Il mondo perduto - Jurassic Park

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il mondo perduto - Jurassic Park
Jurassic Park2.jpg
I due T-Rex si avvicinano al fuoristrada di Eddie Carr
Titolo originale The Lost World: Jurassic Park
Paese di produzione USA
Anno 1997
Durata 129 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85:1
Genere fantascienza, avventura
Regia Steven Spielberg
Soggetto dal romanzo di Michael Crichton
Sceneggiatura David Koepp
Produttore Gerald R. Molen, Colin Wilson
Produttore esecutivo Kathleen Kennedy
Distribuzione (Italia) Universal Pictures
Fotografia Janusz Kaminski
Montaggio Michael Kahn
Effetti speciali Industrial Light & Magic, Stan Winston Studio
Musiche John Williams
Scenografia Rick Carter
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi
  • Nomination all'Oscar 1998 per i "migliori effetti speciali"

Il mondo perduto - Jurassic Park è un film del 1997 diretto da Steven Spielberg, basato dall'omonimo romanzo Il mondo perduto di Michael Crichton e sequel di Jurassic Park.

Alla sua uscita, il film ha riscosso un notevole successo, con un incasso, a livello mondiale, di 618.638.999$ di dollari, che lo rende tra i 40 maggiori incassi di tutti i tempi[1], secondo solo all'epoca allo stesso Jurassic Park sempre di Spielberg. Il film ha conservato per quattro anni e mezzo il record d'incasso per il primo weekend di programmazione.

Il titolo del romanzo originale di Crichton da cui è tratto il film è un omaggio al romanzo Il mondo perduto di Arthur Conan Doyle e ai numerosi film che da esso furono ispirati.

Il franchise è proseguito con Jurassic Park III (2001) e Jurassic World (2015).

Trama[modifica | modifica sorgente]

La scena iniziale vede una ricca famiglia di turisti, composta da madre, padre e figlia, approdare su Isla Sorna su uno yatch insieme ai propri camerieri. Durante la colazione la loro giovane figlia va in esplorazione del luogo e si imbatte in un Compsognathus. La bambina, credendo di trovarsi di fronte a un'innocua lucertola, gli offre un pezzo del suo panino ma così facendo attira il resto del branco di Compsognathus che non soddisfatto del magro spuntino l'assale ferendola gravemente.

La scena si sposta a San Diego dove troviamo Ian Malcom che, a quattro anni dall'incidente del primo film, ha perso la sua reputazione e la cattedra universitaria dopo aver cercato di informare il mondo su quello che era nascosto a Isla Nublar. John Hammond ha perso il controllo della InGen a favore di suo nipote, Peter Ludlow, spietato uomo d'affari.

Hammond invita Malcolm a casa sua e qui gli rivela l'esistenza di una seconda isola in cui sono presenti altri dinosauri, Isla Sorna. Sorna era l'impianto dove i dinosauri nascevano per poi essere trasferiti a Isla Nublar quando raggiungevano la maturità. L'isola è stata abbandonata dopo che un uragano aveva spazzato via la maggior parte delle strutture, e le creature da allora vivono allo stato selvatico. Hammond prosegue spiegando che la perdita di Nublar e l'incidente con la ragazza hanno causato la bancarotta della InGen, e così Ludlow ha deciso di sfruttare il sito B per risollevare le sorti dell'azienda. Hammond richiede l'aiuto di Malcolm per fermare Ludlow e conservare l'ecosistema dei dinosauri sull'isola. Inizialmente lo studioso rifiuta ma poi, appreso che la sua ragazza, la zoologa Sarah Harding, è già sull'isola, decide di partire.

Hammond oltre a Malcolm ha incluso nella squadra anche Eddie Carr, un ingegnere che ha costruito i veicoli personalizzati che il team utilizzerà, e il produttore di documentari e ambientalista Nick Van Owen. Arrivati sull'isola, riescono subito a trovare Sarah. Tornati al campo Malcolm trova nella roulotte sua figlia Kelly, nascostasi lì perché desiderosa di passare un po' di tempo con il padre che non vedeva quasi mai. Mentre Ian cerca un passaggio per riportare la figlia a casa, arrivano sull'isola anche gli uomini della InGen.

La squadra rivale, guidata da Ludlow, Roland Tembo e Dieter Stark, con l'aiuto del paleontologo Robert Burke, cattura rapidamente numerosi dinosauri da mostrare ai finanziatori del nuovo parco. Quella notte stessa, Nick, Sarah e Ian, si introducono nel campo InGen per liberare i dinosauri che nella fuga distruggono tutto, compresi i mezzi di comunicazione.

La scena si sposta su Roland Tembo, dove il capo dei mercenari assunti dalla InGen è a caccia del Tyrannosaurus maschio che cerca di attirare usando il suo stesso cucciolo a cui ha fratturato una zampa. Nick, di ritorno dal campo della InGen, libera il cucciolo di T-Rex e lo porta alla roulotte, affinché Sarah possa aiutarlo. Sotto richiesta di Ian, Eddie porta Kelly a nascondersi in una gabbia sopraelevata. Malcolm si accorge che i T-Rex si stanno avvicinando e cerca di contattare la roulotte, non ricevendo risposta la raggiunge di corsa. Il team restituisce il cucciolo ai tirannosauri e questi, dopo aver messo al sicuro il figlio, scatenano la loro vendetta contro la roulotte che comincia a precipitare verso la scogliera. La situazione rischia di finire in tragedia se non fosse per Eddie che giunge in soccorso dei compagni, gettando loro una corda e cominciando a ritrainare la roulotte mediante un cavo d'acciaio e il suv; il suo intervento, però, gli costa la vita poiché il rumore del suv (spinto al massimo) attira nuovamente i T-Rex che distruggono la macchina e divorano Eddie. La roulotte, precipita, ma i suoi occupanti sopravvivivono aggrappandosi alla corda gettata da Eddie, e vengono salvati dal team InGen. Con tutte le attrezzature di comunicazione distrutte, entrambi i gruppi si vedono costretti a marciare insieme per raggiungere la stazione delle comunicazioni, posta vicino al vecchio edificio operativo dell'isola, che sfortunatamente si trova all'interno del territorio dei terribili Velociraptor.

La sera stessa, durante una sosta della spedizione, Stark si allontana nella foresta ma, dopo essersi perso, viene divorato da un gruppo di Compsognathus. Le sue richieste di aiuto non vengono udite da Carter, un membro del Team, che in quel momento stava ascoltando la musica. Durante la stessa notte i tirannosauri attaccano nuovamente, seminando il panico nel campo. Tembo cerca di sparare al tirannosauro, ma fallisce perché Van Owen gli ha scaricato le munizioni. Così si danno tutti alla fuga nella stessa direzione. Carter e un membro InGen, nella fuga, rimangono schiacciati dal tirannosauro, mentre Van Owen, Burke, Kelly e Sarah si rifugiano in una grotta nascosta dietro una cascata. Burke, spaventato da un serpente, che crede sia il velenossissimo corallo, fa un passo avanti e viene preso dal T-Rex, che lo trascina fuori dalla grotta e lo divora davanti agli occhi di tutti. Immediatamente dopo riappare Ian. Poco dopo i quattro decidono di continuare il cammino verso la stazione radio ormai vicina.

Quel che resta del team InGen viene sterminato dai Velociraptor nascosti nell'erba alta. Malcolm e i suoi passano attraverso il campo illesi, ma sono attaccati da tre raptor e corrono a nascondersi. Kelly riesce a ucciderne uno dentro uno stabile utilizzando le sue abilità di ginnasta, e Sarah riesce fortunatamente a sfuggire agli ultimi due mettendoli l'uno contro l'altro. La squadra raggiunge la stazione radio dove Van Owen trova una radio ancora funzionante e manda una richiesta d'aiuto, poco dopo arriva un elicottero di soccorso che raggiunge e trae in salvo i superstiti. Mentre volano via, vedono che Tembo ha ingabbiato il maschio di tirannosauro (che aveva narcotizzato prima, quando aveva attaccato il campo), e Ludlow si prepara a rientrare sulla terraferma.

La Mercedes Classe M usata nelle riprese del film

Roland però, pur avendo catturato il tirannosauro, abbandona la spedizione, sconfortato dalla morte del suo assistente Ajay, vittima dell'agguato dei Velociraptor insieme ad altri uomini della InGen. Ludlow intanto vorrebbe usare il tirannosauro adulto e il suo piccolo, che intanto era stato catturato, come un'attrazione turistica sul continente. I due dinosauri vengono così trasferiti in California su una nave cargo. Quella stessa notte, a San Diego, Ludlow sta per inaugurare la nuova struttura del Jurassic Park, un anfiteatro in precedenza ideato da Hammond, dove già si trova il piccolo di tirannosauro e dove presto verrà esposto insieme all'animale adulto; Ludlow però viene interrotto durante un'intervista sul molo perché dal radar sembra che la nave col tirannosauro adulto abbia perso il controllo e, infatti, si schianta poco dopo sulla banchina distruggendo il punto d'attracco. I primi a salire sulla nave (Malcolm, Sarah e Ludlow) non trovano superstiti, anche se non ci sono dinosauri sul resto della nave, ma solo nella stiva (chiusa). Un poliziotto apre troppo frettolosamente la stiva e il T-Rex viene liberato; intanto Malcolm e Sarah apprendono che durante il viaggio il tirannosauro aveva smesso di respirare a causa di un sovradosaggio di tranquillante, così gli sono state somministrate anfetamine, ma, non sapendo il dosaggio giusto, hanno esagerato e il dinosauro ora si trova fuori controllo; i due intuiscono anche che è alla ricerca del piccolo, tenuto nell'anfiteatro del Jurassic Park. Nel frattempo il T-Rex adulto semina il panico in città, successivamente si introduce in una villa dove beve l'acqua della piscina, divora un cane e spaventa i padroni di casa. Malcolm e Sarah riescono a raggiungere il cucciolo e lo usano come esca per attirare l'attenzione dell'adulto e riportarlo nella stiva della nave dopo un pericoloso inseguimento. Ludlow avverte i suoi agenti di uccidere l'adulto e recuperare il cucciolo, ma gli risulterà fatale l'imprudenza di addentrarsi nella stiva per acchiappare il cucciolo, per poi essere ferito dall'adulto ed ucciso proprio dal piccolo. Malcolm e Sarah colpiscono l'adulto con un proiettile tranquillante e sigillano la stiva.

Più tardi, mentre Malcolm e Sarah si addormentano sul divano nel salotto di casa, Kelly guarda la televisione e vede la nave da carico sulla via del ritorno al sito B, circondato da un convoglio di navi da guerra. Il programma si stacca per un'intervista al presidente della InGen John Hammond, il quale spiega che l'isola diverrà solo una riserva naturale, in maniera tale che i dinosauri possano vivere senza ingerenze umane. Egli offre una citazione di Malcolm, "La vita troverà un modo". L'ultima scena mostra il sito B, dove la famiglia di tirannosauri è riunita in the wild, accanto a una mandria di stegosauri e uno pteranodonte che si poggia su un ramo.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Michael Crichton pensò inizialmente di scrivere una sceneggiatura basata sulla storia di uno studente universitario che riesce a ricreare dei dinosauri. Abbandonata questa idea continuò a pensare di unire il fascino che provava verso i dinosauri assieme alla clonazione e fu così che iniziò a scrivere il libro Jurassic Park.[2] Dopo il successo ottenuto con il primo film, Crichton ebbe forti pressioni dai fan per un possibile secondo capitolo. Crichton, che non aveva mai scritto un secondo libro per i suoi romanzi, inizialmente rifiutò, fino a quando Spielberg non lo contattò per un secondo romanzo. Così nel 1995 Il mondo perduto viene pubblicato in tutto il mondo, e la fase di produzione per il sequel viene avviata dallo stesso Spielberg a settembre del 1996. Spielberg contattò Joe Johnston per dirigere il film, ma in quel periodo il regista era impegnato con un altro progetto, Jumanji. Johnson si offrì nel dirigere la pellicola, ma la produzione di Jumanji si allungò, fin quando il regista ha deciso di rinunciare alla possibilità offertagli.

Johnston tuttavia nel 2001 dirigerà Jurassic Park III. Spielberg assunse gli Stan Winston Studios per la creazione dei soggetti animatronici che avrebbero portato sullo schermo i dinosauri destinati a interagire con la nascente tecnica della computer-generated imagery della Industrial Light & Magic. Nuovamente Spielberg contattò il paleontologo Jack Horner per aiutare gli autori e il team responsabile degli effetti speciali a rendere il più veritiero possibile l'aspetto e il comportamento dei dinosauri (nonostante ciò, ad oggi l'aspetto dei dinosauri mostrato nella pellicola risulta in parte sbagliato a causa dei cambiamenti delle teorie dell'evoluzione, in particolar modo nei Velociraptor e il comportamento dei T-Rex). Spielberg contattò Juliette Binoche per la parte di Sarah Harding, ma lei gli rispose che avrebbe partecipato al film solo se avesse interpretato un dinosauro. Le fasi di pre-produzione iniziarono nel 1996: Spielberg decise di inserire nel film alcuni riferimenti del primo romanzo e assenti nel primo film.

Sceneggiatura[modifica | modifica sorgente]

David Koepp, già sceneggiatore del primo episodio, scrisse la sceneggiatura finale, nella quale vennero persi molti tratti di violenza del libro e alcune scene del primo libro. Ad esempio, la scena della bambina attaccata dai Compsognathus che fuggono dal parco di Isla Nublar è stata inserita nel secondo film, benché appaia nel primo libro. La scelta fu di Spielberg che non inserì la scena in questione giudicandola troppo dal carattere horror per il primo film.

La scena dell'incidente di San Diego è frutto della fantasia degli autori, in quanto nel libro la scena non esiste. Spielberg si ispirò alla scena del T-Rex a San Diego dall'adattamento cinematografico del 1925 Il mondo perduto in cui un Brontosaurus attacca Londra. Il personaggio di Doc Thorne viene inspiegabilmente sostituito con il personaggio di Nick Van Owen, assente nel romanzo. Inoltre il personaggio di Hammond è stato inserito nel film, visto che nel primo capitolo è riuscito a salvarsi, contrariamente al romanzo.

Cast[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi di Jurassic Park.
Jeff Goldblum (Ian Malcolm).
  • Jeff Goldblum è il Prof. Ian Malcolm: un matematico esperto nella teoria del caos. Fin dal suo arrivo al parco si manifesta contro la creazione dei dinosauri e diventa il principale oppositore di Hammond. È l'unico personaggio principale (ad eccezione di Hammond e i bambini del 1 capitolo che appaiono solo nel film) a ricomparire anche nel sequel. Alla fine del primo film, Malcolm era riuscito a fuggire da Isla Nublar, e durante questi quattro anni ha rivelato in pubblico i fatti di Isla Nublar (ovvero quelli di Jurassic Park). Purtroppo per lui non è stato creduto, le minacce di azioni legali gli impediscono di produrre alcuna prova e la sua reputazione accademica è distrutta. Viene spinto da John Hammond a tornare nel Jurassic Park allo scopo di trovare e salvare la fidanzata.
Julianne Moore (Sarah Harding).
  • Julianne Moore è la Dott.ssa Sarah Harding, fidanzata di Ian Malcolm. Arriva sull'isola per studiare i dinosauri, inconsapevole dell'arrivo di alcuni bracconieri intenti a catturare gli animali. Dal carattere avventuroso, Sarah difende i propri interessi e i propri sogni, anche se qualche volta è costretta ad obbedire alle richieste del fidanzato.
  • Vince Vaughn è Nick Van Owen, il produttore di documentari e ambientalista del team formato da Malcolm e Sarah. In realtà questo ruolo è inesistente nel romanzo: infatti Spielberg sostituì il personaggio di Doc Thorne.
  • Pete Postlethwaite è Roland Tembo, il leader della squadra InGen, arrivato a Isla Sorna per catturare un T-Rex. A differenza degli altri cacciatori e bracconieri, lui non è al servizio della InGen, ed è l'unico a capire i pericoli a cui la squadra sta andando incontro.
  • Arliss Howard è Peter Ludlow, il nipote di John Hammond. Ha preso il controllo della InGen dopo l'incidente avvenuto a Isla Nublar. Crede di essere diverso dallo zio, ma in molti aspetti comportamentali, i due sono identici. Ludlow vorrebbe rimediare alla distruzione del Jurassic Park, portando i dinosauri a San Diego per aprire uno zoo per dinosauri.
Vince Vaughn è Nick Van Owen
  • Richard Schiff è Eddie Carr, un ingegnere che ha costruito i veicoli personalizzati che il team utilizzerà sull'isola. Nel film il personaggio è molto più vecchio, rispetto a quello del libro. Eddie muore per salvare Malcolm e Sarah dall'attacco di due T-Rex.
  • Peter Stormare è Dieter Stark, braccio destro di Roland Tembo.
  • Sir Richard Attenborough è John Hammond, direttore generale della InGen nonché creatore del Jurassic Park. Nel film ha perso il controllo della InGen nei confronti dello spietato nipote Peter Ludlow. Hammond rivela a Malcolm l'esistenza di un sito B, ovvero Isla Sorna, e del piano di mandare un team specializzato per studiare il comportamento dei dinosauri. Hammond appare anche alla fine del film, quando interviene perché gli animali creati su Isla Sorna vengano lasciati vivere in pace.
  • Ariana Richards è Alexis "Lex" Murphy: Nipote di Hammond, una vegetariana e un hacker autodidatta. Nel film appare molto cresciuta rispetto al primo film, in quanto sono passati circa quattro anni dal primo capitolo. Appare solo nella scena iniziale a casa di Hammond.
  • Joseph Mazzello è Timothy "Tim" Murphy: fratello minore di Lex appassionato di dinosauri. Nel film appare molto cresciuto rispetto al primo film, in quanto sono passati circa quattro anni dal primo capitolo. Appare solo nella scena iniziale a casa di Hammond.

Riprese[modifica | modifica sorgente]

Con l'avvio della pre-produzione nel 1996, Spielberg iniziò a girare il film, alcuni mesi dopo l'uscita del libro Il mondo perduto.

Le sequenze del film ambientate a Isla Sorna vennero girate a Korulu, alle Hawaii e a Eureka. La scena nella residenza di John Hammond è stata girata nella Mayfield Senior School in California. L'ultima sequenza, ovvero quella a San Diego, è stata girata nella stessa città, ma in altre inquadrature (ovvero il T-Rex che semina il panico nella città) è stata girata anche a San Pedro e a Los Angeles: fu una delle scene più difficili da girare per la produzione. La sequenza fu candidata agli MTV Movie Awards, ma il film non ottenne il riconoscimento.

Per le sequenze d'azione sono stati impiegati cinquanta stuntman, laddove in Jurassic Park ne sono serviti solo tredici.

Effetti speciali[modifica | modifica sorgente]

Il film ha dimostrato le potenzialità dell'animazione in grafica computerizzata, ancora poco sfruttate all'epoca: quasi tutti i dinosauri sono stati generati al computer e le sequenze animate digitalmente superano per numero quelle del film di fantascienza Terminator 2 - Il giorno del giudizio e del primo capitolo. Per la realizzazione di tutti i dinosauri ci sono voluti circa 18 mesi di lavoro.

Il film contiene quasi il doppio di animazioni generate al computer rispetto al suo predecessore. In un'intervista il responsabile degli effetti speciali Dennis Muren affermò: "Con Jurassic Park avete guidato una berlina, adesso potete accomodarvi su una Ferrari!"

I dinosauri protagonisti[modifica | modifica sorgente]

Per esigenze drammatiche quelli che nel primo film erano presentati come Velociraptor sono in realtà dei Deinonychus antirrhopus o degli Utahraptor, specie somigliante al Velociraptor ma con dimensioni assai maggiori rispetto a quest'ultimo. Infatti il Velociraptor non raggiungeva il metro di altezza, mentre il Deinonychus e l'Utahraptor erano quasi più alti di un uomo, come appunto appare nel film. In questo secondo episodio i raptor non sono più color marrone-beige, ma tigrati leggermente di verde su una pelle color seppia-arancio e le loro dimensioni sono più modeste e più verosimili a quelle del "vero" raptor (peraltro nel terzo film verranno nuovamente rappresentati con dimensioni molto maggiori ai loro standard e il loro aspetto fisico cambia radicalmente). Altri dinosauri che appaiono nel film sono il famigerato Tyrannosaurus Rex di cui ce ne sono due adulti e un cucciolo, i Compsognathus, il Pachycephalosaurus, lo Stegosauro, il Mamenchisaurus, il Triceratops e il Parasaurolophus.

I dinosauri presenti nel film sono:

Promozione[modifica | modifica sorgente]

« Qualcosa... è... sopravvissuto... »
(Tagline del film)

Per sostenere ulteriormente il successo del film vennero sviluppati numerosi videogiochi tra i quali:

  • un adattamento che seguiva la trama del film, uscito per console
  • per il computer venne sviluppato un gioco chiamato trespasser ambientato un anno dopo gli eventi del film
  • un videogioco per la Playstation dall'omonimo titolo

Inoltre fu creato un gioco arcade e una linea di giocattoli.

Differenze tra il film e il libro[modifica | modifica sorgente]

Il copione del film è molto differente dal testo del libro:

  • Nel film Malcolm aveva tentato, senza successo, di svelare al mondo l'incidente di Isla Nublar, e ciò gli aveva comportato la perdita della cattedra universitaria. Nel romanzo Malcolm non tenta minimamente di svelare l'incidente.
  • Nella parte iniziale del romanzo vi sono vari ritrovamenti di carcasse di dinosauri nella Costa Rica, ognuno di essi viene puntualmente messo a tacere dalle autorità locali.
  • Nel libro John Hammond è morto, essendo rimasto ucciso verso la fine del primo capitolo, e la InGen non esiste più mentre nel film è Hammond a spedire Malcom sull'isola prima dell'arrivo della squadra della InGen.
  • Nel romanzo viene specificato che Isla Sorna era in realtà una bocca vulcanica inattiva, ciò ne caratterizzava la forma a coppa. Nel film ciò non viene specificato e l'isola appare una normale isola con dei rilievi montuosi nell'interno.
  • Doc Thorne, Lewis Dodgson, Howard King, George Baselton, R.B. Benton (Arby) ed il Dr. Levine non appaiono nel film.
  • Nel libro si recano sull'isola: Malcolm, Doc Thorne, Eddie Carr, Kelly Curtis e R. B. Benton (Arby), arrivati per recuperare Levine, e raggiunti solo in seguito dalla dottoressa Harding e il team nemico consiste in Dodgson, King e Baselton. Nel film arrivano solo Malcolm, Harding, Carr, Van Owen e Kelly e il team nemico è composto da Roland Tembo, Peter Ludlow e uomini assunti dalla InGen.
  • Eddie Carr è più giovane nel libro, Malcolm invece è più anziano.
  • Nel film Kelly è la figlia di Malcom. Nel romanzo Malcolm non ha figli e Kelly è allieva e assistente di Levine e non è afroamericana.
  • Nel film, il ruolo del personaggio di Doc Thorne viene sostituito da Nick Van Owen, personaggio inesistente nel romanzo.
  • Nel libro la localizzazione del Sito B necessita di essere scoperto; nel film no.
  • Nel libro Malcolm non si reca sull'isola per "salvare" la fidanzata, ma per salvare Levine.
  • Nel romanzo, il team nemico (capeggiato da Dogson) è sull'isola per rubare le uova di alcune specie, con l'intenzione di sfruttare i dinosauri per esperimenti scientifici, in quanto ritiene che animali creati in laboratorio non abbiano diritti. Nel film il team, capeggiato da Roland Tembo e Peter Ludlow, è sull'isola per catturare dinosauri adulti da trasferire in un "Jurassic Park" a San Diego.
  • Nel libro Sarah Harding raggiunge l'isola dopo l'arrivo di Malcolm, non prima.
  • Nel romanzo Eddie Carr muore ucciso dai Velociraptor, mentre nel film viene divorato dai T-Rex.
  • Nel romanzo ci sono più cuccioli di Tyrannosaurus benché se ne evidenzi solo uno.
  • Nel libro Malcolm, Sarah, Doc Thorne, Levine, Kelly e Arby scappano dall'isola con una barca, nel film vengono a prenderli con l'elicottero; inoltre nel romanzo nessuno del team avversario riesce a lasciare l'isola.
  • Nel libro i due team non si uniscono mai.
  • Nel romanzo nessun dinosauro viene portato a San Diego nel film un Tyrannosaurus rex e il suo cucciolo vengono trasferiti dall'isola a San Diego con una nave il cui equipaggio viene sterminato da uno dei due animali durante il viaggio.
  • Nella pellicola, non si accenna alla malattia dei dinosauri derivante dalla carne di pecora: nel libro Malcolm si accorge che la maggior parte degli animali sull'isola non raggiunge l'età adulta. Il mistero viene infine svelato da Malcolm stesso durante il viaggio di ritorno.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • La pellicola è introdotta dal nuovo logo della Universal.
  • Le due jeep presenti nella pellicola sono due Mercedes Classe M W163, appositamente modificate in estetica per renderle più simili a dei fuoristrada, anziché a dei SUV moderni.
  • Steven Spielberg appare in un cameo mangiando i pop corn.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fonte: Internet Movie Database
  2. ^  Michael Crichton. . Universal, , 2001

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]