Aleksandr Aleksandrovič Skvorcov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aleksandr Skvorcov
Alexander Skvortsov cropped.jpg
Cosmonauta di Roscosmos
NazionalitàRussia Russia
StatusIn attività
Data di nascita6 maggio 1966
Selezione1997 (TsPK 12)
Primo lancio2 aprile 2010
Altre attivitàPilota, Colonnello VVS
Tempo nello spazioAttualmente nello spazio
Numero EVA2
Durata EVA12h 34 min
Missioni

Aleksandr Aleksandrovič Skvorcov (in russo: Александр Александрович Скворцов; Ščëlkovo, 6 maggio 1966) è un cosmonauta, aviatore e ufficiale russo. È attualmente nello spazio per la sua terza missione spaziale (Exp 60/61) di lunga durata sulla ISS.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Il padre, Alexander Skvorcov, è un ex cosmonauta selezionato nel 1965 ma che non ha mai volato nello spazio. È sposato con Elena Grigor'evna Skvorcova (Krasnikova) e hanno una figlia (Anna, 1990). Nel tempo libero gli piace fare immersioni, giocare a calcio e badminton, cacciare, pescare e viaggiare.

Carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Si è diplomato nella scuola superiore Nº2 della città di Moršansk, nell'Oblast' di Tambov, nel 1983, per poi laurearsi presso la Scuola di aviazione militare per piloti e navigatori di Stavropol' come pilota-ingegnere nel 1987. Da quel momento siano al momento della sua selezione come cosmonauta è stato pilota e (dal 1993) comandante di volo del 191º reggimento di aviazione con base a Efremov, nell'Oblast' di Tula. Nel 1997 si laureò all'Accademia militare di difesa aerea Georgij Žukov a Tver' come navigatore-tattico nella difesa aerea. Durante la carriera militare ha pilotato principalmente gli aerei L-39, MiG-23 e Su-27 accumulando circa 1000 ore di volo. Si è ritirato nel 2012 con il grado di colonnello e come pilota di prima Classe.

Carriera come cosmonauta[modifica | modifica wikitesto]

L'Expedition 23 nel Laboratorio Destiny
Gerst e Skvorcov dell'Expedition 40 controllano la telemetria di ATV-5 durante l'attracco
L'equipaggio della Sojuz MS-13 davanti al simulatore Sojuz MS al GCTC

Il 28 luglio 1997 è stato selezionato come candidato cosmonauta del Gruppo TsPK 12 del GCTC. Dal 16 gennaio 1998 al 26 novembre 1999, ha svolto i due anni di addestramento generale allo spazio (общекосмическую подготовку, ОКP) e il 1º dicembre è stato nominato Test Cosmonaut. All'inizio del 2000 ha iniziato l'addestramento relativo al volo a bordo della ISS, in vista di una futura missione. Il 25 gennaio 2007 ha partecipato a due giorni di esercitazione di sopravvivenza invernale nella foresta di Mosca come comandante dell'equipaggio, insieme ai cosmonauti malesi Sheikh Muszaphar Shukor e Faiz bin Khaleed.

Expedition 23/24[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 novembre 2008 è stata ufficializzata dalla NASA la sua assegnazione all'Expedition 24/25.[1] Il 1º aprile 2009, la Commissione Interdipartimentale l'ha approvato come comandante della Sojuz TMA-18, ingegnere di volo dell'Expedition 23 e comandante dell'Expedition 24. Nei primi giorni di settembre 2009 l'equipaggio di riserva della Sojuz TMA-16 (Skvorcov, Shannon Walker e la turista spaziale Barbara Barrett) ha superato gli esami di pre-volo al GCTC. Nel 2010 si è laureato in giurisprudenza all'Accademia presidenziale russa dell'economia nazionale e della pubblica amministrazione. Il 12 marzo 2010 ha superato gli esami pre-volo insieme a Michail Kornienko e Tracy Caldwell-Dyson come equipaggio principale della Sojuz TMA-18. È partito per la sua prima missione il 2 aprile 2010 dal Cosmodromo di Bayqoñyr a bordo della Sojuz TMA-18 e due giorni dopo si è attraccato alla ISS. Il 2 giugno 2010, allo sgancio della Sojuz TMA-17 con la Stazione è diventato il comandante della ISS, ruolo che ha ricoperto per quasi quattro mesi. Il suo ritorno a Terra era previsto per il 24 settembre, dopo 175 giorni nello spazio ma è stato rinviato di un giorno per problemi al boccaporto del modulo Poisk. Il 25 settembre 2010 è atterrato con il suo equipaggio nelle steppe del Kazakistan a 35 km sud-est dalla città di Arkalyk.

Expedition 39/40[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 marzo 2014 ha completato gli esami finali pre-volo del GCTC con i colleghi Oleg Artem'ev e Steven Swanson. È partito per la sua seconda missione il 26 marzo 2014 come il comandante della Sojuz TMA-12M e ingegnere di volo per le Expedition 39/40 a bordo della ISS, alla quale si è attraccato due giorni dopo. Il 19 giugno e il 18 agosto 2014 ha svolto due attività extraveicolari (EVA) con Artem'ev. Nella prima EVA ha installato un'antenna di telemetria, controllato esperimenti esposti allo spazio aperto, preso campioni dalle finestre di Zvezda e espulso un esperimento, mentre nella seconda ha rilasciato un cubesat, installati e prelevati esperimenti e aggiunto un corrimano sulla superficie esterna del Segmento russo. L'11 settembre 2014 alle 2:23 UTC, dopo 169 giorni nello spazio, Skvorcov e il resto dell'equipaggio della Sojuz TMA-12M è atterrato in Kazakistan, 149 chilometri da Zhezkazgan.

Il 6 maggio 2016 la NASA ha ufficializzato la sua assegnazione come comandante dell'equipaggio della Sojuz MS-06 (successivamente spostato alla Sojuz MS-07)[2] ma a marzo 2017 è stato dichiarato non idoneo per un infortunato procuratosi durante l'attività sportiva ed è stato sostituito da Anton Škaplerov.

Expedition 60/61[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 febbraio 2018 Skvortsov con Luca Parmitano e Andrew Morgan come equipaggio della Sojuz MS-13 ha partecipato all'esercitazione di sopravvivenza invernale nelle foreste innevate intorno a Mosca. Il 14 novembre l'equipaggio ha superato gli esami pre-volo come squadra di riserva della Sojuz MS-11. È partito per la sua terza missione il 20 luglio 2019 a bordo della Sojuz MS-13.[3]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze russe[modifica | modifica wikitesto]

Eroe della Federazione Russa - nastrino per uniforme ordinaria Eroe della Federazione Russa
— 12 aprile 2011
Pilota-cosmonauta della Federazione Russa - nastrino per uniforme ordinaria Pilota-cosmonauta della Federazione Russa
— 12 aprile 2011
Ordine al merito per la Patria di IV classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine al merito per la Patria di IV classe
— 15 febbraio 2016
Medaglia per distinzione nel servizio militare di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per distinzione nel servizio militare di I Classe
Medaglia per distinzione nel servizio militare di II Classe - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per distinzione nel servizio militare di II Classe
Medaglia per distinzione nel servizio militare di III Classe - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per distinzione nel servizio militare di III Classe
Medaglia per servizio impeccabile di III classe - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per servizio impeccabile di III classe
Medaglia al merito militare di II Classe - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia al merito militare di II Classe

Onorificenze sovietiche[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia per il giubileo dei 70 anni di servizio nelle forze armate dell'Unione Sovietica - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per il giubileo dei 70 anni di servizio nelle forze armate dell'Unione Sovietica
— 28 gennaio 1988

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

NASA Distinguished Public Service Medal (Stati Uniti) - nastrino per uniforme ordinaria NASA Distinguished Public Service Medal (Stati Uniti)
NASA Space Flight Medal (2) (Stati Uniti) - nastrino per uniforme ordinaria NASA Space Flight Medal (2) (Stati Uniti)
— 2011, 2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]