Alfa Romeo 20-30 HP

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfa Romeo 20-30 HP
Descrizione generale
Costruttore Italia  Alfa Romeo
Tipo principale Torpedo
Altre versioni Berlina
Produzione dal 1920 al 1922
Sostituisce la ALFA 24 HP
Sostituita da Alfa Romeo RM
Esemplari prodotti 124
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Passo 3.200 mm
Altro
Assemblaggio Stabilimento del Portello, Milano
Progetto Giuseppe Merosi

La 20-30 HP è stata un'autovettura prodotta dall'Alfa Romeo dal 1920 al 1922. È stato il primo modello a portare il nome "Alfa Romeo". Dalla 20-30 HP derivò anche una versione da competizione, la 20-30 HP ES Sport.

Il contesto[modifica | modifica sorgente]

Nel 1915 Nicola Romeo, ingegnere meccanico di Sant'Antimo, entrò nel capitale societario dell'ALFA (azienda automobilistica milanese fondata nel 1910) con l'acquisto di alcune azioni[1][2]. Nel giro di due anni il gruppo industriale capitanato Romeo riuscì ad acquisire il controllo della società; nell'occasione, l'ALFA cambiò denominazione in "Società Anonima Italiana Ing. Nicola Romeo"[3]. Essa si concentrò nella fabbricazione di munizioni, motori aeronautici su licenza Isotta-Fraschini e attrezzature da miniera, che erano fondamentali nelle trincee del fronte di guerra italiano[4], interrompendo temporaneamente la produzione di autovetture[5]. Terminata la prima guerra mondiale, le commesse militari si esaurirono e Romeo decise di riconvertire le attività dell'azienda nella produzione di autovetture a uso civile[3][4]. Romeo, che era a conoscenza del valore del marchio ALFA nella commercializzazione di modelli di autovettura, decise di cambiare il nome della società in "Alfa Romeo"[3]. L'atto ufficiale della nascita dell'Alfa Romeo è datato 3 febbraio 1918 e venne firmato dal notaio Federico Guasti di Milano[1]. La 20-30 HP fu pertanto il primo modello da strada a essere commercializzato con la nuova denominazione della società[1]. Il marchio Alfa Romeo aveva già infatti debuttato il 23 novembre 1919 su una versione da competizione della 40-60 HP, che partecipò alla Targa Florio[6].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il prezzo della vettura era proibitivo per i tempi, dato che ammontava a 35.000 lire (più del triplo di una Ford Modello T). Tale importo era notevole soprattutto considerando la recessione che era conseguita al primo conflitto mondiale.

La produzione si orientò quindi verso un modello di alto livello che era caratterizzato da una meccanica raffinata, da un motore potente e da rifiniture lussuose. La 20-30 HP venne quindi destinata alla fascia di mercato delle auto di lusso e alle esportazioni. I numeri produttivi furono limitati. Le vetture prodotte furono infatti solo 124.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

La vettura, che fu progettata da Giuseppe Merosi, era dotata di un motore a quattro cilindri in linea da 4.084 cm³ di cilindrata e 49 CV di potenza. L'alesaggio e la corsa erano, rispettivamente, 100 mm e 130 mm. Il motore era anteriore, mentre la trazione era posteriore. Il cambio era a quattro rapporti.

La 20-30 HP era disponibile due tipi di carrozzeria, torpedo e berlina. La velocità massima raggiunta dalla vettura era di 115 km/h.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Enciclopedia Quattroruote, 2003, op. cit., pag. 22.
  2. ^ Sannia, 2010, op. cit., pag. 16.
  3. ^ a b c Owen, 1985, op. cit., pag. 13.
  4. ^ a b Sannia, 2010, op. cit., pag. 24.
  5. ^ Tabucchi, 2010, op. cit., pag. 24.
  6. ^ Sannia, 2010, op. cit., pag. 26.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gianluca Pellegrini, Enciclopedia dell'auto - Quattroruote, Rozzano, Editoriale Domus, 2003.
  • Alessandro Sannia, Alfa Romeo - 100 anni di leggenda, Milano, Gribaudo, 2010, ISBN 978-88-7906-972-4.
  • Maurizio Tabucchi, Alfa Romeo 1910 - 2010, Milano, Giorgio Nada Editore, 2010, ISBN 978-88-7911-502-5.
  • David Owen, Grandi Marche - Alfa Romeo, Milano, Edizioni Acanthus, 1985, ISBN non esistente.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili