Lingue maya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lingue maya (Lingue mana, lingue maya, lingue nasausa)
Regioni Mesoamerica
Persone 6 milioni
Classifica non nelle prime 100
Filogenesi Lingue native americane
 Proto-maya
Codici di classificazione
ISO 639-2 myn
ISO 639-5 myn
Distribution-myn2.png
distribuzione geografica delle popolazioni di lingua maya
Pagina 9 del Codice di Dresda, che mostra il classico linguaggio maya, scritto in geroglifici maya

Le lingue maya sono una famiglia di lingue parlata nella Mesoamerica e nella parte settentrionale dell'America centrale. I linguaggi maya sono parlati da circa 6 milioni di nativi, principalmente nel Guatemala, Messico e Belize. Nel 1996, il Guatemala ha riconosciuto formalmente ventuno lingue maya[1], ed il Messico otto.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Le lingue maya sono tra le lingue più documentate e studiate delle Americhe[2]. Le lingue maya moderni discendono dal Proto-maya, una lingua che, si pensa, fosse parlata circa 5000 anni fa; non avendone testimonianze dirette, il Proto-maya è stato parzialmente ricostruito, usando il metodo comparativo.

Le lingue maya fanno parte dell'area linguistica mesoamericana, un'area di convergenza linguistica sviluppatasi attraverso millenni di interazioni tra le popolazioni della Mesoamerica; tutte le diverse lingue maya, infatti, presentano i tratti caratteristici tipici di quest'area linguistica. Per esempio, tutte queste lingue usano nomi relazionali al posto delle preposizioni per indicare le relazioni spaziali tra gli oggetti; inoltre posseggono caratteristiche grammaticali e linguistiche che le distinguono dagli altri linguaggi mesoamericani, come l'uso dell'ergatività nei verbi.

Durante il periodo pre-colombiano, alcune lingue maya furono scritte, attraverso un sistema di geroglifici; questo uso si diffuse in particolar modo durante il Periodo Classico della Civiltà maya (c. 250-900 d.C.). Il corpus sopravvissuto di oltre 10000 codici[3], assieme alla ricca letteratura mesoamericana post-coloniale, redatta in caratteri latini, ci hanno permesso di capire molto della storia di queste civiltà nativo americane.

Famiglie linguistiche[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Il film di Mel Gibson Apocalypto (2006) è stato girato in maya yucateco, che è parlato da più di un milione di persone nella penisola dello Yucatan (Messico), è la lingua maya più conosciuta e studiata della famiglia maya. Tale scelta è simile a quella che precedentemente lo stesso Gibson aveva fatto per il suo La passione di Cristo, girato in aramaico e latino.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Jack Spence et al., op. cit. in bibliografia, 1988.
  2. ^ Lyle Campbell, op. cit., 1997. p.165.
  3. ^ Harri Kettunen e Christopher Helmke, op. cit., 2005. p.6.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Jack Spence, David R. Dye, Paula Worby, Carmen Rosa de Leon-Escribano, George Vickers e Mike Lanchin (agosto 1988). "Promise and Reality: Implementation of the Guatemalan Peace Accords". Hemispheres Initiatives
  • Lyle Campbell (1997). American Indian Languages: The Historical Linguistics of Native America. "Oxford Studies in Anthropological Linguistics", no. 4. New York: Oxford University Press. ISBN 0-19-509427-1
  • Harri Kettunen e Christophe Helmke (2005), Introduction to Maya Hieroglyphs. Wayeb and Leiden University

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]