Sojuz MS-11

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sojuz MS-11
Emblema missione
Soyuz-MS-11-Mission-Patch.png
Dati della missione
NSSDC ID2018-098A
SCN43756
Nome veicoloSojuz
VettoreSojuz-FG
Lancio3 dicembre 2018
Luogo lancioCosmodromo di Bayqoñyr
Atterraggio21 giugno 2019 (pianificato)
Equipaggio
Numero3
MembriOleg Kononenko
David Saint-Jacques
Anne McClain
Programma Sojuz
Missione precedenteMissione successiva
Sojuz MS-10 Sojuz MS-12

Sojuz MS-11 è un volo astronautico verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) e parte del programma Sojuz, ed è il 139° volo con equipaggio della navetta Sojuz dal primo volo avvenuto nel 1967. Dopo l'incidente della Sojuz MS-10, l'equipaggio della Sojuz MS-11 che doveva far parte dell'Expedition 58/59 è stato spostato alle Expedition 57/58. L'equipaggio è partito il 3 dicembre 2018 dal Cosmodromo di Bayqoñyr per prender parte ad una missione di sei mesi durante le Expedition 57/58.[1] La navicella è attraccata prima della partenza della Sojuz MS-09 fissata per il 20 dicembre 2018.

Equipaggio[modifica | modifica wikitesto]

Posizione Equipaggio
Comandante Russia Oleg Kononenko, Roscosmos
Expedition 57
Quarto volo
Ingegnere di volo 1 Canada David Saint-Jacques, CSA
Expedition 57
Primo volo
Ingegnere di volo 2 Stati Uniti Anne McClain, NASA
Expedition 57
Primo volo

Equipaggio di riserva[modifica | modifica wikitesto]

Posizione Equipaggio
Comandante Russia Aleksandr Skvorcov, Roscosmos
Expedition 57
Ingegnere di volo 1 Italia Luca Parmitano, ESA
Expedition 57
Ingegnere di volo 2 Stati Uniti Andrew Morgan, NASA
Expedition 57

Esami del GCTC prima del lancio[modifica | modifica wikitesto]

Esame di Teleoperatore[modifica | modifica wikitesto]

Il primo esame che i comandanti delle Sojuz dell'equipaggio principale Kononenko e quello di riserva Skvortsov hanno dovuto superare era quello di Teleoperator. Simulando di essere a bordo della ISS hanno dovuto prendere il controllo di una navicella senza equipaggio Progress che non era riuscita ad attraccare autonomamente e farla attraccare manualmente in sicurezza. Durante l'esame i cosmonauti hanno dovuto affrontare i diversi scenari presenti nella busta da loro scelta all'inizio dell'esame.[2]

Esame in modalità manuale senza telemetria[modifica | modifica wikitesto]

I comandanti con il loro ingegnere di volo 1 (Principale: Kononenko e Saint Jacques; Riserva: Skvortsov e Parmitano) hanno superato l'esame del controllo manuale di avvicinamento della navicella con equipaggio Sojuz MS. I comandanti hanno lavorato all'interno del modulo di discesa mentre gli ingegneri di volo 1 nel modulo orbitale. La Commissione ha valutato le capacità degli equipaggi di gestire i sistemi della Sojuz MS in modalità manuale nel caso di guasto all'automazione durante l'avvicinamento alla ISS. In conformità con le due buste scelte gli equipaggi hanno dovuto occuparsi di una serie di situazioni d'emergenza introdotte dagli istruttori del GCTC. Nel caso dell'equipaggio principale Kononenko dopo aver perso la telemetria dal sistema automatico è passato alla modalità manuale ed ha continuato l'attracco con la distanza e la velocità che Saint Jacques gli riferiva dal modulo orbitale. Oltre alla riuscita dell'attracco, i parametri fondamentali da tener conto erano il tempo di esecuzione della manovra, la velocità della navicella e consumo di carburante.[3]

Esame dell'attracco manuale e del ri-attracco[modifica | modifica wikitesto]

A differenza dell'esame in modalità manuale senza telemetria in cui comandante e ingegnere di volo 1 lavorano in coppia, in questo esame entrambi hanno dovuto dimostrare separatamente le loro abilità nel pilotare la Sojuz durante un attracco, uno sgancio e un altro attracco alla ISS. Ogni busta scelta da un membro dell'equipaggio conteneva quattro scenari con altrettante emergenze: l'attracco ad un boccaporto, il trasferimento da un boccaporto ad un altro, una modalità di volo specifica della ISS e la modalità di sicurezza con la velocità radiale elevata della navicella.[4]

Rientro manuale e giornata tipica sulla ISS[modifica | modifica wikitesto]

I comandanti e gli ingegneri di volo 1 hanno svolto l'esame di rientro manuale nel simulatore TC-7 dentro la centrifuga TsF-7, utilizzato nel caso in cui il controllo automatico non funzioni. Questo esame viene svolto in centrifuga perché le azioni svolte dal membro dell'equipaggio all'interno del simulatore causa una variazione nella velocità e quindi dal numero dei g prodotti dalla centrifuga. Il controllo nel modulo avviene tramite il dispositivo di controllo manuale che modificando la rotazione del modulo varia il luogo di atterraggio e i g subiti.[5] L'esame successivo è stato svolto da entrambi gli equipaggi (questa vola con la presenza dell'ingegnere di volo 2; Principale: McClain, Riserva: Morgan) nel mockup del Segmento russo della ISS. Gli equipaggi hanno passato una tipica giornata di lavoro con situazioni nominali e non nominali. Hanno dovuto controllare i sistemi di supporto vitale della Stazione, condurre esperimenti scientifici e medici pianificati nel futuro programma di volo, comunicare con il Centro di controllo di Mosca, registrare video di auguri, ecc. Delle numerose anomalie possibili come problemi alle comunicazione e guasti nel sistema di supporto vitale, gli equipaggi hanno affrontato la depressurizzazione simulata di uno dei moduli del segmento russo.[6]

Primo esame completo[modifica | modifica wikitesto]

Terminati gli esami parziali, l'equipaggio principale e di riserva al completo devono affrontare due intere giornate di esami. Il primo giorno un equipaggio svolgerà gli esami nel simulatore della Sojuz mentre l'altro equipaggio lavorerà al mockup del Segmento russo, il giorno successivo si invertiranno i ruoli. Il 13 novembre l'equipaggio principale ha scelto una delle quattro buste con all'interno nascoste le situazioni di emergenza che avrebbero svolto durante l'esame nel Segmento russo. Durante l'esame l'equipaggio ha risolto con successo l'anomalia nel sistema di filtraggio atmosferico, un guasto del ricevitore VHF-1 e un guasto al dispositivo igienico-sanitario. Nella fase finale dell'esame hanno dovuto affrontare una delle tre emergenze maggiori sulla ISS: la depressurizzazione del Segmento russo (le altre due sono incendio e contaminazione di ammoniaca). L'equipaggio di riserva invece ha svolto l'esame nel simulatore della navicella Sojuz MS. Dopo essersi presentati davanti alla commissione ed essersi dichiarati idonei al volo, il comandante Skvortsov ha scelto una delle cinque buste con all'interno le anomalie che avrebbero affrontato durante l'esame. Le anomalie che hanno individuato e poi risolto sono state il guasto dell'VHF del ricevitore principale, il rilevamento di una perdita nella valvola di riduzione di pressione e problemi ad una cartuccia che ha portato all'aumento del livello di anidride carbonica nel modulo di discesa. [7][8]

Secondo e ultimo esame completo[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 novembre 2018 l'equipaggio principale ha svolto l'esame della Sojuz mentre l'equipaggio di riserva quello nel Segmento russo. Nel simulatore Sojuz l'equipaggio principale si è occupato dell'arresto dei sistemi radio Kurs-1 e Kurs-2 ad una distanza di 5 km dalla ISS continuando l'attracco in modalità manuale e la depressurizzazione dei serbatoi di propellente che ha richiesto l'interruzione della missione simulata e il ritorno immediato sulla Terra. L'equipaggio di riserva nel Segmento russo si è dovuto occupare del guasto al sistema Electron, dei malfunzionamenti nel dispositivo igenico-sanitario e problemi di comunicazione tra il Segmento russo e quello americano. Hanno dovuto inoltre svolgere una manovra per allontanare la ISS dai detriti spaziali e la procedura in caso di incendio nel Segmento russo della Stazione.[9] La Commissione Interdipartimentale (IAC) al termine degli esami ha approvato il trasferimento degli equipaggi a Bayqoñyr dove passeranno due settimane in quarantena in vista del lancio del 3 dicembre 2018 dell'equipaggio principale.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) NASA, Future Expeditions, su nasa.gov.
  2. ^ (RU) Экипажи МКС-58/59 приступили к сдаче практических экзаменов в ЦПК, su gctc.ru, 31 ottobre 2018. URL consultato il 23 novembre 2018.
  3. ^ (RU) Экипажи МКС-58/59 – ручное управление сближением на «отлично», su gctc.ru, 2 novembre 2018. URL consultato il 23 novembre 2018.
  4. ^ (RU) Полет к станции в земных условиях. Экипажи МКС-58/59 продолжают сдавать экзамены в ЦПК, su gctc.ru, 7 novembre 2018. URL consultato il 23 novembre 2018.
  5. ^ thom_astro, Manual controls for Soyuz atmospheric re-entry. Like a video game, except you only have one life ;) (Tweet), su twitter.com, 8 dicembre 2015.
  6. ^ (RU) Экипажи МКС-58/59 завершили серию предполетных экзаменов, su gctc.ru, 9 novembre 2018. URL consultato il 23 novembre 2018.
  7. ^ (RU) Первый день экзаменационных комплексных тренировок у основного и дублирующего экипажей МКС-58/59, su gctc.ru, 13 novembre 2018. URL consultato il 23 novembre 2018.
  8. ^ (RU) У основного и дублирующего экипажей МКС-58/59 начались комплексные экзамены в ЦПК, su gctc.ru, 13 novembre 2018. URL consultato il 23 novembre 2018.
  9. ^ (RU) «Космические экзамены» экипажей МКС-58/59 успешны завершены, su gctc.ru, 14 novembre 2018. URL consultato il 23 novembre 2018.
  10. ^ (RU) В ЦПК состоялось заседание Межведомственной комиссии, su gctc.ru, 15 novembre 2018. URL consultato il 23 novembre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica