Lingue papuasiche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lingue papuasiche
Parlato in Oceania
Filogenesi
Codici di classificazione
ISO 639-2 paa
ISO 639-5 paa
800px-Area of Papuan languages.png
In rosso sono indicate le zone in cui si parlano lingue papuasiche

Il termine lingue papuasiche si riferisce a quelle lingue del Pacifico occidentale che non appartengono né al gruppo austronesiano né al gruppo delle lingue australiane aborigene. Ciò significa che il termine ha una definizione in negativo e non implica una parentela linguistica.

Le lingue[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte delle lingue papuasiche vengono parlate in Nuova Guinea (divisa tra la Papua Nuova Guinea e le province indonesiane di Papua e Papua Occidentale), con un numero di parlanti anche nell'Arcipelago di Bismarck, sull'Isola di Bougainville e sulle Isole Salomone ad est, su Halmahera, a Timor, e nell'arcipelago di Alor ad ovest. Una lingua papuasica, il meriam mir, è parlato anche all'interno dei confini nazionali dell'Australia, nello Stretto di Torres orientale. Le uniche lingue papuasiche assurte al grado di lingue ufficiali sono quelle parlate a Timor Est.

La Nuova Guinea è forse la regione più variegata al mondo dal punto di vista linguistico. Oltre alle lingue austronesiane, vi sono circa 800 lingue divise in circa sessanta famiglie linguistiche minori, ovviamente non imparentate l'una con l'altra, con l'aggiunta di un buon numero di lingue isolate. Sebbene siano stati fatti studi poco approfonditi su queste lingue papuasiche paragonate alle lingue austronesiane, sono stati fatti tentativi preliminari di classificazione genealogica su larga scala da linguisti quali Joseph Greenberg, Stephen Wurm e Malcolm Ross. La famiglia più vasta proposta per la regione papuasica è il phylum della Trans-Nuova Guinea, che consta della maggior parte delle lingue papuasiche e i cui confini corrono principalmente lungo gli altipiani della Nuova Guinea. Sono state studiate a fondo forse solo un quarto delle lingue papuasiche e la classificazione di queste da parte dei linguisti richiederà continue revisioni col crescere delle conoscenze su queste lingue.

Molte delle lingue di Flores e delle isole circostanti, specialmente la lingua di Savu, sono comunemente ritenute austronesiane, ma si segnalano per la corposa presenza di termini non austronesiani nel vocabolario di base. Si è suggerito che siano state, in origine, lingue non austronesiane che in seguito hanno preso in prestito quasi tutto il lessico dalle lingue austronesiane limitrofe, ma non è stata trovata alcuna connessione con le lingue papuasiche di Timor e Halmahera.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]