Nakajima J9Y

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Nakajima J9Y Kikka
Nakajima J9Y
Nakajima J9Y
Descrizione
Tipo aereo da caccia
Equipaggio 1
Progettista Kazuo Ohno
Kenichi Matsumura
Costruttore Giappone Nakajima
Data primo volo 7 agosto 1945
Utilizzatore principale Giappone Dai-Nippon Teikoku Kaigun Kōkū Hombu
Esemplari 2
Dimensioni e pesi
Lunghezza 11,50 m
Apertura alare 13,70 m
Altezza 2,75 m
Superficie alare 25,0
Peso a vuoto 4 500 kg
Peso carico 7 000 kg
Propulsione
Motore 2 turbogetti Ishikawajima Ne-20
Spinta 4,66 kN (475 kg) ciascuno
Prestazioni
Velocità max 852 km/h (Ne-130), 812 km/h (Ne-230)
Autonomia 980 km
Armamento
Bombe 1 esterna da 500/800 kg

[senza fonte]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Nakajima J9Y Kikka, (in giapponese 中島 橘花, "Fiore d'Arancio") era un bimotore a getto da caccia ad ala dritta sviluppato dall'azienda aeronautica giapponese Nakajima Hikōki KK nei primi anni quaranta.

Primo velivolo con motore jet giapponese, venne progettato durante la seconda guerra mondiale, ma la sua realizzazione si concretizzò solo nelle fasi finali del conflitto, troppo tardi per diventare operativo, venendo portato in volo per la prima volta solo dopo la conclusione dello stesso. Il Kikka è conosciuto anche con la denominazione Kōkoku Nigō Heiki (皇国二号兵器, "Arma Imperiale No.2).

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

A seguito dell'interesse espresso dall'addetto militare giapponese in Germania che, dopo aver assistito alle prove di volo del Messerschmitt Me 262 nel 1944, comunicò in patria le potenzialità di tale velivolo, la Marina imperiale giapponese emise una richiesta alla Nakajima per sviluppare un aereo simile da usare nel ruolo di bombardiere veloce/aereo da attacco al suolo. Tra le specifiche dell'aereo il progetto doveva avere i requisiti per essere assemblato soprattutto da personale non esperto e le ali dovevano essere ripiegabili. Quest'ultimo requisito era richiesto per poter nascondere gli aerei in caverne e tunnel attorno al Giappone, visto che la Marina cominciò a difendere le sue isole. Gli ingegneri della Nakajima Kazuo Ohno e Kenichi Matsumura progettarono un velivolo caratterizzato da forti somiglianze nell'aspetto con l' Me 262, ma superficiali nella struttura.

Il Kikka venne progettato nella sua forma preliminare per usare il Tsu-11, una forma grezza di motoreattore che era poco più di una ventola abbinata ad un postbruciatore. I successivi disegnati attorno al Ne-10 (TR-10) un turbogetto a flusso centrifugo, ed al Ne-12, che ha aggiunto un compressore assiale a quattro stadi nella parte anteriore dell'Ne-10. I test su questo impianto propulsivo rivelarono però ben presto che non sarebbe mai riuscito a produrre una spinta sufficiente per riuscire a far volare l'aereo, ed il progetto fu temporaneamente bloccato. Fu quindi deciso di produrre un nuovo turbogetto a flusso assiale basato sul tedesco BMW 003. La costruzione fu problematica, basata su poco più che delle fotografie e progetti abbozzati, ma un'adeguata unità, la Ishikawajima Ne-20, venne finalmente costruita. Nell'estate 1945, il progetto del Kikka si stava evolvendo positivamente quando, a causa della situazione bellica avversa ai giapponesi durante le fasi finali della seconda guerra mondiale, la Marina imperiale impose un cambio di ruolo dell'aereo in "attaccante speciale", il termine usato per le armi kamikaze.

Se comparato con l' Me 262, la cellula del Kikka è notevolmente più piccola e più convenzionale, con le ali diritte (anziché a freccia) così come i piani orizzontali dell'impennaggio di coda. La sezione triangolare della fusoliera, caratteristica dei progetti tedeschi, era meno pronunciata a causa dei serbatoi di carburante di minore capacità. Per velocizzare lo sviluppo del velivolo si ricorse all'utilizzo di parti già in produzione tra cui il carrello d'atterraggio proveniente dal Mitsubishi Zero e la ruota del carrello anteriore dalla coda del bombardiere Yokosuka P1Y.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Giappone Giappone

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) René J. Francillon, Japanese Aircraft of the Pacific War, 2nd edition, London, Putnam & Company Ltd. [1970], 1979, ISBN 0-370-30251-6.
  • (EN) Robert C. Mikesh, Kikka, Monogram Close-Up 19, Bolyston, Massachusetts, Monogram Aviation Publications, 1979, ISBN 0-914144-19-7.
  • (EN) Unknown Author Famous Aircraft of the World no.76: Japanese Army Experimental Fighters (1). Japan: Bunrin-Do, August 1976.
  • (JA) Yamashita, Takeo, ed.「秋水」と日本陸海軍ジェット、ロケット機. Tokyo: Model Art Co. Ltd., 1998.
  • (EN) Ishizawa, Kazuhiko. "KIKKA": The Technological Verification of the First Japanese Jet Engine Ne 20. Tokyo: Miki Press, 2006. ISBN 4-89522-468-6.
  • (JA) 別冊航空情報編集部. 航空秘話復刻版シリーズ (2): 知られざる軍用機開発(下). Tokyo: Kantosha, 1999. ISBN 4-87357-051-4.
  • (JA) 歴史群像編集部. [歴史群像] 太平洋戦史シリーズ Vol.56: 大戦末期 航空決戦兵器, 橘花、火龍、秋水、キ74……幻のつばさ(2). Tokyo: Gakken, 2006. ISBN 4-05-604536-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]