Nakajima G10N

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Nakajima G10N Fugaku
Descrizione
Tipo bombardiere pesante
Equipaggio 7-8
Costruttore Giappone Nakajima Hikōki KK
Data primo volo mai
Dimensioni e pesi
Lunghezza 40,0 m
Apertura alare 63,0 m
Altezza 8,8 m
Superficie alare 330
Peso a vuoto 33 800 kg
Peso carico 42 000 kg
Peso max al decollo 70 000 kg
Propulsione
Motore 6 radiali Nakajima Ha-53
Potenza 2 500 CV (1 839 kW) ciascuno
Prestazioni
Velocità max 780 km/h a 10 000 m
Autonomia 19 400 km
Tangenza 15 000 m
Armamento
Cannoni 4 Type 99 modello 2 calibro 20 mm
Bombe 20 000 kg
Note dati progettuali riferiti alla versione G10N1

i dati sono estratti da Samoloty wojskowe świata 1935-1945[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Nakajima G10N Fugaku (富岳? o 富嶽, Monte Fuji) era un progetto per un bombardiere pesante esamotore a lungo raggio sviluppato dall'azienda giapponese Nakajima Hikōki KK durante la seconda guerra mondiale.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Il progetto si deve ad una specifica emessa nel 1942 per fornire le forze aeree giapponesi di un nuovo velivolo da combattimento. Al progetto, al quale venne assegnato il nome in codice "Progetto Z", si prefiggeva di realizzare un bombardiere strategico pesante a lungo raggio in grado di colpire il territorio continentale statunitense decollando dalle Isole Curili, allora occupate dai giapponesi, bombardando gli Stati Uniti e, continuando il suo volo, atterrare sul suolo francese occupato dall'alleata Germania nazista. Una volta atterrato sarebbe stato rifornito, quindi avrebbe eseguito un'altra sortita durante il viaggio ritorno.

Il Progetto Z prevedeva tre varianti per l'aereo: 4 000 bombardieri, 5 000 trasporti (con capacità di portare 600 militari di truppa), e 2 000 aerei per attacco al suolo, che sarebbe stato equipaggiato con 400 mitragliatrici nella fusoliera, per un intenso attacco al suolo con una cadenza di 6 400 colpi al secondo.

Benché il progetto fosse stato concepito dal direttore della Nakajima, Chikuhei Nakajima, anche la Kawanishi Aircraft Company e la Mitsubishi fecero delle proposte per il nuovo velivolo che aveva intanto acquisito la denominazione ufficiale Fugaku. Il progetto della Nakajima aveva le ali dritte ed eliche quadripala controrotanti; l'idea della Kawanishi aveva ali ellittiche e semplici eliche a quattro pale. Per risparmiare peso, alcuni ingranaggi del carrello d'atterraggio veniva espulsi dopo il decollo (essendo non necessari durante l'atterraggio con il magazzino delle bombe svuotato). Entrambi i progetti avevano sei motori.

Lo sviluppo iniziò nel 1943, con il progetto e la fabbricazione a Mitaka, Tokyo. Mentre il motore Ha-54 progettato dalla Nakajima, un radiale quadrupla stella a 36 cilindri raffreddato ad aria, venne abbandonato perché troppo complesso, la Mitsubishi realizzò con successo il suo motore Ha-50, un più semplice 22 cilindri a doppia stella, per il progetto della Kawanishi, testando tre unità nel maggio del 1944. Un esemplare di questo motore venne alla luce nel 1979 durante l'espansione dell'aeroporto di Haneda ed è ora in mostra al Narita Aerospace Museum.

Il Progetto Z venne cancellato nel luglio 1944 e il Fugaku non venne mai costruito.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nakajima G10N "Fugaku" in Samoloty wojskowe świata 1935-1945.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Francillon, René J. Japanese Aircraft of the Pacific War. London: Putnam & Company Ltd., 2nd edition 1979. ISBN 0-37-030251-6.
  • (JA) Idei, Tadaaki. 'Hikōki Mechanism Zukan', Tokyo: Guranpuri Shuppan, 1985.
  • (JA) Ogawa, Toshihiko. Nihon Kōkūki Daizukan, 1910-1945, Tokyo: Kokushokankōkai, 1993.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]