Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Không Quân Nhân Dân Việt Nam

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Không Quân Nhân Dân Việt Nam
Vietnam People's Air Force emblem.svg
Insegna delle Forze aeree del Vietnam
Descrizione generale
Attiva1959 – oggi
NazioneVietnam Vietnam
Servizioaeronautica militare
Dimensione30000 effettivi
551 mezzi aerei
Battaglie/guerreGuerra del Vietnam
Guerra cambogiana-vietnamita
Guerra sino-vietnamita
Parte di
Comandanti
Comandante attualeMaggior generale Nguyen Duc Suat (2003)
Simboli
CoccardaRoundel of Vietnam.svg
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

La Không Quân Nhân Dân Việt Nam è l'attuale aeronautica militare del Vietnam, componente aerea del Quân Đội Nhân Dân Việt Nam, ovvero l'Esercito Popolare del Vietnam. Il 31 maggio 1977 la "Vietnam People's Air Force" (Không quân Nhân dân Việt Nam) fu separata dalla "Air Defense Force" (Quân chủng Phòng không).[1]

È l'erede diretta, dopo la riunione di Vietnam del Nord e Vietnam del Sud nel 1975, dell'Aeronautica militare nordvietnamita che aveva dimostrato il suo valore contrastando per anni con sorprendente successo le incursioni aeree degli Stati Uniti durante la Guerra del Vietnam.

Dipende gerarchicamente come le altre forze armate, dal Ministero della Difesa della Repubblica Democratica del Vietnam.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Vietnam del Nord[modifica | modifica wikitesto]

I primi aerei furono due addestratori: un de Havilland Tiger Moth e un Morane-Saulnier che erano proprietà dell'imperatore Bao Dai[1]. Questi, nel 1945, donò gli aerei al governo vietnamita.

Il primo aereo da combattimento vietnamita fu un T-28 Trojan il cui pilota disertò dall'aeronautica laotiana. Fu utilizzato dal 1964 come caccia notturno e riuscì ad abbattere un C-123 americano[1].

La NVAF ricevette il suo primo jet nel 1964: era un MiG-17[1].

Durante la guerra del Vietnam la NVAF usò i MiG-17F, PF (J-5), MiG-19 (J-6), MiG-21F-13, PF, PFM and MF.[1]. Impegnati a contrastare per anni le incursioni aeree americane, i piloti da caccia nordvietnamiti si dimostrarono valenti e combattivi, ottenendo numerosi successi. Furono rivendicati 266 abbattimenti di velivoli americani.

Vietnam riunificato[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 maggio 1977 la "Vietnam People's Air Force" (Không quân Nhân dân Việt Nam) fu separata dalla "Air Defense Force" (Quân chủng Phòng không).[1]

Negli anni tra il 1953 e il 1991, circa 700 aerei da guerra, elicotteri, 120 e 158 complessi missilistici sono stati forniti al Vietnam del Nord da parte dell'URSS e della Repubblica Popolare Cinese (in primo luogo il MiG-19). Ancora oggi tre quarti delle armi vietnamite sono state fabbricate nella Russia post-Guerra Fredda[2].

Oggi la VPAF è in via di ammodernamento. Usa ancora MiG-21 e Su-22[3][4] ma sta cominciando ad usare anche Su-27-SK e nel 2004 furono acquistati quattro velivoli varianti del Su-30 MK2V.

Assi[modifica | modifica wikitesto]

Basi[modifica | modifica wikitesto]

Alcune delle basi presenti nel sud del paese sono state costruite dall'United States Air Force per il Vietnam del Sud. Invece le basi nel nord del paese sono state probabilmente costruite con l'assistenza dell'Unione Sovietica durante la Guerra del Vietnam.

  • Operazione Cleansweep
  • Base aerea di Kep
  • Base aere di Bien Hoa - Chiusa nel 2002
  • Aeroporto di Dong Hoi - In ristrutturazione per servire aerei commerciali
  • Base aerea di Hoa Lac
  • Base aerea di Gia Lam
  • Base aerea di Lam Son
  • Base aerea di Nha Trang - Chiusa nel 2005 e rimpiazzata dall'Aeroporto di Cam Ranh
  • Campo aereo di Anh Son
  • Base aerea di Phan Rang
  • Base aerea di Thanh Hoa
  • Campo aereo di Truong Sa
  • Base aerea di Yen Bai
  • Aeroporto di Cam Ranh - Aperto ai voli commerciali nel 2005
  • Campo aereo di Vung Tau

Aeromobili in uso[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte degli aeromobili provengono dall'Unione Sovietica, ma a centinaia ne furono lasciati sul campo dagli Stati Uniti d'America durante al ritirata dal Vietnam del Sud, molti dei quali non sono più in servizio.

