Heyl Ha'Avir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
חיל האוויר הישראלי
Heyl Ha'Avir
Israeli Air Force
Aeronautica Militare Israeliana
Israeli Air Force - Coat of arms.svg
Descrizione generale
Attiva1948 - oggi
NazioneIsraele Israele
Servizioaeronautica militare
Dimensione34 000 effettivi, 55 000 riservisti, 736 aeromobili di cui 320 caccia (2017)[1]
Parte di
Comandanti
maggior generaleAmikam Norkin[2]
Simboli
CoccardaRoundel of Israel.svg
BandieraAir Force Ensign of Israel.svg
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia
La struttura di comando della Hey'l Ha'avir
C-130 Israeliano
IAI Lavi B-2 (prototipo)

La Heyl Ha'Avir (in ebraico: חיל האוויר, spesso abbreviata in IAF da Israeli Air Force) è l'aeronautica militare dello Stato di Israele e parte integrante delle Forze di Difesa Israeliane.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Molto efficiente, secondo i dati del 2008 l'aviazione israeliana può contare su oltre 300 aerei da combattimento, più di 40 aerei da trasporto e oltre 300 elicotteri (tra cui quelli d'assalto, Apache). La difesa antiaerea comprende un centinaio di batterie missilistiche (a lunga e media gittata). Con un inventario complessivo di circa 1.180 mezzi aerei, è l'aviazione più potente nel Vicino Oriente.

Il suo attuale comandante in capo è il maggior generale Amir Eshel.

Comandanti della IAF[modifica | modifica wikitesto]

IDF Air Force.png
Ingrandisci
Aeronautica militare israeliana

Aeromobili in uso[modifica | modifica wikitesto]

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio (2017)[3][4][5] Note
Aerei da combattimento
McDonnell Douglas F-15 Eagle Stati Uniti Stati Uniti Caccia intercettore
conversione operativa
F-15A/C "Baz"
F-15B/D "Baz"
37[3]
22[3]
2 F-15A e 2 biposto F-15B consegnati nel 1976, che vennero usati per test, addestramento e valutazione in attesa del completamento dell'intero ordine.[6] Altri 19 F-15A e 2 biposto F-15B furono consegnati nel 1978.[6] 18 F-15C e 8 biposto F-15D furono consegnati nel periodo 1982-1983.[6] 12 F-15A e 1 biposto F-15B ex Louisiana Air National Guard furono donati dagli Stati Uniti come ringraziamento per il non intervento di Israele nell'operazione Desert Storm, dopo il lancio di missili Scud da parte di Saddam Hussein.[6] Una cinquantina di aerei delle varie versioni è stata sottoposta ad un upgrade denominato "Baz 2000" che comprende strumentazione digitale, radar AESA, serbatoi conformi e nuovi armamenti che li rende simili agli F-15I "Ra'am".[6]
McDonnell Douglas F-15E Strike Eagle Stati Uniti Stati Uniti cacciabombardiere F-15I "Ra'am" 25[7][3] 25 F-15I consegnati e tutti in servizio al maggio 2018.[7] Gli aerei in organico saranno sottoposti ad upgrade, mentre si valuta l'acquisizione di ulteriori 25 esemplari.[7]
General Dynamics F-16 Fighting Falcon Stati Uniti Stati Uniti Caccia multiruolo
conversione operativa
Caccia multiruolo
F-16C "Barak"
F-16D "Barak"
F-16I "Sufa"
78[3]
48[3]
98[3][8][9][10]
Dei 101 F-16I consegnati, un esemplare è andato perso nel sud durante una missione di addestramento il 10 novembre 2010.[11] Un F-16I Sufa è precipitato il 7 ottobre 2016 mentre rientrava da una missione di addestramento.[9] Un F-16I è stato colpito sulla Siria il 10 febbraio 2018, precipitando in Israele.[8][10][12][13]
Lockheed Martin F-35 Lightning II Stati Uniti Stati Uniti cacciabombardiere F-35I "Adir" 9[3][14][15][16][17] 33 ordinati in due lotti, uno da 19 aerei nel 2010, uno da 14 aerei nel 2014.[18] Un'opzione di 17 aerei del 2014 è stata trasformata in ordine a novembre 2016, portando a 50 il numero di esemplari ordinati.[16]
Aerei AEW e AWACS
Gulfstream 550 Nachshon Israele Israele AWACS 550 Nachshon 5[3]
Aerei per rifornimento in volo
Boeing KC-707 Stati Uniti Stati Uniti rifornimento in volo KC-707 "Re'em 9[3]
Lockheed KC-130 Hercules Stati Uniti Stati Uniti rifornimento in volo KC-130H Qarnaf 4[3]
Aerei per impieghi speciali
IAI-1124 Shahaf Israele Israele Aereo da pattugliamento marittimo IAI-1124 "Shahaf" ("gabbiano") 3
RC-12D/K Cuckia Stati Uniti Stati Uniti Aereo da ricognizione RC-12D/K Cuckia 25[3]
Aerei da addestramento
Alenia Aermacchi M-346 Master Italia Italia aereo da addestramento M-346 Lavi 30[3][19] 30 ordinati. I primi esemplari sono stati forniti nel 2014, il resto della fornitura tra il 2014 e il 2016. Sostituiranno progressivamente i TA-4 Ayit. L'ultimo dei 30 esemplari ordinati è stato consegnato agli inizi di giugno 2016.[19]
Beech A36 Bonanza Stati Uniti Stati Uniti aereo da addestramento basico A36 "Hofit" 22
Grob G 120A Germania Germania aereo da addestramento basico G-120A-1 "Snunit" ("Swallow") 17[3]
Raytheon T-6 Texan II Stati Uniti Stati Uniti aereo da addestramento intermedio T-6A "Efroni" 20[3] i primi esemplari sono giunti in Israele il 14 luglio 2009,
ne restano da consegnare ancora 15 unità;
essi sostituirano i vetusti Fouga CM-170 Tzukit
Beech 200 Tzufit Stati Uniti Stati Uniti aereo da addestramento 200 "Tzufit" 2[3]
Aerei da trasporto
Beech 200 Tzufit Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto leggero 200 "Tzufit" 2[3]
Boeing 707/VC-707 Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto
aereo da trasporto VIP
Boeing 707
VC-707 "Re'em"
1
4
Lockheed C-130 Hercules Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto C-130E/H "Qarnaf" 11[3]
Lockheed Martin C-130J Super Hercules Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto C-130J-30 "Shimshon" 6[3] [20][21] 7 (più due opzioni non ancora esercitate) in consegna dal 2014.[21]
Dornier Do 28 Germania Germania aereo da trasporto leggero Do28 Agur 12
Elicotteri
Boeing AH-64 Apache Stati Uniti Stati Uniti Elicottero d'attacco AH-64A "Peten"
AH-64D "Saraph"
23[3][22][23]
20[3][22]
Ad agosto 2017 risultano in servizio 20 AH-64D[22] 23 AH-64A+ in servizio all'ottobre 2017.[23]
Aérospatiale AS565 Panther Francia Francia SAR AS565 "Atalef" ("Pipistrello") 5[3]
Bell OH-58D Kiowa Warrior Stati Uniti Stati Uniti elicottero da osservazione OH-58D Kiowa Warrior 15[3]
Sikorsky S-70 Black Hawk Stati Uniti Stati Uniti elicottero da trasporto S-70A "Yanshuf"
UH-60A "Yanshuf"
SH-60F "Yanshuf"
48[3]
Sikorsky UH-60 Black Hawk Stati Uniti Stati Uniti elicottero da trasporto UH-60A "Yanshuf" 10
Sikorsky CH-53 Sea Stallion Stati Uniti Stati Uniti elicottero da trasporto pesante CH-53A "Yas'ur"
CH-53D "Yas'ur 2000"
23[3]
Bell 206B Saifan Stati Uniti Stati Uniti elicottero utility 206B "Saifan" 5[3]

Aeromobili ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Utility[modifica | modifica wikitesto]

Trasporto/ricognizione[modifica | modifica wikitesto]

Addestramento[modifica | modifica wikitesto]

Elicotteri[modifica | modifica wikitesto]

Altri[modifica | modifica wikitesto]

Prede belliche[modifica | modifica wikitesto]

Sistemi missilistici[modifica | modifica wikitesto]

Sistemi spaziali[modifica | modifica wikitesto]

  • Amos (1, 2) - Satellite per le comunicazioni
  • EROS (A, B) - Satellite per le osservazioni terrestri
  • Ofeq (1, 2, 3, 4, 5, 6) - Serie di satelliti per le ricognizioni
  • Shavit - Veicolo di lancio spaziale

Basi aeree[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Top 12 most interesting Air Forces around the world, su defenceaviation.com, 21 febbraio 2017, URL consultato il 19 marzo 2017.
  2. ^ Israel said to be keen on getting more F-15s instead of F-35s, su alert5.com, 30 gennaio 2018, URL consultato il 30 gennaio 2018.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z (EN) World Air Force 2018 (PDF), su Flightglobal.com, p. 20. URL consultato il 29 marzo 2018.
  4. ^ "World Military Aircraft Inventory", Aerospace Source Book 2007, Aviation Week & Space Technology, 15 gennaio 2007.
  5. ^ Israel military aviation OrBat, su milaviapress.com. URL consultato il 5 maggio 2010.
  6. ^ a b c d e "The Amazing Saga Of How Israel Turned Its F-15s Into Multi-Role Bombers", su foxtrotalpha.jalopnik.com, 5 agosto 2015, URL consultato il 15 giugno 2018.
  7. ^ a b c "UPGRADE E ACQUISTO DI NUOVI F-15I PER ISRAELE", su portaledifesa.it, 23 maggio 2018, URL consultato il 24 maggio 2018.
  8. ^ a b "ISRAELE VERSO UN INTERVENTO DIRETTO NELLA GUERRA IN SIRIA?", su analisidifesa it, 12 febbraio 2018, URL consultato il 14 febbraio 2018.
  9. ^ a b "Sufa pilot killed in crash", su m.iaf.org.il, 7 ottobre 2016, URL consultato l'8 ottobre 2016.
  10. ^ a b F-16 DOWN IN ISRAEL, su corporalfrisk.com, 10 febbraio 2018. URL consultato l'11 febbraio 2018.
  11. ^ "Disaster: F-16I Crashes in South", su ynetnews.com, il 11 novembre 2010, URL consultato il 14 ottobre 2016.
  12. ^ (EN) Air Force strikes Iranian targets in Syria
  13. ^ IAF Attacks Iranian Targets in Syria
  14. ^ "Israel declares F-35 to be operational", su janes.com, 6 dicembre 2017, URL consultato il 7 dicembre 2017.
  15. ^ "Israele, Cconsegnati i prime due F-35: la quinta generazione, con i pregi e i difetti, vola nel Medio Oriente", su difesaonline.it, 12 dicembre 2016, URL consultato il 12 dicembre 2016.
  16. ^ a b "Have Israel’s new F-35s seen combat?", su airforcesmonthly.com, 7 marzo 2017, URL consultato il 8 marzo 2017.
  17. ^ "3 MORE F-35 STEALTH FIGHTER JETS TO JOIN ISRAELI AIR FORCE ON SUNDAY", su jerusalemonline.com, 20 aprile 2017, URL consultato il 20 aprile 2017.
  18. ^ "Ha volato il primo Adir destinato a Israele" - Aeronautica & Difesa" N. 359 - 09/2016 pag. 26
  19. ^ a b "LEONARDO-FINMECCANICA: GENERALE ISRAELIANO A VENEGONO PER LA CONSEGNA DELL’ULTIMO DEI 30 M-346, su difesaonline.it, 10 giugno 2016, URL consultato il 10 giugno 2016.
  20. ^ "ISRAEL TAKES DELIVERY OF FOURTH C-130J", su flightglobal.com, 18 ottobre 2016, URL consultato il 31 luglio 2017.
  21. ^ a b "LOCKHEED STARTS SYSTEMS RETROFIT ON ISRAELI C-130J", su flightglobal.com, 18 gennaio 2016, URL consultato il 5 novembre 2016.
  22. ^ a b c "ISRAELI GROUNDS APACHES AFTER FATAL CRASH", su janes.com, 8 2017, URL consultato il 8 agosto 2017.
  23. ^ a b "ISRAEL LIFTS APACHE GROUNDING", su janes.com, 25 ottobre 2017, URL consultato il 25 ottobre 2017.
  24. ^ "THE END OF THE COBRA ERA", su israeldefense.co.il, 29 agosto 2014, URL consultato il 5 novembre 2016.
  25. ^ "Israele dice addio allo Skyhawk" - Aeronautica & Difesa" N. 352 - 02/2016 pag. 66
  26. ^ "AFTER 36 YEARS, IAF RETIRES LAST F-16 NETZ FIGHTER JETS", su jpost.com, 28 dicembre 2016, URL consultato il 28 dicembre 2016

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN134803258 · ISNI (EN0000 0001 2162 2800 · LCCN (ENn83008989 · GND (DE1005991-X · BNF (FRcb11976593z (data)