Fi'saia Pakistana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Fi'saia Pakistana
Pakistan Air Force
پاک فضائیہ
Descrizione generale
Attiva14 agosto 1947 – oggi
NazioneBandiera del Pakistan Pakistan
Servizioaeronautica militare
Dimensione65 000 effettivi (12 000 tra piloti e personale navigante)[1]
10 000 riservisti[1]
Quartier generaleIslamabad
Battaglie/guerreGuerre indo-pakistane
Guerra dei sei giorni
Guerra del Kippur
Sito internethttp://www.paf.gov.pk/
Parte di
forze armate pakistane
Comandanti
Air Chief MarshalZaheer Ahmad Babar Sidhu
(19 marzo 2021 - presente)[2]
Degni di notaSubroto Mukerjee
Arjan Singh
Simboli
Coccarda
Distintivo di coda
Bandiera
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

La Fi'saia Pakistana, in urdu پاک فضائیہ ed internazionalmente nota con la designazione in lingua inglese Pakistani Air Force e con la sigla PAF, è l'attuale aeronautica militare del Pakistan e parte integrante delle forze armate pakistane.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Fi'saia Pakistana viene fondata, come le altre forze armate nazionali, il 15 agosto 1947, nell'ambito della dichiarazione di indipendenza dall'India. Al momento della sua istituzione la forza aerea pakistana poteva contare solo su un ridotto numero di velivoli, molti dei quali nemmeno in condizioni di volo, tra i quali i caccia Hawker Tempest, gli addestratori de Havilland DH.82 Tiger Moth e North American Harvard (T-6 Texan), i Taylorcraft Auster V da osservazione e collegamento e 32 Douglas C-47 Skytrain da trasporto.[3]

Erano modelli poco adatti alle esigenze della locale aeronautica militare in quanto le caratteristiche fisiche del territorio in cui dovevano operare, cinto a settentrione dal Kashmir e ad occidente dall'Hindu Kush, erano troppo elevate per le quote operative di quei velivoli, obbligando gli stessi a percorrere strette ed impegnative rotte tra le valli montane.[3]

Aeromobili in uso[modifica | modifica wikitesto]

Sezione aggiornata annualmente in base al World Air Force di Flightglobal del corrente anno. Tale dossier non contempla UAV, aerei da trasporto VIP ed eventuali incidenti accorsi durante l'anno della sua pubblicazione. Modifiche giornaliere o mensili che potrebbero portare a discordanze nel tipo di modelli in servizio e nel loro numero rispetto a WAF, vengono apportate in base a siti specializzati, periodici mensili e bimestrali. Tali modifiche vengono apportate onde rendere quanto più aggiornata la tabella.

Elenco parziale, sia perché molti dei tipi elencati potrebbero non essere più in servizio, sia nel numero dei velivoli in dotazione, in quanto parte degli elicotteri (fatta eccezione per i Mi-17 ed i SA-316) sono stati ceduti all'aviazione dell'esercito[1]

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2023)[4][1][5]
Note Immagine
Aerei da combattimento
Lockheed Martin F-16 Fighting Falcon Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti cacciabombardiere
conversione operativa
cacciabombardiere
conversione operativa
F-16A
F-16B
F-16C
F-16D
44[1][4][5][6][7]
31[4]
