North American NA-16

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
North American NA-16
NA-16 esposto al Museo del Aire dell'Honduras
NA-16 esposto al Museo del Aire dell'Honduras
Descrizione
Tipo aereo da addestramento
Equipaggio 2
Costruttore Stati Uniti North American
Data primo volo 1º aprile 1935
Data ritiro dal servizio 1945
Utilizzatore principale Stati Uniti USAAC
Esemplari 1
Altre varianti North American BT-9
North American T-6 Texan
North American P-64
CAC Wirraway
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 8,41 m
Apertura alare 12,80 m
Peso a vuoto 1 339 kg
Propulsione
Motore un Wright R-975 Whirlwind
Potenza 400 hp (300 kW)
Prestazioni
Velocità max 273 km/h
Autonomia 1 127 km

[senza fonte]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il North American NA-16 fu uno dei primi aerei da addestramento, risalenti agli anni trenta, costruiti dalla North American Aviation e rappresentò l'inizio della linea di aerei da addestramento dell'azienda, che nei vari modelli contò più di 17.000 esemplari. L'NA-16 aveva un unico motore, un'unica ala, due cockpit in tandem aperti e carrello d'atterraggio fisso. Il motore Wright Whirlwind era un radiale raffreddato ad aria da 400 CV. La maggior parte dell'apparecchio era metallico, mentre la fusoliera posteriore era di tela dipinta.

L'NA-16 volò per la prima volta il 1º aprile 1935 e fu sottoposto per una valutazione allo U.S. Army Air Corps come addestratore di base. L'aviazione diede il nulla osta per la sua produzione imponendo alcune significative modifiche: le principali furono la sostituzione del motore Wright con un Pratt & Whitney R-1340, la chiusura delle cabine di pilotaggio e la realizzazione di un carrello retrattile. L'NA-16 così modificato venne ridenominato dalla North American NA-18.

In Australia, la Commonwealth Aircraft Corporation produsse 755 esemplari noti come CAC CA-16 Wirraway tra il 1939 e il 1945 [1]: alcuni di questi prestarono servizio attivo per un breve periodo a Bougainville.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Dati estratti da North American NA-16/AT-6/SNJ[2]

Argentina Argentina
Australia Australia
ricevette degli esemplari da utilizzare come campioni poer la produzione su licenza
Brasile Brasile
Canada Canada
Taiwan Repubblica di Cina
Francia Francia
Francia di Vichy Francia di Vichy
Germania Germania
Giappone Giappone
operò con due esemplari acquistati nel 1938 a scopo di valutazione e designati localmente KXA1 e KXA2.
Honduras Honduras
Paesi Bassi Paesi Bassi
Bandiera Rhodesia Meridionale
Svezia Svezia
Regno Unito Regno Unito
Stati Uniti Stati Uniti
Sudafrica Sudafrica
Venezuela Venezuela

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ CAC CA16 Wirraway Aviation Warbird
  2. ^ (EN) Dan Hagedorn, North American NA-16/AT-6/SNJ (WarbirdTech Series), vol. 11, North Branch, MN, USA, Specialty Press, 1997, ISBN 0-933424-76-0.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Fletcher, David C. and MacPhail, Doug. Harvard! the North American Trainers in Canada. San Josef,BC/Dundee,Ont: DCF Flying Books, 1990. ISBN 0-9693825-0-2.
  • (EN) Dan Hagedorn, North American NA-16/AT-6/SNJ (WarbirdTech Series), vol. 11, North Branch, MN, USA, Specialty Press, 1997, ISBN 0-933424-76-0.
  • Hagedorn, Dan. North American NA-16/AT-6/SNJ (WarbirdTech Volume 11). North Branch, MN: Speciality Press, 1997. ISBN 0-933424-76-0.
  • MacPhail, Doug and Östberg, Mikael. Triple Crown BT-9: The ASJA/Saab Sk 14, A Pictorial Essay (in English/Swedish). San Josef,BC/Dundee,Ont: DCF Flying Books, 2003.
  • Smith, Peter Charles. North American T-6: SNJ, Harvard and Wirraway. Ramsbury, Marlborough, Wiltshire, UK: The Crowood Press Ltd., 2000. ISBN 1-86126-382-1.
  • Starkings, Peter. From American Acorn to Japanese Oak - The tale of an unsung Japanese training aircraft with roots extending across the Pacific Ocean. Arawasi International, Asahi Process, September–December 2007, Issue 7.
  • von Rauch, Georg and David L. Veres Argentina's Wooden Warriors. Air Classics, Challenge Publications, March 1983, Volume 19 Issue 3 pages 14–21.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]