Alfa Romeo 33

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Alfa Romeo 33 (disambigua).
Alfa Romeo 33
ALFA ROMEO 33 RED.jpg
Descrizione generale
Costruttore Italia  Alfa Romeo
Tipo principale Berlina
Altre versioni Station wagon
4x4
Produzione dal 1983 al 1995
Sostituisce la Alfa Romeo Alfasud
Sostituita da Alfa Romeo 145
Esemplari prodotti 866.958 Berlina
122.366 Giardinetta
989.324 Esemplari complessivi (berlina e giardinetta)
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.075 mm
Larghezza 1.614 mm
Altezza 1.350 mm
Massa da 910 a 1.040 kg
Altro
Assemblaggio Stabilimento di Pomigliano d'Arco
Stile Ermanno Cressoni
Altre antenate Alfa Romeo Arna
Altre eredi Alfa Romeo 146
Auto simili Citroën ZX
Fiat Ritmo e Tipo
Ford Escort
Lancia Delta
Opel Kadett e Astra
Peugeot 309
Rover 200 prima e seconda serie
Renault 19
Volkswagen Golf
Volvo 300
Note Dati della versione berlina
2PUBLI1983.jpg

La 33 era una vettura prodotta dalla Alfa Romeo fra il 1983 e il 1995 nello stabilimento di Pomigliano d'Arco (NA).

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'Alfa 33 deve il suo nome alla 33 Stradale ed è la diretta discendente dell' Alfasud. Infatti, dalla sua progenitrice erediterà il motore boxer e alcuni dettagli meccanici e logistici: ad esempio, la disposizione della pedaliera che sopravviverà a lungo nella casa di Arese, nonché la divisione della vasca servizi dal vano motore, che allo stesso tempo conferiva robustezza strutturale all'avantreno, mentre la stabilità del retrotreno della nuova 33 continua ad essere garantita dal parallelogramma di Watt, che equilibra l'ormai consueto assale rigido posteriore. Viene invece razionalizzato l'impianto frenante, all'epoca raffinato, ma troppo esoso e ricercato; se ne adotta uno più pratico e convenzionale: i dischi anteriori che al centro fiancheggiavano il cambio ora si trovano più comunemente alle ruote, ai dischi posteriori vengono sostituiti i più tradizionali tamburi mentre il freno a mano, che prima comandava le pinze anteriori, ora agisce sulle ganasce posteriori; una soluzione che inoltre rendeva le manutenzioni più semplici e quindi meno onerose per l'utente. Totalmente nuovo è invece il vestito che Ermanno Cressoni confeziona per la nuova Alfa che adotta una carrozzeria più dinamica ed in linea con gli allora moderni stilemi fatti di spigoli e linee più decise e quadrate: viene mantenuta la soluzione a cuneo, ma la rivoluzionaria coda tronca e spiovente di Giugiaro ora sembra quasi il baule di una 3 volumi, nel quale però si mimetizza il moderno portellone che tanto era stato invocato sull'Alfasud. Tuttavia rimane molto simile lo schema portante della carrozzeria: ad esempio il vano della ruota di scorta è identico, come altrettanto lo è il serbatoio e la sua ubicazione, uguale anche l'apertura del cofano motore ed il pianale nonché la dislocazione della presa di rifornimento.

Analogamente a quanto successo per l'Alfa 75, nonostante l'anzianità della base meccanica, la modernità del progetto originario permise alla neonata Alfa 33 di mantenere elevata l'immagine del marchio che la distingueva.

Inoltre va detto che l'Alfa 33, come in primis l'Alfasud, era una vettura che a generose prestazioni coniugava una cilindrata relativamente bassa di soli 15 cavalli fiscali, ciò la incoronò come l'Alfa per tutti che avvicinò il pubblico giovanile all'Alfa e che diffuse il virus: molti ex utenti Alfasud e Alfa 33 furono poi felici possessori delle più costose Alfa 75 e Alfa 164. Sia sotto il profilo tecnologico sia sotto quello commerciale l'Alfa 33 assieme all'Alfasud sono state importantissime per il Marchio del Biscione più di quanto si pensava allora: ebbero un ruolo fondamentale nell'alfizzazione del popolo, per cui non solo le prestazione e un indovinato design, ma anche l'abbordabile cilindrata ne consacrò il notevole successo.

L'Alfa 33, disponibile solo in versione a 5 porte (berlina e wagon), veniva assemblata a Pomigliano d'Arco e fu un grande successo: tra il 1983 e il 1995 vennero prodotti quasi un milione di esemplari, il che ne fece la seconda vettura più venduta in assoluto nella storia dell'Alfa Romeo dopo l'Alfasud (la quale superò il milione di esemplari prodotti). Nei 12 anni di produzione subì molte evoluzioni, sia tecniche che estetiche, tuttavia si può dividere la carriera del modello in 2 serie.

La prima serie (1983-1986)[modifica | modifica sorgente]

Una Alfa 33 Giardinetta

Al momento della presentazione (1983) era disponibile in 2 versioni, la 1.3, spinta dal 4 cilindri di 1351cm³ da 79cv alimentato da un carburatore doppio corpo (lo stesso delle Alfasud 1.3 SC) e la 1.5 Quadrifoglio Oro che però, a differenza della poderosa Alfasud Quadrifoglio Oro da 95 CV che si muoveva agilmente con i suoi due carburatori Weber bicorpo, aveva un propulsore più parsimonioso di 85 CV ma altrettanto allegro, in pratica quello che equipaggiava le vecchie (oggi introvabili e ricercate) versioni a 4 porte dell'Alfasud Super 1.5, cioè la motorizzazione di punta della vecchia gamma Super. Le due varianti della 33 differivano anche per l'allestimento interno ed esterno. La più ricca Quadrifoglio Oro era riconoscibile per la mascherina color argento metallizzato, gli ampi fascioni neri laterali, i copricerchi integrali, i profili color oro nei paraurti, gli indicatori di direzione anteriori con trasparente bianco, i rivestimenti interni in tessuto pregiato, il volante in legno e la dotazione più completa. La 1.3, priva di fascioni laterali, aveva invece la mascherina nera, coprimozzi neri sui cerchioni, i trasparenti arancioni per le frecce anteriori, il volante in plastica, rivestimenti meno pregiati e una dotazione di accessori ridotta. Una delle particolarità della prima serie consisteva nel quadro strumenti solidale con il piantone del volante regolabile ispirato vagamente alla Lamborghini Miura.

Il logo “Quadrifoglio Oro” su un'Alfa 33 prima serie

Nel 1984, con la definitiva uscita di scena delle Alfasud, la gamma della 33 si arricchì delle versioni 1.3 S, 1.5 4x4, 1.5 Quadrifoglio Verde e Giardinetta.

L'Alfa 1.3 S era simile alla normale 1.3, ma equipaggiata col 1351cc dotato di quattro carburatori accoppiati, capace di erogare 86cv (ex Alfasud Ti 1.3). La 1.5 Quadrifoglio Verde (spinta dalla versione da 105cv del boxer di 1490cc, anch'esso proveniente dall'omonima versione dell'Alfasud Ti) aveva una connotazione sportiva: paraurti e fascioni verniciati, mascherina specifica, cerchi in lega, bandelle sottoporta, sedili anteriori sportivi con poggiatesta traforati. La versione 1.5 4x4 berlina derivava dalla Quadrifoglio oro ma era dotata di trazione integrale inseribile manualmente e di motore dotato, nella versione iniziale, di un solo carburatore doppio corpo con potenza di 84  CV. Importante (e finalmente di successo) anche la riuscita versione station wagon a 5 porte, denominata Giardinetta. Disegnata da Pininfarina e dotata di un allestimento simile a quello della Quadrifoglio Oro, la Giardinetta era disponibile nelle versioni a trazione anteriore o 4x4, entrambe dotate di motore da 1490 cm³ e 95 CV nella versione con due carburatori doppio corpo. Le versioni a doppia trazione della prima serie venivano carrozzate dalla Pininfarina di Torino.

Il più evidente difetto delle 33 prima serie erano i consumi, legati al profilo abbastanza corsaiolo degli alberi a camme ed al sistema di alimentazione a carburatori. Anche il livello di finitura (non esaltante), l'impianto di ventilazione (poco efficiente) ed i freni (sottodimensionati su alcune versioni) non soddisfacevano.

La Gamma '83 comprendeva:

  • 1.3 (1351 cm³, 79 CV, 167 km/h)
  • 1.5 (1490 cm³, 84 CV, 171 km/h)
  • 1.5 4X4 (1490 cm³, 84 CV, 169 km/h)
  • 1.5 Quadrifoglio Oro (1490 cm³, 84 CV, 171 km/h)

La Gamma '85 Comprendeva:

  • 1.3 (1351 cm³, 79 CV, 167 km/h)
  • 1.3 S (1351 cm³, 86 CV, 170 km/h)
  • 1.5 SL (1490 cm³, 95 CV 177  km/h)
  • 1.5 4X4 (1490 cm³, 95 CV, 173 km/h)
  • 1.5 Quadrifoglio Oro (1490 cm³, 95 CV, 175 km/h)
  • 1.5 Quadrifoglio Verde (1490 cm³, 105 CV, 185 km/h)

Dati tecnici[modifica | modifica sorgente]

Caratteristiche tecniche - Alfa Romeo 33 Quadrifoglio Oro (1985)
Configurazione
Carrozzeria: Berlina Posizione motore: anteriore Trazione: anteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4.015 × 1.612 × 1.305 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 2.455 mm Carreggiate: anteriore 1.392 - posteriore 1.359 mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 5 Bagagliaio: Serbatoio: 50 litri (riserva 6,5 litri)
Masse / in ordine di marcia: 890 kg / rimorchiabile: 1000 kg
Meccanica
Tipo motore: 4 cilindri contrapposti, basamento in ghisa, testata in lega leggera. Raffreddamento ad acqua, a circolazione forzata; termostato Cilindrata: 1.490 cm³
Distribuzione: 1 albero a camme in testa per bancata comandato da cinghia dentata Alimentazione: 2 carburatori verticali invertiti
Prestazioni motore Potenza: 95 CV a 5.750 giri/min / Coppia: 13,3 kgm a 4.000 giri/min
Accensione: elettronica breakerless, con anticipo centrifugp e a depressione Impianto elettrico:
Frizione: monodisco a secco con comando idraulico Cambio: a 5 marce + RM
Telaio
Corpo vettura Scocca metallica autoportante
Sterzo a cremagliera
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti (MacPherson), molle elicoidali, ammortizzatori idraulici / posteriori: ad assale rigido, 2 parallelogrammi di Watt, barra Panhard, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici
Freni anteriori: a disco / posteriori: a tamburo
Pneumatici 165/70 SR-13 / Cerchi: 13"
Prestazioni dichiarate
Velocità: 178 km/h Accelerazione: sul km da fermo 31,6
Consumi a 90 km/h, 5,6 litri/100 km; a 120 km/h, 7,8 litri/100 km, ciclo urbano (simulato) 9,8 litri/100 km; media ECE 7,7 litri/100 km

Prima serie restyling (1986-90)[modifica | modifica sorgente]

Il 1986 fu l'anno della maturità per la piccola Alfa 33. Nell'autunno di quell'anno un intervento di natura commerciale ne cambiò la denominazione da “Alfa 33” in “33”, che si distinguevano per pochi particolari estetici: le nuove targhette di identificazione cromati, gli indicatori di direzione anteriori (bianchi) e posteriori (con trasparente bianco e rosso anziché arancio/bianco e rosso), la nuova calandra a maglie orizzontali più larghe e con il nuovo scudetto, i paraurti ritoccati e le sottili minigonne estese a tutta la gamma. Ma le vere novità erano all'interno, che era stato completamente ridisegnato: la tormentata plancia cedette il posto ad una più convenzionale, dal design lineare interrotto solo dal compatto cupolino fisso (nella prima versione era mobile con il volante) della strumentazione, identica a quella delle serie precedenti, ma meglio leggibile. Cambiava anche il volante, che perdeva il curioso “cuscino” centrale, mentre i rivestimenti e i pannelli porta si facevano più “importanti”. La gamma '88, razionalizzata negli allestimenti, ma non in alcuni difetti congeniti (non era più disponibile il computer di bordo e l'Alfa Romeo Control era a richiesta, mentre il climatizzatore rimase inefficace), era composta dalle 1.3 e 1.3 S, dalla 1.5 TI da 105 cv, che sostituiva le precedenti Quadrifoglio Verde e Quadrifoglio Oro, dalla 1.5 4x4 da 105 cv e dalle nuove 1.7 Quadrifoglio Verde e 1.8 Turbodiesel, dotata non di un 4 cilindri boxer ma di un 3 cilindri in linea, prodotto dalla VM Motori, derivato dal 4 in linea dell'Alfa 90.

Nell'estate del 1986 viene prodotta un'edizione speciale, basata sulla "1.3" denominata "33 1.3 Silver" caratterizzata dal colore "bianco metallizzato", speciale targhetta identificativa rossa, interni specifici color crema con cuciture fantasia centrali nei sedili, tettuccio apribile in cristallo brunito e sottile striscia in due tonalità di rosso lungo tutta la carrozzeria. La Silver monta il motore Boxer da 1351 cm³ a un carburatore doppio corpo per una potenza di 79  CV. L'estate successiva la Silver, alla cui dotazione vengono aggiunti solo gli alzacristalli elettrici anteriori di serie, beneficia di un'evoluzione passando al propulsore della "1.3 S" ovvero dal mono ai due carburatori doppiocorpo per una potenza di 86 CV. Venne prodotta in 1700 esemplari Alfa 33 Silver 86cv.

Il my 88 rispetto a quello dell'86 era riconoscibile per il diverso logo posteriore, dove la scritta 33 perdeva la lingua blu in cui c'era scritta la motorizzazione e per la prima lamella della calandra che diventava in tinta con la vettura. La versione Giardinetta era denominata, con una nuova targhetta cromata applicata sul posteriore, Sport Wagon. La nuova gamma comprendeva:

  • 1.3 (1351 cm³, 79 CV, 167 km/h)
  • 1.3 Silver '86 (1351 cm³, 79 CV, 167 km/h)
  • 1.3 S (1351 cm³, 86 CV, 172 km/h)
  • 1.3 S Silver '87 (1351 cm³, 86 CV, 172 km/h)
  • 1.3 S Blue Line (1351 cm³, 86 CV, 172 km/h)
  • 1.3 S Italia '90 (1351 cm³, 86 CV, 172 km/h)
  • 1.3 S Red (1351 cm³, 86 CV, 172 km/h)
  • 1.5 4X4 (1490 cm³, 105 CV, 182 km/h)
  • 1.5 TI (1490 cm³, 105 CV, 185 km/h)
  • 1.5 TI S (1490 cm³, 105 CV, 185 km/h)
  • 1.7 IE (1712 cm³, 107 CV, 188 km/h)
  • 1.7 IE cat. (1712 cm³, 102 CV, 184 km/h)
  • 1.7 Quadrifoglio Verde (1712 cm³, 114 CV, 200 km/h)
  • 1.7 Quadrifoglio Verde cat. (1712 cm³, 111 CV, 196 km/h)
  • 1.8 TD (1779 cm³, 72 CV, 165 km/h)

All'inizio del 1988 venne introdotta l'iniezione sul motore 1.7 e la potenza scese a 107 CV dai 114 della Quadrifoglio Verde a carburatori.

Dati tecnici[modifica | modifica sorgente]

Caratteristiche tecniche - Alfa Romeo 33 1.3 S (1986)
Configurazione
Carrozzeria: Berlina Posizione motore: anteriore Trazione: anteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4.015 × 1.612 × 1.305 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 2.455 mm Carreggiate: anteriore 1.392 - posteriore 1.359 mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 5 Bagagliaio: Serbatoio: 50 litri (riserva 6,5 litri)
Masse / in ordine di marcia: 890 kg / rimorchiabile: 1.000 kg
Meccanica
Tipo motore: 4 cilindri contrapposti, basamento in ghisa, testata in lega leggera. Raffreddamento: ad acqua, a circolazione forzata; termostato. Cilindrata: totale 1.351 cm³ cm³
Distribuzione: 1 albero a camme in testa per bancata comandato da cinghia dentata Alimentazione: 2 carburatori verticali invertiti
Prestazioni motore Potenza: 86 CV a 5800 giri/min / Coppia: 12,1 kgm a 4000 giri/min
Accensione: elettronica breakerless, con anticipo centrifugo e a depressione Impianto elettrico: Batteria: 12 V - 45 Ah. Candele: Lodge 2 5 HL
Frizione: monodisco a secco, con comando idraulico Cambio: meccanico a 5 marce + RM
Telaio
Corpo vettura Scocca metallica autoportante
Sterzo a cremagliera
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti (MacPherson), molle elicoidali, ammortizzatori idraulici / posteriori: ad assale rigido, 2 parallelogrammi di Watt, barra Panhard, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici
Freni anteriori: a disco / posteriori: a tamburo
Pneumatici 165/70 SR-13 / Cerchi: 13"
Prestazioni dichiarate
Velocità: 172 km/h Accelerazione: 0-1000 m: 32,8
Consumi a 90 km/h, 5,5 litri/100 km; a 120 km/h, 7,9 litri/100 km; ciclo urbano (simulato) 9,7 litri/100 km; media ECE 7,7 litri/100 km
Caratteristiche tecniche - Alfa Romeo 33 Quadrifoglio Verde (1986)
Configurazione
Carrozzeria: Berlina Posizione motore: anteriore Trazione: anteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4.022 × 1.612 × 1.340 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 2.455 mm Carreggiate: anteriore 1.397 - posteriore 1.364 mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 5 Bagagliaio: Serbatoio: 50 litri (riserva 6,5 litri)
Masse a vuoto: 840 kg / rimorchiabile: 1.000 kg
Meccanica
Tipo motore: 4 cilindri contrapposti, basamento in ghisa, testata in lega leggera. Raffreddamento: ad acqua, a circolazione forzata; termostato. Cilindrata: totale 1.490 cm³ cm³
Distribuzione: 1 albero a camme in testa per bancata comandato da cinghia dentata Alimentazione: 2 carburatori verticali doppio corpo invertiti Weber 32 DIR 61/100
Prestazioni motore Potenza: 105 CV a 6000 giri/min / Coppia: 13,6 kgm a 4000 giri/min
Accensione: elettronica breakerless, con anticipo centrifugo e a depressione Impianto elettrico: Batteria: 12 V - 45 Ah. Candele: Champion N6YC
Frizione: monodisco a secco, con comando idraulico Cambio: meccanico a 5 marce + RM
Telaio
Corpo vettura Scocca metallica autoportante
Sterzo a cremagliera
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti (MacPherson), molle elicoidali, ammortizzatori idraulici telescopici / posteriori: ad assale rigido, 2 parallelogrammi di Watt, barra Panhard, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici telescopici
Freni anteriori: a disco / posteriori: a tamburo
Pneumatici 185/60 SR-14 / Cerchi: 14"
Prestazioni dichiarate
Velocità: 185 km/h Accelerazione: 0-1000 m: 31,3
Consumi a 90 km/h, 6,2 litri/100 km; a 120 km/h, 7,9 litri/100 km; ciclo urbano (simulato) 10,0 litri/100 km; media ECE 8,3 litri/100 km
Caratteristiche tecniche - Alfa Romeo 33 1.5 4x4 Giardinetta (1987)
Configurazione
Carrozzeria: Statio Wagon Posizione motore: anteriore Trazione: anteriore, con possibilità di inserimento anche del retrotreno
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4.165 × 1.612 × 1.345 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 2.455 mm Carreggiate: anteriore 1.397 - posteriore 1.364 mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 5 Bagagliaio: Serbatoio: 50 litri (riserva 6,5 litri)
Masse / in ordine di marcia: 970 kg / rimorchiabile: 1.100 kg
Meccanica
Tipo motore: 4 cilindri contrapposti, basamento in ghisa, testata in lega leggera. Raffreddamento: ad acqua, a circolazione forzata; termostato. Cilindrata: totale 1.490 cm³ cm³
Distribuzione: 1 albero a camme in testa per bancata comandato da cinghia dentata Alimentazione: 2 carburatori verticali invertiti
Prestazioni motore Potenza: 105 CV a 6000 giri/min / Coppia: 13,6 kgm a 4000 giri/min
Accensione: elettronica breakerless, con anticipo centrifugo e a depressione Impianto elettrico: Batteria: 12 V - 45 Ah. Candele: Champion N6YC
Frizione: monodisco a secco, con comando idraulico Cambio: meccanico a 5 marce + RM
Telaio
Corpo vettura Scocca metallica autoportante
Sterzo a cremagliera
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti (MacPherson), molle elicoidali, ammortizzatori idraulici / posteriori: ad assale rigido, 2 parallelogrammi di Watt, barra Panhard, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici
Freni anteriori: a disco / posteriori: a tamburo
Pneumatici 175/70 SR-13 / Cerchi: 13"
Prestazioni dichiarate
Velocità: 180 km/h Accelerazione: 0-100 km/h: 10,5
Consumi a 90 km/h, 6,1 litri/100 km; a 120 km/h, 8,3 litri/100 km; ciclo urbano (simulato) 11,1 litri/100 km; media ECE 8,5 litri/100 km
Caratteristiche tecniche - Alfa Romeo 33 1.7 Quadrifoglio Verde (1987)
Configurazione
Carrozzeria: Berlina Posizione motore: anteriore Trazione: anteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4.015 × 1.612 × 1.345 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 2.455 mm Carreggiate: anteriore 1.367 - posteriore 1.364 mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 5 Bagagliaio: Serbatoio: 50 litri (riserva 6,5 litri)
Masse / in ordine di marcia: 910 kg / rimorchiabile: 1.000 kg
Meccanica
Tipo motore: 4 cilindri contrapposti, basamento in ghisa, testata in lega leggera. Raffreddamento: ad acqua, a circolazione forzata; termostato. Cilindrata: totale 1.712 cm³ cm³
Distribuzione: 1 albero a camme in testa per bancata comandato da cinghia dentata Alimentazione: 2 carburatori verticali invertiti
Prestazioni motore Potenza: 118 CV a 5800 giri/min / Coppia: 15 kgm a 3500 giri/min
Accensione: elettronica breakerless, con anticipo centrifugo e a depressione Impianto elettrico: Batteria: 12 V - 45 Ah. Candele: Champion N6YC
Frizione: monodisco a secco, con comando idraulico Cambio: meccanico a 5 marce + RM
Telaio
Corpo vettura Scocca metallica autoportante
Sterzo a cremagliera
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti (MacPherson), molle elicoidali, ammortizzatori idraulici, barra stabilizzatrice / posteriori: ad assale rigido, 2 parallelogrammi di Watt, barra Panhard, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici
Freni anteriori: a disco / posteriori: a tamburo
Pneumatici 185/60 HR-14 / Cerchi: 14"
Prestazioni dichiarate
Velocità: 196 km/h Accelerazione: 0-100 km/h: 9
Consumi a 90 km/h, 5,9 litri/100 km; a 120 km/h, 8,2 litri/100 km; ciclo urbano (simulato) 11,4 litri/100 km; media ECE 8,5 litri/100 km
Caratteristiche tecniche - Alfa Romeo 33 1.8 TD Giardinetta (1987)
Configurazione
Carrozzeria: Statio Wagon Posizione motore: anteriore Trazione: anteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4.165 × 1.612 × 1.345 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 2.455 mm Carreggiate: anteriore 1.397 - posteriore 1.364 mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 5 Bagagliaio: Serbatoio: 50 litri (riserva 6,5 litri)
Masse / in ordine di marcia: 1.025 kg / rimorchiabile: 1.100 kg
Meccanica
Tipo motore: 3 cilindri in linea, basamento in ghisa, testata in lega leggera in 3 pezzi. Raffreddamento: ad acqua, a circolazione forzata; termostato. Cilindrata: totale 1.779 cm³ cm³
Distribuzione: 1 albero a camme laterale, azionato da ingranaggi; aste e bilancieri Alimentazione: a iniezione indiretta con pompa rotativa; 1 turbocompressore KKK 14
Prestazioni motore Potenza: 74 CV a 4000 giri/min / Coppia: 15,6 kgm a 2400 giri/min
Accensione: elettronica breakerless, con anticipo centrifugo e a depressione Impianto elettrico: Batteria: 12 V - 70 Ah. Candele: Champion N6YC
Frizione: monodisco a secco, con comando idraulico Cambio: meccanico a 5 marce + RM
Telaio
Corpo vettura Scocca metallica autoportante
Sterzo a cremagliera
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti (secondo lo schema MacPherson), molle elicoidali, ammortizzatori idraulici / posteriori: ad assale rigido, 2 parallelogrammi di Watt, barra Panhard, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici
Freni anteriori: a disco / posteriori: a tamburo
Pneumatici 175/70 SR-13 / Cerchi: 13"
Prestazioni dichiarate
Velocità: 165 km/h Accelerazione: 0-100 km/h: 14
Consumi a 90 km/h, 4,9 litri/100 km; a 120 km/h, 7,1 litri/100 km; ciclo urbano (simulato) 7,3 litri/100 km; media ECE 6,4 litri/100 km

La seconda serie (1990-95)[modifica | modifica sorgente]

Un'Alfa 33 1.3 VL del 1991

Ma nel panorama automobilistico di fine anni ottanta la concorrenza sfornava modelli sempre più evoluti stilisticamente, specie nel segmento C, quello cioè delle vetture medie: nel 1988 fecero la loro comparsa la Fiat Tipo e la Renault 19, e l'anno seguente furono rinnovate anche la Peugeot 309, la Volkswagen Golf e la Rover serie 200. Pertanto nell'autunno del 1989 anche l'Alfa 33 venne sottoposta a un sostanzioso restyling, che la omologò al nuovo family feeling introdotto dalla 164. Vennero modificati il frontale (completamente nuovo, spiovente e con paracolpi più avvolgenti), la coda allungata, alta e tronca e dotata di nuovi gruppi ottici simili a quelli della 164 che la attraversano trasversalmente, le maniglie delle porte, gli specchietti retrovisori ed i gocciolatoi. Gli interni, già completamente ridisegnati in concomitanza col face lifting del 1988, non vennero modificati se non in pochi particolari e nell'impiego di nuovi materiali e rivestimenti. Il lavoro di restyling riguardò qualche tempo dopo anche la versione Giardinetta, adesso denominata Sportwagon, intervenendo nella parte anteriore, ed in alcuni particolari del posteriore (gruppi ottici con freccia oscurata, paraurti più avvolgente). Anche la gamma dei motori venne rivista. Alla base si collocavano le 1.3 (1351cc, 2 carburatori e 86cv), le 1.5 (1490cc, 2 carburatori, 105cv) e le 1.5 i.e (1490cc, dotato di iniezione elettronica, 98 cv). Il top della gamma era rappresentato dal 1700 a iniezione, con testata a 8 (107cv) o 16 valvole (132cv). Per la 1.7 16v e "8v" era disponibile sia la trazione anteriore, sia quella integrale. Per la versione 1.7 8v la trazione alle ruote posteriori era ad inserimento comandato da apposito interruttore posto in plancia e controllata da apposita centralina elettronica, mentre per la versione 16 v denominata Permanent 4 (<93) oppure Q4 (>94) e Q4 SportWagon, costruita quest'ultima in soli 573 esemplari, la motricità era costantemente attiva sulle 4 ruote e trasferita all'occorrenza al ponte posteriore da giunto Ferguson (o giunto viscoso), anche in questo caso, il tutto controllato da apposita centralina collocata nel bagagliaio.

Anche il 3 cilindri turbodiesel, aggiornato con l'adozione dell'intercooler e l'aumento della pressione di sovralimentazione a 1,2 bar, vide crescere la potenza a 94 CV.

La meccanica e il telaio subirono adeguamenti solo marginali, per correggere quanto possibile le noie alle sospensioni e alla geometria dell'avantreno, mentre l'abitacolo fu ulteriormente affinato.

La nuova gamma comprendeva:

Vista laterale di un'Alfa 33 seconda serie
  • 1.3 V (1351 cm³, 88 CV, 176 km/h)
  • 1.3 VL (1351 cm³, 88 CV, 176 km/h)
  • 1.3 IE (1351 cm³, 90 CV, 178 km/h)
  • 1.3 IE Feeling (1351 cm³, 90 CV, 178 km/h)
  • 1.3 IE Hit (1351 cm³, 90 CV, 178 km/h)
  • 1.3 IE Imola (1351 cm³, 90 CV, 178 km/h)
  • 1.3 IE Imola 3 (1351 cm³, 90 CV, 180 km/h)
  • 1.3 IE L (1351 cm³, 90 CV, 178 km/h)
  • 1.3 IE L (1351 cm³, 90 CV, 178 km/h)
  • 1.3 IE Privilege (1351 cm³, 90 CV, 178 km/h)
  • 1.5 (1490 cm³, 105 CV, 188 km/h)
  • 1.5 4X4 (1490 cm³, 105 CV, 182 km/h)
  • 1.5 IE (1490 cm³, 97 CV, 186 km/h)
  • 1.5 IE (1490 cm³, 105 CV, 188 km/h)
  • 1.5 TI S (1490 cm³, 105 CV, 185 km/h)
  • 1.7 Quadrifoglio Verde (1712 cm³, 114 CV, 196 km/h)
  • 1.7 IE (1712 cm³, 107 CV, 190 km/h)
  • 1.7 IE 4X4 (1712 cm³, 107 CV, 188 km/h)
  • 1.7 IE 4X4 cat. (1712 cm³, 105 CV, 183 km/h)
  • 1.7 IE Absolute (1712 cm³, 105 CV, 188 km/h)
  • 1.7 IE S (1712 cm³, 107 CV, 190 km/h)
  • 1.7 IE S cat. (1712 cm³, 105 CV, 188 km/h)
  • 1.7 IE 16V (1712 cm³, 137 CV, 207 km/h)
  • 1.7 IE 16V cat. (1712 cm³, 129 CV, 203 km/h)
  • 1.7 IE 16V Quadrifoglio Verde (1712 cm³, 132 CV, 205 km/h)
  • 1.7 IE 16V Quadrifoglio Verde S (1712 cm³, 132 CV, 203 km/h)
  • 1.7 IE 16V Permanent 4 Quadrifoglio Verde S cat (1712 cm³, 129 CV, 198 km/h)
  • 1.7 IE 16V Permanent 4 Quadrifoglio Verde S (1712 cm³, 132 CV, 200 km/h)
  • 1.7 IE 16V Q4 (1712 cm³, 129 CV, 198 km/h)
  • 1.8 TD (1779 cm³, 84 CV, 175 km/h)
  • 1.8 TD Eco (1779 cm³, 84 CV, 175 km/h)

A tale lista andrebbe aggiunta una 4x4 con motorizzazione 1300, con trazione integrale inseribile derivata dalla 1.5, nella sola versione Sport Wagon prodotta in relativamente pochi esemplari (3129) dal '90 al '94 (dal '91 anche catalizzata), oggi una vera rarità.

Le versioni con motore di 1.5 e 1.7 litri 8v si distinguevano per i paraurti in tinta e l'allestimento più ricco, mentre Quadrifoglio Verde e Permanent/Q4 avevano una connotazione decisamente sportiva: mascherina anteriore con scudetto cromato bordato di rosso, spoiler anteriore e specchi retrovisori esterni in tinta, alettone posteriore in tinta, bandelle sottoporta in tinta, paraurti maggiorati in tinta, ruote in lega specifiche e sedili sportivi.

Nel 1992 venne tolta di listino la Turbodiesel, mentre all'inizio del 1993, con l'obbligo del catalizzatore, tutti i motori vennero dotati di impianto di iniezione multipoint e marmitta catalitica. Le potenze erano di 90 CV per le 1.3 i.e., di 97 CV per le 1.5 i.e., di 107 CV per le 1.7 i.e. e di 132 CV per le 1.7 i.e. 16v.

Tra le versioni speciali, si può ricordare la 33 Imola, dapprima la versione Imola 1 del 1991/92, poi nel 1993 l'esordio della Imola 3, prodotta in fine serie e in soli circa 2000 esemplari, con motore 1.351 cm³ boxer iniezione elettronica - 90CV Catalitica, avente particolari finiture sia estetiche che di interno, come minigonne aerodinamiche, alettone posteriore, cerchi in lega diamantati, sedili sportivi Recaro pelle/tessuto, poggia testa posteriori, pomello cambio e volante in pelle (ben diversa dalla Imola 1, che era allestita con sedili in normale tappezzeria scozzese), autoradio, ed altri accessori di serie. Auto particolarmente aggressiva e sportiva nell'estetica, venne prodotta in tre colori: rossa, bianca e nera.

Così, dal 1993 al 1995, la 33 continuò ad essere presente sul mercato con le sole versioni catalizzate, giungendo alla soglia del milione di esemplari. Nell'autunno del 1994 la 33, che ormai sentiva veramente il peso di ben undici anni di carriera, prima di uscire definitivamente di scena affiancò la neonata 145, sua erede, fino all'esordio della 146 nel 1995, anch'essa destinata a rimpiazzarla.

Alfa 33 e forze dell'ordine[modifica | modifica sorgente]

La proverbiale tenuta di strada, la brillantezza di guida fatta di agilità e accelerazione e, non ultimo l'inconfondibile e accattivante rombo che per più di un decennio diede voce all'Alfasud, facevano dell'Alfa 33 una vettura che aveva tutte le premesse di una sportiva. Così, come negli anni settanta accadde per la vecchia gloria di Pomigliano d'Arco - l'Alfasud- che ogni tanto capita di veder sfrecciare in qualche pellicola poliziesca, a partire dal 1984 anche l'Alfa 33 fu adottata dalle forze di Polizia per la squadra volante nei grandi centri urbani, sia come vettura con le insegne ufficiali che come auto civetta.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili