Vozdušno-kosmičeskie sily

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Forze aerospaziali
Воздушно-космические силы
Vozdušno-kosmičeskie sily
Great emblem of the Russian Aerospace Forces.svg
Emblema della
Vozdušno-Kosmičeskie Sily
Descrizione generale
Attiva1º agosto 2015 - oggi
NazioneRussia Russia
Servizioforza armata
Tipoaeronautica militare
astronautica militare
Dimensione160 000[1] (2020)
4 163 velivoli[2] (2019)
Quartier generaleMosca
Patronoprofeta Elia[3]
Coloriblu, oro, grigio             
Marcia14 minuti al lancio
(in russo: "14 минут до старта"?)
Battaglie/guerreGuerra civile siriana
Anniversari12 agosto
Parte di
Reparti dipendenti
Comandanti
Colonnello generaleSergej Surovkin
(dal 2017)
Degni di notaViktor Bondarev
Simboli
CoccardaRoundel of Russia.svg
BandieraFlag of the Russian Air Force.svg
Emblema intermedioMedium emblem of the Военно-воздушные силы Российской Федерации.svg
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

Le Forze aerospaziali o VKS RF (in russo: Воздушно-космические силы Российской Федерации?, traslitterato: Vozdušno-Kosmičeskie Sily Rossijskoj Federacii), in sigla sono le forze aerospaziali delle Forze armate della Federazione Russa, istituite per decreto ministeriale il 1º agosto 2015 dalla ceneri dell'Aeronautica militare (VVS), delle Forze di difesa aerospaziale (VVKO) e del Forze spaziali (KS) del Paese.[4] Istituite per permettere una maggiore efficienza di esercizio e coordinamento tra tutti i corpi che la compongono, sono alle dipendenze del Ministero della Difesa russo ed hanno sede a Mosca.

La componente aerea può contare su più di 4.000 velivoli ad ala fissa e rotante,[5] e su una forza di circa 185.000 uomini incluse le truppe di contraerea. Con questi numeri, le Forze aerospaziali russe si attestano, a seconda del numero di aerei o di personale in organico, al secondo o terzo posto tra le aviazioni militari più grandi al mondo dietro la United States Air Force e l'Aeronautica militare della Repubblica Popolare Cinese.[6]

Al 2021, la forza armata è sotto il comando del colonnello generale Sergej Vladimirovič Surovikin.[7]

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Le Forze aerospaziali russe sono composte da tre corpi specializzati:

e risultano organizzate nelle seguenti Armate:

Alto Comando delle Forze Aeree (Главное командование ВВС) - Mosca

  • operativamente assoggettati all'Alto Comando:
  • operativamente assoggettata al Distretto Militare Occidentale:
    • 6ª Armata aerea (6-я Ленинградская Краснознамённая армия ВВС и ПВО) - Saint Petersburg
  • operativamente assoggettata al Distretto Militare Meridionale:
    • 4ª Armata aerea (4-я Краснознамённая армия ВВС и ПВО) - Rostov-on-Don
  • operativamente assoggettata al Distretto Militare Centrale:
    • 14ª Armata aerea (14-я Краснознамённая армия ВВС и ПВО) - Yekaterinburg
  • operativamente assoggettata al Distretto Militare Orientale:
    • 11ª Armata aerea (11-я Краснознамённая армия ВВС и ПВО) - Khabarovsk
  • operativamente assoggettata al Comando Strategico Congiunto della Flotta del Nord:
    • 45ª Armata aerea (45-я Армия ВВС и ПВО) - Severomorsk-2

Comando delle Forze di Difesa Aerea e di Difesa Anti-missili Balistici (Командование войск ПВО-ПРО) - Mosca

  • 1ª Armata aerea e di Difesa Anti-Missili Balistici Ordine di Lenin (compiti speciali) (1-я ордена Ленина армия противовоздушной и противоракетной обороны (особого назначения)) - Balashikha, Oblast' di Mosca
    • 4ª Divisione aerea "Eroe dell'Unione Sovietica Ten. Gen. B. P. Kirpikov" (4-я дивизия ПВО имени Героя Советского Союза генерал-лейтенанта Б.П. Кирпикова) Dolgoprudny, Oblast' di Mosca
    • 5ª Divisione aerea (5-я дивизия ПВО) - Petrovskoe, Oblast' di Mosca
    • 9ª Divisione di Difesa Aerea Anti-missili Balistici (9-я дивизия ПРО) - Sofrino, Oblast' di Mosca

Comando delle Forze Spaziali (Командование космических войск) - Krasnoznamensk, Oblast' di Mosca

Catena di comando[modifica | modifica wikitesto]

Ruolo Nome Inizio mandato Fine mandato
Comandante in capo delle Forze aerospaziali Colonnello Generale Viktor Bondarev 1 agosto 2015 26 settembre 2017
Tenente Generale Pavel Kurachenko (ad interim) 26 settembre 2017 22 novembre 2017
Colonnello Generale Sergei Surovikin 22 novembre 2017 -
Vice-comandante delle Forze aerospaziali Tenente Generale Pavel Kurachenko 1 settembre 2015 sconosciuto
Tenente Generale Viktor Afzalov sconosciuto -
Comandanti in capo dei corpi delle Forze aerospaziali
Comandante dell'Aeronautica militare Tenente Generale Andrei Yudin 1 settembre 2015 2019
Tenente Generale Sergei Dronov 2019
Comandante delle Forze di difesa aerospaziale Tenente Generale Viktor Gumyonny 1 settembre 2015 2018
Tenente Generale Yury Grekhov 2018
Comandante delle Forze spaziali Colonnello Generale Aleksandr Golovko 1 settembre 2015
Maggior Generale Andrei Kazakevich sconosciuto sconosciuto

Aeromobili in uso[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Voenno-vozdušnye sily Rossijskoj Federacii § Aeromobili in uso.

Distintivi di grado[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Voenno-vozdušnye sily Rossijskoj Federacii § Distintivi di grado.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://fas.org/sgp/crs/row/IF11603.pdf
  2. ^ https://tass.com/defense/1098339
  3. ^ Main Cathedral of Russian Armed Forces. Retrieved 2019-02-02.
  4. ^ "LA NUOVA FORZA AEROSPAZIALE RUSSA (VKS)", su analisidifesa.it, 29 agosto 2015, URL consultato il 15 gennaio 2018.
  5. ^ warfare.ru.
  6. ^ La pubblicazione IISS Military Balance 2007 dà per l'Aeronautica militare russa oltre 4.000 aerei, più altri 833 di riserva, con 160.000 persone in organico, riducendo rispettivamente a 1.650 e 148.000 le forze effettivamente pronte per il combattimento. Nello stesso rapporto, l'aeronautica cinese viene indicata con 400.000 addetti e 2.643 aerei pronti al combattimento. IISS Military Balance 2007, p.200, 350.
  7. ^ "SERGEY SUROVIKIN A CAPO DELLA FORZA AEROSPAZIALE RUSSA", su analisidifesa.it, 30 novembre 2017, URL consultato il 30 novembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]