Cosmos 573

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cosmos 573
Dati della missione
Operatore Programma spaziale sovietico
NSSDC ID 1973-041A
SCN 06694
Nome nave Sojuz 7K-T
11F615A8 (numero di serie 36)
Vettore Lanciatore Sojuz
11A511
Lancio 15 giugno 1973
Luogo lancio cosmodromo di Bajkonur (rampa Gagarin)
Atterraggio 17 giugno 1973
Luogo atterraggio Kazakistan
Durata 2 giorni
Proprietà veicolo spaziale
Peso al lancio 6 800 kg
Parametri orbitali
Orbita orbita terrestre bassa

Cosmos 573 fu una missione priva di equipaggio del programma Sojuz sovietico. La missione venne eseguita quale secondo collaudo del nuovo tipo di navicella spaziale Sojuz 7 K-T in seguito alla modifica effettuata dopo la tragedia della Sojuz 11. Questa navicella non era dotata di pannelli solari. Era solito per il regime sovietico indicare esclusivamente missioni concluse con successo con una denominazione ufficiale. Le missioni che comportarono insuccessi vennero di solito nascoste all'opinione pubblica, e le missioni di collaudo camuffate sotto l'unica denominazione di Cosmos. Infatti tutti i velivoli spaziali sovietici, sia di carattere civile che militare, per i quali non si voleva dare delle informazioni più precise, vennero numerati come velivoli di questa serie. Per questo motivo la numerazione cronologica aumentò in continuazione ed entro breve tempo e pertanto risulta di difficile individuazione una descrizione esatta di tutti i velivoli lanciati sotto questa denominazione. Basti pensare che già verso la metà degli anni 70 si raggiungerà il numero 1000. Pertanto di questa missione si può indicare con sicurezza esclusivamente che si trattò del ventunesimo volo nell'ambito del programma Sojuz sovietico, mentre l'indicazione del numero di volo non equipaggiato di questa capsula varia da decimo a tredicesimo e 15-esimo.

Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica