Tetraiodometano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tetraiodometano
{{{immagine3_descrizione}}} {{{immagine4_descrizione}}}
Nome IUPAC
Tetraiodometano
Nomi alternativi
Tetraioduro di Carbonio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare CI4
Massa molecolare (u) 519.63
Numero CAS [507-25-5]
PubChem 10487
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 4.32 g mL−1
Temperatura di fusione 171 °C (444 K)
Temperatura di ebollizione 329,2 °C
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1) 384.0 – 400.4 kJ mol−1
C0p,m(J·K−1mol−1) 259.8 J K−1 mol−1
ΔcombH0 (kJ·mol−1) −794.4 – −778.4 kJ mol−1
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante

pericolo

Frasi H 315 - 319 - 335
Consigli P 261 - 305+351+338

Il Tetraiodometano è un alometano tetrasostituito. Appare come un solido cristallino di un intenso colore rosso-viola, caratteristica rara tra i derivati del metano. La grande densità di carica negativa dislocata prevalentemente sugli atomi di iodio rende la molecola particolarmente instabile. La molecola è debolmente reattiva in acqua nella quale si dissocia dando I2 e CHI3, è invece solubile in solventi organici apolari.

Reazioni[modifica | modifica sorgente]

Il tetraiodometano può reagire con trifluoruro di bromo in rapporto 1:2 a dare come prodotti dibromodifluorometano e tetrafluorometano:

CI4 + BrF3 → CBr2F2 + CF4

la reazione avviene in un tempo di circa 30 minuti alla temperatura di 90-100 °C.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


chimica Portale Chimica: Il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia