Vinnie Colaiuta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vinnie Colaiuta
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Jazz
Fusion
Pop
Rock
Bebop
Periodo di attività 1978 – in attività
Strumento batteria
Sito web

Vincent “Vinnie” Colaiuta (Brownsville, 5 febbraio 1956) è un batterista statunitense che opera in vari ambiti musicali fra i quali jazz, fusion, pop e rock.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Ha cominciato a suonare da bambino ma riuscì ad avere una sua batteria solo a quattordici anni.

Dopo aver frequentato il Berklee College of Music a Boston, per un anno, Colaiuta si trasferì a Los Angeles (dove risiede tuttora), arrangiandosi a suonare con gruppi da sala. Nell'aprile del 1978, all'età di ventidue anni, ebbe l'opportunità di fare un provino per Frank Zappa, eseguendo tra l'altro l'assolo The Black Page (scritto in origine per Terry Bozzio), estremamente difficoltoso. L'audizione ebbe successo e Colaiuta lavorò con Zappa, sostituendo lo stesso Bozzio dimissionario, come batterista principale nelle esecuzioni dal vivo e in studio fino al 1982.

Dopo aver lavorato con Zappa, Colaiuta ha collaborato con una lista sterminata di illustri artisti,[1] fra cui Joni Mitchell, Jeff Beck, Sting, Chick Corea, Herbie Hancock, George Duke, Leonard Cohen, Tom Scott, Backstreet Boys, Barbra Streisand, Paul Anka, Marilyn Scott, Allan Holdsworth, Asia, Chris Botti, George Benson, Lee Ritenour, Roberto Carlos, Duran Duran, Frank Gambale, John Patitucci, Chaka Khan, Jeff Berlin, Mike Stern, Abe Laboriel, Bill Evans, Olivia Newton-John, Stanley Clarke, The Commodores, The Temptations, Christina Aguilera, Gino Vannelli, Quincy Jones, James Taylor, John McLaughlin, Joe Cocker, Jing Chi, Megadeth, Anastacia, Michael Bublé, Burt Bacharach, Philip Aaberg, Joe Satriani; molto richiesto anche in Italia ha registrato fra gli altri con: Andrea Bocelli, Gianni Morandi, Elio e le Storie Tese, Vasco Rossi, Drupi, Eros Ramazzotti, Laura Pausini, Adriano Celentano, Gigi D'Alessio, Pino Daniele, Piero Pelù, Claudio Baglioni. Nel 1994 pubblicò un'incisione solista intitolata Vinnie Colaiuta con la partecipazione degli artisti con cui ha collaborato nella sua carriera tra cui Sting e Herbie Hancock.[2]

Non ha una sua band personale, tuttavia si può considerare tale, per l'importanza del suo contributo, il gruppo Karizma.

Colaiuta ha vinto un totale di diciotto premi Drummer of the Year con il voto annuale dei lettori della rivista Modern Drummer. Tra questi ci sono dieci premi nella categoria Best Overall. Colaiuta è stato inserito nella Modern Drummer Hall of Fame nel 1996.

Nel febbraio 2006 collabora, insieme a Tony Levin, Dean Parks e James Raymond, al singolo No Ocean to Divide dei West&Coast; nel 2006 e nel 2007 accompagna il chitarrista inglese Jeff Beck nei suoi tour mondiali.

Nel 2008 ha accompagnato Herbie Hancock nel suo tour di promozione del disco River: The Joni Letters, con la quale il tastierista statunitense suona sui brani scritti dalla cantante Joni Mitchell. Nel 2009 ha inoltre collaborato alla realizzazione dell'album Electric Jam di Pino Daniele. L'estate dello stesso anno lo ha visto nuovamente in tournée con Jeff Beck.

Religione[modifica | modifica sorgente]

Si definisce un cristiano nato di nuovo ed è tra i fondatori di Drummers for Jesus, associazione di batteristi (e non solo) che si esibiscono in spettacoli volti a propagandare la religione cristiana.

A questa associazione appartengono, fra gli altri, i talentuosi batteristi Alex Acuna, Greg Bissonette, Chris Coleman, Will Kennedy, e Teddy Campbell.

In varie interviste, Colaiuta afferma: «le mie capacità musicali sono solo un dono del Signore», e «la fede cristiana mi ha salvato la vita».

Dichiara inoltre che la sua fede in Cristo è sbocciata in un giorno preciso a seguito di un evento della cui natura non ha mai parlato.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

« Una volta un produttore disse che se si mettessero nel frullatore Tony Williams e Steve Gadd, il risultato sarebbe Vinnie Colaiuta »
(dalla rivista specializzata statunitense Drummerworld)

Dotato di estrema versatilità e di tecnica ineccepibile, ha i suoi maggiori punti di forza nella straordinaria potenza e velocità di esecuzione. È da qualche anno il batterista più richiesto al mondo.(Modern drummer magazine, march 2010)

Dall'aprile 2012, Colaiuta suona su batterie Ludwig e piatti Paiste, dopo anni di collaborazione con la storica azienda Gretsch e la celebre ditta turca Zildjian. In passato ha utilizzato batterie Yamaha. L'impostazione stilistico-tecnica di Colaiuta è attualmente di tipo tradizionale o jazzistico, sebbene il suo sound sia abitualmente molto aggressivo, mentre in passato (fino alla metà degli anni ottanta) era di tipo marcatamente rock con l'impostazione delle bacchette in stile timpanistico.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Discography, Vinnie Colaiuta. URL consultato il 7 febbraio 2011.
  2. ^ (EN) Vinnie Colaiuta - Vinnie Colaiuta, AllMusic. URL consultato il 7 febbraio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 85813633 LCCN: no99004935