Novichok

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Novichok (in russo новичок: "nuovo venuto") è una serie di gas nervini prodotti in Russia tra il 1970 e il 1980, ritenuti i più letali gas nervini mai realizzati, con alcune varianti che sono da 3 a 10 volte più potenti del VX, anche se non è mai stato provato scientificamente. Sono "agenti nervini di quarta generazione" e fanno parte del programma sovietico, "Foliant" riguardante la creazione di nuovi insetticidi e agenti nervini nell'impianto chimico di Pavlodarsk in Kazakhistan.

Il progetto inizialmente definito con il codice K-84, venne successivamente ricodificato con la sigla A-230.La famiglia dei Novichok e analoghi, comprende oltre un centinaio di varianti strutturali (formula di struttura).

Obiettivi designati[modifica | modifica wikitesto]

Questi agenti sono stati realizzati per essere:

  • Non tracciabili con i metodi chimici standard di rilevamento (delle armi chimiche) NATO;
  • Permeabili agli abiti di protezione chimica della NATO;
  • Sicuri da maneggiare e da stoccare.

Alcuni di questi agenti sono Agenti Binari, in cui l'agente tossico si forma dopo aver miscelato i suoi precursori contenuti in compartimenti separati. Poiché i precursori sono generalmente molto meno pericolosi rispetto agli agenti stessi, questa tecnica rende tali munizioni più maneggiabili e trasportabili in grandi quantità.

Inoltre, dato che i precursori separati sono generalmente molto più facili da stabilizzare rispetto agli agenti tossici che si formano in seguito alla loro miscelazione, questa tecnica consente anche di aumentare il tempo di conservazione e la loro l'emivita.

Scoperta e rivelazione[modifica | modifica wikitesto]

Parte degli agenti nervini di terza generazione, già estremamente potenti, venne sintetizzata in Unione Sovietica / Russia tra il 1970 fino al 1990, secondo una pubblicazione, resa nota solo del 1992, da due chimici, Lev Fedorov e Vil Mirzayanov sul settimanale Moskovskiye Novosti.

La pubblicazione apparve alla vigilia della firma della Russia alla Convenzione delle armi chimiche. Secondo Mirzayanov, il complesso chimico militare russo MCC, invece di utilizzare i fondi ricevuti dalla NATO per ridurre gli armamenti chimici, gli utilizzava per il fine opposto, ossia per lo sviluppo di un impianto di armi chimiche e gas nervini. Mirzoyanov fece la sua divulgazione temendo che la produzione di tali agenti potesse compromettere anche l'ambiente.

Mirzoyanov era responsabile di un dipartimento di contro-spionaggio. Effettuando delle misurazioni al di fuori degli impianti di armi chimiche per assicurarsi che spie straniere non fossero in grado di rilevare eventuali tracce della produzione, si rese conto con orrore, che i livelli di sostanze mortali erano 80 volte superiori alla concentrazione di massima di sicurezza.

A causa delle rivelazioni di Mirzayanov, l'esistenza di agenti Novichok venne così apertamente ammessa dal complesso industriale militare russo. Le autorità accusarono così Mirzayanov di alto tradimento.

Mirzayanov venne arrestato il 22 ottobre 1992 e rinchiuso nel carcere di Lefortovo per divulgazione di segreti di Stato. Venne in seguito liberato, in quanto : "nessuna formula chimica, né i nomi di tali sostanze, né luoghi sono stati citati sono stati rivelati nell'articolo apparso sul Moscow News"

Descrizione degli agenti Novichok[modifica | modifica wikitesto]

La prima descrizione di questi agenti venne fornita dallo stesso Mirzayanov. Invece di essere in dispersione in un gas o nel vapore, sono associati ad una polvere ultra-fine, e sono dotati di qualità uniche. I composti più potenti di questa famiglia, Novichok-5 e Novichok-7, sono presumibilmente circa 5-8 volte più potente del VX. Tuttavia le strutture chimiche esatte di questi composti non sono state ancora verificate in modo attendibile.

Uno dei siti principali di produzione era un istituto di ricerca chimica in Uzbekistan, e piccoli esperimenti delle armi potrebbero essere stati provati nei pressi del plateau Ustyurt.

Formula generale dei novichok

È stato rivelato che i Novichok fanno parte di due grandi famiglie di agenti organofosforici. I primi sono un gruppo di composti organofosforici con un gruppo collegato alla dialoformaldossima, con la formula generale mostrata sotto, dove R = alchil, alcossi, alchil amino o fluoro e X = alogeno (F, Cl, Br) o pseudoalogeni, come C≡N. Questi composti sono ampiamente documentate in letteratura sovietica del tempo, ma non è chiaro se essi sono in realtà i potenti composti "Novichok".

Alcuni esempi del primo gruppo di composti riportati in letteratura sono riportati in figura. Nella terza fila vi sono, da sinistra a destra : A-230 A-232 e A-234 , A-232 ed A-234 sono la forma fosfato dei Novichok-5 e Novichok-7.

Mirzayanov nella sua autobiografia ha rivelato strutture un po' diverse. Lo scienziato chiarisce che vennero sintetizzati un gran numero di composti, in modo che il programma segreto di produzione di armi chimiche potesse essere mascherato da un'innocua ricerca sugli antiparassitari.

Effetti[modifica | modifica wikitesto]

Come altri agenti nervini, il Novichok appartiene agli organofosfati inibitori dell' acetilcolinesterasi . Questi composti chimici inibiscono l'enzima dell' acetilcolinesterasi, impedendo la normale ripartizione del neurotrasmettitore acetilcolina. Pertanto aumenta la concentrazione di acetilcolina nei recettori neuromuscolari, e di conseguenza la contrazione involontaria di tutti i muscoli, conducendo all' arresto sia respiratorio che cardiaco, ed infine alla morte. L'uso di un anticolinergico [1] come l'Atropina potrebbe bloccare i recettori dell'acetilcolina per prevenire l' avvelenamento, ma è un'azione molto pericolosa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AChE periferico fast-acting ad azione veloce.