40 F-16 Block-15 (28 F-16A e 12 F-16B) ordinati nel 1981 e consegnati tra il 1983 ed il 1987, due dei quali persi in scontri con aerei sovietici e afghani che sconfinavano durante il conflitto tra i due paesi e 6 successivamente.[1][7] A causa di questi attriti furono ordinati, a dicembre 1988 altri 11 aerei (6 F-16A e 5 F-16B), seguiti da un ordinativo per 60 aerei.[1][7] Di questi 71, 28 furono prodotti, ma mai trasferiti, a causa dell'embargo per il programma nucleare pakistano.[1][7] Stoccati sulla Davis-Monthan, in Arizona, in attesa di un acquirente, nel 2002, furono trasformati in aggressor TF-16N per i reparti addestrativi di USAF e US Navy.[1][7] Dopo la distensione dei rapporti sono stati consegnati 26 dei 28 aerei bloccati dall'embargo e nel 2007-2010 sono stati consegnati 18 F-16C/D Block-52, seguiti nel 2014 da 13 F-16A/B (9 F-16A ADF e 4 F-16B) aggiornati allo standard ADF ceduti dalla Giordania.[1][7] Uno degli 89 esemplari in servizio (un monoposto) è andato perso il 11 marzo 2020.[6]
Joint Fighter JF-17 Thunder Bandiera della Cina Cina
Bandiera del Pakistan Pakistan
cacciabombardiere
conversione operativa
JF-17 Block I
JF-17 Block II
JF-17 Block III
JF-17B
121[4][1][5][8][9][10][11][12]
0
25[4][8][13][14][15][16][17]
150 aerei ordinati in tre lotti, con il primo lotto, che comprende 50 esemplari del block-1 consegnati tra il 2008 ed il 2013.[1] Nel 2011-2012 Sono stati ordinati due lotti di 50 velivoli del block-II, con consegne iniziate nel 2015.[1][11] Al febbraio 2019 risultano consegnati 125 aerei.[10][12] 26 JF-17B ordinati a fine 2017, 12 consegnati ad inizio 2020, 14 a fine dicembre 2020.[14][15][16][17] Al gennaio 2021 risultano in servizio 123 tra monoposto e biposto.[8] Un esemplare monoposto è stato perso il 15 settembre 2020.[9] Un JF-17B è stato perso il 6 agosto 2021.[13]
Dassault Mirage III Bandiera della Francia Francia caccia multiruolo
aereo da ricognizione
conversione operativa
Mirage IIIEP
Mirage III RP
Mirage IIIDP
69[4][1]
18[4][1]
24 caccia multiruolo Mirage IIIEP/RP/DP ordinati nel 1967 e consegnati nel 1968-1969. 10 Mirage IIIRD da ricognizione consegnati nel 1977.[1] Nel 1990-1991 entrarono in servizio 45 Mirage IIIE ceduti dalla RAAF australiana e sottoposti ad un primo upgrade, anche grazie ad altri 5 esemplari da cannibalizzare.[1] Tra il 1998 ed il 2010 sono stati acquisiti 10 Mirage IIIE ex libanesi.[1] Dal 1999, 33 Mirage ex RAAF sono stati aggiornati (grazie all'allora Sagem e l'allora Selex Galileo che ha fornito il radar Grifo-M3) allo standard Rose-2/3 Per operare come aerei ognitempo.[1]
Dassault Mirage 5 Bandiera della Francia Francia cacciabombardiere
aereo da ricognizione
conversione operativa
Mirage 5PA
Mirage 5PA3
Mirage 5F
Mirage 5DP
90[4][1]
2[4][1]
28 Mirage 5PA da attacco e 2 Mirage 5DP biposto ordinati nel 1970 e consegnati tra il 1972 ed il 1973, mentre nel 1979 furono ordinati 32 Mirage 5PA3 da attacco antinave dotati di radar Agave e Missili antinave Exocet che furono consegnati nel tra il 1980 e il 1983.[1] Tra il 1998 ed il 2010 sono stati acquisiti 40 Mirage 5F ex francesi e 10 Mirage 5F ex libici.[1] Dal 1999, 34 Mirage 5 sono stati aggiornati (grazie all'allora Sagem e l'allora Selex Galileo che ha fornito il radar Grifo-M3) allo standard Rose-2/3 Per operare come aerei ognitempo.[1]
Chengdu J-10 Dalilong Bandiera della Cina Cina cacciabombardiere J-10CE 18[4][18][19][20] 25 J-10CE ordinati a dicembre 2021, con consegne previste per il 23 marzo 2022, giornata della Parata della Difesa.[21][22] I primi 6 J-10CE sono stati consegnati tra il 5 ed il 6 marzo 2022, ed immessi in servizio il giorno 11.[19][20] Ulteriori 6 J-10CE consegnati il 30 agosto 2022.[18]
Chengdu J-7 Skybolt Bandiera della Cina Cina caccia intercettore
conversione operativa
F-7MP
F-7PG
FT-7
134[4][23][1][5]
5[4][1][5][24]
Circa 200 tra F-7MP ed F-7PG sono stati consegnati A partire dal 1987, e con gli ultimi 57 F-7MP/PG, consegnati tra il 2001 ed il 2003, dotati del radar italiano Grifo-7 Mk2.[1] Nel 2000-2005, questo apparato fu montato anche su 100 dei primi esemplari consegnati.[1] Uno dei 7 biposto FT-7P in servizio a tutto il dicembre del 2019 è stato perso il 7 gennaio 2020.[24] Uno dei 135 F-7PG è stato perso il 12 febbraio 2020.[23]
Aerei AEW e AWACS
Saab 2000 Erieye Bandiera della Svezia Svezia AEW Saab 2000AEW 4[1][4][5][25] 4 ordinati ed entrati in servizio nel 2009-2010.[1][25]
Shaanxi ZDK-03 Karakoram Eagle Bandiera della Cina Cina AEW ZDK-03 4[4][1][5][25] 4 consegnati ed entrati in servizio tra il 2011 ed il 2014.[1][25]
Aerei per impieghi speciali
Dassault Falcon 20 Bandiera della Francia Francia ECM
ESM
Falcon 20D EW 2[4][1][5]
Beechcraft King Air 350 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti aereo da ricognizione B350 ISR 4[1][5] 4 consegnati nel 2011-2013.[1]
Aeromobili a pilotaggio remoto - UAV
AAI RQ-7 Shadow Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti UAV RQ-7 12[5] 12 ordinati.[1]
Baykar Bayraktar Akinci Bandiera della Turchia Turchia UAV Akinci 1[26][27][28] 7 Akinci-A ordinati.[26] Primo esemplare consegnato ad aprile 2023 ed entrato in servizio a dicembre dello stesso anno.[27][28][26]
Bayraktar TB2 Bandiera della Turchia Turchia UAV TB2 3[29][28] 3 TB2 in servizio al dicembre 2023.[29][29][28]
CAIG Wing Loong Bandiera della Cina Cina UAV Wing Loong I 4[30][31] 5 Wing Loong I ordinati nel 2015.[31] Un esemplare è andato perso il 18 giugno 2016.[30]
CASC Rainbow Bandiera della Cina Cina UAV CH-3 5[31] 5 CH-3 ordinati nel 2015.[31]
Selex ES Falco Bandiera dell'Italia Italia UAV Falco 25[5]
NESCOM Burraq Bandiera del Pakistan Pakistan UAV Burraq 12
SATUMA Jasoos II Bandiera del Pakistan Pakistan UAV Jasoos II 45[5]
SATUMA Mukhbar Bandiera del Pakistan Pakistan UAV Mukhbar ? ?
GIDS Shahpar Bandiera del Pakistan Pakistan UAV Shahpar 5
Aerei per rifornimento in volo
Ilyushin Il-78 Midas Bandiera della Russia Russia rifornimento in volo Il-78MK 4[4][1][5][32] 4 Il-78MK acquistati nel 2006 dall'Ucraina, e consegnati nel 2009-2012 dopo un radicale ammodernamento.[1][32]
Aerei da trasporto
Lockheed C-130 Hercules Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto C-130B
C-130E
C-130H
5[33][4][1][5][34]
9[33][4][1][5][34]
0
4 C-130B, furono infatti consegnati nuovi nel 1963.[1] 6 C-130B furono poi incorporati, di seconda mano e in 2 lotti, tra il 1974 e il 1981, mentre nel 2005-2007 sono stati ceduti, sempre dall’USAF, 6 C-130E modernizzati, più un settimo esemplare da cannibalizzare.[1] Altri 8 C-130B/E furono acquistati dall’Iran tra il 1967 e il 1974.[1] Più volte aggiornati, anche con sistemi FLIR, al luglio 2022 restano in servizio attivo 14 Hercules (5 C-130B e 9 C-130E, con almeno altri 2 esemplari in riserva, e altri radiati per cannibalizzazione), per i quali Rockwell Collins aveva annunciato di avere ricevuto un contratto da 30,7 milioni di dollari per la consegna di 16 kit di upgrade.[1][35] Gli interventi di aggiornamento sarebbero stati effettuati sulla base "Nur Khan", nella capitale Islamabad, e saranno completati a dicembre 2020.[35] Ulteriori 7 C-130H ex Composante Air belga acquistati dalla Blue Aerospace nel 2021, con prime consegne attese per la fine del 2022.[33][36]
Airbus A310 Bandiera dell'Unione europea Unione europea trasporto VIP A310-300 1[1][5] 1 A310-300 fornito nel 2009 dalla Pakistan International Airlines che viene militarizzata in situazioni critiche.[1]
Gulfstream IV Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto Gulfstream IV 4[1][5] Entrati in servizio tra il 2004 ed il 2009.[1]
Embraer Phenom 100 Bandiera del Brasile Brasile aereo da trasporto VIP EMB-500 4[1][5] Entrati in servizio tra il 2004 ed il 2009.[1]
CASA CN-235 Bandiera dell'Indonesia Indonesia
Bandiera della Spagna Spagna
aereo da trasporto
aereo da trasporto VIP
CN-235-220 3[4][1][5] 4 CN-235 ordinati alla IPTN indonesiana nel 2002 e consegnati dal 2004, uno dei quali è configurato per il trasporto VIP.[1]
Harbin Y-12 Bandiera della Cina Cina aereo da trasporto Y-12 3[4][1][5] 6 acquistati nel 1996-1997.[1]
Beechcraft Super King Air Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto B350 1[1][5] 1 consegnato nel 2011-2013 ed utilizzato anche per addestrare i piloti destinati ai B350 ISR.[1]
Saab 2000 Bandiera della Svezia Svezia aereo da trasporto Saab 2000 1[1][4][5] 1 acquistato di seconda mano e consegnato nel 2008, utilizzato per trasporto VIP, assistenza sanitaria ed anche per addestrare i piloti degli Saab 2000 Erieye.[1]
Aerei da addestramento
Hongdu K-8 Karakorum Bandiera della Cina Cina aereo da addestramento K-8P 59[1][37][4] 60 esemplari ordinati ed entrati in servizio a partire dal 1994.[1][38] Un esemplare (il primo dal 1994) è precipitato a maggio 2015.[37]
Cessna T-37 Tweet Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti aereo da addestramento T-37B
T-37C
28[4] 40 consegnati nuovi consegnati negli anni 1962-1977, seguiti nel 1980 da altri 22 di seconda mano.[1] Questa flotta è stata poi incrementato con 74 velivoli (in parte modernizzati, in parti da cannibalizzare) ceduti da Stati Uniti e 34 dei quali dalla Turchia tra il 2009 ed il 2015.34 esemplari sono stati ceduti al Pakistan.[39][1] A tutto il 2018, sono 33 gli esemplari in servizio.[4]
PAC MFI-17 Mushshak Bandiera della Svezia Svezia
Bandiera del Pakistan Pakistan
aereo da addestramento MFI-17 119[4][1] 18 esemplari ricevuti direttamente dalla Saab nel 1974-1976, 92 prodotti localmente, ed ulteriori 150 prodotti su licenza, dal 1981 al 1997, con alcune modifiche.[1] Dal 200, 150 esemplari sono stati aggiornati allo standard Super Mushshak con nuova avionica e motorizzazione.[1]
Elicotteri
Mil Mi-17 Hip Bandiera della Russia Russia elicottero utility
SAR
elicottero da trasporto VIP
Mi-171 16[1][4] 45 Mi-171 ordinati.[5] 16 Mi-171 consegnati nel 2002-2004, due dei quali configurati per il trasporto VIP.[1]
Sud-Aviation SA 316 Alouette III Bandiera della Francia Francia elicottero utility
elicottero da addestramento
SE3160
SA 316B
10[4][1][5] 15 esemplari realizzati localmente.[1]
Bell 205 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti elicottero utility Bell 205 4[4]
Bell 412 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti elicottero utility Bell 412 1[4]
AgustaWestland AW139 Bandiera dell'Italia Italia SAR AW139 12[4][40] La PAF utilizza alcuni AW139 per il ruolo SAR, anche se non si conosce il numero degli esemplari effettivamente consegnati.[41]

Aeromobili ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap aq ar as at au av aw ax ay az ba bb bc bd be bf bg bh bi bj bk bl bm bn bo bp bq "Pakistan Air Force: l'asso nella manica di Islamabad" - "Rivista italiana difesa" N. 2 - 02/2019 pp. 74-81
  2. ^ "CHIEF OF AIR STAFF" Archiviato il 26 agosto 2022 in Internet Archive., su paf.gov.pk, URL consultato il 1 aprile 2023.
  3. ^ a b Pakistan Armed Forces in Scramble.
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad (EN) World Air Force 2024 (PDF), su Flightglobal.com, p. 26. URL consultato il 18 dicembre 2023.
  5. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x "LE FORZE AEREE DEL PAKISTAN", su analisidifesa.it, 2 maggio 2019, URL consultato il 2 maggio 2019.
  6. ^ a b "PAF PILOT KILLED IN F-16 FIGHTER CRASH IN ISLAMABAD", su James.com, 11 marzo 2020, URL consultato il 15 aprile 2020.
  7. ^ a b c d e f "PAKISTANI FIDA'IYYE", su f-16.net, URL consultato il 22 marzo 2017.
  8. ^ a b c "PARTE LA PRODUZIONE DEL JF-17 BLOCK 3" Archiviato il 23 gennaio 2021 in Internet Archive., su portaledifesa.it, 14 gennaio 2021, URL consultato il 21 gennaio 2021.
  9. ^ a b "PAF AIRCRAFT CRASHES NEAR PINDIGHEB, PILOT EJECTS SAFELY", su app.com.pk, 15 settembre 2020, URL consultato il 17 settembre 2020.
  10. ^ a b "PAKISTANI JF-17, NOT F-16 MAY HAVE ENGAGED IN DOGFIGHT WITH INDIAN MIG-21s", su defenceworld.net, 27 febbraio 2019, URL consultato il 7 marzo 2019.
  11. ^ a b PARIS: JF-17 WINS FIRST EXPORT ORDER"[collegamento interrotto], su flightglobal.com, 14 giugno 2015, URL consultato il 16 settembre 2016.
  12. ^ a b "Pakistan inducts new JF-17 squadron" Archiviato il 18 febbraio 2017 in Internet Archive., su janes.com, 17 febbraio 2017, URL consultato il 17 febbraio 2017.
  13. ^ a b "CRASH PAKISTAN AIR FORCE JF-17B", su scramble.nl, 9 agosto 2021, URL consultato il 9 agosto 2021.
  14. ^ a b "PAC KAMRA ROLLS OUT FINAL 14 JF-17B FIGHTERS FOR PAKISTAN AIR FORCE", su janes.com, 31 dicembre 2020, URL consultato il 12 gennaio 2021.
  15. ^ a b "PAKISTAN AIR FORCE INDUCTS 14 JF-17B DUAL-SEAT JETS", su defenseworld.net, 30 dicembre 2020, URL consultato il 30 dicembre 2020.
  16. ^ a b "PAF UNVEILS DUAL SET JF-17 AIRCRAFT", su newsweekpakistan.com, 28 dicembre 2019, URL consultato il 4 gennaio 2020.
  17. ^ a b "PAC KAMRA COMPLETES PRODUCTION OF FIRST BATCH OF JF-17B FIGHTERS FOR PAKISTAN AIR FORCE", su janes.com, 2 gennaio 2020, URL consultato il 4 gennaio 2020.
  18. ^ a b "SECOND BATCH OF CHENGDU J-10CE FIGHTERS ARRIVES IN PAKISTAN", su key.aero, 30 settembre 2022, URL consultato il 30 settembre 2022.
  19. ^ a b "FIRST SIX PAKISTAN J-10C DELIVERED", su scramble.nl, 11 marzo 2022, URL consultato il 11 marzo 2022.
  20. ^ a b "PAKISTAN INDUCTS SIX CHINESE-MADE J-10CE FIGHTER JETS", su defenceworld.net, 11 marzo 2022, URL consultato il 11 marzo 2022.
  21. ^ "J-10 FIGHTERS FOR PAKISTAN?", su scramble.nl, 30 dicembre 2021, URL consultato il 16 febbraio 2022.
  22. ^ "FIRST NOTE PAKISTAN AIR FORCE J-10C", su scramble.nl, 16 febbraio 2022, URL consultato il 16 febbraio 2022.
  23. ^ a b "CRASH D’UN CHASSEUR F-7 FISHCAN AU PAKISTAN", su avionslegendaires.net, 13 febbraio 2020, URL consultato il 15 aprile 2020.
  24. ^ a b "PAKISTAN AIR FORCE JET FT-7P CRASHED, TWO KILLED", su sputniknews.com, 7 gennaio 2020, URL consultato il 7 gennaio 2020.
  25. ^ a b c d "È la Pakistan Air Force l'acquirente dei tre nuovi Ereye" - "Aeronautica & Difesa" N. 370 - 08/2017 pag. 79
  26. ^ a b c "GAME OF DRONES: PAKISTANI PILOTS OPERATING TURKISH-MADE AKINCI UCAVs GET SHINY NEW PATCH", su yenisafak.com, 3 aprile 2023, URL consultato il 29 gennaio 2024.
  27. ^ a b "PAKISTAN AIR FORCE SHOWCASES NEW FLEET OF TURKISH DRONES", su aa.com.tr, 25 dicembre 2023, URL consultato il 29 gennaio 2024.
  28. ^ a b c d "PAF UNVEILS ITS INVENTORY, INCLUDING TB-2 AND AKINCI UAVs", su turdef.com, 2 gennaio 2024, URL consultato il 29 gennaio 2024.
  29. ^ a b c "PAKISTAN INTEGRATING TB2 INTO AIR-DEFENCE NETWORK", su janes.com, 13 ottobre 2022, URL consultato il 19 ottobre 2022.
  30. ^ a b "CHINESE-MADE WING LOONG DRONE CRASHES ON FLIGHT OVER PAKISTAN", su defence-blog.com, 20 giugno 2016, URL consultato il 1 dicembre 2021.
  31. ^ a b c d (EN) Wingsalong (PDF), su eprints.Ise.ac.uk, p. 9. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  32. ^ a b "Pakistan. Consegnato il primo Il-78 ricondizionato" - "Aeronautica & Difesa" N. 365 - 03/2017 pag. 77
  33. ^ a b c "PAKISTAN INCREASES TRANSPORT CAPACITY", su scramble.nl, 26 luglio 2022, URL consultato il 26 luglio 2022.
  34. ^ a b "PAKISTAN AIR FORCE SELECTS ROCKWELL COLLINS FOR C-130 HERCULES AVIONICS UPGRADE" Archiviato l'8 aprile 2017 in Internet Archive., su janes.com, 4 aprile 2017, URL consultato il 8 aprile 2017.
  35. ^ a b "Pakistan. Upgrade agli Hercules" - "Aeronautica & Difesa" N. 354 - 04/2016 pag. 73
  36. ^ "FIRST EX BELGIAN HERCULES FOR PAKISTAN FLIES AT MELSBROEK", su key.aero, 26 luglio 2022, URL consultato il 28 luglio 2022.
  37. ^ a b "PAF TRAINING AIRCRAFT CRASHES AT SWABI, PILOTS SAFE", su defence.pk, 25 maggio 2015, URL consultato il 11 febbraio 2019.
  38. ^ "La Cina sul mercato globale della difesa" - "Rivista italiana difesa" N. 9 - 09/2017 pp. 44-53
  39. ^ "TURKEY GIFTS RETIRED T-37 TRAINERS TO PAKISTAN", su flightglobal.com, 29 ottobre 2015, URL consultato il 12 novembre 2022.
  40. ^ "PAKISTAN BUYING AW139 INTERMEDIATE TWIN ENGINE HELICOPTERS", su defence-blog.com, 23 aprile 2018, URL consultato il 23 aprile 2018.
  41. ^ "AW139 SAR alla Pakistan Air Force" - "Aeronautica & Difesa" N. 378 - 04/2018 pag. 21
  42. ^ "A-5C FANTAN DECOMMISSIONED", su historyofpia.com, 19 marzo 2011, URL consultato il 13 ottobre 2016.
  43. ^ "RETIRED F-6 JET FIGHTER OF PAF ON DISPLAY IN JHELUM", su historyofpia.com, 15 luglio 2009, URL consultato il 12 novembre 2022.
  44. ^ a b "Il MiG-19: il primo caccia supersonico sovietico" - "Rivista italiana difesa" N. 12 - 12/2018 pp. 88-97

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]