Sojuz T-8

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sojuz T-8
Dati della missione
Operatore Programma spaziale sovietico
NSSDC ID 1983-035A
SCN 14014
Nome nave Sojuz 7K-ST
11F732 (numero di serie 13L)
Vettore Lanciatore Sojuz U
11A511U
Codice chiamata Океан
(Okean - "Oceano")
Lancio 20 aprile, 1983
13:10:54 UTC
Luogo lancio cosmodromo di Bajkonur (rampa Gagarin)
Atterraggio 22 aprile, 1983
13:28:42 UTC
Luogo atterraggio 113 km a sud-est di
Arqalyq, RSS di Kazakistan
Durata 2 giorni, 17 minuti e 48 secondi
Proprietà veicolo spaziale
Peso al lancio 6 850 kg
Parametri orbitali
Orbita orbita terrestre bassa
Numero orbite 32
Apogeo 230 km
Perigeo 200 km
Periodo 88.6 min
Inclinazione 51.6°
Equipaggio
Numero 3
Membri Vladimir Titov
Gennadij Michajlovič Strekalov
Aleksandr Aleksandrovič Serebrov
programma Sojuz
Missione precedente Missione successiva
Sojuz T-7 Sojuz T-9

Sojuz T-8 è la denominazione di una missione della navicella spaziale Sojuz T verso la stazione spaziale sovietica Saljut 7 (DOS 6). Si trattò del quarantaseiesimo volo equipaggiato di questo velivolo spaziale, del sessantottesimo volo nell'ambito del programma Sojuz sovietico nonché del quarto volo equipaggiato verso la predetta stazione spaziale. Dato che l'aggancio alla stazione spaziale non riuscì, si dovette interrompere la missione, senza che l'equipaggio potesse soggiornare all'interno della Saljut 7.

Equipaggio[modifica | modifica wikitesto]

Missione[modifica | modifica wikitesto]

Il programmato aggancio tra la navicella spaziale ed il complesso orbitale Saljut 7/Cosmos 1443 non riuscì a causa di problemi con il sistema automatico d'aggancio.

Fu il primo aggancio non riuscito con una stazione spaziale dall'insuccesso del 1979 (Sojuz 33). Infatti, quando venne staccata l'apposita protezione, si staccò pure la strumentazione con l'antenna per il sistema automatico d'aggancio "Igla". L'equipaggio invece pensò, che lo stesso fosse rimasto agganciato alla navicella spaziale e semplicemente non stato estratto in maniera corretta. Per questo motivo tentarono di posizionare lo stesso mediante manovre e movimenti bruschi della navicella spaziale Sojuz T. Impegnarono per tali movimenti i congegni propulsori di controllo di assetto. Di conseguenza fu consumata un'enorme quantità di carburante durante questi tentativi d'aggancio non riusciti. Per garantire comunque che le riserve di carburante fossero sufficienti per la fase di rientro ed atterraggio, i cosmonauti furono costretti a spegnere il pilotaggio d'altitudine per portare la navicella spaziale in un modo di volo stabile per ciò che riguardava l'autorotazione dello stesso. Tale prassi di volo era solita per le prime missioni del programma Sojuz nei primi anni settanta ma ormai totalmente in disuso. In pratica furono costretti a ritornare alle origini di questo programma. Quando fu chiaro che la manovra d'aggancio non poté essere eseguita, la missione venne immediatamente interrotta ed i cosmonauti avviarono la procedura di rientro ed atterraggio. Questo riuscì perfettamente e senza incontrare particolari problemi.

Ulteriori dati di volo[modifica | modifica wikitesto]

  • Denominazione Astronomica Internazionale: 1983-59

I parametri sopra elencati indicato i dati pubblicati immediatamente dopo il termine della fase di lancio. Le continue variazioni ed i cambi di traiettoria d'orbita sono dovute alle manovre di aggancio. Pertanto eventuali altre indicazioni risultanti da fonti diverse sono probabili ed attendibili in considerazione di quanto descritto.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica