Il viaggio a Reims

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Destino maledetto, non ce la puoi ficcare, e tutti a tuo dispetto andiamo a giubilare! »
(Don Profondo, Milord Sidney, Don Alvaro)
Il viaggio a Reims
Marie Louise Elisabeth Vigée-Lebrun 001.jpg
Ritratto di Mme. de Staël come Corinna
dipinto di Elisabeth Vigée-Lebrun
Titolo originale Il viaggio a Reims ossia L'albergo del Giglio d'Oro
Lingua originale italiano
Genere opera buffa
Musica Gioachino Rossini
Libretto Luigi Balocchi
Libretto online
Libretto originale online
Fonti letterarie Corinne ou l'Italie, romanzo di Madame de Staël (1807)
Atti uno
Epoca di composizione aprile - maggio 1825
Prima rappr. 19 giugno 1825
Teatro Théatre Italien di Parigi
Prima rappr. italiana 18 agosto 1984
Teatro Auditorium Pedrotti di Pesaro
Personaggi
[1]
  • Corinna, celebre improvvisatrice romana (soprano)
  • La Marchesa Melibea, dama polacca, vedova d'un generale italiano morto il giorno medesimo delle nozze, in una sorpresa dell'inimico (contralto)
  • La Contessa di Folleville, giovine vedova, piena di grazia e di brio, pazza per le mode (soprano)
  • Madama Cortese, donna spiritosa ed amabile, nata nel Tirolo, moglie d'un negoziante francese che viaggia, e padrona della casa de' bagni (soprano)
  • Il Cavaliere Belfiore, giovine uffiziale francese, gaio ed elegante, che fa la corte a tutte le signore e particolarmente alla contessa di Folleville, e si diletta di pittura (tenore)
  • Il Conte di Libenskof, generale russo, d'un carattere impetuoso, innamorato della marchesa Melibea ed estremamente geloso (tenore)
  • Lord Sidney, colonnello inglese, innamorato segretamente di Corinna (basso)
  • Don Profondo, letterato, amico di Corinna, membro di varie accademie e fanatico per le antichità (basso buffo)
  • Il Barone di Trombonok, maggiore tedesco fanatico per la musica (basso buffo)
  • Don Alvaro, grande di Spagna, uffizial generale di marina, innamorato di Melibea (basso)
  • Don Prudenzio, medico della casa de' bagni (basso)
  • Don Luigino, cugino della contessa di Folleville (tenore)
  • Delia, giovine orfana greca protetta da Corinna, e sua compagna di viaggio (soprano)
  • Maddalena, nativa di Caux, in Normandia, governante nella casa de' bagni (mezzosoprano)
  • Modestina, ragazza astratta, timida e lenta, cameriera della contessa di Folleville (mezzosoprano)
  • Zefirino, corriere (tenore)
  • Antonio, mastro di casa, (basso)
  • Gelsomino, cameriere (tenore)
  • Quattro virtuosi ambulanti (soprano, mezzosoprano, tenore e basso)
  • Coro di contadini e contadine, giardiniere e giardinieri, servi
  • Ballerini e ballerine
  • Servitori de' viaggiatori dell'albergo
Autografo Biblioteca del Conservatorio di Santa Cecilia, Roma (solo le parti non utilizzate per Le Comte Ory)

Il viaggio a Reims[2](titolo completo: Il viaggio a Reims ossia L'albergo del Giglio d'Oro) è un'opera lirica in un atto di Gioachino Rossini su libretto di Luigi Balocchi ispirato da Corinne ou l'Italie (Corinna o l'Italia) di Madame de Staël.
L'opera fu composta per l'incoronazione di Carlo X, re di Francia e fu eseguita per la prima volta a Parigi, nel Théatre Italien il 19 giugno 1825.

L'opera non ha una sua ouverture.[3] La cosiddetta sinfonia de Il Viaggio a Reims, derivata da una serie di danze de L'assedio di Corinto (1826), una delle quali era stata rielaborata da Rossini proprio su un auto-imprestito dai balletti finali de Il viaggio a Reims,[4] è frutto di un'erronea attribuzione o di un falso storico. Essa è stata pubblicata a Milano, nel 1938, nella revisione di Giuseppe Piccioli,[5] e fu eseguita per la prima volta alla Teatro alla Scala, il 5 novembre 1938, sotto la direzione di Richard Strauss.[3] Essa è stata in seguito ripetutamente registrata come presunta ouverture de Il viaggio a Reims, finché non è stato possibile addivenire alla ricostruzione della partitura originale.

Vicende storiche[modifica | modifica wikitesto]

L'opera, pur essendo formalmente costituita da un atto unico, è di dimensioni notevoli (dura circa tre ore) e fu in effetti suddivisa in tre parti alla sua prima rappresentazione.[4] Essa ottenne comunque un deciso successo, dovuto soprattutto, da un lato, alla grande attesa dei parigini per la prima opera composta dal Cigno di Pesaro per la capitale francese, dall'altro alla fama e bravura dei numerosi artisti, tutti i gran nomi del canto italiano allora presenti a Parigi, con qualche rinforzo locale di rilievo.

Dato il suo carattere celebrativo e d'occasione, l'opera non poteva entrare in repertorio, e infatti Rossini ne ritirò la partitura dopo sole tre rappresentazioni e ne impedì ogni altra esecuzione, limitandosi, tre anni dopo, a riutilizzarne egli stesso molti numeri per Le Comte Ory. Nel 1848, tuttavia, il Théâtre Italien riuscì in qualche modo a rimetterla in scena, su un nuovo libretto intitolato Andremo a Parigi?, per celebrare, questa volta, niente meno che le barricate rivoluzionarie. Dopo un'ulteriore fugace riapparizione come Il viaggio a Vienna, nel 1854, in occasione delle nozze tra Francesco Giuseppe e Elisabetta di Baviera, dell'opera non si ebbe più notizia e la partitura fu ritenuta per più di un secolo dispersa, fino al ritrovamento nel 1977, presso la Biblioteca del Conservatorio di Santa Cecilia a Roma, delle parti non prese in prestito per Le Comte Ory.[6]

Grazie alla Fondazione Rossini di Pesaro, la musicologa Janet Johnson coadiuvata da Philip Gossett ha ricostruito e pubblicato la partitura dell'opera, che è stata quindi rappresentata al Rossini Opera Festival di Pesaro il 18 agosto 1984, con la direzione d'orchestra di Claudio Abbado in una memorabile produzione con la regia di Luca Ronconi e la scenografia di Gae Aulenti. La prestigiosa compagnia di canto annoverava, tra le prime parti, nomi come quelli di Cecilia Gasdia, Lucia Valentini Terrani, Lella Cuberli, Katia Ricciarelli, Samuel Ramey, Ruggero Raimondi, Enzo Dara e Leo Nucci, mentre tra i comprimari figuravano cantanti del livello di Bernadette Manca di Nissa, William Matteuzzi e Giorgio Surjan. Da allora l'opera è stata ripresa, dapprima in molti dei maggiori teatri d'opera del mondo come nella prima del 1985 al Teatro alla Scala di Milano con lo stesso cast con Chris Merritt come Libenskof ed Armando Ariostini come Antonio, nel 1986 a Saint Louis (Missouri), nel 1987 al Guildhall School of Music and Drama di Londra, nel 1992 al Royal Opera House, Covent Garden di Londra con Carlo Rizzi (direttore d'orchestra), Montserrat Caballé, Renée Fleming, John Aler e Sylvia McNair, nel 2005 al Grand Théâtre de Monte Carlo con Patrizia Ciofi, Sara Mingardo, Rockwell Blake e Raimondi, nel 2007 al Washington National Opera per il Teatro Mariinskij e nel 2012 al Teatro Comunale di Firenze con Domenico Balzani, poi anche in molti teatri di provincia.

Contrariamente alle aspettative, lo straordinario numero di cantanti necessario per rappresentare Il viaggio a Reims e la relativa gracilità della sua trama, invece di esserne un ostacolo alla diffusione, la facilitano. Da una parte si è visto che, essendo le parti vocali non particolarmente estese, l'opera può essere affidata agevolmente a una compagnia di giovani, dall'altra essa offre a registi fantasiosi la possibilità di sbizzarrirsi in trovate scenotecniche e registiche (come nel 2003 nell'allestimento di Dario Fo all'Opera di Helsinki)

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A Plombières, nell'albergo termale "Il Giglio d'Oro" sono radunati ospiti illustri che si preparano a partire insieme per Reims per assistere all'incoronazione di re Carlo X.
Madama Cortese, proprietaria dello stabilimento, dà ordine alla servitù di affrettare i preparativi per il viaggio. Le belle e capricciose dame dell'alta società, la contessa di Folleville, la vedova polacca Melibea e Corinna, una famosa improvvisatrice romana, vengono corteggiate, con maggiore o minor successo, dai nobili della compagnia: il barone Trombonok, il Grande spagnolo Don Alvaro, il conte russo Liebenskof, il console inglese Lord Sidney e il Cavalier Belfiore.
Don Profondo, appassionato antiquario, si intromette nei preparativi di viaggio facendo un catalogo dei tesori degli ospiti.
Dopo varie dichiarazioni d'amore, accettate o rifiutate, litigi e riappacificazioni, e dopo che si è potuto recuperare il guardaroba della Contessa, finalmente si è pronti per la partenza.
In questo istante arriva la notizia che non si trovano più cavalli per Reims. Dopo un momento di sbigottimento generale, la contessa, offrendo ospitalità alla compagnia, propone di partire il mattino seguente con la diligenza giornaliera per Parigi, dove si stanno allestendo grandi festeggiamenti per il re di ritorno da Reims.
Per la sera viene organizzato un banchetto durante il quale, tra canti e balli, i convitati intonano gli inni delle rispettive nazioni e alla fine Corinna improvvisa sulle virtù di Carlo X.

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

personaggio tipologia vocale[1] primo interprete, 19 giugno 1825[1]
(Direttore: Gioacchino Rossini)
ripresa dell'opera 18 agosto 1984
(Direttore: Claudio Abbado)
Madame Cortese soprano Ester Mombelli Katia Ricciarelli
Contessa di Folleville soprano Laure Cinti-Damoreau Lella Cuberli
Corinna soprano Giuditta Pasta Cecilia Gasdia
Marchesa Melibea contralto Adelaide Schiassetti Lucia Valentini Terrani
Conte di Libenskof tenore Marco Bordogni Francisco Araiza
Cavaliere Belfiore tenore Domenico Donzelli Edoardo Gimenez
Lord Sidney basso Carlo Zucchelli Samuel Ramey
Don Alvaro basso Nicolas Levasseur Leo Nucci
Barone di Trombonok buffo Vincenzo Graziani Enzo Dara
Don Profondo buffo Felice Pellegrini Ruggero Raimondi
Don Prudenzio basso Luigi (?) Profeti Giorgio Surjan
Modestina mezzosoprano (?) Dotty Bernadette Manca di Nissa
Don Luigino tenore Piero Scudo Oslavio Di Credico
Maddalena mezzosoprano Caterina (?) Rossi Raquel Pierotti
Antonio basso (?) Auletta Luigi De Corato
Zefirino tenore (?) Giovanola Ernesto Gavazzi
Gelsomino tenore (?) Trévaux William Matteuzzi
Delia soprano Maria (?) Amigo Antonella Bandelli
Antonio basso (?) Auletta Armando Ariostini
Quattro virtuosi ambulanti soprano, mezzosoprano,
tenore, basso
Amigo, Dotty, Giovanola, Scudo
Cori di Contadini e contadine, Giardiniere e giardinieri, Servi.
Ballerini e ballerine.
Servitori de’ viaggiatori dell’albergo. [Donne de’ bagni].

Organico orchestrale[modifica | modifica wikitesto]

La partitura di Rossini prevede l'utilizzo di

Per i recitativi

Brani celebri[modifica | modifica wikitesto]

  • Di vaghi raggi adorno aria di Madama Cortese
  • Partir, oh ciel! desio, aria della Contessa
  • Si, di matti una gran gabbia, sestetto
  • Arpa gentil, che fida, romanza di Corinna
  • Invan strappar dal core aria di Lord Sidney
  • Medaglie incomparabili, aria di Don Profondo
  • Ah! a tal colpo inaspettato, gran pezzo concertato a quattordici voci
  • D'alma celeste duetto tra Liebenskof e Melibea
  • All'ombra amena del Giglio d'or, strofe d'Improvviso di Corinna

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Anno Cast (Corinna, Melibea, Contessa, Madama, Belfiore, Libenskof, Sidney, Profondo, Trombonok, Alvaro) Direttore
1984 Cecilia Gasdia, Lucia Valentini Terrani, Lella Cuberli, Katia Ricciarelli, Eduardo Giménez, Francisco Araiza, Samuel Ramey, Ruggero Raimondi, Enzo Dara, Leo Nucci Claudio Abbado
1988 Cecilia Gasdia, Lucia Valentini Terrani, Lella Cuberli, Montserrat Caballé, Frank Lopardo, Chris Merritt, Samuel Ramey, Ruggero Raimondi, Enzo Dara, Carlos Chausson Claudio Abbado
1992 Sylvia McNair, Lucia Valentini Terrani, Luciana Serra, Cheryl Studer, Raul Giménez, William Matteuzzi, Samuel Ramey, Ruggero Raimondi, Enzo Dara, Lucio Gallo Claudio Abbado
1999 Elizabeth Norberg-Schulz, Enkelejda Shkosa, Eva Mei, Valeria Esposito, Antonino Siragusa, Juan Diego Florez, Michele Pertusi, Nicola Ulivieri, Bruno Praticò, Roberto Frontali Daniele Gatti
2005 Inva Mula, Sara Mingardo, Patrizia Ciofi, June Anderson, Raúl Giménez, Rockwell Blake, Marco Vinco, Ruggero Raimondi, Filippo Morace, Manuel Lanza Maurizio Benini
2009 Patrizia Ciofi, Daniela Barcellona, Annick Massis, Carmela Remigio, Juan Francisco Gatell, Dmitry Korchak, Alastair Miles, Nicola Ulivieri, Bruno Praticò, Fabio Maria Capitanucci Ottavio Dantone

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c I personaggi e la tipologia vocale sono quelli riportati da Marco Beghelli e Nicola Gallino, pp. 741-742.
  2. ^ Reims si pronuncia "Rens"
  3. ^ a b Roberto Maietta, Per un catalogo del “Fondo Giuseppe Piccioli”: inquadramento delle opere e catalogo delle edizioni, Tesi di Laurea triennale in Musicologia, Università degli Studi di Cremona, Facoltà di Musicologia, anno accademico 2009-2010: Catalogo delle opere edite del “Fondo Giuseppe Piccioli”, p. 22, nota 5 (pubblicata nella Biblioteca on-line Library della Facoltà di Musicologia dell'Università degli Studi di Pavia). La fonte dichiarata di Maietta è la Prefazione all'edizione critica dell'opera, curata da Janet J. Johnson: Il viaggio a Reims, ossia, L'albergo del Giglio d'oro, dramma giocoso in un atto di Luigi Balocchi, musica di Gioachino Rossini, Pesaro, Fondazione Rossini, 1999, I, p. xxxv
  4. ^ a b (EN) Janet Johnson: A Lost Masterpiece Recovered, p. 37-38 delle note di accompagnamento della registrazione DG del 1984
  5. ^ Il viaggio a Reims. Sinfonia / Gioacchino Rossini, revisione di Giuseppe Piccioli — Partitura — Milano, Carisch, 1938
  6. ^ Marco Beghelli e Nicola Gallino, p. 742.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica