Prova a prendermi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prova a prendermi
Prvaprndrm.png
Leonardo DiCaprio e Christopher Walken (di spalle) in una scena del film
Titolo originale Catch Me If You Can
Paese di produzione USA
Anno 2002
Durata 141 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85:1
Genere commedia drammatica, biografico
Regia Steven Spielberg
Soggetto Frank Abagnale Jr., Stan Redding
Sceneggiatura Jeff Nathanson
Produttore Steven Spielberg, Walter F. Parkes
Produttore esecutivo Barry Kemp, Laurie MacDonald, Anthony Romano, Michel Shane
Casa di produzione Amblin Entertainment, Muse Entertainment, Splendid Pictures, Kemp Company, Parkes/MacDonald Productions
Distribuzione (Italia) United International Pictures
Fotografia Janusz Kaminski
Montaggio Michael Kahn
Effetti speciali John C. Hartigan, Connie Brink
Musiche John Williams (compositore), AA. VV.
Scenografia Jeannine Claudia Oppewall
Costumi Mary Zophres
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Prova a prendermi (Catch Me If You Can) è un film del 2002 diretto da Steven Spielberg.

Adattato dal romanzo autobiografico Catch Me if You Can di Frank Abagnale Jr., il film vede Leonardo DiCaprio nei panni di un ragazzo che prima di compiere 19 anni scappa di casa e riesce, lavorando da falsario, a guadagnare milioni di dollari fingendosi nell'ordine pilota della Pan American World Airways, medico in Georgia e laureato all'Università di Berkeley (California). La sua abilità nel falsificare assegni lo condurrà, una volta catturato, a collaborare con l'FBI per i casi di frode bancaria.

Il film riscosse un buon successo, sia da parte della critica che del pubblico, e ottenne due candidature ai Premi Oscar 2003 grazie a John Williams (migliore colonna sonora) e Christopher Walken (miglior attore non protagonista, nel ruolo del padre di Frank Abagnale Jr.).

Trama[modifica | modifica sorgente]

New Rochelle (New York), 1964: la famiglia Abagnale, composta da Frank, Paula e il figlio sedicenne Frank Jr., rispettata e benestante, viene scossa dai problemi del capofamiglia con il fisco statunitense; tutte le banche che va a consultare non concedono lui alcun tipo di prestito, constringendolo a trasferirsi con la famiglia in un modesto appartamento. La moglie Paula, nel frattempo, comincia a intrattenere una relazione segreta con Jack, presidente del Rotary Club di New Rochelle e amico del marito. Dopo Frank Jr., anche Frank scopre il tradimento, a causa del quale vengono avviate le pratiche per il divorzio. Il figlio, messo alle strette da un avvocato, scappa di casa quando viene costretto a scegliere il genitore per l'affidamento.

Frank Jr. vive in varie pensioni di New York sfruttando un blocchetto degli assegni di sua proprietà, ma quando i 25 dollari sul conto aperto dal padre finiscono gli assegni cominciano a tornare indietro, e i proprietari degli alberghi si rifiutano di concedere gratuitamente un alloggio al giovane. Il ragazzo realizza che l'unico modo per continuare la sua esperienza lontano da casa è la truffa: sugli assegni cambia l'anno di nascita stampato (da 1948 a 1938) e si ribattezza Frank Taylor. Avvalendosi della nuova identità, Frank Jr. tenta di farsi cambiare gli assegni falsi da alcune delle banche più rinomate della città, che, tuttavia, rifiutano.

A questo punto, il giovane decide di spacciarsi per un pilota della Pan Am. Dopo aver raccolto tutte le informazioni necessarie, comincia a fabbricare assegni dello stipendio, ottiene una divisa da pilota e vola in giro per il mondo con la pratica del deadheading.

L'agente dell'FBI Carl Hanratty, specialista in frode bancaria, si accorge di lui e si mette sulle sue tracce. Carl sorprende Frank Jr. in una camera d'albergo, ma il giovane convince l'agente che la sua identità è quella di Barry Allen dei servizi segreti statunitensi, alla ricerca anch'esso del truffatore. Frank Jr. fa rotta verso la Georgia, compra degli appartamenti di lusso e intrattiene feste mondane ogni giorno. In una visita all'ospedale, conosce un'infermiera, Brenda Strong, e "decide" di diventare medico in quello stabilimento. Perciò, falsifica una laurea all'Università di Harvard con specializzazione in pediatria.

Hanratty collega il nome Barry Allen all'omonimo personaggio dei fumetti di Flash e scopre, dopo varie indagini dai genitori del ragazzo, che il ricercato è il diciassettenne Frank Abagnale Jr. e che egli sta esercitando la professione di medico ad Atlanta sotto la falsa identità di Frank Conners.

Frank Jr. decide di fidanzarsi con Brenda Strong, luterana e figlia di un facoltoso avvocato; per tale ragione, a casa Strong, il giovane cerca di accattivarsi la simpatia dei genitori della ragazza fingendosi laureato a Berkeley, ma viene messo in difficoltà dal padre di Brenda, Roger, che frequentò lo stesso istituto. Dopo un colloquio con lo stesso Roger Strong, Frank Jr. riesce a ottenere la mano della ragazza. Studierà due settimane giurisprudenza e supererà l'esame da avvocato in Louisiana, necessario per assicurarsi la fiducia dei genitori di Brenda.

Quando Hanratty trova l'ufficio del dottor Conners, Frank Jr. se n'è già andato. Una telefonata dello stesso ricercato mette al corrente l'agente dell'imminente fidanzamento e gli rende chiaro come ormai il truffatore non possa più cambiare nome. Hanratty e i suoi uomini si presentano alla festa di fidanzamento, ma Frank Jr. fugge con valigie piene di soldi; a quel punto il suo guadagno ammontava a più di quattro milioni di dollari in assegni falsi.

I tentativi dell'FBI di incastrare il fuggitivo sono vani: Frank Jr. si rifugia in Europa, perpetrando la frode. È il Natale del 1968 quando Hanratty lo cattura a Montrichard, il piccolo comune francese in cui era nata la madre. Frank Jr. sconta sei mesi in una prigione francese prima che Hanratty lo riprenda per l'estradizione negli Stati Uniti. Qui il truffatore viene condannato a dodici anni di isolamento ad Atlanta.

Cinque anni più tardi Hanratty lo fa scarcerare a condizione che sconti la pena restante lavorando per l'FBI: Frank Jr., nonostante qualche tentennamento, accetta e inizia a lavorare per il reparto anti-frode dell'FBI.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

In realtà doveva essere Gore Verbinski a dirigere il film, ma dovette rinunciare a causa di possibili conflitti con il film La maledizione della prima luna. Anche James Gandolfini, previsto originariamente nel ruolo di Carl Hanratty, dovette rinunciare per problemi di scheduling.

Sceneggiatura[modifica | modifica sorgente]

Il film si basa sulla vera storia di Frank Abagnale Jr., che tra il 1964 e il 1969 riuscì a incassare centinaia di assegni falsi in 26 paesi del mondo e in tutti gli Stati statunitensi. Frank Abagnale scrisse la sua autobiografia quando era già stato rilasciato. Oggi Abagnale continua a lavorare nel settore delle finanze, e ha contribuito enormemente allo sviluppo delle tecniche anti-contraffazione delle banche, disegnando anche nuovi tipi di assegni.

Jeff Nathanson, per la realizzazione di Prova a prendermi, ha adattato il libro cambiando alcuni particolari, ma comunque sempre in collaborazione con Abagnale.

Riprese[modifica | modifica sorgente]

Il film è stato girato in soli 56 giorni all'inizio del 2002, in più di 140 location degli Stati Uniti e del Canada. Una delle location era il famoso Terminal 5 dell'aeroporto John Kennedy di New York. Quel terminal, costruito nel 1962 e allora considerato un capolavoro d'architettura, aveva chiuso nel 2001 a causa dell'abbandono della TWA, ma ha riaperto nel 2008.

Le riprese esterne dell'aeroporto di Miami sono state girate nell'aeroporto di Ontario in California.

Leonardo DiCaprio ha recitato quasi sempre in cattive condizioni di salute.

Jennifer Garner ha interpretato tutte le sue scene in un solo giorno.

Il vero Frank Abagnale Jr. compare brevemente nel ruolo di un poliziotto francese.

Compare anche il figlio di Spielberg. È il ragazzo che dorme sull'aereo dietro DiCaprio quando viene riportato negli Stati Uniti dalla Francia.

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

La colonna sonora di questo film, nominata all'Oscar, è stata prevalentemente composta da John Williams. Tuttavia, sono presenti anche brani dell'epoca in cui il film è ambientato, come ad esempio You Really Got Me dei Kinks e Come Fly With Me di Frank Sinatra.

Attualmente si sta lavorando ad un omonimo musical a Broadway. Nel luglio 2007 e nel febbraio 2008 si sono tenute due letture pubbliche del libretto.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Date di uscita[modifica | modifica sorgente]

Il film venne distribuito a cavallo tra il 2002 e il 2003 in vari paesi del mondo, con le seguenti date:

  • 16 dicembre 2002 in Canada (Catch Me If You Can)
  • 25 dicembre 2002 negli Stati Uniti d'America (Catch Me If You Can)
  • 24 gennaio 2003 in Spagna (Atrápame si puedes)
  • 30 gennaio 2003 in Germania (Mein Leben auf der Flucht)
  • 31 gennaio 2003 nel Regno Unito (Catch Me If You Can) e in Italia
  • 12 febbraio 2003 in Francia (Arrête-moi si tu peux)

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Oltre ad essere stato nominato per due Oscar (Miglior attore non protagonista e Miglior colonna sonora), il film ha vinto numerosi premi:

  • Art Directors Guild - Premio all'eccellenza per il design (titoli iniziali);
  • BMI Film & TV Awards - Premio alla miglior musica da film (John Williams);
  • British Animation Awards - Miglior grafica (titoli iniziali);
  • National Society of Film Critics Awards - Miglio attore non protagonista (Christopher Walken);
  • Ottawa International Animation Festival - Miglior sequenza di titoli (titoli iniziali);
  • Teen Choice Awards - Miglior bugiardo (Leonardo DiCaprio).

Budget e incassi[modifica | modifica sorgente]

Il film è costato in tutto 87 milioni di dollari. Gli incassi globali sono stati di 351 milioni di dollari.

Questo è il primo film dal 1988 in cui Tom Hanks non riceve la paga più alta per un ruolo di protagonista. Infatti la paga più alta è stata assegnata a Leonardo DiCaprio, mentre a Hanks è stata assegnata la seconda.

Licenze artistiche[modifica | modifica sorgente]

Il film in realtà si distacca parecchio dal libro, esagerando il rapporto tra Abagnale e Hanratty (che in realtà nel libro si chiama Sean O'Riley) e tralasciando particolari (ad esempio, dopo essere stato detenuto in Francia, Abagnale scontò altri sei mesi in una prigione svedese).

Citazioni e riferimenti[modifica | modifica sorgente]

Citazioni di altre opere[modifica | modifica sorgente]

Il film contiene diversi riferimenti, a volte anche esplicitati, ad altri film, serie televisive e personaggi realmente esistiti.

  • Abagnale in una scena del film va al cinema a vedere Agente 007 - Missione Goldfinger.
  • Per atteggiarsi a medico, Frank si lascia ispirare dalla serie tv de Il dottor Kildare.
  • Frank, per essere un avvocato plausibile, guarda una puntata di Perry Mason del 1961.
  • Quando il sarto risponde a Frank, lo chiama "signor Fleming". Ian Fleming è lo scrittore di tutti i libri di James Bond.
  • Nella scena d'incontro tra Frank e Carl, Frank si presenta come "Barry Allen". Barry Allen è il nome del secondo Flash, super velocista dei fumetti pubblicati dalla DC Comics.
  • Nella scena dell'incontro in carcere Carl porta a Frank dei fumetti: uno di questi è Flash.
  • Nella scena in cui Carl va alla ricerca di Frank durante la festa di fidanzamento, si vede svolazzare una banconota che proviene dallo spiffero sotto la porta: il suo modo di volteggiare in aria ricorda la piuma di Forrest Gump e per qualche secondo anche la musica riprende le note della colonna sonora di quest'ultimo.

Citazioni e parodie[modifica | modifica sorgente]

  • Il diciottesimo episodio della quindicesima stagione de I Simpson, intitolato Prova a prenderli (Catch 'Em if You Can), è una parodia del film.
  • Il titolo dell'undicesimo episodio della quarta stagione di The Vampire Diaries è un chiaro riferimento al film.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema