Lingue australiane aborigene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lingue australiane aborigene
Parlato in Australia
Filogenesi
Suddivisioni vedi Classificazione
Codici di classificazione
ISO 639-2 aus
ISO 639-5 aus
Australian languages.png
Distribuzione delle lingue australiane aborigene

Le lingue australiane aborigene comprendono diverse famiglie linguistiche e lingue isolate originarie dell'Australia e di alcune isole vicine, sebbene da queste sia esclusa per convenzione la Tasmania. La parentela fra queste lingue non è al momento ben chiara, anche se studi svolti negli ultimi anni hanno permesso di chiarire parecchi lati oscuri.

La maggior parte delle lingue australiane sono estinte o in serio pericolo. Tra quelle sopravvissute solo il 10% vengono apprese dai bambini. Questo è un risultato di uno sforzo comune fra il governo australiano di sradicare la cultura aborigena e le sue lingue tramite punizioni, traslochi forzati, sterilizzazione e abduzione forzata dei bambini dalle loro famiglie. Comunque questi sforzi ora sono terminati e le lingue del Deserto occidentale vicino ad Alice Springs nello stretto di Torres, e un paio di lingue parlate nel nord non sono più a rischio di estinzione. L'istruzione bilingue sta ottenendo un certo successo in alcune comunità; in un caso di recente vicino ad Alice Springs, gli insegnanti bianchi erano tenuti ad imparare la lingua locale e i genitori aborigeni si lamentavano del fatto che i loro figli non imparavano l'inglese a scuola. Le lingue aborigene più parlate in Australia contano all'incirca 3000 parlanti.

Gli aborigeni della Tasmania furono sterminati nella quasi totalità all'inizio dell'epoca coloniale dell'Australia e le lingue della Tasmania si sono estinte molto prima che fosse possibile avere testimonianze scritte. Si separarono dagli altri linguaggi della terraferma alla fine dell'era glaciale e verosimilmente non ebbero alcun contatto con il mondo esterno per 10.000 anni. Si conosce troppo poco di queste lingue per poterle classificare, anche se sembra che avessero alcune somiglianze fonologiche con le lingue della terraferma.

Tratti comuni[modifica | modifica wikitesto]

Le lingue australiane formano un'area linguistica o famiglia linguistica e condividono buona parte del loro vocabolario e inusuali tratti fonologici comuni a tutte quelle dell'intero continente. Un altro tratto comune di molte lingue australiane è la presenza delle cosiddette lingue della suocera, speciali registri discorsivi utilizzati soltanto in presenza di certi parenti stretti. Questi registri hanno in comune la fonologia e la grammatica della lingua standard, mentre il lessico è diverso e solitamente molto ristretto. Ci sono inoltre tabù discorsivi comuni durante periodi estesi di lutto o di iniziazione che hanno portato ad un numero considerevole di lingue dei segni aborigene.

Nella loro morfosintassi molte lingue australiane hanno un sistema di casi in opposizione tra ergativo e assolutivo. Ci sono casi tipicamente divisi; un modello diffuso è la presenza nei pronomi di prima e seconda persona di particelle segnacaso in opposizione tra nominativo e accusativo e di particelle in opposizione tra assolutivo ed ergativo in quelli di terza persona, anche se ulteriormente suddivise tra esseri animati e inanimati. In alcune lingue le persone a metà strada tra le inflessioni dell'accusativo e dell'ergativo (come la seconda o la terza umana) possono essere tripartite: ossia, apertamente marcate come o ergative o accusative nelle frasi transitive, ma non marcata con nessuna delle due nelle frasi intransitive. Alcune lingue prevedono soltanto particelle segnacaso nominativo-accusativo.

Fonetica e fonologia[modifica | modifica wikitesto]

Inventario fonetico[modifica | modifica wikitesto]

Un tipico inventario fonetico australiano comprende tre vocali brevi, solitamente [a, i, u], che possono essere sia lunghe che brevi. Non esiste quasi mai un contrasto tra consonante sorda o sonora; ossia una consonante può avere il suono [p] ad inizio parola ma avere il suono [b] se intervocalico. Entrambi i simboli hanno la facoltà di rappresentarli. L'Australia eccelle inoltre per essere particolarmente carente di fricative, persino di [h]. Nei rari casi in cui le fricative capitano, si stanno recentemente sviluppando tramite lenizione di stop e sono per questo non sibilanti come il suono [ð] piuttosto che altre sibilanti come la [s] che sono così comuni in altre parti del mondo. Alcune lingue inoltre hanno tre suoni detti rotici (i suoni simili alla R), ulteriormente suddivisi in polivibranti, monovibranti e trilli, nonché un'approssimante, cioè la combinazione di R inglesi e spagnole.

Un'eccezione notevole a questa generalizzazione è la lingua kala lagaw ya, che ha un inventario molto più simile a quello delle lingue papua a lei vicine piuttosto che alle altre lingue del continente australiano.

Oltre alla mancanza di fricative, il tratto più caratteristico dei suoni del parlato australiano sono il vasto numero di luoghi di articolazione. Quasi ogni lingua occupa quattro posti nella regione coronale, sia fonemica che allofona, oltre che alle bilabiali e alle velari. Questo si realizza in due variabili. la posizione della lingua (anteriore o posteriore) e la sua forma (laminali o apicali). Sia le plosive che le nasali capitano in tutti e sei i posti e in alcune lingue le laterali capitano in tutti e quattro i punti coronali, dove sono possibili le laterali.

Una lingua che presenta l'intera gamma di stop e di laterali è la lingua kalkutungu, che ha suoni "labiali" p, m; "dentali" th, nh, lh; "alveolari" t, n, l; "retroflessi" rt, rn, rl; "palatali" ty, ny, ly; and velari k, ng. La lingua yanyuwa presenta ancora più contrasti con una serie ulteriore di consonanti dorso-palatali, con l'aggiunta di stop prenasalizzati in tutti e sette i luoghi di articolazione, oltre che tutti e quattro i laterali.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Lingue isolate[modifica | modifica wikitesto]

Famiglie stabilite[modifica | modifica wikitesto]

Famiglie recentemente proposte[modifica | modifica wikitesto]

Elenco lingue[modifica | modifica wikitesto]

Lingue non appartenenti al gruppo pama-nyunga[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]