Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Nakajima Ki-6

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nakajima Ki-6
Nakajima C2N
Nakajima Ki-6.jpg
Descrizione
Tipo aereo di linea
aereo da trasporto militare
aereo da addestramento
Equipaggio 1
Costruttore Giappone Nakajima
Data primo volo luglio 1929
Data entrata in servizio 1931
Utilizzatore principale Giappone IJAAF
Sviluppato dal Fokker Super Universal
Dimensioni e pesi
Lunghezza 11,25 m
Apertura alare 15,44 m
Altezza 2,79 m
Superficie alare 37,37
Peso a vuoto 1 640 kg
Peso carico 2 820 kg
Passeggeri 6
Propulsione
Motore un radiale Nakajima Kotobuki
Potenza 450 hp (336 kW)
Prestazioni
Velocità max 245 km/h
Autonomia 1 045 km
Tangenza 6 000 m
Note dati riferiti alla versione Ki-6

i dati sono estratti da Japanese Aircraft, 1910-1941[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Nakajima Ki-6 (中島 キ6?), indicato anche Aereo da addestramento tipo 95 modello 2 (九五式二型練習機 Kyūgo-shiki ni kata renshūki?) in base alle convenzioni allora vigenti, fu aereo da trasporto multiruolo, monomotore, monoplano ad ala alta sviluppato dall'azienda aeronautica giapponese Nakajima Hikōki KK nei tardi anni venti.

Versione prodotta su licenza dello statunitense Fokker Super Universal, entrò in servizio negli anni trenta, utilizzato in ambito civile come aereo di linea e da trasporto dalle compagnie aeree di bandiera nazionali del Giappone e, dopo la sua istituzione, del Manchukuò, mentre in ambito militare durante la seconda guerra sino-giapponese dalle componenti aeree di esercito e marina giapponesi e, successivamente, dalla forza aerea della nuova realtà nazionale.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Civili[modifica | modifica wikitesto]

Giappone Giappone
operò con la compagnia di bandiera dell'Impero giapponese dal 1928 to 1938.
operò con la nuova compagnia di bandiera dell'Impero giapponese dal 1938 al 1945.
Manchukuo Manchukuo

Militari[modifica | modifica wikitesto]

Giappone Giappone
designazione dell'esercito imperiale lunga: addestratore per l'esercito tipo 95 modello 2, corta: Ki-6
designazione della marina imperiale corta: C2N
Manchukuo Manchukuo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mikesh e Abe 1990, p. 219-220

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) René J. Francillion, Japanese Aircraft of the Pacific War, 2nd edition, London, Putnam & Company Ltd. [1970], 1979, ISBN 0-370-30251-6.
  • (EN) Robert C. Mikesh, Shorzoe Abe, Japanese Aircraft 1910-1941, London, Putnam Aeronautical Books, 1990, ISBN 0-85177-840-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]