Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Heyl Ha'Avir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
חיל האוויר הישראלי
Kheyl Ha'Avir Ha'Israeli
Israeli Air Force
Aeronautica Militare Israeliana
Israeli Air Force - Coat of arms.svg
Descrizione generale
Attiva 1948 - oggi
Nazione Israele Israele
Servizio aeronautica militare
Dimensione 34 000 effettivi, 55 000 riservisti, 736 aeromobili di cui 320 caccia (2017)[1]
Parte di
Comandanti
Maggior Generale Amir Eshel
Simboli
Coccarda Roundel of Israel.svg
Bandiera Air Force Ensign of Israel.svg

[senza fonte]

Voci su forze aeree presenti su Wikipedia
La struttura di comando della Hey'l Ha'avir
C-130 Israeliano
IAI Lavi B-2 (prototipo)

La Heyl Ha'Avir (in ebraico: חיל האוויר, spesso abbreviata in IAF da Israeli Air Force) è l'attuale aeronautica militare dello Stato di Israele e parte integrante delle Forze di Difesa Israeliane.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Molto efficiente, secondo i dati del 2008 l'aviazione israeliana può contare su oltre 300 aerei da combattimento, più di 40 aerei da trasporto e oltre 300 elicotteri (tra cui quelli d'assalto, Apache). La difesa antiaerea comprende un centinaio di batterie missilistiche (a lunga e media gittata). Con un inventario complessivo di circa 1.180 mezzi aerei, è l'aviazione più potente nel Vicino Oriente.

Il suo attuale comandante in capo è il maggior generale Amir Eshel.

Comandanti della IAF[modifica | modifica wikitesto]

IDF Air Force.png
Ingrandisci
Aeronautica militare israeliana

Aeromobili in uso[modifica | modifica wikitesto]

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio (2015)[2][3] Note
Aerei da combattimento
McDonnell Douglas F-15 Eagle Stati Uniti Stati Uniti Caccia intercettore
conversione operativa
F-15A/C "Baz"
F-15B/D "Baz"
37
15
Una cinquantina di aerei delle varie versioni è stata sottoposta ad un upgrade denominato "Baz 2000" che comprende strumentazione digitale, radar AESA, serbatoi conformi e nuovi armamenti che li rende simili agli F-15I "Ra'am". [4]
McDonnell Douglas F-15E Strike Eagle Stati Uniti Stati Uniti cacciabombardiere F-15I "Ra'am" 25
General Dynamics F-16 Fighting Falcon Stati Uniti Stati Uniti Caccia multiruolo
conversione operativa
Caccia multiruolo
F-16C "Barak"
F-16D "Barak"
F-16I "Sufa"
78
48
99[5]
Dei 101 F-16I consegnati, un esemplare è andato perso nel sud durante una missione di addestramento il 10 novembre 2010.[6] Un F-16I Sufa è precipitato il 7 ottobre 2016 mentre rientrava da una missione di addestramento.[5]
Lockheed Martin F-35 Lightning II Stati Uniti Stati Uniti cacciabombardiere F-35I "Adir" 5[7][8][9] 33 ordinati in due lotti, uno da 19 aerei nel 2010, uno da 14 aerei nel 2014.[10] Un' opzione di 17 aerei del 2014 è stata trasformata in ordine a novembre 2016, portando a 50 il numero di esemplari ordinati.[8]
Aerei AEW e AWACS
Gulfstream 550 Nachshon Stati Uniti Stati Uniti
Israele Israele
AWACS 550 Nachshon 5
Aerei per rifornimento in volo
Boeing KC-707 Stati Uniti Stati Uniti rifornimento in volo KC-707 "Re'em 3
Lockheed KC-130 Hercules Stati Uniti Stati Uniti rifornimento in volo KC-130H Qarnaf 4
Aerei per impieghi speciali
IAI-1124 Shahaf Israele Israele Aereo da pattugliamento marittimo IAI-1124 "Shahaf" ("gabbiano") 3
RC-12D/K Cuckia Stati Uniti Stati Uniti Aereo da ricognizione RC-12D/K Cuckia 7
Aerei da addestramento
Alenia Aermacchi M-346 Master Italia Italia aereo da addestramento M-346 Lavi 30[11] 30 ordinati. I primi esemplari sono stati forniti nel 2014, il resto della fornitura tra il 2014 e il 2016. Sostituiranno progressivamente i TA-4 Ayit. L'ultimo dei 30 esemplari ordinati è stato consegnato agli inizi di giugno 2016.[11]
Beech A36 Bonanza Stati Uniti Stati Uniti aereo da addestramento basico A36 "Hofit" 22
Grob G 120A Germania Germania aereo da addestramento basico G-120A-1 "Snunit" ("Swallow") 17
Raytheon T-6 Texan II Stati Uniti Stati Uniti aereo da addestramento intermedio T-6A "Efroni" 10 i primi esemplari sono giunti in Israele il 14 luglio 2009,
ne restano da consegnare ancora 15 unità;
essi sostituirano i vetusti Fouga CM-170 Tzukit
Aerei da trasporto
Beech 200 Tzufit Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto leggero 200 "Tzufit" 23
Boeing 707/VC-707 Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto
aereo da trasporto VIP
Boeing 707
VC-707 "Re'em"
1
4
Lockheed C-130 Hercules Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto C-130E/H "Qarnaf" 14
Lockheed Martin C-130J Super Hercules Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto C-130J-30 "Shimshon" 3[12] 7 (più due opzioni non ancora esercitate) in consegna dal 2014.[12]
Dornier Do 28 Germania Germania aereo da trasporto leggero Do28 Agur 12
Elicotteri
Boeing AH-64 Apache Stati Uniti Stati Uniti Elicottero d'attacco AH-64A "Peten"
AH-64D "Saraph"
48[13] A novembre 2015 risultano in servizio 48 tra AH-64A+ ed AH-64A[13]
Aérospatiale AS565 Panther Francia Francia SAR AS565 "Atalef" ("Pipistrello") 5
Bell OH-58D Kiowa Warrior Stati Uniti Stati Uniti elicottero da osservazione OH-58D Kiowa Warrior 16
Sikorsky S-70 Black Hawk Stati Uniti Stati Uniti elicottero da trasporto S-70A "Yanshuf" 39
Sikorsky UH-60 Black Hawk Stati Uniti Stati Uniti elicottero da trasporto UH-60A "Yanshuf" 10
Sikorsky CH-53 Sea Stallion Stati Uniti Stati Uniti elicottero da trasporto pesante CH-53A "Yas'ur"
CH-53D "Yas'ur 2000"
7
32
Bell 206B Saifan Stati Uniti Stati Uniti elicottero utility 206B "Saifan" 6

Aeromobili ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Utility[modifica | modifica wikitesto]

Trasporto/ricognizione[modifica | modifica wikitesto]

Addestramento[modifica | modifica wikitesto]

Elicotteri[modifica | modifica wikitesto]

Altri[modifica | modifica wikitesto]

Prede belliche[modifica | modifica wikitesto]

Sistemi missilistici[modifica | modifica wikitesto]

Sistemi spaziali[modifica | modifica wikitesto]

  • Amos (1, 2) - Satellite per le comunicazioni
  • EROS (A, B) - Satellite per le osservazioni terrestri
  • Ofeq (1, 2, 3, 4, 5, 6) - Serie di satelliti per le ricognizioni
  • Shavit - Veicolo di lancio spaziale

Basi aeree[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "TOP 12 MOST INTERESTING AIR FORCES AROUND THE WORLD", su defenceaviation.com, 21 febbraio 2017, URL consultato il 19 marzo 2017.
  2. ^ "World Military Aircraft Inventory", Aerospace Source Book 2007, Aviation Week & Space Technology, 15 gennaio 2007.
  3. ^ Israel military aviation OrBat, milaviapress.com. URL consultato il 05-05-2010.
  4. ^ "The Amazing Saga Of How Israel Turned Its F-15s Into Multi-Role Bombers", su foxtrotalpha.jalopnik.com, 5 agosto 2015, URL consultato il 16 novembre 2016.
  5. ^ a b "SUFA PILOT KILLED IN CRASH", su m.iaf.org.il, 7 ottobre 2016, URL consultato l'8 ottobre 2016.
  6. ^ "DISASTER: F-16I CRASHES IN SOUTH", su ynetnews.com, il 11 novembre 2010, URL consultato il 14 ottobre 2016.
  7. ^ "ISRAELE, CONSEGNATI I PRIMI DUE F-35: LA QUINTA GENERAZIONE, CON PREGI E DIFETTI, VOLA NEL MEDIO ORIENTE", su difesaonline.it, 12 dicembre 2016, URL consultato il 12 dicembre 2016.
  8. ^ a b "Have Israel’s new F-35s seen combat?", su airforcesmonthly.com, 7 marzo 2017, URL consultato il 8 marzo 2017.
  9. ^ "3 MORE F-35 STEALTH FIGHTER JETS TO JOIN ISRAELI AIR FORCE ON SUNDAY", su jerusalemonline.com, 20 aprile 2017, URL consultato il 20 aprile 2017.
  10. ^ "Ha volato il primo Adir destinato a Israele" - Aeronautica & Difesa" N. 359 - 09/2016 pag. 26
  11. ^ a b "LEONARDO-FINMECCANICA: GENERALE ISRAELIANO A VENEGONO PER LA CONSEGNA DELL’ULTIMO DEI 30 M-346, su difesaonline.it, 10 giugno 2016, URL consultato il 10 giugno 2016.
  12. ^ a b "LOCKHEED STARTS SYSTEMS RETROFIT ON ISRAELI C-130J", su flightglobal.com, 18 gennaio 2016, URL consultato il 5 novembre 2016.
  13. ^ a b "THE ISRAELI APACHE WILL SUBJECT TO PEELING", su heli-air.net, 24 novembre 2015, URL consultato il 6 novembre 2016.
  14. ^ "THE END OF THE COBRA ERA", su israeldefense.co.il, 29 agosto 2014, URL consultato il 5 novembre 2016.
  15. ^ "Israele dice addio allo Skyhawk" - Aeronautica & Difesa" N. 352 - 02/2016 pag. 66
  16. ^ "AFTER 36 YEARS, IAF RETIRES LAST F-16 NETZ FIGHTER JETS", su jpost.com, 28 dicembre 2016, URL consultato il 28 dicembre 2016

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN134803258 · LCCN: (ENn83008989 · ISNI: (EN0000 0001 2162 2800 · GND: (DE1005991-X · BNF: (FRcb11976593z (data)