Nitroglicole

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nitroglicole
struttura chimica del nitroglicole
Nome IUPAC
dinitrato di etan-1,2-diile
Abbreviazioni
EGDN
Nomi alternativi
dinitrato di glicol etilenico
etileneglicol dinitrato
dinitrato di etilene
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C2H4(ONO2)2
Peso formula (u) 152,06
Aspetto liquido giallo pallido oleoso
Numero CAS [628-96-6]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/l, in c.s.) 1480
Solubilità in acqua 5 g/l
Temperatura di fusione −22,4 °C (250,75 K)
Temperatura di ebollizione decompone a 114 °C (387 K)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
esplosivo tossicità acuta tossico a lungo termine

pericolo

Frasi H 200 - 300 - 310 - 330
Consigli P --- [1]

Il nitroglicole è conosciuto anche come etileneglicol dinitrato o EGDN.

Proprietà[modifica | modifica sorgente]

Di formula C2H4(ONO2)2 è un liquido oleoso giallastro, incolore se purissimo. È abbastanza volatile e ha un caratteristico odore dolciastro. Ha una densità di 1,48 g/ml ed è solubile in acqua in ragione di 5 g/l. È un potente esplosivo, parecchio sensibile all’urto, meno alla temperatura. La velocità di detonazione massima è di 8266 m/s. Se acceso brucia con fiamma azzurra.

È molto simile alla nitroglicerina, ma è molto più stabile nel tempo e quindi meglio conservabile. Fonde a -22,4 °C e decompone prima del punto di ebollizione, decomponendosi a 114 °C ed esplodendo a 215 °C. Viene prodotto per nitrazione del glicoletilenico con miscela solfonitrica a 25-30 °C.

Utilizzi[modifica | modifica sorgente]

L'EGDN generalmente viene utilizzato nelle dinamiti perché abbassa il punto di fusione della nitroglicerina che a temperature prossime agli 0 °C inizia a dilatarsi e ad uscire dai candelotti di dinamite con conseguenze facilmente immaginabili. Viene anche utilizzato per la preparazione di polveri da lancio fredde e come agente di riconoscimento degli esplosivi al plastico dai cani poliziotti.

Precauzioni[modifica | modifica sorgente]

Il nitroglicole è un potente esplosivo sensibile agli urti e va maneggiato con cautela. È anche molto velenoso sia per inalazione dei vapori che per contatto con la pelle, venendo facilmente assorbito. Presenta una forte azione cardiovascolare e, in persone sane, provoca facilmente l'angina pectoris.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ scheda del dinitrato di etilene su IFA-GESTIS
chimica Portale Chimica: Il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia