Corpo ciliare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Corpo ciliare
Schematic diagram of the human eye it.svg
Schema dell'occhio umano
Anatomia del Gray subject #225 1012
Sistema Apparato visivo
Arteria arterie ciliari posteriori
arterie ciliari anteriori
Vena vene vorticose
Nervo nervi ciliari (ganglio cicliare)
Linfatici non presenti
Sviluppo embriologico ectoderma, mesenchima
MeSH Ciliary+Body
A09.371.894.280

Il corpo ciliare è una struttura del bulbo oculare che forma, insieme alla coroide e all'iride la tonaca vascolare dell'occhio o uvea[1].

Disposizione e rapporti[modifica | modifica sorgente]

Il corpo ciliare si porta dall'iride alla coroide con la quale confina attraverso un solco, l'ora serrata[1].

È in rapporto posteriormente con la retina che lo ricopre con la sua parte ciliare[1].

Vascolarizzazione e innervazione[modifica | modifica sorgente]

Nel corpo ciliare, soprattutto nei processi ciliari, sono presenti capillari e vene tortuose[2].

Come tutte le strutture del bulbo oculare, drenaggio linfatico si costituisce in spazi perivascolari, che comunicano con gli spazi delle meningi encefaliche dove poi la linfa si riversa[3].

Il corpo ciliare è servito dai nervi ciliari del ganglio ciliare che portano fibre sensitive ed effettrici viscerali. Queste ultime sono fibre parasimpatiche postgangliari del ganglio ciliare che si distribuiscono al muscolo ciliare che riceve anche fibre pregangliari dal nucleo viscerale dell'oculomotore.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

Il corpo ciliare è di forma circolare con uno spessore anteriore maggiore di quello posteriore. È formato da tre parti[1]:

  • corona ciliare o pars plicata anteriormente;
  • orbicolo ciliare o pars plana posteriormente;
  • muscolo ciliare applicato alla faccia esterna, verso la sclera, è formato da fibre longitudinali e circolari[2].

Il corpo ciliare è formato da diversi rilievi, i processi ciliari separati l'un l'altro dalle vallecule dalle quali dipartono fibre che si dirigono al cristallino formando l'apparato zonulare di Zinn[1].

Derivazione embriologica[modifica | modifica sorgente]

Il corpo ciliare si forma come un'estensione della coroide. I processi ciliari si formano dalla sua proiezione sul cristallino mentre la parte pigmentata dallo strato esterno del calice ottico che continua con lo strato dell'epitelio pigmentato della retina. La parte non pigmentata è invece di dipendenza retinica, essendo la parte cieca. Il muscolo ciliare deriva dal mesenchimac tra i due foglietti del calice ottico.[4]

Funzione[modifica | modifica sorgente]

La presenza del muscolo ciliare rende il corpo ciliare una struttura determinante per la messa a fuoco degli oggetti durante la visione nel fenomeno dell'accomodamento. La contrazione delle fibre longitudinali spostano il corpo ciliare verso la cornea, mentre quelle circolari verso l'asse dell'occhio: le fibre zonulari si rilassano e il cristallino non essendo più teso aumenta la sua curvatura.[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e Da Trattato di Anatomia Umana, volume III, op. cit., p. 355
  2. ^ a b c Da Trattato di Anatomia Umana, volume III, op. cit., p. 356
  3. ^ Da Trattato di Anatomia Umana, volume III, op. cit., p. 370
  4. ^ Da Lo sviluppo prenatale dell'uomo, op. cit., p. 425

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]