Ecotiopato ioduro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Ecotiopato ioduro
Echothiophate iodide.svg
Nome IUPAC
2-(Dietossifosforilsulfanil)etil-N,N,N-trimetilazanio ioduro
Caratteristiche generali
Massa molecolare (u) 383,228
Numero CAS [6736-03-4]
Codice ATC S01EB03
PubChem 10547
DrugBank DB01057
SMILES [I-].O=P(OCC)(OCC)SCC[N+](C)(C)C
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
Topica (gocce oculari)
Indicazioni di sicurezza

L'ecotiopato ioduro è un composto organofosforico con un gruppo ammonico quaternario.[1]

Chimica[modifica | modifica wikitesto]

Il composto si presenta come una polvere cristallina, biancastra, solubile in acqua. Se viene iofilizzato in presenza di acetato di potassio, crea un deposito amorfo bianco sulle pareti della beuta.

Farmacodinamica[modifica | modifica wikitesto]

Il farmaco agisce inibendo irreversibilmente le colinesterasi con effetti simili alla neostigmina, ma più prolungati nel tempo. L'instillazione oculare di una soluzione allo 0,03-0,25% provoca intensa miosi e contrazione del corpo ciliare dell'iride. Questi effetti compaiono entro 10-30 minuti dopo l'applicazione e possono persistere per giorni e addirittura settimane. La riduzione della pressione endooculare, conseguenza di una quantità aumentata di umore acqueo che viene drenato dall'occhio, è rilevabile già dopo 4-8 ore dall'instillazione, è massima dopo 24 ore e può persistere per diversi giorni.

Usi clinici[modifica | modifica wikitesto]

L'ecotiopato ioduro è indicato nel trattamento del glaucoma ad angolo aperto, in particolare nei pazienti afachici.[2][3][4][5][6][7] Il composto è stato proposto per la diagnosi e per il controllo dell'esotropia (strabismo accomodativo convergente).[8][9][10][11] L'ecotiopato dovrebbe essere somministrato solo quando altre molecole ad azione anticolinergica si siano dimostrate inefficaci.

Effetti collaterali e indesiderati[modifica | modifica wikitesto]

Pur se applicato nel sacco congiuntivale l'ecotiopato ioduro a livello sistemico può causare riduzione delle colinesterasi plasmatiche ed eritrocitarie,[12][13][14] diarrea,[15][16][17] talvolta anche aritmie cardiache.[18][19] Raramente durante il trattamento con il farmaco per soluzione oftalmica è stata riportato il distacco della retina in soggetti adulti senza storia precedente di questo disturbo.[20][21] Si possono inoltre verificare iriti, precipitazione di episodi di glaucoma acuto, edema maculare cistoide,[22] cisti dell'iride od opacità della lente, in particolare dopo un trattamento prolungato. I pazienti talvolta riportano anche senzazione di prurito e bruciore oculare, eccessiva lacrimazione, tendenza a strizzare l'occhio, congiuntivite. È stato registrato anche un offuscamento della vista. L'uso prolungato può causare ispessimento congiuntivale e ostruzione dei canali nasolacrimali.
In letteratura medica è stato segnalato un aumento paradosso della pressione intraoculare a seguito di instillazione di composti ad attività anticolinesterasica.[23] Questo disturbo può essere alleviato instillando una sostanza simpaticomimetica e midriatica, come ad esempio la fenilefrina.

Controindicazioni[modifica | modifica wikitesto]

L'ecotiopato ioduro è controindicato nei soggetti con ipersensibilità individuale nota al principio attivo oppure ad uno qualsiasi degli eccipienti contenuti nella formulazione farmacologica. È inoltre controindicato in caso di irite acuta, uveite acuta, uveite anteriore, alcune forme di glaucoma secondario, glaucoma ad angolo chiuso (prima dell'intervento chirurgico), glaucoma associato ad iridociclite o a infiammazione uveale. Il farmaco non dovrebbe essere impiegato in soggetti con storia personale di asma bronchiale, cardiopatia ischemica cronica, parkinsonismo, ulcera peptica, epilessia, ostruzione intestinale o tendenza alla ritenzione urinaria secondaria ad ostruzione.

Dosi terapeutiche[modifica | modifica wikitesto]

Nel trattamento del glaucoma la soluzione di ecotiopato ioduro, a concentrazioni comprese tra lo 0,03% e lo 0,25%, viene applicata nel sacco congiuntivale, una goccia, una o due volte al giorno. Per la diagnosi e per il trattamento iniziale dell'esotropia accomodativa è invece richiesta l'applicazione di una goccia di soluzione allo 0,125% ogni giorno per almeno 2-3 settimane. Il dosaggio può essere successivamente ridotto.

Sovradosaggio[modifica | modifica wikitesto]

Gli effetti sistemici dovuti ad intossicazione da ecotiopato sono trattati con atropina solfato e pralidossima cloruro somministrate per via parenterale. L'iniezione di pralidossima cloruro serve a riattivare le colinesterasi. Per il trattamento dei gravi effetti indesiderati a livello oculare la pralidossima cloruro è stata iniettata anche per via subcongiuntivale.

Avvertenze[modifica | modifica wikitesto]

Prima di iniziare la terapia è indicata l'esecuzione di un esame gonioscopico. Una particolare cautela deve essere utilizzata nel trattamento di pazienti con anamnesi di distacco della retina o di ipersensibilità allo iodio. Per prevenire l'insorgenza di cisti oculari nei pazienti sottoposti a terapia locale con ecotiopato ioduro si possono somministrare in concomitanza gocce oculari di fenilefrina. In caso di insorgenza di diarrea persistente, incontinenza urinaria, sudorazione, cardiotossicità o debolezza muscolare è opportuno procedere ad una immediata interruzione del trattamento.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lars-Erik. Tammelin, Choline esters: substrate and inhibitors of cholinesterases in Diss. (Doctoral thesis), Stockholm, 1958.
  2. ^ N. Krishna, IH. Leopold, Echothiophate (phospholine) iodide (217-MI) in treatment of glaucoma; further observations. in AMA Arch Ophthalmol, vol. 62, nº 2, Ago 1959, pp. 300-13, PMID 13669812.
  3. ^ RC. Lawlor, PF. Lee, Use of echothiophate (phospholine iodide) in the treatment of glaucoma. in Am J Ophthalmol, vol. 49, aprile 1960, pp. 808-13, PMID 14414703.
  4. ^ LF. Gray, JP. Robinson, The clinical evaluation of echothiophate (phospholine iodide) in the treatment of glaucoma. in Am J Ophthalmol, vol. 49, Mag 1960, pp. 1162-5, PMID 13829115.
  5. ^ JP. Lloyd, Phospholine iodide (217M1) (ecothiophate iodide) in the treatment of glaucoma. in Br J Ophthalmol, vol. 47, Ago 1963, pp. 469-84, PMID 14189715.
  6. ^ J. Romano, H. Jackson, Clinical observations on the use of phospholine iodide in glaucoma in Br J Ophthalmol, vol. 48, Set 1964, pp. 480-6, PMID 14217213.
  7. ^ JD. Sussman, Phospholine (echothiophate) iodide in chronic narrow-angle glaucoma in Am J Ophthalmol, vol. 59, febbraio 1965, pp. 308-11, PMID 14265561.
  8. ^ F. Pinçon, P. Verin, [Phospholine iodide in accommodative strabismus]. in Bull Soc Ophtalmol Fr, vol. 65, nº 9, Set 1965, pp. 790-6, PMID 5855479.
  9. ^ M. Ardouin, A. Catros; YM. Feuvrier; M. Urvoy; L. Dauleux, [Phospholine iodide in the treatment of esotropia]. in Bull Soc Ophtalmol Fr, vol. 66, nº 1, gennaio 1966, pp. 74-89, PMID 5940782.
  10. ^ HC. Almeida, NL. Oréfice, [Treatment of esotropias with phospholine iodide]. in Arq Bras Oftalmol, vol. 30, nº 6, 1967, pp. 459-64, PMID 5604863.
  11. ^ PV. Bérard, R. Reydy; N. Mouillac-Gambarelli; D. Jourdan-Fonta, [Role of phospholine in the postoperative treatment of esotropia]. in Bull Soc Ophtalmol Fr, vol. 84, 8-9, pp. 1007-12, PMID 6535656.
  12. ^ F. Spiers, P. Juul, Cholinesterase activity in plasma and erythrocytes. A clinico-haematological study based on normal subjects and on patients with glaucoma, of whom some not treated with and some treated with anticholinesterases in Acta Ophthalmol (Copenh), vol. 42, 1964, pp. 696-712, PMID 14186626.
  13. ^ DD. Mcgavi, Depressed levels of serum-pseudocholinesterase with ecothiophate-iodide eyedrops in Lancet, vol. 2, nº 7406, Ago 1965, pp. 272-3, PMID 14330066.
  14. ^ A. Deroetth, WD. Dettbarn; P. Rosenberg; JG. Wilensky; A. Wong, Effect of phospholine iodide on blood cholinesterase levels of normal and glaucoma subjects in Am J Ophthalmol, vol. 59, aprile 1965, pp. 586-92, PMID 14270995.
  15. ^ HD. Markman, P. Rosenberg; WD. Dettbarn, Eye drops and diarrhea. Diarrhea as the first symptom of echothiophate iodide toxicity in N Engl J Med, vol. 271, Lug 1964, pp. 197-8, DOI:10.1056/NEJM196407232710408, PMID 14158360.
  16. ^ JR. Wood, RL. Anderson; JJ. Edwards, Phospholine iodide toxicity and Jones' tubes. in Ophthalmology, vol. 87, nº 4, aprile 1980, pp. 346-9, PMID 7393539.
  17. ^ WD. Alexander, Systemic side effects with eye drops. in Br Med J (Clin Res Ed), vol. 282, nº 6273, aprile 1981, p. 1359, PMID 6786494.
  18. ^ JA. Humphreys, JH. Holmes, Systemic effects produced by echothiophate iodide in treatment of glaucoma. in Arch Ophthalmol, vol. 69, Giu 1963, pp. 737-43, PMID 13955705.
  19. ^ PE. Hiscox, C. McCulloch, Cardiac arrest occurring in a patient on echothiophate iodide therapy. in Am J Ophthalmol, vol. 60, nº 3, Set 1965, pp. 425-7, PMID 5825146.
  20. ^ HH. Lemcke, DK. Pischel, Retinal detachments after the use of phospholine iodide. in Trans Pac Coast Otoophthalmol Soc Annu Meet, vol. 47, 1966, pp. 157-63, PMID 5955105.
  21. ^ CB. Mortimer, Retinal detachment. in Appl Ther, vol. 12, nº 5, Mag 1970, p. 23, PMID 5423245.
  22. ^ LS. Halperin, HB. Goldman, Cystoid macular edema associated with topical echothiophate iodide. in Ann Ophthalmol, vol. 25, nº 12, Dic 1993, pp. 457-8, PMID 8129329.
  23. ^ LZ. Bito, SQ. Merritt, Paradoxical ocular hypertensive effect of pilocarpine on echothiophate iodide--treated primate eyes. in Invest Ophthalmol Vis Sci, vol. 19, nº 4, aprile 1980, pp. 371-7, PMID 6766911.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • R.D. Daley in Analytical Profiles of Drug Substances, vol. 3, K. Florey, ed., Academic Press, New York, pag. 233, 1974;