Incontri ravvicinati del terzo tipo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la classificazione ufologica, vedi Incontro ravvicinato.
Incontri ravvicinati del terzo tipo
Incontri ravvicinati del terzo tipo.jpg
Scena del film
Titolo originale Close Encounters of the Third Kind
Paese di produzione USA
Anno 1977
Durata 132 min (versione originale)
137 min (director's cut)
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35:1
Genere fantascienza, drammatico
Regia Steven Spielberg
Soggetto Steven Spielberg
Sceneggiatura Steven Spielberg
Produttore Julia Phillips, Michael Phillips
Fotografia Vilmos Zsigmond
Montaggio Michael Kahn
Effetti speciali Roy Arbogast, Carlo Rambaldi, Douglas Trumbull
Musiche John Williams
Scenografia Joe Alves
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Edizione originale

Ridoppiaggio (1997)

Incontri ravvicinati del terzo tipo (Close Encounters of the Third Kind) è un film del 1977 diretto e sceneggiato da Steven Spielberg, nel quale viene narrato un possibile primo contatto tra l'umanità ed entità extraterrestri.

Il titolo deriva dalla classificazione degli incontri ravvicinati elaborata dall'astrofisico e ricercatore ufologico Josef Allen Hynek nel 1972, in cui un "incontro ravvicinato del terzo tipo" indica una osservazione di "esseri animati" in associazione con un avvistamento di UFO.

Vincitore di vari premi tra cui due premi Oscar e un David di Donatello, nel 2007 il film è stato selezionato per la preservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti d'America.[1] Nel 1998 l'American Film Institute l'ha inserito al sessantaquattresimo posto della classifica dei migliori cento film statunitensi di tutti i tempi.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel deserto di Sonora lo scienziato francese Claude Lacombe e il suo interprete americano David Laughlin, insieme ad altri ricercatori scientifici, ritrovano la famosa "Squadriglia 19", 5 motosiluranti TBM Avengers dispersi nell'area del Triangolo delle Bermude durante una normale esercitazione nel Dicembre del 1945 e mai ritrovati. Gli aerei sono intatti e operativi, ma non vi è alcuna traccia dei piloti. Su questo e altri strani eventi si inizia ad indagare nel tentativo di trovare una spiegazione. A Muncie, nell'Indiana, un bambino di tre anni, Barry Guiler, si sveglia improvvisamente nella notte quando i suoi giocattoli iniziano a muoversi da soli. Affascinato, lui si alza dal letto e corre fuori casa, costringendo la madre, Jillian, ad inseguirlo.

Nel frattempo, durante un intervento di manutenzione, l'addetto al controllo delle linee elettriche Roy Neary rimane coinvolto in un inseguimento della polizia di quattro UFO, vivendo così a bordo della sua auto un "incontro ravvicinato". Durante la stessa notte incontra sulla strada anche Jillian che è riuscita a raggiungere il piccolo Barry per riportarlo a casa. Roy, dopo l'incontro ravvicinato, rimane sconvolto, e inizia subito a sviluppare un'ossessione da immagini mentali dalla forma simile a quella di una montagna, che cerca in tutti i modi di riprodurre. Stessa ossessione che sviluppa Jillian dopo che anche lei vive un incontro ravvicinato presso la sua abitazione, nel corso del quale il piccolo Barry rimane vittima di un rapimento alieno.

L'attività ufologica non riguarda però solo l'Indiana o solo gli Stati Uniti, ma è in intensificazione in tutto il mondo. Nel corso delle indagini il professor Lacombe e i suoi assistenti si accorgono che durante gli incontri i testimoni raccontano di una particolare sequenza musicale emessa dagli UFO. Ulteriori indagini ed elaborazioni traducono tali sequenze in precise coordinate, secondo Lacombe il luogo in cui le entità extraterrestri vogliono incontrarsi con l'umanità. Tale luogo corrisponde alla Torre del Diavolo, nel Wyoming, così che si decide di isolare la zona e prepararsi all'eccezionale evento. Le autorità governative decidono di tenere il tutto segreto e di far evacuare le zone circostanti diffondendo la falsa notizia di una fuoriuscita di gas tossico da un treno in passaggio. I telegiornali, riportando tale notizia, fanno vedere la Torre del Diavolo, che ha la stessa struttura dell'immagine che ossessiona Roy Neary, Jillian, e molti di coloro che hanno avuto esperienze di incontri ravvicinati, che vedendola, intuiscono di dover assolutamente recarsi in tale luogo. La maggior parte delle persone che tentano di avvicinarsi sono bloccate dalle autorità, ma Jillian e Roy, che affrontano l'avventura insieme, riescono ad arrivarci. Nel cielo notturno improvvisamente appaiono decine di UFO con una navicella che si avvicina presso la Torre del Diavolo. Gli scienziati provano a comunicare attraverso luci colorate e suoni, ai quali gli alieni sembrano rispondere allo stesso modo.

Poco dopo la navicella atterra liberando le persone rapite nel corso degli anni, che appaiono felici e non invecchiate. Tra questi c'è anche il piccolo Barry che riabbraccia la propria madre. Dalla navicella escono anche diversi alieni, che rispondono alla sequenza musicale mimata con la mano da Lacombe. Nel frattempo i funzionari del governo avevano selezionato un gruppo di persone per farle interagire con gli extraterrestri. Questi, a cui si aggiunge Roy, vengono portati davanti la navicella, ma solo Roy viene scelto per andare con loro. La navicella si chiude e decolla sparendo nel cielo.

Estetica e stile[modifica | modifica wikitesto]

Il film racconta lo straordinario incontro ravvicinato tra l'umanità e un'intelligenza extraterrestre attraverso una narrazione molto semplice, quasi favolistica, con il classico lieto fine. Lo stesso Steven Spielberg al termine delle riprese aveva commentato: «Volevo che Incontri ravvicinati del terzo tipo fosse una storia molto semplice, vissuta da una persona qualunque, che doveva essere testimone di un evento straordinario, un'esperienza sconvolgente e ossessionante, di quelle che cambiano completamente la vita». Una delle peculiarità del film è proprio il lieto fine, gli alieni infatti non vengono per conquistare e distruggere, ma vengono in pace, ribaltando così un'immagine classica del cinema di fantascienza postbellico.[3]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Ideazione[modifica | modifica wikitesto]

Steven Spielberg, produttore e regista del film

L'idea di Incontri ravvicinati del terzo tipo nacque quando Steven Spielberg, ancora giovane, assistette insieme a suo padre a una pioggia di meteoriti nel New Jersey.[4] Dopo questa esperienza, ancora adolescente, produsse il film Firelight, riguardante temi ufologici, di cui molte scene sono state poi trasferite in Incontri ravvicinati del terzo tipo con la tecnica shot-for-shot.[5] Nel 1973, durante la post-produzione di Sugarland Express, Spielberg firmò un contratto con la Columbia Pictures per la produzione di un film di fantascienza, con Julia Phillips e Michael Phillips scelti come co-produttori.[6]

Dopo il successo ottenuto con il film Lo squalo, ha avuto la possibilità di girare un film con un ampio margine creativo, concessogli dalla Columbia. Inizialmente gli sceneggiatori Paul Schrader e John Hill gli proposero una storia basata su un ufficiale dell'aeronautica militare che dopo aver avuto un "incontro ravvicinato" inizia a cercare un contatto con gli extraterrestri, mettendosi a capo di un apposito progetto governativo segreto. Ma tale proposta venne rifiutata.[5] Successivamente, Spielberg iniziò a scrivere la sceneggiatura con l'aiuto di Jerry Belson. Durante la scrittura, a suo dire, è stato molto influenzato dalla canzone When You Wish upon a Star, tratta dal film Pinocchio.[5] Il titolo di lavorazione originale era Kingdom Come to Close Encounters, cambiato nell'attuale Close Encounters of the Third Kind (Incontri ravvicinati del terzo tipo) durante la fase di pre-produzione. Per il personaggio di Lacombe, Spielberg si sarebbe ispirato all'astronomo e ufologo Jacques Vallée.

J. Allen Hynek accettò di collaborare come consulente scientifico e fece la sua apparizione in un cameo. Anche l'United States Air Force e la Nasa cooperarono nella produzione del film.[5]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

  • Roy Neary, interpretato da Richard Dreyfuss, doppiato da Pino Colizzi: addetto alla manutenzione delle linee elettriche dell'Indiana che vive l'esperienza di un incontro ravvicinato e incontrerà dal vivo gli alieni sulla Torre del Diavolo.
  • Gillian Guiler, interpretata da Melinda Dillon, doppiata da Vittoria Febbi: la madre del piccolo Barry, rapito dagli alieni. Viaggia insieme a Roy per raggiungere la Torre del Diavolo.
  • Barry Guiler, interpretato da Cary Guffey: bambino di tre anni vittima di un rapimento alieno.
  • Claude Lacombe, interpretato da François Truffaut: ricercatore francese che studia l'attività ufologica per conto del Governo americano.
  • David Laughlin, interpretato da Bob Balaban: assistente e traduttore del professor Lacombe.
  • Veronica "Ronnie" Neary, interpretata da Teri Garr, doppiata da Maria Pia Di Meo: moglie di Roy Neary, che si allontana dal marito dopo l'inizio della sua ossessione.

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese iniziarono il 16 maggio 1976, interessando i luoghi di Burbank, in California, la Torre del Diavolo, nel Wyoming e le città di Mobile e Bay Minette, in Alabama. Inoltre, l'abitazione dove avviene il rapimento alieno di Barry si trova a Fairhope, mentre le scene nel deserto del Gobi in realtà sono state girate nel deserto del Mojave.

Durante la lavorazione non mancarono problemi sia tecnici sia economici. Spielberg aveva inizialmente stimato i costi per il film in circa 2,7 milioni di dollari, ma alla fine superarono i 19 milioni di dollari. A tal proposito il produttore esecutivo John Veich ha avuto occasione di affermare: «Se avessimo saputo prima che sarebbe costato così tanto, non credo che l'avremmo fatto».[5] A contribuire alla crescita dei costi, ci fu anche un uragano atlantico che in Alabama causò diversi inconvenienti tecnici, specie durante le scene sonore.[4]

Effetti visivi[modifica | modifica wikitesto]

Il supervisore agli effetti speciali fu Douglas Trumbull, mentre Carlo Rambaldi disegnò gli alieni. Ralph McQuarrie e Greg Jein invece disegnarono e costruirono la navicella spaziale.

Visto che il film è stato girato in modo anamorfico, gli effetti visivi sono stati aggiunti su pellicola 70mm, per conformarli meglio con la pellicola 35mm. Si sperimentò anche la tecnica Computer-generated imagery, ma non usata perché troppo costosa. I piccoli alieni che si vedono nelle scene finali sono stati interpretati da ragazze locali nella cittadina di Mobile, in Alabama.[4]

La melodia[modifica | modifica wikitesto]

Le note del tema musicale del film

Nel film, gli extraterrestri mandano un messaggio che è costituito da una sequenza di cinque note (in realtà si tratta di sole quattro note, due delle quali separate da un'ottava, dunque non è tecnicamente una scala pentatonica). Tale sequenza è stata scritta da John Williams, su diretta indicazione di Spielberg. In realtà Williams voleva utilizzare una melodia con almeno sette note, ma Spielberg volle categoricamente una sequenza di sole 5 note, che fosse possibile considerare come equivalente musicale della parola inglese Hello (Ciao). Le note che compongono la sequenza sono: Sol(4)-La(4)-Fa(4)-Fa(3)-Do(4) ma nella scena finale del film vengono riprodotte nella tonalità di Do Maggiore: Re(4) - Mi(4) - Do(4) - Do(3) - Sol(3)[7]

In una scena del film, il personaggio Lacombe, osserva, dopo aver sentito cantare la sequenza di suoni nella scena ambientata a Dharamsala in India: «Mais c'est la guerre pentatonique... cinq notes au lieu de sept!» (In italiano: «Ma è la guerra pentatonica... cinque note invece di sette!»).[8]

Una simile sequenza di note viene descritta come emessa da un disco volante durante un avvistamento documentato nel libro La verità sui dischi volanti di Frank Edwards pubblicato nel 1969. La stessa musica è citata nel film Agente 007 - Moonraker - Operazione spazio, dove in una scena James Bond compone i cinque numeri del codice per entrare in un laboratorio a Venezia, all'inizio dell'esibizione live dei Daft Punk durante il tour Alive 2007, a simboleggiare l'incontro tra alieni (i Daft Punk si travestono notoriamente da robot) e umani (il pubblico), e come intro nel pezzo musicale "closer" del dj deadmau5.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

John Williams, compositore della colonna sonora

La colonna sonora del film, composta interamente da John Williams, è stata candidata ai premi Oscar, ai British Academy of Film and Television Arts e ai Golden Globe, dove è stata però battuta dalla colonna sonora di Star Wars, composta anch'essa da John Williams, che aveva già vinto un Oscar con Lo Squalo. Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo ha però poi vinto due Grammy Awards nel 1979: uno per Miglior Colonna Sonora Originale e uno per la miglior composizione strumentale (per "Theme from Incontri ravvicinati") La Colonna Sonora, della durata di 41 minuti, è stata registrata presso gli studi di registrazione Warner Bros. di Burbank, in California ed è stata distribuita nel 1977 in vinile, Stereo8 e musicassetta (nel 1990 è stata rilasciata la versione in cd), da parte della Arista Records. Questa si rivelò anche un successo commerciale, piazzandosi a febbraio del 1978 al 17º posto della Billboard 200, la classifica dei 200 nuovi album discografici e EP più venduti negli Stati Uniti, pubblicata ogni settimana dalla rivista Billboard; inoltre, la RIAA ha certificato, con un disco d'oro, le 500.000 copie vendute. Con l'uscita della Collector's Edition del film, nel 1998, è stata pubblicata una nuova versione della colonna sonora, questa volta solamente su Compact disc. La "Collectors Edition Soundtrack" è stata realizzata effettuando una rimasterizzazione digitale a 20 bit dai nastri originali, e conteneva 26 brani, per un totale di 77 minuti di musica. Il cd, pubblicato da Arista, era corredato da un libretto che conteneva, fra l'altro, un'intervista a Williams.

Brani[modifica | modifica wikitesto]

Comprende i seguenti brani musicali:

  1. Opening: Let There Be Light (0:49)
  2. Navy Planes (2:06)
  3. Lost Squadron (2:23)
  4. Roy's First Encounter (2:41)
  5. Encounter at Crescendo Summit (1:21)
  6. Chasing UFOs (1:18)
  7. False Alarm (1:42)
  8. Barry's Kidnapping (6:19)
  9. The Cover-Up (2:25)
  10. Stars and Trucks (0:44)
  11. Forming the Mountain (1:49)
  12. TV Reveals (1:49)
  13. Roy And Jillian on the Road (1:10)
  14. The Mountain (3:31)
  15. Who Are You People? (1:35)
  16. The Escape (2:18)
  17. The Escape (Alternate Cue) (2:40)
  18. Trucking (2:01)
  19. Climbing The Mountain (2:32)
  20. Outstretch Hands (2:47)
  21. Lightshow (3:43)
  22. Barnstorming (4:25)
  23. The Mothership (4:33)
  24. Wild Signals (4:12)
  25. The Returnees (3:45)
  26. The Visitors/Bye/End Titles (12:32)


L'album originale del 1977 conteneva invece:

Lato A

  1. Main Title and Mountain Visions
  2. Nocturnal Pursuit
  3. The Abduction of Barry
  4. I can't Believe It's Real
  5. Climbing Devil's Tower
  6. The Arrival of Sky Harbor

Lato B

  1. Night Siege
  2. The Conversation
  3. The Appearance of the Visitors
  4. Resolution and End Titles
  5. Theme from "Close Encounters of the Third Kind"†

solo nella ri-edizione del 1978, come bonus track nella cassetta e nel vinile.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente il film era stato programmato per l'uscita nei cinema per l'estate del 1977, ma a causa di alcuni ritardi nella fase di produzione, la pellicola arrivò nei cinema solo nel mese di novembre.[5] All'uscita nei cinema il film ebbe un grande successo, incassando 132.088.635 dollari nel Nord America e 171.700.000 dollari nel resto del mondo, per un incasso mondiale di oltre 300 milioni di dollari.[9]

Il critico cinematografico americano Jonathan Rosenbaum lo ha definito «la migliore espressione della parte buona di Spielberg».[10] La rivista Variety, anche se ha fornito una recensione positiva, ha scritto che «In Incontri ravvicinati del terzo tipo mancano il calore e l'umanità che si vedono in Guerre stellari».[10] Jean Renoir lo ha paragonato ai racconti di Jules Verne e Georges Méliès.[5] L'autore Ray Bradbury lo ha invece definito «il miglior film di fantascienza mai realizzato».[11]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Ai premi Oscar del 1978 il film ottenne 9 candidature, vincendo nelle categorie miglior fotografia e premio speciale per gli effetti sonori.

Oltre ai due premi Oscar, Incontri ravvicinati del terzo tipo ha vinto anche un BAFTA Award per la miglior direzione artistica, un David di Donatello per il miglior film straniero, tre Saturn Award, per la miglior regia, miglior colonna sonora e miglior scrittura, un Grammy Award per la miglior colonna sonora, un Golden Screen Award, un Golden Reel Award per il miglior montaggio sonoro negli effetti sonori e un National Board of Review Award.

Nel 2007, inoltre, è stato selezionato per la preservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti d'America.

Altre edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1979 la Columbia Pictures affidò a Steven Spielberg 2,5 milioni di dollari per produrre un'edizione speciale del film. La versione "Special Edition" fu distribuita nell'agosto del 1980 e, tra le altre introdotte, sono presenti scene girate all'interno della navicella aliena. Spielberg in proposito ha dichiarato: «questa nuova versione è semplicemente un film migliore».[12] Tale versione non fu distribuita nel mercato dell'home video fino al 2007.

Nel 1998 Spielberg produsse una nuova versione, "Collector's Edition", pensata appositamente per il mercato home video, dove è stata distribuita in VHS. Include qualche scena della versione "Special Edition", ma non quelle girate all'interno della navicella. Insieme a tale versione fu distribuito anche il Making of del film, che era stato girato nel 1997, che include interviste a Steven Spielberg e ai principali membri del cast tecnico e artistico. Nel frattempo erano anche state elaborate altre versioni destinate alla trasmissione televisiva, ma queste non furono curate da Spielberg.

Nel giugno del 2001 il film fu per la prima volta disponibile in DVD. Il cofanetto conteneva la versione "Collector's Edition", il Making of, i trailer originali e varie scene tagliate, tra le quali erano presenti anche le scene girate all'interno della navicella viste nella "Special Edition" del 1980.

In occasione del 30º anniversario dell'uscita del film, nel novembre del 2007, fu distribuito un nuovo cofanetto DVD, disponibile anche in Blu-ray, che contiene tutte e tre le versioni del film (l'originale cinematografica, "Special Edition" e "Collector's Edition"), il Making of e una speciale intervista a Steven Spielberg che parla del film 30 anni dopo la sua uscita originale.

Ridoppiaggio italiano[modifica | modifica wikitesto]

Le edizioni home video distribuite a partire dal 1998 non includono il doppiaggio originale, che è stato sostituito dal ridoppiaggio effettuato per l'occasione, resosi necessario per costruire una traccia audio di alta qualità a 5.1 canali. Il ridoppiaggio venne diretto da Manlio De Angelis.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Librarian of Congress Announces National Film Registry Selections for 2007. URL consultato il 25 aprile 2010.
  2. ^ (EN) AFI's 100 Years... 100 Movies, American Film Institute. URL consultato il 12 ottobre 2014.
  3. ^ Recensione: Incontri ravvicinati del terzo tipo. URL consultato il 25 aprile 2010.
  4. ^ a b c Making off di "Incontri ravvicinati del terzo tipo", Columbia Pictures, 1997
  5. ^ a b c d e f g Joseph McBride, Steven Spielberg: a biography, Simon & Schuster, 1997.
  6. ^ David Helpern, At Sea with Steven Spielberg in Take One, Marzo-Aprile 1974, p. 47-53.
  7. ^ (EN) Close Encounters of the Third Kind. URL consultato il 25 aprile 2010.
  8. ^ (EN) Dirks Tim Review: Close Encounters of the Third Kind. URL consultato il 25 aprile 2010.
  9. ^ (EN) Close Encounters of the Third Kind, Box Office Mojo. URL consultato il 25 aprile 2010.
  10. ^ a b (EN) Close Encounters of the Third Kind, Chicago Reader. URL consultato il 25 aprile 2010.
  11. ^ (EN) "A Viewers' Guide To Sci-Fi's Greatest Hits. URL consultato il 25 aprile 2010.
  12. ^ (EN) Close Encounters of the Third Kind. URL consultato il 25 aprile 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bob Balaban, Spielberg, Truffaut & Me: An Actor's Diary, Titan Books, 2002, ISBN 1-84023-430-X.
  • Warren Buckland, Directed by Steven Spielberg: poetics of the contemporary Hollywood blockbuster, Continuum Books, 2006, ISBN 0-8264-1691-8.
  • Thomas Durwood, Close encounters of the third kind: a document of the film, Ariel Books, 1978, ISBN 0-345-27825-9.
  • Joseph McBride, Steven Spielberg: a biography, Simon & Schuster, 1997, ISBN 0-684-81167-7.
  • Ray Morton, Close encounters of the third kind: the making of Steven Spielberg's classic film, Applause Theatre & Cinema Books, 2007, ISBN 1-55783-710-4.
  • Steven Spielberg, Incontri ravvicinati del terzo tipo, Mondadori, 1978.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]