Alfa Romeo RL

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfa Romeo RL
Alfa Romeo RLSS, 1925.JPG
Alfa Romeo RL Super Sport del 1925
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Alfa Romeo
Tipo principale Torpedo
Produzione dal 1922 al 1927
Sostituisce la Alfa Romeo G1
Sostituita da Alfa Romeo 6C
Esemplari prodotti 2.640
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.630 mm
Larghezza 1.770 mm
Altezza 1.650 mm
Passo 3.140 mm
Massa 1.550 kg
Altro
Assemblaggio Stabilimento del Portello, Milano
Progetto Giuseppe Merosi
Stessa famiglia Alfa Romeo RM

La RL è stata un'autovettura prodotta dall'Alfa Romeo dal 1922 al 1927. Fu progettata da Giuseppe Merosi nel 1921.

Il contesto[modifica | modifica sorgente]

Nel 1920 l'Alfa Romeo iniziò ad approntare il progetto "RL", interpretando il regolamento della nuova formula "tremila" per le competizioni internazionali che entrò in vigore nel 1921 e che prevedeva la diminuzione della cilindrata delle vetture partecipanti[1]. La RL venne approntata e visto l'interesse iniziale, l'Alfa Romeo decise di produrla in serie ed in diverse versioni. Venne presentata il 13 ottobre 1921 a Milano e successivamente al salone dell'automobile di Londra del 1921. Con la RL l'Alfa Romeo completava inoltre la propria gamma con il lancio di un modello che occupava una fascia di mercato precedentemente vuota[1].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il veicolo aveva un motore a sei cilindri in linea con cilindrate che arrivarono fino a 3.600 cm³ per l'ultima versione da competizione. Di questo modello, che aveva come sorella minore la RM, furono prodotte quattro versioni. Inizialmente vennero lanciate la "Normale" e la "Sport", e successivamente (nel 1925) furono introdotte la "Turismo" e la "Super Sport". Venne approntata una versione per le corse automobilistiche - la "RL Targa Florio" - che fu realizzata a partire dal 1923 per competere nella prestigiosa Targa Florio, all'epoca la più importante competizione automobilistica. La versione da strada venne però poi accolta tiepidamente dal mercato proprio a causa del motore che, per via della cilindrata limitata, era caratterizzato da un potenza relativamente bassa[2].

Le competizioni[modifica | modifica sorgente]

La RL Targa Florio di Ugo Sivocci con dipinto il quadrifoglio Alfa Romeo

La "RL Targa Florio 1923" era una vettura da competizione dotata di carrozzeria spider due posti a "siluro" con un peso a secco di 980 kg comprese due ruote di scorta (dimezzato rispetto al modello di serie), con quattro cuscinetti principali e due carburatori. Venne prodotta in soli cinque esemplari di cui tre dotati di motore con cilindrata 2.994 cm³ (con potenza di 88 CV) e due dotati di motore 3.154 cm³ (con potenza di 95 CV). Entrambi i propulsori erano a sei cilindri in linea, e l'incremento di cilindrata e potenza venne ottenuto aumentando l'alesaggio dei cilindri da 76 a 78 mm.

La RL fu una vettura vincente. Venne schierata alla "Targa Florio" del 1923 dove ottenne il primo, il secondo e il quarto posto. Nel 1923 la squadra corse Alfa Romeo conquistò la Targa Florio con la RL guidata da Ugo Sivocci, mentre le altre vetture schierate erano state affidate ai piloti Antonio Ascari, Giulio Masetti ed Enzo Ferrari. Gli esemplari più potenti, dotati di motore 3154 cm³, furono affidati ad Ascari e Sivocci. Sull'esemplare di Sivocci esordì il simbolo del quadrifoglio Alfa Romeo che, da allora, sarebbe comparso in tutte le attività competitive della casa milanese e sulle versioni più sportive delle sue vetture[3][4]. Il quadrifoglio fu dipinto dal pilota Ugo Sivocci sulla propria vettura in occasione della Targa Florio del 1923 per motivi scaramantici, dato che il modello era iscritta alla competizione con il numero 17; con questo simbolo il pilota salernitano conquistò la prima vittoria in carriera[3][5]. L'affermazione fu anche la prima dell'Alfa Romeo nella celebre competizione siciliana[3]. Successivamente una "RL Targa Florio 1923" affidata ad Ascari giunse prima al Circuito di Cremona stabilendo sui 10 km la velocità media di 157 km/h, notevole per l'epoca.

Nel 1924, per mantenere la supremazia alla Targa Florio, l'Alfa Romeo preparò quattro esemplari di "RL Targa Florio 1924", due dotati di motore 2.994 cm³ (portati a 90 CV) e due dotati del motore 3620 cm³. Quest'ultimo propulsore era dotato di sette supporti di banco in luogo dei quattro degli altri modelli, ed era in grado di sviluppare una potenza di 125 CV a 3.800 giri. Ascari era in testa alla gara quando una brusca frenata a circa 100 metri dal traguardo provocò un testacoda. Non riuscendo a far ripartire l'auto, Ascari e il suo meccanico dovettero spingere la vettura fino al traguardo in salita. L'Alfa Romeo giunse seconda, terza, quinta e decima. Nel 1924 sul Circuito di Cremona arrivò seconda con Campari (dietro alla debuttante Alfa Romeo P2 che nell'occasione era guidata da Ascari) stabilendo la notevole media di 178 km/h. Vinse inoltre la Coppa Acerbo nel 1924 e nel 1925, rispettivamente, con Enzo Ferrari e Guido Ginaldi.

La produzione[modifica | modifica sorgente]

La produzione totale fu notevole per l'epoca. Vennero realizzati complessivamente 2.640 veicoli (compresi i modelli da corsa) così suddivisi:

  • 1922: 6 autotelai di cui 3 RL "Normale" e 3 RL "Sport"
  • 1923: 830 autotelai di cui 610 RL "Normale", 215 RL "Sport" e 5 RL "Targa Florio"
  • 1924: 623 autotelai di cui 443 RL "Normale", 176 RL "Sport" e 4 RL "Targa Florio"
  • 1925: 901 autotelai di cui 259 RL "Normale", 143 RL "Sport", 195 RL "Turismo" e 304 RL "Super Sport"
  • 1926: 138 autotelai di cui 126 RL "Turismo" e 12 RL "Super Sport"
  • 1927: 142 autotelai di cui 66 RL "Turismo" e 76 RL "Super Sport"

Versioni prodotte[modifica | modifica sorgente]

La Alfa Romeo RL Super Sport carrozzata da Castagna
  • RL Normale, 2.916 cm³ 56 CV (1922-1925)
  • RL Turismo, 2.994 cm³ 61 CV (1925-1927)
  • RL Sport, 2.994 cm³ 71 CV (1922-1927)
  • RL Super Sport, 2.994 cm³ 83 CV (1922-1927)
  • RL Super Sport Castagna, 84 CV
  • RL Super Sport Zagato, 89 CV
  • RL Targa Florio, 3.154 cm³ 95 CV (1923)
  • RL Targa Florio, 2.994 cm³ 90 CV (1924)
  • RL Targa Florio, 3.620 cm³ 125 CV (1924)

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Modello RLN RLS RLT RLSS
Motore sei cilindri in linea, longitudinale, anteriore
Cilindrata 2.916 cm³ 2.994 cm³
Potenza 56 CV 71 CV 61 CV 83 CV
Trasmissione trazione posteriore
tramite albero tubolare a due giunti cardanici
Cambio 4 marce + retromarcia
Peso a vuoto 1.800 kg 1.750 kg 1.800 kg 1.600 kg
Velocità dichiarata 110 km/h 130 km/h 115 km/h 130 km/h
Esemplari prodotti 1.315 537 387 392

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Owen, 1985, op. cit., pag. 17.
  2. ^ Sannia, 2010, op. cit., pag. 30.
  3. ^ a b c Ugo Sivocci e il Quadrifoglio, f1passion.it. URL consultato il 18 luglio 2013.
  4. ^ L'Albo d'oro della Targa Florio, targa-florio.it. URL consultato il 19 luglio 2013.
  5. ^ L'Albo d'oro della Mille Miglia 1927-1961, 1000miglia.eu. URL consultato il 19 luglio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gianluca Pellegrini, Enciclopedia dell'auto - Quattroruote, Rozzano, Editoriale Domus, 2003.
  • Alessandro Sannia, Alfa Romeo - 100 anni di leggenda, Milano, Gribaudo, 2010, ISBN 978-887906-972-4.
  • Maurizio Tabucchi, Alfa Romeo 1910 - 2010, Milano, Giorgio Nada Editore, 2010, ISBN 978-88-7911-502-5.
  • David Owen, Grandi Marche - Alfa Romeo, Milano, Edizioni Acanthus, 1985, ISBN non esistente.
  • (EN) Griffith Borgeson, The Alfa Romeo Tradition, Somerset, Haynes (Foulis) Publishing Group Ltd, 1990, ISBN 0-85429-875-4.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili