Lingua creola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lingue creole
Parlato in Africa, Caraibi, India, Sud-est asiatico, Macao, Oceania
Classifica non nelle prime 100
Filogenesi
Codici di classificazione
ISO 639-2 crp
ISO 639-5 crp

Una lingua creola è una lingua ben definita che ha avuto origine dalla combinazione di due o più lingue, tipicamente con molti tratti distintivi che non sono stati ereditati da nessuna di esse. Tutte le lingue creole si sono evolute da un pidgin, di solito da quelli divenuti la lingua madre di qualche comunità.

In particolar modo vengono così definite quelle lingue miste, ad esempio, composte da lingue africane e inglese o francese.

Esempi di lingue creole sono il giamaicano e il papiamento, le lingue parlate a Capo Verde e Mauritius e il Belgranodeutsch, parlato nel quartiere di Belgrano a Buenos Aires.

Storia del concetto[modifica | modifica sorgente]

Le origini coloniali[modifica | modifica sorgente]

Il termine creolo viene probabilmente dal latino, e attraverso il portoghese crioulo, attraverso lo spagnolo criollo ed il francese créole è arrivato a noi. La parola portoghese crioulo deriva dal verbo criar (creare, allevare), con un suffisso di origine oscura. Il suffisso "ulus" in latino indica un aggettivo diminutivo qiundi considerando questa di creolo una definizione data dalle classi colte che in quel tempo riconoscevano ancora il latino come lingua dotta, penso possa essere ragionevolmente stato messo da questi a suffisso per indicare una comunita' o colonia ristretta: appunto "minoranza" (non ho fonti attendibili). Il termine fu coniato nel XVI secolo, durante la grande espansione coloniale europea.

Il termine creolo fu inizialmente applicato alle persone di origine europea nate nelle colonie, per distinguerle dagli immigrati di classe elevata nati in Europa. Originariamente, quindi, "lingua creola" indicava la lingua di tali popoli creoli.

L'antico pregiudizio sulle lingue creole[modifica | modifica sorgente]

Per via dello status generalmente basso dei popoli creoli agli occhi delle potenze coloniali europee, le lingue creole sono state viste generalmente come versioni "degenerate", o al più come "dialetti" rudimentali di una delle lingue originarie.

Questo pregiudizio fu intensificato dall'instabilità insita nel sistema coloniale, che portò alla scomparsa di molte lingue creole a causa della dispersione o assimilazione delle loro comunità. Un altro fattore che potrebbe aver contribuito al disinteresse verso le lingue creole è che non si adattano al "modello ad albero" dell'evoluzione linguistica, adottato dai linguisti nel XIX secolo (forse influenzati dal Darwinismo) e ancora oggi alla base della linguistica comparativa. In questo modello le lingue possono evolversi, dividersi o estinguersi - ma mai fondersi.

Al di là dei pregiudizi, comunque, le lingue creole, e in particolar modo il fenomeno della creolizzazione, costituiscono fecondo ed interessantissimo materiale di studio per la linguistica (sia sincronica che diacronica).

La comprensione e la rivalutazione[modifica | modifica sorgente]

Dalla metà del XX secolo si è tuttavia diffusa tra i linguisti l'idea che le lingue creole non siano affatto inferiori alle altre, e che le descrizioni precedenti siano altrettanto inappropriate del considerare il francese come "latino degenerato" o un "dialetto spagnolo". I linguisti ora usano il termine "lingua creola" per qualsiasi lingua formata da lingue multiple con lo stesso meccanismo, senza restrizioni geografiche o implicazioni etniche.

In conseguenza di questi mutamenti sociali, politici ed accademici, negli ultimi decenni le lingue creole hanno sperimentato una rinascita. Esse sono sempre più usate nella letteratura e nei media, e molti dei loro locutori ne sono piuttosto affezionati ed orgogliosi. Sono ora studiate dai linguisti come lingue a sé stanti; molte sono state standardizzate, e vengono insegnate localmente ed all'estero.

Sviluppo di una lingua creola[modifica | modifica sorgente]

Tutte le lingue creole iniziano come pidgin, lingue rudimentali ed improvvisate usate tra locutori di lingue native non intercomprensibili. Keith Whinnom (in Hymes 1971) suggerisce che i pidgin richiedono tre lingue per formarsi, di cui una (il superstrato) chiaramente dominante sulle altre. Il lessico di un pidgin è solitamente piccolo e deriva dai vocabolari dei locutori, in proporzioni variabili. I dettagli morfologici come l'inflessione verbale, che solitamente richiedono anni di apprendimento, sono omessi; la sintassi si mantiene semplicissima, di solito basata sul rigoroso ordinamento verbale. In questo stadio iniziale, tutti gli aspetti del discorso — sintassi, lessico e pronuncia — tendono a essere piuttosto variabili, specialmente rispetto alla storia personale del locutore.

Tuttavia, se un pidgin viene appreso dai bambini di una comunità come lingua nativa, di solito si fissa e sviluppa una grammatica più complicata. La sintassi e la morfologia di tali lingue presentano spesso innovazioni locali che non sembrano derivare da nessuna delle lingue originarie.

I pidgin possono diventare lingue complete in una sola generazione, come nel caso del Tok Pisin, che nacque come pidgin e divenne una lingua stabile in un periodo di 90 anni. Una volta formate, le lingue creole possono restare come una sorta di secondo standard locale, come il Crioulo di Capo Verde. Alcune lingue creole, come il Papiamento ed il Tok Pisin, hanno ottenuto un riconoscimento come lingue ufficiali. D'altra parte, altre si sono gradualmente "decreolizzate" conformandosi ad una lingua originaria, di cui sono divenute essenzialmente dialetti. Ciò è accaduto parzialmente in Hawai'i, ed è una teoria dello sviluppo dell'African American Vernacular English dallo Slave English.

Ipotesi sui meccanismi di creolizzazione[modifica | modifica sorgente]

I meccanismi con cui avviene la creolizzazione dei pidgin sono oggetto di dibattito scientifico: secondo l’ipotesi del bioprogramma del linguaggio (Derek Bickerton), la creolizzazione del pidgin operata dal bambino avviene sulla base di un programma innato (a sostegno delle teorie chomskiane), mentre l’ipotesi del substrato vede l’evolvere del pidgin a creolo come frutto dei substrati, cioè delle lingue originarie del pidgin, che contribuirebbero allo sviluppo delle principali strutture sintattiche, morfologiche e fonologiche della lingua creola indipendentemente da qualsiasi influenza di tipo innatistico.

Il caso Capo Verde[modifica | modifica sorgente]

Gli schiavi che venivano importati dall'Africa parlavano lingue difformi. Il portoghese finiva quindi per essere l'unico mezzo di comunicazione non solo tra bianchi e neri ma tra gli schiavi medesimi.

Ciò nonostante la lingua creola finì per prevalere nei ceti più bassi, al punto da caratterizzare la cultura autoctona che aveva preso a svilupparsi dall'epoca della colonizzazione, tanto che le canzoni popolari sono cantate in creolo.

Se il portoghese costituisce la lingua ufficiale dell'attuale repubblica, ed è usata nelle relazioni commerciali, la lingua creola è venuta ad essere la lingua madre della popolazione di Capo Verde.

L'emigrazione ha permesso il diffondersi della conoscenza di altre lingue, quali il francese, soprattutto, in considerazione della vicinanza con il Senegal e la Guinea, coi quali Capo Verde intrattiene stretti rapporti commerciali.

In alcune isole è conosciuto l'inglese, o meglio, l'inglese americano da parte di coloro che emigrano negli Stati Uniti d'America, e hanno poi fatto ritorno.

Lingue creole moderne: un elenco[modifica | modifica sorgente]

  • Lingue creole basate sul portoghese
    • Africa
      • kriol, Guinea Bissau e aree confinanti
      • criol, Capo Verde
      • angolar, isola di São Tomé
      • annobonese, isola di Annobon
      • forro, São Tomé
      • principense, isola di Principe
    • America del Sud
      • papiamento, isole ABC
      • saramaccan, Suriname
      • cafundó
      • quilombos, Brasile, estinto
    • Asia
      • norteiro (India), dei quali sopravvivono solo: indo-portoghese di Diu, indo-portoghese di Daman, kristi
      • lingue creole della costa del Coromandel, tutte estinte
      • lingue creole della costa del Malabar, tutte estinte tranne l'indo-portoghese di Vaipim
      • lingue creole di Calcutta e città circostanti: tutte estinte
      • indo-portoghese dello Sri Lanka
      • kristang, Malacca e Singapore
      • mardijker, Giacarta (estinto nel XIX secolo)
      • papiá Tugu (Tugu, Indonesia, estinto dal 1978)
      • portugis (isole di Ambon e Ternate, Indonesia, estinto intorno al 1950)
      • portoghese bidau (estinto negli anni sessanta), Timor Est
      • diverse lingue creole in Thailandia (tutte estinte)
      • macanese, Macao, Cina
    • lingue creole del Bangladesh e della Birmania: tutte estinte
  • Lingue creole basate sullo spagnolo
  • Lingue creole basate sul tedesco

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]