un teschio con tappi e ostruzioni metalliche alle orecchie e agli occhi, oltre a uncini per chiudere la bocca. Il tutto come esplicito riferimento alla sadica procedura a cui viene sottoposta la vittima della canzone The Skull Beneath the Skin[47].

La mascotte, come i suoi omologhi Eddie the Head degli Iron Maiden e Snaggletooth dei Motörhead, compare su quasi tutte le copertine del gruppo ma, contrariamente ai suoi colleghi, spesso non appare come "icona" con cui il pubblico è portato a identificarsi, ma nelle vesti di "antagonista", incarnazione dell'establishment politico-militare che i Megadeth, nei giorni furiosi e anarchici della loro infanzia, intendevano sfidare e contestare: il personaggio si presenta infatti spesso in giacca e cravatta come un politico, o in veste di scienziato folle, o ancora appare, in un'impeccabile divisa militare, nell'atto di scatenare una guerra atomica.

Vic Rattlehead continua ad apparire sugli album dei Megadeth nonostante la recente conversione di Dave Mustaine al fondamentalismo evangelico e il suo vocale supporto all'ex presidente degli Stati Uniti d'America George W. Bush e alle politiche teocon.[senza fonte] Inoltre, analogamente a quanto avvenuto con le ristampe degli album degli Iron Maiden, anche il dorso dei dischi rimasterizzati dei Megadeth, se affiancati, formano la figura per intero di Vic.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Formazione dei Megadeth.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia dei Megadeth.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Megadeth in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 26 gennaio 2013.
  2. ^ a b c (EN) Megadeth, Metal-archives.com. URL consultato il 22 maggio 2010.
  3. ^ Garry Sharpe-Young, op. cit., p. 112.
  4. ^ Luca Signorelli, 2001, op. cit., p. 117.
  5. ^ (EN) Megadeth - Rust in Peace, Billboard.com. URL consultato il 10 luglio 2011.
  6. ^ (EN) Megadeth - Countdown to Extinction, Billboard.com. URL consultato il 10 luglio 2011.
  7. ^ (EN) Megadeth - Endgame, Billboard.com. URL consultato il 10 luglio 2011.
  8. ^ a b c d (EN) 'Super Collider' Debuts #6 On Billboard's Top 200 Chart, Megadeth.com, 12 luglio 2013. URL consultato il 13 luglio 2013.
  9. ^ (EN) MEGADETH - New Album Street Date Revealed; Pre-Order Available, BraveWords.com, 24 marzo 2013. URL consultato il 21 maggio 2013.
  10. ^ a b (EN) Graham Hartmann, Megadeth Announce June Release for Upcoming Album 'Super Collider', Loudwire.com, 12 febbraio 2013. URL consultato il 21 maggio 2013.
  11. ^ (EN) Megadeth Interviews, Megadeth.rockmetal.art.pl. URL consultato il 19 marzo 2010.
  12. ^ a b c d "Killing Is My Business... And Business Is Good" remastered album notes. Maggio 2002, Loud Records, 9046-2.
  13. ^ Biografia Megadeth, Metallized.it, 22 febbraio 2005. URL consultato il 22 maggio 2010.
  14. ^ (EN) Slayer's Kerry King: "Dave Mustaine Is A Dictator", Metalunderground.com, 9 giugno 2004. URL consultato il 19 marzo 2010.
  15. ^ a b c d e f (EN) History, Megadeth.com. URL consultato il 19 marzo 2010.
  16. ^ (EN) The Realms of Deth - Killing Is My Business... And Business Is Good!, Megadeth.rockmetal.art.pl. URL consultato il 19 marzo 2010.
  17. ^ (EN) Peace Sells...But Who's Buying? in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 26 gennaio 2013.
  18. ^ (EN) Celesete Gomes, So Far, So Good For Megadeth - Taken from Rock, Megadeth.rockmetal.art.pl. URL consultato il 22 maggio 2010.
  19. ^ Joel McIver, op. cit., p. 210.
  20. ^ (EN) Megadeth - So Far, So Good... So What!, Megadeth.rockmetal.art.pl. URL consultato il 30 maggio 2010.
  21. ^ (EN) Cliff Burton, Metallicaworld.co.uk. URL consultato il 30 maggio 2010.
  22. ^ Joel McIver, op. cit., p. 204.
  23. ^ a b c (EN) So Far, So Good...So What! in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 26 gennaio 2013.
  24. ^ (EN) Eric Niles, Rust in Peace, Megadeth.rockmetal.art.pl, settembre 1990. URL consultato il 22 maggio 2010.
  25. ^ (EN) Dave Mustaine, Metalstorm.ee. URL consultato il 22 maggio 2010.
  26. ^ (EN) Megadeth - Rust In Peace, Metalstorm.ee. URL consultato il 22 maggio 2010.
  27. ^ a b (EN) Grammy Awards: Best Metal Performance, Rockonthenet.com. URL consultato il 9 marzo 2010.
  28. ^ (EN) Steve Huey, Countdown To Extinction, Allmusic.com. URL consultato il 22 maggio 2010.
  29. ^ (EN) Deth Metal!, megadeth.rockmetal.art.pl. URL consultato il 22 maggio 2010.
  30. ^ (EN) Megadeth vs. Metallica, Megadeth.rockmetal.art.pl. URL consultato il 22 maggio 2010.
  31. ^ (EN) Dave Ling, Get in the Van, Metal Hammer, gennaio 1998. URL consultato il 22 maggio 2010.
  32. ^ a b c (EN) Youthanasia in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 26 gennaio 2013.
  33. ^ (EN) P. J. Merkle, Megadeth: Bewitched, Bothered and Bewildered, Hit Parader, maggio 1995. URL consultato il 22 maggio 2010.
  34. ^ (EN) Nick Ferres, An Ugly American, Megadeth.rockmetal.art.pl, marzo 2001. URL consultato il 22 maggio 2010.
  35. ^ a b (EN) Risk in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 26 gennaio 2013.
  36. ^ (EN) Megadeth Disbands Press Release, Megadeth.com. URL consultato il 22 maggio 2010.
  37. ^ (EN) Former MEGADETH Bassist Sues DAVE MUSTAINE For $18.5 Million, Blabbermouth.net, 15 luglio 2004. URL consultato il 22 maggio 2010.
  38. ^ (EN) Dan Epstein, Die Another Day, Guitar World, agosto 2003. URL consultato il 22 maggio 2010.
  39. ^ a b c d (EN) The System Has Failed in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 26 gennaio 2013.
  40. ^ (EN) It's Official: MEGADETH Taps NEVERMORE/JAG PANZER Guitarist CHRIS BRODERICK, Blabbermouth.net, 14 gennaio 2008. URL consultato il 22 maggio 2010.
  41. ^ (EN) 'Priest Feast' Featuring JUDAS PRIEST, MEGADETH, TESTAMENT: Dutch Date Added, Blabbermouth.net, 29 ottobre 2008. URL consultato il 22 maggio 2010.
  42. ^ a b (EN) Endgame in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 26 gennaio 2013.
  43. ^ MEGADETH: live video della nuova 'Head Crusher', Metalitalia.com, 25 giugno 2009. URL consultato il 22 maggio 2010.
  44. ^ (EN) Grammy Award 2009 - Nominees And Winners, Grammy.com. URL consultato il 10 luglio 2011.
  45. ^ (EN) Interview: Dave Mustaine of Megadeth, Guitarworld.com, 31 maggio 2011. URL consultato il 5 giugno 2010.
  46. ^ (EN) MEGADETH: New Album Title Revealed, Roadrunnerrecords.com, 8 luglio 2011. URL consultato il 10 luglio 2011.
  47. ^ "Preparate lo scalpo del paziente/ che venga sbucciato via/ tappi di metallo sulle sue orecchie/ che non senta ciò che diciamo/ visore di solido acciaio/ imbullonato alle orbite/ ganci di ferro gli serrino la bocca/ che nessuno lo oda gridare"

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Enciclopedie[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Garry Sharpe-Young, Rob Halford, Metal: The Definitive Guide, Jawbone Press, 2007, ISBN 978-1-906002-01-5.
  • Alessandro Bonini, Emanuele Tomagnini, Enciclopedia discografica: dal rock al soul, dal pop alla new wave, dal punk al metal al jazz, Gremese Editore, 2004, ISBN 88-8440-314-6.
  • (EN) Ian Christe, Sound of the beast: the complete headbanging history of heavy metal, Allison & Busby, 2004, ISBN 0-7490-8351-4.
  • (EN) Peter Buckley, Jonathan Buckley, The Rough Guide to Rock, Rough Guides, 2003, ISBN 1-84353-105-4.
  • Federico Guglielmi, Cesare Rizzi, Grande Enciclopedia Rock, Firenze, Giunti editore, 2002, ISBN 88-09-02852-X.
  • Luca Signorelli, Metallus. Il libro dell'Heavy Metal, Giunti Editore, 2001, ISBN 88-09-02230-0.
  • Luca Signorelli, Heavy Metal, i Moderni, Giunti Editore, 2000, ISBN 88-09-01697-1.
  • Cesare Rizzi, Enciclopedia della musica rock. 3. 1980 - 1989, Volume 3, Firenze, Giunti editore, 2000, ISBN 978-88-09-21523-8.
  • Riccardo Bertoncelli, Storia leggendaria della musica rock, Firenze, Giunti Editore, 1999, ISBN 88-09-01407-3.
  • Martin C. Strong, The great rock discography, Giunti Editore, 1998, ISBN 88-09-21522-2.
  • (EN) Pete Prown, Harvey P. Newquist, Legends of rock guitar: the essential reference of rock's greatest guitarists, a cura di Jon F. Eiche, Hal Leonard Corporation, 1997, ISBN 978-0-7935-4042-6.
  • (EN) Robert Walser, Running with the Devil: power, gender, and madness in heavy metal music, Wesleyan University Press, 1993, ISBN 978-0-8195-6260-9.

Testi monografici[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal