Al-Quwwat al-Jawiyya al-Sultaniyya al-'Umaniyya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Al-Quwwat al-Jawiyya al-Sultaniyya al-'Umaniyya
Aeronautica Militare Reale dell'Oman
Royal Air Force of Oman
سلاح الجو السلطاني العماني
Emblem of the Royal Air Force of Oman.svg
Descrizione generale
Attiva marzo 1959 - oggi
Nazione Oman Oman
Servizio forze armate dell'Oman
Tipo aeronautica militare
Comandanti
Comandante attuale Air Vice-Marshal Yahya Rasheed Al-Juma
Simboli
Coccarda Roundel of the Royal Air Force of Oman.svg
Fin flash Fin Flash of Oman.svg

[senza fonte]

Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

La Al-Quwwat al-Jawiyya al-Sultaniyya al-'Umaniyya è l'attuale aeronautica militare dell'Oman e parte integrante delle forze armate del Sultano dell'Oman.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Sultan of Oman's Air Force (SOAF) è stata formata con personale ed aerei britannici nel marzo del 1959. I primi aerei furono due Scottish Aviation Pioneer trasferiti dalla Royal Air Force, mentre il primo aereo armato fu il Percival Provost T52.

Nel 1968 la SOAF ricevette il primo dei 24 aerei da addestramento e attacco leggero BAC 167 Strikemaster per operazioni contro gli insorti nella regione del Dhofar. Nel 1974 la SOAF si espanse con ordini per il Britten Norman Defender, BAC One-Eleven, BAC VC-10 e 32 aerei d'attacco al suolo Hawker Hunter. Nel 1977 il Jaguar International entrò a far parte dell'inventario della SOAF, seguito negli anni 1980 dal BAE Hawk.

Nel 1990 la SOAF è stata ridenominata Royal Air Force of Oman (RAFO).

Nel 2005 sono iniziate le consegne dell'F-16, questi aerei sono equipaggiati con GPS/INS migliorati. L'aereo può trasportare un ulteriore carico di missili avanzati; l'AGM-88 HARM, JDAM, JSOW e WCMD. Gli aerei del Blocco 50 sono dotati di motori F110-GE-129 mentre quelli del Blocco 52 usano l'F100-PW-229.

L'Oman è in trattative per acquistare fino a 24 aerei Eurofighter Typhoon dalla inglese BAE Systems in un accordo per un minimo di 1.4 miliardi di sterline (2 miliardi di dollari e 1.7 miliardi di euro), secondo quello che scrive il Financial Times nell'edizione del 13 novembre[di quale anno?].

Il quotidiano d'affari, citando fonti della difesa inglese vicine alla negoziazione, ha detto che lo stato del Golfo voleva rimpiazzare i suoi 24 anziani Jaguar con i Typhoon nei prossimi quattro anni.

Il Financial Times ha detto che gli aerei da acquistare dall'Oman potrebbero essere parte degli 88 che il Regno Unito ha pianificato di acquistare, e un aiuto di miliardi di sterline per manutenzione e supporto della BAE.


Aeromobili in uso[modifica | modifica wikitesto]

Aeromobile Origine Tipo Versione In servizio (2016)[1] Note
Aerei da combattimento
Lockheed Martin F-16 Fighting Falcon Stati Uniti Stati Uniti cacciabombardiere
conversione operativa
cacciabombardiere
conversione operativa
F-16C Block 50
F-16D Block 50
F-16C Block 52
F-16D Block 52
7[2]
4[2]
7[3]
2
12 esemplari (8 F-16C Block 50 + 4 F-16D Block 50) ordinati nel 2002 con il programma "Peace A'sama A'safiya I".[2] Ulteriori 12 esemplari (10 F-16C Block 52 + 2 F-16D Block 52) ordinati nel 2010 con il programma "Peace A'sama A'safiya II".[2] Un F-16 del primo lotto è andato perduto in un incidente il 22 settembre 2013, causando la morte del pilota.[4]
BAe Hawk Regno Unito Regno Unito aereo da attacco leggero Hawk 203 10
Eurofighter EF-2000 Typhoon Regno Unito Regno Unito
Germania Germania
Italia Italia
Spagna Spagna
cacciabombardiere EF-2000 0 12 ordinati a dicembre 2012, le consegne inizieranno nel 2017.[5]
Aerei da addestramento
BAe Hawk Regno Unito Regno Unito aereo da addestramento Hawk Mk. 103
Hawk Mk. 166
6
0
Le consegne di 8 Mk. 166 inizieranno nel 2017.[5]
MFI-17 Super Mushshak Pakistan Pakistan aereo da addestramento 7
Pilatus PC-9M Svizzera Svizzera aereo da addestramento PC-9M 12
Super Flake Germania Germania aereo da addestramento 2
Aerei da trasporto
Airbus A320CJ Francia Francia aereo da trasporto A320CJ 1 1 consegnato su un totale di due
BAC One-Eleven Regno Unito Regno Unito aereo da trasporto 485 4 da ritirare e rimpiazzare con gli A320
Dornier Do 228-100 Germania Germania aereo da trasporto leggero Do 228-100
Lockheed C-130 Hercules Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto C-130H 3
Lockheed Martin C-130J Super Hercules Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto C-130J-30 3[6] Un esemplare ordinato nel 2009 e consegnato a settembre 2012, mentre altri due, rispettivamente nel 2013 e nel 2014[6]
Short SC.7 Skyvan 3M Regno Unito Regno Unito aereo da trasporto leggero Skyvan 3M 2/10
Elicotteri
Agusta-Bell AB205A-1 Italia Italia elicottero SAR AB205A-1 21 da ritirare e rimpiazzare con l'NH90 e Lynx Mk 120
Agusta-Bell AB212 Twin Huey Italia Italia elicottero utility AB212 3
AgustaWestland AW139 Italia Italia elicottero utility AW139 4 4 consegnati su un totale di dieci. Tutti per l'ala aeronautica della polizia omanese
Westland Lynx Mk 120 Regno Unito Regno Unito elicottero Lynx Mk 120 15
Eurocopter AS 332 Super Puma Francia Francia elicottero da trasporto AS 332C
AS 332L-1
3
Bell 206B JetRanger Stati Uniti Stati Uniti elicottero utility Bell 206 3
Bell HH-1H Iroquois Stati Uniti Stati Uniti elicottero utility HH-1H 20
NHI NH90 Francia Francia elicottero utility 20

Aeromobili ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Gli stati del petrolio della penisola arabica" - Aeronautica & Difesa" N. 353 - 03/2016 pag. 60-65.
  2. ^ a b c d "AL QUWWAT AL JAWWIYA AL SULTANAT OMAN - RAFO", su f-16.net, URL consultato il 17 ottobre 2016.
  3. ^ "OMAN TAKES DELIVERY OF FIRST F-16 BLOCK 50s", su f-16.net, 22 luglio 2014, URL consultato il 17 ottobre 2016.
  4. ^ "F-16 ACCIDENTS & MISHAPS FOR OMAN AIR FORCE", su f-16.net, 23 settembre 2013, URL consultato il 16 ottobre 2016.
  5. ^ a b "In montaggio il primo Typhoon per l'Oman" - Aeronautica & Difesa" N. 354 - 04/2016 pag. 17
  6. ^ a b "SULTANATE OF OMAN ACQUIRES TWO ADDITIONAL C-130J SUPER HERCULES", su defense-aerospace.com, 16 agosto 2010, URL consultato il 17 ottobre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]