Lingue nipponiche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lingue nipponiche
Parlato in Giappone
Classifica 9 fra le prime 100
Filogenesi
Suddivisioni Lingua giapponese
Lingue ryukyuane
Codici di classificazione
ISO 639-2 -
ISO 639-5 jpx

Le lingue nipponiche sono una famiglia linguistica che include il giapponese e le lingue dell'arcipelago delle Ryūkyū.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Origini della lingua giapponese.

Il giapponese e le lingue ryukyuane sono gli unici esponenti della famiglia linguistica delle lingue nipponiche.

Dal punto di vista filogenetico le lingue nipponiche si considerano solitamente isolate.

Vari studiosi utilizzano il termine Protogiapponese (dall'inglese Proto-Japonic) per indicare la protolingua di tutte le varietà delle lingue moderne del Giappone, ovvero la lingua moderna giapponese, i dialetti del Giappone e tutte le forme di lingua parlata nelle isole Ryukyu[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le lingue di questa famiglia diversero da una lingua comune, chiamata Proto-Giapponese o Proto-Giapponese-Ryukyano, in un momento imprecisato anteriore al VII Secolo, quando è attestato il primo scritto in giapponese. Hattori ha posto questa separazione nel periodo Yamato, che convenzionalmente va dal 250 al 710 d.C.

Membri[modifica | modifica wikitesto]

Le lingue nipponiche sono:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedi bibliografia nella voce di dettaglio

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]