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio (2017)[5] Note
Aerei da combattimento
Sukhoi Su-30 Flanker Russia Russia cacciabombardiere Su-30MK
Su-30MK2
35[6][7] 24 Su-30MK consegnati in tre distinte tranche nel 2003 (4 velivoli), nel 2009 (8 velivoli) e nel 2010 (12 velivoli).[6] Ulteriori 12 Su-30MK2 sono stati ordinati nel 2013 e consegnati tra il 2014 ed il 2016.[6] Un Su-30MK2 è andato perso a giugno 2014.[7]
Sukhoi Su-27 Flanker Russia Russia cacciabombardiere
cacciabombardiere
conversione operativa
Su-27SK
Su-27PU
Su-27UBK
12[6] 12 consegnati tra il 1995 e il 1998.[6]
Sukhoi Su-22 Fitter Russia Russia cacciabombardiere
cacciabombardiere
conversione operativa
Su-22M3K
Su-22M4K
Su-22UM3K
36[5]
Aerei da addestramento
Aero L-39 Albatros Rep. Ceca Rep. Ceca aereo da addestramento L-39C 25[5]
Yakovlev Yak-52 Russia Russia aereo da addestramento basico Yak-52 36
Aerei per impieghi speciali
Antonov An-28 Cash Ucraina Ucraina aereo da pattugliamento marittimo An-28 MPA 1[5]
Beriev Be-12 Mail Russia Russia Idrovolante da pattugliamento marittimo Be-12 4
Antonov An-30 Clank Ucraina Ucraina aereo da osservazione An-30 8
CASA C-212 Aviocar Spagna Spagna aereo da osservazione CASA C-212-400 3[8][9][10]
VNS-41 Vietnam Vietnam idrovolante VNS-41 7-12?
Aeremobili a pilotaggio remoto - UAV
M-400 UAV Vietnam Vietnam Unmanned aerial vehicle M-400 12?
Aerei da trasporto
Antonov An-26 Curl Ucraina Ucraina aereo da trasporto An-26 30[5]
AirbusC-295 Ucraina Ucraina aereo da trasporto C-295 3[5]
Antonov An-24 Coke Ucraina Ucraina aereo da trasporto An-24 12
Antonov An-38 Ucraina Ucraina aereo da trasporto An-38 6
PZL M-28 Skytruck Polonia Polonia aereo da trasporto PZL M-28 9+2 1 è stato distrutto in un incidente, 2 sono in ordinazione
Antonov An-2 Colt Ucraina Ucraina aereo da trasporto An-2 15 Almeno 5 sono stati armati con i missili Ub-16
Yakovlev Yak-40 Codling Russia Russia aereo da trasporto VIP Yak-40 15
Elicotteri
Mil Mi-24 Hind Russia Russia elicottero d'attacco Mi-24A
Mi-24D
25[5]
Mil Mi-8 Hip Russia Russia elicottero da trasporto Mil Mi-8
Mi-17Sh
Mi-172
87[5]
Mi-6 Hook Russia Russia elicottero da trasporto pesante Mi-6 Hook-A 10-15
PZL W-3 Sokół Polonia Polonia elicottero da trasporto VIP PZL W-3S
PZL W-3RM
4
4
Kamov Ka-32S Helix-C Russia Russia elicottero antisommergibile Ka-32 2[5]
Kamov Ka-25 Hormone Russia Russia elicottero da trasporto Ka-25 6
Ka-27 Helix Russia Russia elicottero antisommergibile Ka-27 19
Eurocopter Dauphin Francia Francia elicottero utility SA-365 N2 5
Eurocopter Ecureuil Francia Francia elicottero leggero utility AS-350 B3 5
Aérospatiale SA 330 Puma Francia Francia elicottero medio da trasporto SA-330J 9
Aérospatiale Super Puma Francia Francia elicottero medio da trasporto AS-332L2 7
Bell UH-1 Iroquois Stati Uniti Stati Uniti elicottero utility UH-1H 15[5]

Aeromobili ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f S.V. Ivanov, Boyevoye primenenye MiG-17 i MiG-19 vo Vietnamye (Боевое применение МиГ-17 и МиГ-19 во Вьетнаме), in Voyna v vozdukhye, nº 16, 2000.
  2. ^ Sergei Blagov, Russian missiles to guard skies over Vietnam, in Asia Times Online (Moscow), 5 settembre 2003.
  3. ^ Su-17,-20,-22 FITTER (SUKHOI), GlobalSecurity.org.
  4. ^ MiG-21 FISHBED, GlobalSecurity.org.
  5. ^ a b c d e f g h i j (EN) World Air Force 2017 (PDF), su Flightglobal.com, p. 18. URL consultato il 12 dicembre 2017.
  6. ^ a b c d e "QUASI ULTIMATE LE CONSEGNE DEI SU-30MK2 AL VIETNAM", su analisidifesa.it, 6 febbraio 2016, URL consultato il 12 dicembre 2017.
  7. ^ a b "SUKHOI SU-30MK2 OF VIETNAMESE AIR FORCE CRASHED INTO SEA", su defence-blog.com, 14 giugno 2014, URL consultato il 12 dicembre 2017.
  8. ^ Robert Karniol, Slow advance for Viet army revamp [collegamento interrotto], su straitstimes.com. URL consultato l'11 luglio 2009.
  9. ^ - MSS 6000 for Vietnam, su prioranet.com. URL consultato l'11 luglio 2009.
  10. ^ Vietnamese build-up a response to China - The National Newspaper, su thenational.ae. URL consultato l'11 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2009).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]