Nakajima Type 91

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nakajima Type 91
Nakajima 91sen.jpg
Descrizione
Tipo aereo da caccia
Equipaggio 1
Costruttore Giappone Nakajima Hikōki
Data primo volo 1931
Data ritiro dal servizio 1937
Utilizzatore principale Giappone Dai-Nippon Teikoku Rikugun Kōkū Hombu
Esemplari 450[1]
Dimensioni e pesi
Lunghezza 7,26 m
Apertura alare 11,00 m
Altezza 2,79 m
Superficie alare 20,0
Peso a vuoto 1 075 kg
Peso carico 1 530 kg
Propulsione
Motore un radiale Bristol Jupiter VII
Potenza 520 hp (388 kW)
Prestazioni
Velocità max 300 km/h
Velocità di salita a 3 000 m in 4 min
Autonomia 2 h
Tangenza 9 000 m [1]
Armamento
Mitragliatrici 2 calibro 7,7 mm
Note dati riferiti alla versione Type 91-1

i dati sono estratti da The Complete Book of Fighters [2]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Nakajima Type 91 era un monomotore da caccia ad ala alta a parasole prodotto dall'azienda giapponese Nakajima Hikōki KK negli anni trenta ed utilizzato dal Dai-Nippon Teikoku Rikugun Kōkū Hombu, il servizio aeronautico dell'esercito imperiale giapponese, prima dello scoppio della seconda guerra mondiale.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

La progettazione era un risposta al esercito per una richiesta del 1927, a cui parteciparono la Nakajima, la Kawasaki e la Mitsubishi[3], alla fine la competizione fu vinta dalla Nakajima, il Type 91 venne creato dalla serie di caccia prototipi NC. Il prototipo fu la sesta macchina sotto quella designazione ma aveva un aspetto fondamentalmente differente. Comparata con i primi NC, il Type 91 aveva un'ala dalle minori dimensioni, un serbatoio di combustibile ricollocato, una struttura generalmente rinforzata, l'adozione di un anello Townend, ed un impennaggio e carrello d'atterraggio ridisegnati[2]. In questa configurazione venne portato in volo per la prima volta nel 1931.

Impiego operativo[modifica | modifica sorgente]

L'esercito ordinò il nuovo aereo sotto la designazione di Type 91 e le prime consegne avvennero nel tardi del 1931. Tuttavia, i manifestarono problemi alla stabilità direzionale e al centro di massa, con il risultato che il Type 91 venne ritardato dal servizio.

Tra il 1931 ed il 1934 ne vennero prodotti 420 esemplari, inclusi i 100 realizzati dalla Ishikawajima; 23 di questi erano nella versione Type 91-2 caratterizzata dall'adozione di un motore radiale Nakajima Kotobuki da 580 CV (432 kW). Quest'ultima venne portata in volo per la prima volta nel luglio 1934.

Il Type 91 venne rimpiazzato nel servizio operativo dal Kawasaki Type 95, poi ridenominato Ki-10 secondo la nuova convenzione di designazione dell'esercito, tra il 1936 ed il 1937.

Varianti[modifica | modifica sorgente]

Type 91-1
versione di produzione principale in serie, motorizzata con un motore radiale Bristol Jupiter da 450 hp (336 kW) costruito su licenza dalla Nakajima .
Type 91-2
versione migliorata, dotata di motorizzazione radiale Nakajima Kotobuki, prodotta in 21 esemplari.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Repubblica di Cina Repubblica di Cina
acquisì due Type 91-1 per valutazioni comparative nel settembre 1934 più un secondo lotto nel 1935.[4]
Giappone Giappone

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Japanese Aircraft 1910-1941, pp. 214–215
  2. ^ a b Green, The Complete Book of Fighters.
  3. ^ Virtual Aircraft Museum.
  4. ^ Andersson 2008, pp. 57–60.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Andersson, Lennart (2008). A History of Chinese Aviation:Encyclopedia of Aircraft and Aviation in China until 1949. Taipai, Taiwan: AHS of ROC. ISBN 978-957-28533-3-7.
  • Robert C Mikesh; Abe, Shorzoe. Japanese Aircraft 1910-1941. London, Putnam Aeronautical Books, 1990, ISBN 0-85177-840-2
  • Green, William (1994). The Complete Book of Fighters. Smithmark. ISBN 0-8317-3939-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]